Ci Mancava Giusto Un Altro Bel Tributo. Joan Osborne – Songs Of Bob Dylan

joan osborne songs of bob dylan

Joan Osborne – Songs Of Bob Dylan – Womanly Hip Records/Thirty Tigers

Terzo album pubblicato in questo ultimo breve periodo, tre o quattro mesi, dedicato alle canzoni di Bob Dylan, eseguite da un singolo artista o gruppo: diciamo che se non è un record, è comunque una buona media. E non c’è neppure la scusa dei 50 anni di carriera o del 75° compleanno: nel caso specifico di Joan Osborne, perché di lei stiamo parlando, questo album prende lo spunto da due diverse serie di concerti, entrambe della durata di una settimana, tenute al Café Carlyle di New York  nel marzo 2016 e 2017, accompagnata dal chitarrista Jack Petruzzelli e dal tastierista Keith Cotton,  con Petruzzelli, collaboratore, co-autore e produttore dei dischi della Osborne fin dall’inizio della carriera della cantante del Kentucky. Quindi radici nel centro-sud degli States, un amore particolare per New York, la città dove vive, ma anche per la musica gospel, soul e country, da sempre presenti nel suo carnet musicale. Dopo la visione country-bluegrass-roots di un gruppo, gli Old Crow Medicine Show, alle prese con un album specifico, Blonde On Blonde http://discoclub.myblog.it/2017/05/09/come-rinfrescare-degnamente-un-capolavoro-assoluto-old-crow-medicine-show-50-years-of-blonde-on-blonde/ , e quella decisamente più rock, ma anche da cantautore classico, di uno dei “nuovi Dylan”, ovvero Willie Nile http://discoclub.myblog.it/2017/06/30/e-dopo-bob-sinatra-ecco-a-voi-willie-dylan-comunque-un-grande-disco-willie-nile-positively-bob/ , ecco ora quella di una interprete femminile, Joan Osborne, nota soprattutto per la sua voce calda e suadente, ma anche potente, oltre che per un brano, One Of Us, che conoscono anche i muri (anche nella versione italiana di Eugenio Finardi).

Devo confessare che ad un primo ascolto del promo CD, senza leggere i titoli, alcune delle canzoni non le avevo riconosciute che al ritornello o comunque non subito: e questo succede anche con il “vecchio Bob”, spesso ai suoi concerti non si riesce a capire cosa diavolo stia cantando, se non alla fine del brano, e alcune volte neppure lì; ma questa è una caratteristica del premio Nobel, che dell’arte di rivoltare i propri brani come un calzino ne ha fatto quasi una esigenza artistica, se però ci si mettono pure gli altri dobbiamo decidere se è un pregio o un difetto. D’accordo, l’interpretazione è decisiva in questo tipo di album, o anche nelle singole canzoni, ma, soprattutto nel songbook di Dylan, ogni tanto si è esagerato fin troppo nello stravolgere il tessuto musicale dei suoi brani. Tornando al disco, l’approccio sonoro è molto diversificato, ci sono brani più riusciti e altri meno, Joan Osborne ha affrontato, a mio parere, l’argomento come se si trattasse di registrare un suo nuovo disco, e quindi alla fine questo Songs Of Bob Dylan suona come un disco della Osborne, che però si è scelta un “buon” autore”! Per l’occasione la brava Joan ha anche ripristinato la sua vecchia etichetta Womanly Hip Records, con cui aveva inciso i primi dischi. Entrando nello specifico dei contenuti, ci sono brani che vengono da tutte le decadi della carriera di Dylan, con l’eccezione dei ’10 del nuovo secolo: l’apertura è affidata a una bella rilettura, quasi Muscle Shoals, molto sudista, di Tangled Up In Blue, il brano si avvale di un arrangiamento che privilegia un piano elettrico e la voce calda e partecipe della Osborne, ma anche le chitarre svolgono un lavoro non marginale.

Anche per Rainy Day Women #12 & #35, si è scelto un approccio quasi gospel blues, il tempo viene rallentato, una slide guida il suono sempre full band, ma i coretti mi sembrano turgidi ed artefatti, buona idea ma l’esecuzione forse meno. Buckets Of Rain, sempre da Blood On Tracks, predilige un suono più intimo, solo voce, piano e chitarra, e sembra decisamente una delle più riuscite; Highway 61 Revisited è ovviamente vicina al blues, ma è una di quelle che ho faticato a riconoscere, tempo cambiato, e anche se l’intensità non manca, non mi convince appieno, ma magari richiede più ascolti.. Quinn The Eskimo (The Mighty Quinn) trasformata in un country got gospel soul è una di quelle che meglio si adattano a questo stile, con organo e chitarre a sottolineare la bellissima voce della Osborne, e anche i cori, in questo caso, sono pertinenti, Tryin’ To Get To Heaven, in forma nuovamente di ballata voce e piano, con la chitarra elettrica a ricamare sullo sfondo è una delle versioni migliori, mentre Spanish Harlem Incident, una delle più vecchie, è un’altra delle canzoni in forma gospel-soul, con qualche tocco alla Blonde On Blonde, e fiati aggiunti. Dark Eyes, una delle scelte meno comuni, viene da Empire Burlesque, sembra quasi un brano dal repertorio di Judy Collins o Joan Baez, acustica e molto folk, ma con il tocco dell’organo a darle profondità.

