Il 2017 Riparte Come Era Finito il 2016. E’ Morto Anche Greg Trooper, Aveva 61 Anni!

greg trrooper

Il 15 gennaio ci ha lasciato anche Greg Trooper, quindi il 2017 ricomincia come era finito il 2016, con un’altra scomparsa,per alcuni non certo eccellente, forse non molti ne parleranno, ma mi sembra giusto ricordare questo bravo cantautore del New Jersey con un breve ricordo. Essendo nato il 13 gennaio del 1956 a Neptune, New Jersey, Trooper aveva da pochi giorni compiuto 61 anni, ma, anche se aveva continuato a lavorare praticamente fino quasi alla fine, era gravemente ammalato di un tumore al pancreas dall’estate del 2015. In quel periodo era uscito anche il suo ultimo album Live At The Rock Room, poi ripubblicato nel 2016 dalla Appaloosa con una bonus track. Armato del suo immancabile cappellino Greg aveva deliziato le platee sparse in tutto il mondo, in locali sempre più piccoli e sperduti, ma agli inizi era stato una delle grandi speranze del cantautorato di qualità , prima a livello locale sino dagli anni ’70, e negli anni ’80 aveva fondato la Greg Trooper Band, dove il chitarrista era Larry Campbell, e aveva pubblicato un primo album We Won’t Dance.

Poi negli anni ’90 si era trasferito a Nashville. dove aveva pubblicato l’ottimo Everywhere, prodotto da Stewart Lerman, e l’altrettanto bello Noises In The Hallway, prodotto da Garry W Tallent, completando il trittico degli anni ’90 con Popular Demons, dove alla guida delle operazioni c’era Buddy Miller. In quegli anni aveva stretto amicizie e collaborazioni anche con Steve Earle, che aveva inciso la sua Little Sister e con Billy Bragg, oltre ad avere collaborato anche con Tom Russell e Dan Penn, e anche Vince Gill, Robert Earl Keen, Maura O’Connell Lucky Kaplansky avevano inciso le sue canzoni. Anche negli anni 2000 aveva continuato a pubblicare dischi di notevole valore, Straight Down Rain del 2001 e il suo primo disco dal vivo Between A House and a Hard Place – Live at Pine Hill Farm, con Eric Ambel ai controlli. Proseguendo fino all’ottimo Incident On Willow Street del 2013, pubblicato anche questo in Italia dalla Appaloosa, con libretto dei testi con traduzione in italiano accluso. Fino ad arrivare alla pubblicazione del suo ultimo disco dal vivo, di cui vi avevamo riferito su questo Blog (a dimostrazione che non parliamo di questi artisti solo in occasione della loro morte) e che potete andare a rileggervi qui http://discoclub.myblog.it/2015/07/15/greg-trooper-rivisita-la-anima-intimistica-concerto-live-at-the-rock-room/. All’interno del Post trovate anche la recensione del precedente album del 2013

Quindi lo salutiamo per una ultima volta e che anche lui Riposi In Pace, insieme ai suoi numerosi colleghi che in tempi recenti lo hanno preceduto nel Paradiso Dei Musicisti (sperando che esista)!

Bruno Conti

Il 2017 Riparte Come Era Finito il 2016. E’ Morto Anche Greg Trooper, Aveva 61 Anni!ultima modifica: 2017-01-17T00:07:55+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *