Un Interessante Disco Di…Si Può Dire Folk-Punk? Whiskey Shivers – Some Part Of Something

whiskey shivers some part of something

Whiskey Shivers – Some Part Of Something – Rhyme & Reason CD

Ecco una boccata d’aria fresca nel vasto sottobosco delle band americane indipendenti. I Whiskey Shivers non sono degli esordienti, hanno già tre dischi alle spalle ma tutti molto difficili da reperire, mentre questo Some Part Of Something dovrebbe godere di una distribuzione più capillare. Il gruppo è formato da cinque elementi di diverse provenienze (due texani, un newyorkese, uno dall’Oregon ed un altro dal Kentucky) e fa un tipo di musica molto particolare. Infatti i cinque potrebbero sembrare a prima vista una band di nuovi tradizionalisti, vista la strumentazione (Bobby Fitzgerald, voce solista e violino, Andrew VanVorhees, basso, James Gwyn alla batteria, Jeff Hortillosa alla chitarra e James Bookert al banjo), peccato che suonino con una foga inusitata, a volte con un ritmo talmente forsennato da far sembrare gli Old Crow Medicine Show delle mozzarelline: musica elettroacustica, di base folk, country e blues, ma eseguita con la stessa veemenza di una punk band. In più, i ragazzi sono dei fuori di testa mica da ridere, e hanno già un discreto zoccolo duro di fans che li seguono fedelmente nelle loro esibizioni dal vivo alle quali pare che sia impossibile assistere senza muoversi per tutto il tempo.

Ci sono anche brani più tranquilli in Some Part Of Something, ma anch’essi suonati con grande forza ed una discreta dose di sfrontatezza. La produzione, volutamente grezza, è nelle mani di Chris “Frenchie” Smith, uno che si è fatto un nome con gruppi di rock alternativo come Meat Puppets, Built To Spill e …And You Wil Know Us By The Trail Of Dead. L’opening track è indicativa dello stile dei nostri: Cluck Ol’Hen è un brano che potrebbe essere un folk tune dalla melodia tradizionale, ma l’arrangiamento obliquo quasi alla Tom Waits la fa diventare un blues malaticcio e sgangherato, ma stimolante. Like A Stone è un bluegrass suonato con la foga di una punk band, talmente veloce che è quasi arduo tenere il tempo per il batterista, il tutto condito da strumenti come banjo e violino; Long Gone è una deliziosa western tune di nuovo eseguita con estremo vigore, sulla scia degli Old ’97, lo vedrei bene come colonna sonora di un cowboy movie diretto da Quentin Tarantino. Southern Sisyphus è quasi normale, una gradevole ballata country-rock, ancora dominata da violino e banjo, voce leggermente filtrata ma un motivo diretto e piacevole, così come Gave Away, altro squisito bluegrass suonato e cantato in modo tradizionale, con tanto di botta e risposta voce-coro e ritmo accelerato ma non troppo, che dimostra che i WS sono bravi anche quando non escono dal seminato.

Il violino introduce Red Rocking Chair tracciando traiettorie irlandesi, ed anche il pezzo è più tipico della verde isola piuttosto che delle terre americane, mentre No Pity In The Rose City vede i nostri punkeggiare ancora alla grande, ritmo vorticoso ed energia fuori dal comune, andazzo che continua anche in Reckless, che però è più canzone ed è dotata di uno sviluppo maggiormente lineare: alla fine di entrambe però immagino i crampi alle mani dei cinque. Friday I’m In Love e Angelina Baker proseguono allo stesso modo, un vero e proprio treno in corsa, sembrano quasi i Pogues più country e con il turbo. Fuck You dona un attimo di tregua, anche se non è un granché (titolo raffinato compreso), meglio la folkeggiante Liquor, Beer, Wine & Ice, un limpido pezzo che piace al primo ascolto, dotato di una melodia limpida e dal ritmo cadenzato https://www.youtube.com/watch?v=BrA2odR1OEc ; finale in controtendenza con True Love (Will Find You In The End), languida e perfino malinconica, e con un bel motivo corale. Un gruppo interessante questo dei Whiskey Shivers, forse ancora da sgrezzare un po’ ma sulla buona strada per diventare una band tra le più innovative nel filone dei nuovi tradizionalisti.