High Water (For Charley Patton), il brano più recente, era su Love And Theft del 2001, dall’arrangiamento incalzante ed elettrico, quasi blues-rock, è una delle più gagliarde del disco, mentre You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go, il terzo brano scelto da Blood On The Tracks (evidentemente un album che ben si adatta ad un punto di vista femminile), ha nuovamente quella allure alla Collins o alla Baez, delicata e folkie, con un bel violino a delineare il sound.  Seguono la sempre attuale Masters Of War, solo una voce, una chitarra acustica urgente e tanta rabbia, al limite un piano per sottolinearne il ritmo, e You Ain’t Goin’ Nowhere, ormai diventata quasi un classico della country music, un valzerone  accogliente e delizioso, con violino, mandolino, piano e chitarre a dettare il tema musicale, sottolineato dalla bella voce della Osborne. Che ci lascia sulle note di uno dei brani più belli del Dylan “maturo”, la stupenda ballata pianistica Ring Them Bells. Sapete che vi dico, alla fine, dopo qualche ascolto, questo Songs Of Bob Dylan mi ha convinto, se insiste (e la pianta di cantare le canzoni di Sinatra) questo autore potrebbe darci ancora delle belle soddisfazioni, e pure la cantante è brava.

Bruno Conti

Novità Di Aprile Speciale Pasqua e Dintorni Parte I. Emmylou Harris, Linda Ronstadt, Martina McBride, Joan Osborne, Marc Ford, Jackson Taylor

linda ronstadt duets

Per Il periodo delle festività Pasquali recupero ed ampio, a oltranza, la rubrica delle novità discografiche, quindi nei prossimi giorni una serie di Post dedicati a tutte le uscite del mese di aprile che già non hanno avuto degli spazi specifici nella prima parte del mese (anticipazioni comprese): ovviamente quelle reputate più interessanti per il Blog, a prescindere dal genere.

Linda Ronstadt – Duets – Rhino, raccoglie 15 brani che sono usciti, nel corso degli anni, non tutti negli album della Ronstadt ma in quelli degli artisti che duettano con lei (alcuni), quindi praticamente già editi, ad eccezione di quello con Laurie Lewis, ma non facili da avere tutti insieme negli album della cantante di Tucson, Arizona (ebbene sì, non è californiana di origine, ma sicuramente di adozione) https://www.youtube.com/watch?v=Vukee5J5N8E . Probabilmente non vedremo più nuovi album di Linda, che nel 2011 ha annunciato il suo ritiro e nel 2013 ha rivelato di essere ammalata del morbo di Parkinson. Quindi godiamoci questa raccolta di materiale anche raro ed inedito (ma ne mancano molti, quelli con George Jones, Johnny Cash, Nitty Gritty Dirt Band, Little Feat, Wendy Waldman e anche l’ultimo inciso con i Chieftains nel 2010) che include i seguenti brani:

1.                  “Adieu False Heart” with Ann Savoy
2.                  “I Can’t Get Over You” with Ann Savoy
3.                  “Walk Away Renee” with Ann Savoy

Le prime tre erano su Adieu False Heart il disco registrato in coppia con la cantante cajun Ann Savoy nel 2006
4.                  “The New Partner Waltz” with Carl Jackson

questa era nel tributo Livin’, Lovin’, Losin’: Song of the Louvin Brothers.
5.                  “I Never Will Marry” with Dolly Parton

su Simple Dreams del 1977
6.                  “Pretty Bird” with Laurie Lewis*

l’unico inedito, registrato con la cantante gospel
7.                  “I Can’t Help It (If I’m Still in Love With You)” with Emmylou Harris

questa si trovava su Heart Like A Wheel del 1974 (quindi niente brani neppure dellla serie del Trio, con Dolly Parton e Emmylou Harris
8.                  “Hasten Down The Wind” with Don Henley

questo brano, una cover di Warren Zevon. era sull’album omonimo del 1976
9.                  “Prisoner In Disguise” with J.D. Souther

dall’album omonimo del 1975

10.               “I Think It’s Gonna Work Out Fine” with James Taylor

su Get Closer del 1982
11.               “Don’t Know Much” with Aaron Neville
12.               “All My Life” with Aaron Neville

