Bella, Brava, Bionda…E Suona Il Blues! Joanne Shaw Taylor – Songs From The Road

joanne shaw taylor songs from the road

Joanne Shaw Taylor – Songs From The Road – CD/DVD Ruf Records

Joanne Shaw Taylor, 27 anni, inglese (ma vive a Detroit, Michigan), è stata “scoperta” da Dave Stewart degli Eurythmics quando aveva 16 anni e poi, tramite tre album di studio con la Ruf Records, sì è costruita la reputazione di una delle più brave blueswomen inglesi, “The New Face Of The Blues”, l’ha chiamata una rivista britannica specializzata del settore (non per nulla è stata anche la chitarra solista nella band di Annie Lennox per il concerto del giubileo della Regina Elisabetta, magari l’avete vista in qualche filmato dell’evento, con le sue alette, era lei, breve assolo http://www.youtube.com/watch?v=OtNJ0lKwfLk ). Ed in effetti la “ragazza” è brava e questo Songs From The Road, della fortunata serie di CD+DVD dal vivo della etichetta tedesca, è una sorta di prova di laurea che la vede affiancarsi a gente come Jeff Healey, Luther Allison, Savoy Brown, recentemente anche i Royal Southern Brotherhood,  e molti altri che hanno visto pubblicati i loro sforzi in questi doppi album.

joanne shaw taylor 1

Il concerto è stato registrato al Borderline di Londra nel maggio di quest’anno, quindi in un locale volutamente piccolo, una sorta di club che preserva l’intimità dell’ascoltatore e la vicinanza ai musicisti che sono stimolati a dare il meglio, più che nelle arene, ammesso che sia così popolare da potersele permettere, forse nei Festival, e la vede accompagnata dal suo gruppo abituale, una solida sezione ritmica e l’organista Jools Grudgings per un set che parte dal blues, ma ha anche, e soprattutto, molto rock tra le sue frecce, a partire dalle due cover inserite nella parte centrale del concerto: una vigorosa rilettura di Manic Depression di Mastro Jimi (che per i misteriosi percorsi della discografia è presente solo nel CD ma non nel DVD, che però ha tre brani in più), dall’interessante arrangiamento che scombina la versione originale http://www.youtube.com/watch?v=hdI56Ts_EP8 , permettendoci di gustare i virtuosismi acrobatici della bionda chitarrista inglese, veramente brava e straripante nel lungo solo nella parte finale del brano (e questo è molto Hendrix)!  L’altra cover è quella di Jealousy, un brano scritto e cantato dal grande Frankie Miller, uno dei preferiti del sottoscritto ed uno dei più migliori cantanti del rock(blues) britannico degli anni ’70 http://www.youtube.com/watch?v=mpNI_jc_-HA  conoscerlo è già nota di merito e anche l’esecuzione con la voce gagliarda della Shaw Taylor, sostenuta dall’Hammond del bravo Grudgings, prima di esplodere in un assolo dal crescendo irresistibile, è da manuale Cencelli dei concerti dal vivo.

joanne shaw taylor 2

Come peraltro il resto del materiale contenuto in questo Live: la nostra amica Joanne scrive delle belle canzoni e, se non fosse sconveniente dirlo, ma ormai vado, è un “gran manico”, con un sound della sua chitarra che non fa rimpiangere i grandi del genere. Sentite le sue evoluzioni nella lunghissima, oltre 10 minuti, Watch ‘Em Burn, che rinverdisce i fasti del british blues-rock dei primi anni ’70 http://www.youtube.com/watch?v=PkHq7rI4SME  o l’afflato anche melodico di un brano come Diamonds In The Dirt, uno dei suoi brani più celebri, o il funky soul della deliziosa Beautifully Broken, molto accattivante nelle sue movenze sinuose. Forse, almeno nella parte audio del doppio, manca uno slow blues di quelli lancinanti (ma c’è nella parte video, Time Has Come) http://www.youtube.com/watch?v=ec6M7dBPAaw , ma pezzi rock come le iniziali Soul Station o Tied And Bound, dai riff irresistibili di chitarra e organo, ci rimandano al sound di una Dana Fuchs o di una Beth Hart, meno brava come cantante la Shaw Taylor, un po’ forzata e non una voce “naturale” come le altre due, ma compensa abbondantemente  con le sue doti di chitarrista. Non ci sono punti deboli o brani scarsi nel repertorio che viene sciorinato nell’oretta abbondante del CD e nei 139 minuti del DVD, entrambi contenuti nella medesima confezione, quindi se amate il vostro blues molto energico e “roccato” o il vostro rock venato da ricche dosi di blues questo Songs From The Road di Joanne Shaw Taylor dovrebbe fare al vostro caso. Per dirla con una delle nostre classiche battute “femministe”, bella e brava (il brava l’ho aggiunto io, nel solito stupido titolo del film in italiano non c’era, in lingua originale Marrying Man, con Kim Basinger)!

Bruno Conti

Bella, Brava, Bionda…E Suona Il Blues! Joanne Shaw Taylor – Songs From The Roadultima modifica: 2013-12-16T12:54:54+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *