Prima E Dopo La Cura. Delaney & Bonnie – On Tour With Eric Clapton

Delaney and bonnie Dbtour1970.jpgDelaney & Bonnie On Tour With Eric Clapton.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Delaney & Bonnie – On Tour With Eric Clapton Deluxe Edition – Box 4 CD Rhino Handmade 27-07-2010

Come vi avevo accennato nel post dedicato alle novità di luglio tra i tanti dischi presi in considerazione uscirà anche questo cofanetto commemorativo per i 40 anni dall’uscita di questo disco: la data originaria era il giugno 1970.

Il disco era uscito come un singolo album, otto pezzi per una durata totale di circa 42 minuti e comprendeva solo una parte del concerto tenuto il 7 dicembre del 1969 alle Fairfield Halls di Croydon, nel Regno Unito, anzi, alcuni brani tratti dai due concerti tenuti in quel giorno.

La storia dice che Clapton aveva sentito parlare di Delaney & Bonnie, una sorta di rock & soul revue da alcuni amici americani e li aveva voluti a tutti i costi come gruppo di apertura per il tour del suo nuovo gruppo, i Blind Faith.

in seguito si era talmente innamorato della musica di questo gruppo da volerlo fare suo, e poi ci riuscirà (li considerava musicisti nettamente superiori musicalmente ai Blind Faith, avete presente Clapton, Steve Winwood, Ginger Baker e Rick Grech? Ma questo faceva parte della sindrome da Hendrix di Clapton! Da “Clapton is God” all’avvento del mancino di Seattle che aveva scatenato una sorta di complesso di inferiorità in Eric, ma di Jimi ce n’era uno solo e veniva da un’altra galassia),questa passione era nata quasi contemporaneamente alla quella per la Band, per cui nutriva una sorta di venerazione. Non essendo potuto entrare nella Band, e qui è rimasta famosa una frase di Robbie Robertson (che è diventato poi un suo grande amico) che, laconicamente, ad una velata richiesta di “Manolenta” di entrare nel gruppo, rispose “We don’t jam”.

Nell’inverno del 1969 Delaney & Bonnie che tecnicamente erano una sorta di revue quindi un gruppo dall’organico libero e fluttuante si presentano per un breve tour della Gran Bretagna con una nuova formazione e che formazione. Oltre ai coniugi Delaney & Bonnie Bramlett (che avevano già pubblicato un paio di abum, Home e Accept No Substitute, entrambi nel 1969) ci sono dei musicisti, effettivamente fantastici, Carl Radle e Jim Gordon sono la sezione ritmica, Bobby Whitlock è uno dei tastieristi, l’altro è Leon Russell, una sezione di fiati con Bobby Keys e Jim Price, esatto quelli che poi suoneranno per tantissimi anni con i Rolling Stones. Chi altri? Rita Coolidge è la seconda voce femminile. Ah dimenticavo gli altri chitarristi! Di Eric Clapton abbiamo detto, ma c’erano anche Dave Mason dei Traffic e un tale Angelo Misterioso, per motivi contrattuali ma all’anagrafe noto come George Harrison.

Proprio Harrison, con Clapton, era stato uno dei principali fautori della venuta del gruppo in Inghilterra, anzi gli aveva pure fatto firmare un contratto per la Apple, peccato che contemporaneamente ne avessero uno anche con la Elektra, che, devo dire, non fu molto contenta. Infatti poi il disco dal vivo uscì per la Atco che era l’etichetta americana di Clapton.

Il box della Rhino Handmade che uscirà a breve ed è prenotabile solo sul loro sito delaney-bonnie-on-tour-with-eric-clapton-deluxe-edition, contiene 52 brani rispetto agli otto della versione originale, costa una sproposito (circa 80 dollari più le spese di spedizione) ed è destinato ai famosi “pirla” Mouriniani che ricomprano sempre le stesse cose (ma non solo come chi legge questo Blog avrà notato): quindi anche il sottoscritto ha fatto il suo bell’ordine e attende fiducioso l’arrivo del manufatto, ho anche preparato il mio bel tappeto con la scritta Welcome per il postino.

Quando arriva, poi ne riparliamo con dovizia di particolari anche se la cosa che salta all’occhio subito è che il programma dei 4 concerti è, più o meno sempre lo stesso, quindi i brani sono ripetuti sui 4 CD più volte anche se, come hanno detto vari grandi musicisti, nessuno esegue lo stesso brano due volte allo stesso modo. Magari sarà il caso di ascoltarli in giorni diversi per avere sempre nuove, piacevoli sensazioni.

Per concludere volevo rispondere a Matteo che ha messo un commento sul Post dedicato a Drake. Ovviamente il titolo del post poneva una domanda retorica, so benissimo, purtroppo ( e ho sentito ahimé), chi sia tale Drake! Visto che l’ironia è una delle poche armi rimaste ho usato quella. Francamente, se hai letto altri post del Blog, avrai notato che di Vasco Rossi e Ligabue non me ne può fregare di meno, ma messo di fronte ad una scelta tra loro e Drake saprei chi scegliere. Drake, ovviamente! Non sapevo facesse il gelataio.

Bruno Conti

Prima E Dopo La Cura. Delaney & Bonnie – On Tour With Eric Claptonultima modifica: 2010-07-06T18:14:00+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*