i due con il cantante dei Neville Brothers erano su Cry Like a Rainstorm, Howl Like the Wind del 1989.
13.               “Somewhere Out There” with James Ingram

il duetto con James Ingram era nella colonna sonora di An American Tail
14.               “Sisters” with Bette Midler

e questo si trovava su Bette Midler Sings the Rosemary Clooney Songbook  del 2003
15.               “Moonlight In Vermont” with Frank Sinatra

per finire, da un altro Duets, quello di Frank Sinatra del 1993

Pochi giorni fa Linda Ronstadt è stata eletta nella Rock and Roll Hall Of Fame, dove non era presente, ma a parte per i grossi problemi di salute che le impediscono di cantare e di muoversi con facilità, la stessa Ronstadt ha detto che il premio non le interessava più di tanto perché, in fondo, lei non ha mai cantato Rock and Roll! (sarà l’effetto della malattia?).

emmylou harris wrecking ball deluxe

Emmylou Harris – Wrecking Ball – Nonesuch Deluxe Edition 2 CD + DVD

Per l’occasione non si festeggia ipocritamente nessun anniversario dell’uscita del disco originale, pubblicato nel settembre del 1995 e registrato a New Orleans lo stesso anno, con la produzione di Daniel Lanois (vogliamo fare il 18° Anniversario?) https://www.youtube.com/watch?v=c-eYwBz4wkI . Forse il suo disco migliore di sempre (ma tra quelli degli anni ’70 usciti per la Warner, i cosiddetti album “country”, ce ne sono parecchi molto belli), subisce il trattamento Deluxe con i seguenti contenuti:

CD 1:  Wrecking Ball

  1. Where Will I Be
  2. Goodbye
  3. All My Tears
  4. Wrecking Ball
  5. Goin’ Back to Harlan
  6. Deeper Well
  7. Every Grain of Sand
  8. Sweet Old World
  9. May This Be Love
  10. Orphan Girl
  11. Blackhawk
  12. Waltz Across Texas Tonight

CD 2: Deeper Well: The Wrecking Ball Outtakes

  1. Still Water (Daniel Lanois)
  2. Where Will I Be
  3. All My Tears
  4. How Will I Ever Be Simple Again (Richard Thompson)
  5. Deeper Well
  6. The Stranger Song (Leonard Cohen)
  7. Sweet Old World
  8. Gold (Emmylou Harris)
  9. Blackhawk
  10. May This Be Love
  11. Goin’ Back to Harlan
  12. Where Will I Be

DVD: Building the Wrecking Ball: A Documentary About the Making of Wrecking Ball

martina mcbride everlasting

Martina McBride – Everlasting – Vinyl Records LLC

Una cantante di country che fa un disco di pezzi soul non è una cosa inconsueta, ma neppure tanto comune, in ogni caso meritoria. Anche la McBride non è più sotto contratto per una major a Nashville e ha fondato la propria etichetta (bello il nome!) e quindi magari i partner per i due duetti li poteva scegliere meglio (Gavin McGraw per Bring It On Home To Me, passi, il giovane non è poi malaccio, ma Kelly Clarkson per In The Basement? L’originale era un duetto tra Etta James e Sugar Pie DeSanto!) Che poi non è un disco solo di soul: Do Right Woman, Do Right Man Aretha Franklin, Suspicious Minds Elvis Presley, If You Don’t Know Me By Now Harold Melvin & The Blue Notes, Little Bit Of Rain Fred Neil, Come See About Me Supremes, What Becomes Of The Brokenhearted Jimmy Ruffin, I’ve Been Loving You Too Long Otis Redding, Wild Night Van Morrison, My Babe Willie Dixon/Little Walter, To Know Him Is To Love Him Phil Spector/Teddy Bears, più le due citate. Complimenti e auguri: lei ha una bella voce, una delle migliori in circolazione a Nashville e il disco è prodotto da Don Was, potrebbe essere una bella sorpresa (niente a che vedere con Michael Bolton). Sentito, molto piacevole. C’è anche una versione Deluxe con 14 brani https://www.youtube.com/watch?v=_MLobcBCGb0

joan osborne love and hate

Joan Osborne – Love And Hate – Membran/Entertainment One

Anche Joan Osborne aveva fatto un disco di covers, l’ultimo del 2012, Bring It On Home, quasi omonimo di quello della McBride, ma si trattava del brano di Willie Dixon non quello di Sam Cooke. Per il nuovo si parlava, negli annunci della stessa Joan di un disco influenzato da Astral Weeks di Van Morrison Pink Moon di Nick Drake (perdinci e anche perbacco!). Qualcosa è rimasto ma il disco, dodici brani nuovi firmati dalla Osborne, è abbastanza vario, con arrangiamenti anche orchestrali in alcuni brani e più rock in altri, ad un ascolto veloce mi pare buono, anche jazzato a momenti. I tempi del successo di One Of Us possono anche essere lontani ma la nostra amica ha una bella voce e scrive delle canzoni interessanti https://www.youtube.com/watch?v=FTi3Y1sYam8 .

