Beth Nielsen Chapman – Back To Love

beth nielsen chapman back2love200.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Beth Nielsen Chapman – Back To Love – BNC Records

Le sue canzoni sono state cantate da Faith Hill, Trisha Yearwood, Emmylou Harris, Willie Nelson, Elton John, Neil Diamond, Michael Mc Donald tra gli altri, mica male. Ha registrato dieci album, compreso un Greatest Hits alla fine degli anni ’90 e questo Back To Love. Una carriera iniziata nel 1980 con un disco Hearing It First scomparso nelle nebbie del tempo, poi una pausa di dieci anni per farsi una famiglia e poi il ritorno alla musica nel 1990 con un disco omonimo che l’ha fatta conoscere al grande pubblico americano. Poi nel 1993 mentre stava registrando il nuovo album You Hold The Key al marito Ernest Chapman viene diagnosticato un tumore che l’avrebbe ucciso nel 1994. Purtroppo la storia tragica della vita della Beth Nielsen Chapman non finisce qui: nel 1997 pubblica il suo disco di maggior successo quel Sand And Water che contiene il brano dallo stesso titolo cantato da Elton John in episodio della settima stagione di ER. Nel 2000 inizia la sua battaglia per un tumore al seno, ma ancora una volta riesce a sconfiggere le avversità e la malattia. Per farla breve, in anni recenti, la nostra amica è stata anche operata per un tumore benigno al cervello e continua a fare musica ed eccola qua.

Nativa di Harlingen, Texas da molti anni vive nella Music City, Nashville e la sua musica risente di questo fatto, anche se il suo country ha forti tinte pop, anzi diciamocelo chiaramente il suo genere è prettamente quel mainstream pop che in altre mani darebbe orrendi risultati, ma forte di una bella voce, la capacità di comporre belle canzoni e di scegliere collaboratori di gran classe l’hanno resa una piccola icona degli amanti di quelle cantanti che proseguono la tradizione delle voci femminili americane anni ’70 come Linda Ronstadt, Carole King, Bette Midler, Bonnie Raitt nelle loro propaggini più commerciali.

Anche se la Nielsen Chapman è capace di zampate sorprendenti: il suo disco precedente Prism è un doppio album concept cantato in nove lingue, compreso il latino, la lingua ebrea, il sanscrito e il dialetto navajo (vai Tex Willer, anzi Aquila della notte!) e contaminato dalla musica etnica di tutto il mondo con spunti di country, folk e rock, disco non facile ma di notevole qualità.

Questo Back To Love, già dal titolo, segna un ritorno verso atmosfere più morbide e commerciali ma si segnala per la qualità delle canzoni: dall’iniziale Hallelujah (non quella di Cohen) scritta e cantata con il bravissimo Darrell Scott autore dello splendido Modern Hymns un album tra i più belli del 2008. La collaborazione prosegue nella solare I Can See Me Loving You dove il bouzouki della Nielsen Chapman si intreccia con la chitarra di Darrell Scott e il piano di Benmont Tench, e il mandolino e la slide dove li vogliamo mettere,  alla faccia della musica commerciale. Che comunque c’è, Even As It All Goes By farebbe la sua porca figura in, che so, Coming Around Again di Carly Simon, siamo sui quei territori musicali per intenderci, pop ma di gran classe. How We Love è una bellissima ballata pianistica che potrebbe essere stata scritta da Elton John ma potrebbe figurare anche nel repertorio, orrore, di Celine Dion. La parola Love è presente in cinque titoli sugli undici brani compresi, quindi sapete cosa aspettarvi ma il tutto è visto attraverso l’ottica di una persona che ha visto malattie e dolori e ha sempre saputo “Tornare all’Amore”. In Shadows ci sono echi della vocalità di Joni Mitchell (la Beth Nielsen Chapman ha una bellissima voce) e di certe atmosfere alla Simon & Garfunkel – caspita, ma allora questo disco deve essere bello? Confermo – Aggiungerei che Happiness, ancora molto Carly Simon, è il brano scritto dopo avere felicemente superato l’operazione per il tumore al cervello.

Confesso che oggi avrei voluto parlarvi di una “nuova scoperta” un certo Otis Gibbs, un geniale cantautore americano indipendente, per usare un eufemismo, ma ci sto lavorando per i prossimi giorni, vi anticipo che il disco si chiama Joe Hill’s Ashes ed è un piccolo capolavoro.

Bruno Conti

Beth Nielsen Chapman – Back To Loveultima modifica: 2010-04-04T18:58:00+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*