marc ford holy ghost

Marc Ford – Holy Ghost – Naim Edge/V2

Il suo nome, per molti, rimane inevitabilmente legato ai Black Crowes, di cui è stato il chitarrista dal 1992 al 1996, ma prima aveva suonato nei Burning Tree, autori di uno strepitoso album omonimo di rock-blues nel 1990. Ha suonato anche nella band di Ben Harper, con Marc Olson, nel live dei Gov’t Mule del 1999, quello con gli “amici”. E ha fatto quattro album da solista negli anni 2000, cinque con questo, il CD più da cantautore, molto riflessìvo e tranquillo, la chitarra ogni tanto parte ma meno del solito, comunque l’album, sentito velocemente, mi pare buono https://www.youtube.com/watch?v=QYsvXV6fHwA .

jackson taylor live at billy bob's texas

Jackson Taylor & The Sinners – Live At Billy Bob’s Texas CD+DVD Smith Music Group

Prosegue la benemerita serie di concerti (in CD+DVD) registrata nel famoso locale di Forth Worth, ormai dal lontano 1999, ne dovrebbero essere usciti almeno una quarantina. Questo con Jackson Taylor risale al luglio del 2013 ed è uno dei più pimpanti che mi è capitato di sentire: accompagnato dai suoi Sinners propone 16 brani, tra cui alcune covers, con il suo stile che mescola country texano, southern rock e musica cantautorale. Il nostro amico è veramente bravo, chi lo conosce già apprezzerà sicuramente anche questo live, per gli altri potrebbe essere una buona occasione per sentire uno dei nomi “nuovi” (cinque album in studio e questo dal vivo) provenienti dalla stato della stella solitaria https://www.youtube.com/watch?v=N3H2renQ2H8.

Andiamo a 6 titoli per Post, ci sono parecchi titoli da smaltire, per cui prevedo che andremo avanti per qualche giorno, magari inframmezzando con qualche recensione di album specifici.

Alla prossima.

Bruno Conti

Dischi Prossimi Venturi E Altre News. Cosa Accadrà Nei Prossimi Mesi Part Four

cowboy junkies wilderness.jpg

 

 

 

 

 

 

Il 27 marzo uscirà il quarto e ultimo (?) capitolo delle Nomad Series dei Cowboys Junkies, il titolo è Wilderness, Proper in Europa, Razor & Tie in USA e Latent in Canada. Secondo quanto dice Michael Timmins nel loro sito la stesura dei brani di questo album era iniziata tra la fine del 2007 e i primi mesi del 2008 prima del viaggio in Cina che avrebbe poi dato vita al 1° capitolo Remnin’ Park, accantonata per dare vita agli progetti e poi ripresa e completata. Vedremo se per la legge dei numeri pari (2° e 4°) sarà magnifico come Demons o “solo” bello come gli altri due.

tommy bolin great gypsy soul.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Quando l’ho visto la prima volta nella lista delle news mi sono detto: “Toh, fanno un tributo a Tommy Bolin!”. Invece, ad un esame più approfondito, questo Great Gypsy Soul è uno di quei CD “strani”, direi virtuali che ogni tanto, industria discografica e musicisti amici e fans, si inventano per omaggiare artisti di “culto” che in vita non hanno avuto il successo che forse meritavano. Prendi la voce e la chitarra di Bolin e costruisci una serie di duetti ad hoc con Joe Bonamassa, Nels Cline, Peter Frampton, Warren Haynes, Steve Lukather e molti altri e il risultato…non lo so, quando uscirà vi saprò dire. Sempre il 27 marzo per la 429 Records, questa è la lista completa della versione doppia Deluxe con materiale extra (vi pareva che potesse mancare?):

DISC 1

   
The Grind   Peter Frampton
Teaser   Warren Haynes
Dreamer   Myles Kennedy and Nels Cline
Savannah Woman   John Scofield
Smooth Fandango   Derek Trucks
People People   Big Sugar and Gordie Johnson
Wild Dogs   Brad Whitford
Homeward Strut   Steve Lukather
Sugar Shack   Glenn Hughes and Sonny Landreth
Crazed Fandango   Steve Morse
Lotus   Joe Bonamassa, Glenn Hughes and Nels Cline
     

DISC 2 Bonus CD

   
Flying Fingers   Oz Noy and Nels Cline
Marching Bag – Movement One   Nels Cline, Bolin, Greg Hampton, John Scofield, Sonny Landreth
Marching Bag – Movement Two   Nels Cline, Bolin, Steve Lukather, Derek Trucks, Peter Frampton
Marching Bag – Movement Three   Gordie Johnson, Bolin, Nels Cline, Oz Noy, Steve Lukather, Steve Morse, Joe Bonamassa
Marching Bag – Movement Four   Nels Cline, Bolin, Warren Haynes, Joe Bonamassa, Oz Noy, Brad Whitford, Peter Frampton

Qui si può ascoltare e vedere qualcosa in anteprima d_tommybolin.asp

the hunger games soundtrack.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Di solito non parlo di colonne sonore, ma direi di fare una eccezione per questo The Hunger Games: Songs From District 12 and Beyond, adattamento cinematografico di un famoso racconto di fantascienza che parla di una terra post-catastrofe. Essendo il film ambientato nella nazione di Panem ovvero distretto 12 nella zona dei Monti Appalachi, la musica è quindi roots-oriented e di conseguenza la produzione è stata affidata a T-Bone Burnett che ha “chiamato ” alcuni dei suoi artisti preferiti (con qualche eccezione) e tra i tanti, c’è pure Taylor Swift, dopo Miley Cyrus sdoganata dal tributo a Dylan, è il turno della Swift addirittura in duetto con la coppia dei Civil Wars, e anche il resto della musica non è niente male (ma Kid Cudi e Maroon 5? per la serie bisogna pur vendere!):

 

1. Safe & Sound (feat. The Civil Wars)”   Taylor Swift    
2. “Eyes Open”   Taylor Swift    
3. “Abraham’s Daughter”   Arcade Fire    
4. “Come Away (feat. Rozzi Crane)”   Maroon 5    
5. “The Ruler & The Killer”   Kid Cudi    
6. “Run Daddy Run (feat. The Pistol Annies)”   Miranda Lambert    
7. “Kingdom Come”   The Civil Wars    
8. One Engine”   The Decemberists    
9. “Take the Heartland”   Glen Hansard    
10. “Lover is Childlike”   The Low Anthem    
11. “Dark Days”   Punch Brothers    
12. “Tomorrow Will Be Kinder”   The Secret Sisters    
13. “The Daughter’s Lament”   Carolina Chocolate Drops    
14. “Nothing to Remember”   Neko Case    
15. “Just a Game”   Birdy    
16. “Rules”   Jayme Dee

Sembra (quasi) tutto materiale inedito e molto interessante. Esce il 20 marzo

joan osborne bring it on home.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Secondo capitolo dedicato alle cover di Soul, Blues e R&B dopo Breakfast In Bed del 2007 per Joan Osborne. Si intitola Bring It On Home ed esce per la Time Life il 27 marzo. Tra i brani, oltre alla title-track di Sonny Boy Williamson, Broken Wings di John Mayall, Game Of Love scritta da Ike Turner, I Want To Be Loved di Muddy Waters, I Don’t Need No Doctor di Ray Charles (ma ne facevano una gagliarda anche gli Humble Pie), Rhymes di Al Green e Champagne and Wine di Otis Redding. Ha l’aria di essere buona musica!

norah jones little broken hearts.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Il 1° Maggio uscirà, per la Blue Note, il nuovo disco di Norah Jones Little Broken Hearts. Lo so che ha appena pubblicato il disco dei Little Willies, ma in quel disco erano tutte cover country. In questo caso sono dodici nuovi brani scritti dalla Jones e Brian Burton, aka Danger Mouse che produce anche il disco. Dopo il progetto Rome prosegue la collaborazione tra i due.

cilla black.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Recentemente sono usciti alcuni Box interessanti dedicati a Dusty Springfield, ora la EMI inglese colma una lacuna su un’altra grande cantante inglese con questo cofanetto da 5 CD e 1 DVD dedicato a Cilla Black. Si chiama Completely Cilla 1963-1973, esce il 23 aprile e comprende, in ordine cronologico, una valanga di materiale, edito ed inedito. Take a look!…

CD1
01. A Shot Of Rhythm And Blues
02. Shy Of Love
03. Love Of The Loved
04. Anyone Who Had A Heart
05. Just For You
06. You’re My World (Il Mio Mondo)
07. This Empty Place
08. Suffer Now I Must [Mono]
09. It’s For You
10. He Won’t Ask Me
11. Is It Love?
12. (Love Is Like A) Heatwave
13. Love Letters
14. You’d Be So Nice To Come Home To
15. Ol’ Man River
16. Every Little Bit Hurts
17. Come To Me
18. Baby It’s You
19. I’m Not Alone Any More [Stereo Version] ~
20. One Little Voice (Uno Di Voi)
21. You’ve Lost That Lovin’ Feelin’
22. Goin’ Out Of My Head
23. Dancing In The Street
24. Whatcha Gonna Do ‘Bout It
25. Some Things You Never Get Used To
26. I’ve Been Wrong Before
27. I Don’t Want To Know
28. My Love Come Home
29. Poor Boy [Mono]
30. When I Fall In Love
31. (There’s) No Place To Hide

 

CD2
01. The Cherry Song
02. Shotgun
03. Anytime You Need Me
04. Please Don’t Teach Me To Love You
05. Yesterday
06. In A Woman’s Eyes
07. Baby I’m Yours
08. The Real Thing [Stereo Version] ~
09. One Two Three
10. Make It Easy On Yourself
11. Love’s Just A Broken Heart (L’amour Est Ce Qu’il Est)
12. A Lover’s Concerto
13. Everything I Touch Turns To Tears
14. Alfie
15. Night Time Is Here
16. Sing A Rainbow
17. Don’t Answer Me (Ti Vedo Uscire)
18. The Right One Is Left
19. A Fool Am I (Dimmelo Parlami)
20. For No One
21. Abyssinian Secret
22. Trees And Loneliness
23. Time
24. There I Go (Se Per Te C’e Soltanto Quell’uomo)
25. Only You Can Free My Mind
26. What Good Am I?
27. Over My Head
28. Misty Roses
29. All My Love (Solo Tu)
30. Follow Me ~

 

CD3
01. What The World Needs Now Is Love
02. Take Me In Your Arms And Love Me
03. This Is The First Time
04. I Only Live To Love You (Cosa Si Fa Stasera)
05. Suddenly You Love Me (Uno Tranquillo)
06. From Now On
07. I Couldn’t Take My Eyes Off You
08. A Man And A Woman (Un Homme Et Une Femme)
09. Yo Yo
10. Follow The Path Of The Stars
11. Work Is A Four Letter Word (Film Version)
12. Something’s Gotten Hold Of My Heart
13. Step Inside Love
14. Where Is Tomorrow? (Non C’è Domani)
15. Work Is A Four Letter Word
16. Your Heart Is Free (Just Like The Wind) (Le Vent Et La Jeunesse)
17. It’ll Never Happen Again
18. Liverpool Lullaby
19. Without Him
20. Forget Him
21. Think Of Me (Siamo Qui)
22. I Am A Woman
23. Surround Yourself With Sorrow
24. Only Forever Will Do (Prigioniero Del Mondo)
25. London Bridge
26. Aquarius
27. Red Rubber Ball
28. You’ll Never Get To Heaven (If You Break My Heart)

 

CD4
01. Words
02. Conversations
03. On A Street Called Hope
04. For Once In My Life
05. Little Pleasure Acre
06. I Can’t Go On Living Without You
07. It Feels So Good
08. If I Thought You’d Ever Change Your Mind
09. Black Paper Roses
10. Rule Brittania
11. Sweet Inspiration
12. Put A Little Love In Your Heart
13. The April Fools ~
14. Both Sides Now
15. Mysterious People (Det Gatfulla Folket) ~
16. Dear Madame
17. Oh Pleasure Man
18. Across The Universe
19. Your Song
20. It’s Different Now
21. Sad Sad Song
22. Child Of Mine
23. Faded Images
24. That’s Why I Love You
25. Junk
26. The First Of May

 

CD5
01. (They Long To Be) Close To You ~
02. Make It With You
03. Rainbow
04. Our Brand New World
05. Bridge Over Troubled Water
06. Just Friends ~
07. Down In The City
08. Help Me Jesus ~
09. Sleep Song ~
10. Something Tells Me (Something’s Gonna Happen Tonight)
11. The World I Wish For You
12. La La La Lu
13. Thank Heavens I’ve Got You
14. I Hate Sunday
15. I’ve Still Got My Heart Joe
16. I Don’t Know How To Love Him
17. Gypsys, Tramps And Thieves
18. Oh My Love
19. Without You
20. The Long And Winding Road
21. Winterwood
22. Day By Day
23. You You You
24. Silly Wasn’t I?

 

BONUS DVD
(Live At The BBC: Singles & Album Songs)

 

01. Suddenly You Love Me (Uno Tranquillo) [1968] +
02. One Two Three [1968] +
03. Step Inside Love [1968]
04. Misty Roses [1968] +
05. Love’s Just A Broken Heart (L’amour Est Ce Qu’il Est) [1968]
06. Where Is Tomorrow? (Non C’è Domani) [1968]
07. You’ll Never Get To Heaven (If You Break My Heart) [1969] +
08. Surround Yourself With Sorrow [1969] +
09. Mysterious People (Det Gatfulla Folket) [1970] +
10. (They Long To Be) Close To You [1971] +
11. Sing A Rainbow [1971] +
12. What The World Needs Now Is Love [1971] +
13. The World I Wish For You [1972] +
14. You You You [1972]
15. Winterwood [1973] +
16. The Long And Winding Road [1973] +
17. I’ve Still Got My Heart Joe [1973] +
18. Oh My Love [1973] +
19. Day By Day [1973]
20. I Don’t Know How To Love Him [1973] +
21. Baby We Can’t Go Wrong [1974]
22. I’ll Have To Say I Love You, In A Song [1974] +
23. Flashback [1974] +
24. He Was A Writer [1974] +
25. (I Wanted To Call It) Off [1977] +

 

DVD Bonus Features:

 

  • Desert Island Discs Interview with Roy Plomley
    Audio Only Interview; Mono [1964] +
  • Passing Strangers
    with Cliff Richard [1968] +
  • Norwegian Wood
    with Hank Marvin, Bruce Welch & John Farrar [1971] +
  • Something Tells Me (Something’s Gonna Happen Tonight)
    Opening Sequence for the BBC TV Show ‘Cilla’ [1973] +
  • Biography
  • Discography
  • Song Anecdotes from Cilla

 

~ Debut on CD format in the UK
+ Previously Unavailable

small faces 1.jpgsmall faces 2.jpg








small faces 3.jpgsmall faces 4.jpg








Sono usciti e sono riusciti con bonus, di loro esistono molte antologie e cofanetti ma in effetti le versioni Deluxe dei quattro album degli Small Faces di Stevie Marriott, Ronnie Lane, Ian McLagan e Kenny Jones ci mancavano! Il 7 maggio, volendo, ce li possiamo ricomprare per la ennesima volta. Per aiutare, questi i contenuti:

Small Faces, Small Faces (Decca 4790, 1966 – reissued Universal U.K., 2012)

CD 1: Tracks 1-12 from Decca LP 4790, 1966

1.Shake
2.Come On Children
3.You Better Believe It
4.It’s Too Late
5.One Night Stand
6.What’Cha Gonna Do About It
7. Sorry She’s Mine
8.Own Up Time
9.You Need Loving
10.Don’t Stop What You’re Doing
11.E Too D
12.Sha La La La Lee
13.I’ve Got Mine (from Decca single F-12276, 1965)
14.What’s A Matter Baby (from Decca single F-12208. 1965)
15.Grow Your Own (from Decca single F-12317, 1966)
16.Patterns (from Decca single F-12619, 1967)

CD 2

1.Come On Children – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)
2.Shake – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)
3.You Better Believe It – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)
4.It’s Too Late – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
5.Sorry She’s Mine – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
6.Own Up Time – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)
7.E Too D – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)
8.I’ve Got Mine – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
9.Grow Your Own – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
10.Sha La La La Lee – Stereo Version
11.Don’t Stop What You’re Doing – Alternate Version
12.Patterns – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
13.What’s A Matter Baby – Alternate Mix
14.What’Cha Gonna Do About It – Alternate Version (from Small Faces, Decca 984 172-1, 2006)

Small Faces, From the Beginning (Decca 4879, 1967 – reissued Universal U.K., 2012)

CD 1: Tracks 1-14 from Decca 4879, 1967

1.Runaway
2.My Mind’s Eye
3.Yesterday, Today And Tomorrow
4.That Man
5.My Way Of Giving
6.Hey Girl
7.(Tell Me) Have You Ever Seen Me
8.Take This Hurt Off Me
9.All Or Nothing
10.Baby Don’t You Do It
11.Plum Nellie
12.Sha La La La Lee
13.You’ve Really Got A Hold On Me
14.What’Cha Gonna Do About
15.Almost Grown (from Decca single 26058, 1966)
16.Understanding (from Decca single 12470, 1966)
17.I Can’t Dance With You (from Decca single 25269, 1966)
18.I Can’t Make It – Session Version
19.Just Passing (from Decca single 12565, 1967)

CD 2

1.Runaway – Alternate Mix
2.That Man – Alternate Mix
3.Yesterday, Today And Tomorrow – Alternate Mix
4.My Mind’s Eye – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
5.Picaninny – Backing Track
6.Hey Girl – Alternate Version
7.Take This Hurt Off Me – Different Version (from In the Beginning, Decca CD 844 633-2, 1996)
8.Baby Don’t You Do It – Different Version (from In the Beginning, Decca CD 844 633-2, 1996)
9.All Or Nothing – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
10.Understanding – Alternate Mix (Electronically Processed Stereo)
11.Talk To You – Take 5 Backing Track
12.All Our Yesterdays – Take 7 Backing Track
13.(Tell Me) Have You Ever Seen Me – Alternate Take 2
14.Show Me The Way – Take 3 Backing Track
15.I Can’t Make It – Take 11 Backing Track
16.Things Are Going to Get Better – Take 14 Session Version

Small Faces, Small Faces (Immediate IMLP/IMSP 008, 1967, reissued Universal U.K., 2012)

CD 1: The Mono Album plus bonus tracks (Tracks 1-14 from IMLP 008, 1967)

1.(Tell Me) Have You Ever Seen Me
2.Something I Want To Tell You
3.Feeling Lonely
4.Happy Boys Happy
5.Things Are Going To Get Better
6.My Way Of Giving
7.Green Circles
8.Become Like You
9.Get Yourself Together
10.All Our Yesterdays
11.Talk To You
12.Show Me The Way
13.Up The Wooden Hills To Bedfordshire
14.Eddie’s Dreaming
15.Here Comes The Nice (Immediate single IM 050, 1967)
16.Itchycoo Park (Immediate single IM 057-A, 1967)
17.I’m Only Dreaming (Immediate single IM 057-B, 1967)
18.Tin Soldier (Immediate single IM 062-A, 1967)
19.I Feel Much Better (Immediate single IM 062-B, 1967)
20.(Tell Me) Have You Ever Seen Me – Alternate Mix
21.Eddie’s Dreaming – Alternate Mix
22.Green Circles – Take 1 Alternate Mix 3

CD 2: The Stereo Album plus bonus tracks (Tracks 1-14 from IMSP 008, 1967)

1.(Tell Me) Have You Ever Seen Me – Stereo Version
2.Something I Want To Tell You – Stereo Version
3.Feeling Lonely – Stereo Version
4.Happy Boys Happy – Stereo Version
5.Things Are Going To Get Better – Stereo Version
6.My Way Of Giving – Stereo Version
7.Green Circles – Stereo Version
8.Become Like You – Stereo Version
9.Get Yourself Together – Stereo Version
10.All Our Yesterdays – Stereo Version
11.Talk To You – Stereo Version
12.Show Me The Way – Stereo Version
13.Up the Wooden Hills to Bedfordshire – Stereo Version
14.Eddie’s Dreaming – Stereo Version
15.Just Passing – Stereo Version (included on The Immediate Years, Charly CDIMMBOX1, 1995)
16.Itchycoo Park – Stereo Version (included on The Immediate Years, Charly CDIMMBOX1, 1995)
17.Here Comes The Nice – Stereo Version (included on The Immediate Years, Charly CDIMMBOX1, 1995)
18.Don’t Burst My Bubble – Stereo Version
19.Things Are Going to Get Better – Alternate Version
20.I Can’t Make It – Session Version
21.Green Circles – Alternate Take 2
22.Tin Soldier – Stereo Version (included on The Immediate Years, Charly CDIMMBOX1, 1995)
23.(If You Think You’re) Groovy – Backing Track

Small Faces, Ogdens’ Nut Gone Flake (Immediate IMLP/IMSP 012, 1968)

CD 1: The Mono Album (Immediate IMLP 012, 1968)

1.Ogdens’ Nut Gone Flake
2.Afterglow (Of Your Love)
3.Long Agos And Worlds Apart
4.Rene
5.Song Of A Baker
6.Lazy Sunday
7.Happiness Stan
8.Rollin’ Over
9.The Hungry Intruder
10.The Journey
11.Mad John (Extended Version)
12.Happydaystoytown

CD 2: Bonus Material

1.Ogdens’ Nut Gone Flake – Early Session Version
2.Afterglow (Of Your Love) – Alternate USA Mix
3.Long Agos And Worlds Apart – Alternate USA Mix
4.Rene – Early Session Mix
5.Song Of A Baker – Alternate USA Mix
6.Lazy Sunday – Alternate USA Mix
7.Happiness Stan – Backing Track
8.Bun In The Oven – Early Session Mix
9.The Fly – Take 4 Instrumental Version
10.Mad John – Take 7 Early Session Version
11.Happydaystoytown – Alternate USA Mix
12.Kamikhazi – Take 7 Backing Track Version
13.Every Little Bit Hurts – Early Session Mix
14.Ogdens’ Nut Gone Flake – Alternate Take Phased Mix

CD 3: The Stereo Album (Immediate IMSP 012, 1968)

1.Ogdens’ Nut Gone Flake
2.Afterglow (Of Your Love)
3.Long Agos And Worlds Apart
4.Rene
5.Song Of A Baker
6.Lazy Sunday
7.Happiness Stan
8.Rollin’ Over
9.The Hungry Intruder
10.The Journey
11.Mad John (Extended Version)
12.Happydaystoytown

Come avrete notato Ogden’s Nut Gone Flake è triplo. Tutti Sanctuary/Universal.

Tutti questi titoli e queste liste servono anche per aiutarvi a programmare i vostri acquisti dei prossimi mesi e si tratta, salvo imprevisti, di uscite già sicure e confermate.

Nei prossimi giorni altri aggiornamenti. Domani, se faccio in tempo, le uscite di martedì 28 febbraio.

Bruno Conti