Marco Verdi

Irish Rebels” In Los Angeles, E Anche A Milano. Flogging Molly – Life Is Good

flogging molly life is good

Flogging Molly – Life Is Good – Vanguard Records/Universal

Ho sempre pensato che lo “sdentato” Shane MacGowan, nel corso della sua lunga carriera abbia disseminato figli e figliastri artistici in ogni dove, e se il suo gruppo, i Pogues, ha rappresentato la punta di diamante del movimento musicale denominato “gaelic-punk”, alle loro spalle c’è sempre stato un fiorire incessante di musicisti che hanno cercato di personalizzarne l’influenza sulle loro idee artistiche e musicali, e di questa categoria fanno certamente parte i Flogging Molly (californiani di Santa Monica), che nell’arco temporale dell’ultimo ventennio hanno sempre saputo produrre una musica di ottimo livello, specialmente proprio dopo il definitivo scioglimento dei Pogues. Il gruppo prende il nome da uno storico Pub irlandese di Los Angeles, il Molly Malone’s, e oggi come ieri la band vede nel ruolo di leader Dave King chitarra e voce, con al suo fianco Bridget Regan violino, tin whistle, e voce, Dennis Casey alle chitarre e voce, Bob Schmidt al mandolino, banjo, bouzouki e voce, Matt Hensley alla fisarmonica, piano e voce, Nathen Maxwell al basso, e .in sostituzione dello storico componente George Schwindt, Mike Alonso alla batteria e percussioni. Alive Behind The Green Door fu il live d’esordio dei Flogging Molly pubblicato nel ’97, a cui fecero seguito il primo lavoro in studio, l’eccellente Swagger (00), il godibile Drunken Lullabies (02), l’arioso Within A Mile Of Home (04) che vedeva la partecipazione di Lucinda Williams in una grande ballata come Factory Girls, la prima raccolta Whiskey On A Sunday (06), con ben dieci canzoni inedite,  l’energico Float (08), uno dei migliori della band, il bellissimo elettrico e baldanzoso Live At Greek Theatre (10) 2 CD + DVD, e lo splendido impegnato e “sociale” Speed Of Darkness (11, prima di tornare dopo una breve pausa con questo inaspettato Life Is Good, prodotto da Joe Chiccarelli (U2, Beck), registrato negli studi dublinesi di Grouse Lodge nel tranquillo County Westmeath.

Per chi non li conosce, il loro “sound” è un “celtic-punk”, con forti sapori Irish che sembrano usciti dai più famosi Pub di Dublino, con le chitarre elettriche che si alternano agli strumenti acustici, il tutto accompagnato da ritmi incalzanti, intervallati da ballate colme di nostalgia e malinconia, e Life Is Good si apre con due brani al fulmicotone come There’s Nothing Left Pt.1e The Hand Of John L. Sullivan, densi di ritmo e rudezze punk, mentre Welcome To Adamstown incorpora una intrigante sezione di ottoni in tutto lo sviluppo del brano, prima di “scimmiottare” i grandi Waterboys (sono attesi a Settembre con il nuovo album), con la trascinante Reptiles (We Woke Up). La “vita buona” dei Flogging Molly si inerpica sui ritmi indiavolati di una The Days We’ve Yet To Meet, dove è proprio impossibile non muovere il piedino, seguita dalla title track Life Is Good in chiave folk-rock, con un bel lavoro al violino di Bridget Regan, cantata dal leader Dave King con l’anima di Mike Scott nel cuore, mentre la seguente The Last Serenade (Sailors And Fishermen) è una classica “love song” romantica e leggera, dal ritmo lento e con una melodia accattivante, per poi alzare ancora il ritmo con il “punk-rock” della grintosa e politica The Guns Of Jericho, perfetta da ballare sui tavoli del famoso Temple Bar. Crushed (Hostile Nations) inizia lentamente con le “pipes”, per poi trasformarsi subito in pura energia, con chitarre elettriche e sezione ritmica assordante (per il brano più in stile Clash e “politicizzato” dell’album), seguita da una Hope che procede con le cadenze di una marcia, mentre The Bride Wore Black già al primo ascolto è degna dei migliori Pogues, e per chi scrive mostra le grandi qualità dei Mollys, quando non si lasciano trascinare dalle correnti impetuose della musica punk, affidando la conclusione agli intrecci irish del folk stradaiolo di Until We Meet Again, dove si sviluppano dei bei giri di fisarmonica e violino.

Un po’ romantici e un po’ randagi passionali, con Life Is Good i Flogging Molly ci regalano un disco molto godibile, con una sequenza di brani che colpiscono nel segno e invogliano all’ascolto, non ci sono atmosfere morbide e sognanti ma una grande energia che coinvolge e affascina chi li ascolta. Sicuramente non hanno inventato loro il “celtic-punk”, ma altrettanto sicuramente si può affermare che i Flogging Molly (per la loro carriera), siano diventati in qualche modo gli alfieri più credibili e di maggior successo di questo movimento, che oggi come ieri spazia fra tradizione e modernità. E come ricorda il titolo del Post, domani 11 luglio volendo potrete verificare di persona visto che saranno in concerto al Carroponte di Sesto San Giovanni, in accoppiata con i Dropkick Murphys.

NDT: Tra i tanti “figli e figliastri” di Shane MacGowan, consiglio umilmente di dare un ascolto anche ad un gruppo colpevolmente sottovaluto come i bostoniani Josh Lederman Y Los Diablos, autori nei primi anni 2000 di una manciata di album di assoluto livello. Cercate, gente, cercate!

Tino Montanari

Cartoline Dal Donegal ! Goats Don’t Shave – Turf Man Blues

goats don't shave turf man

Goats Don’t Shave – Turf Man Blues – Goats Don’t Shave Music

Puntuale come una cartella di Equitalia (magari sostituite con qualcosa di più piacevole), torno a parlarvi del mio “amico” Pat Gallagher (tramite Facebook) e dei suoi compari Goats Don’t Shave per l’uscita di questo Turf Man Blues, secondo album dopo la “reunion” di due anni fa con Songs From Earth (sempre puntualmente recensito su queste pagine http://discoclub.myblog.it/2014/11/27/breve-pausa-eccoli-nuovo-dallirlanda-goats-dont-shave-songs-from-the-earth/ ). Per questa nuova proposta Gallagher, voce, chitarre e banjo, ci porta negli studi SMG di Gweedore (situati nella splendida contea di Donegal, a nord dell’Irlanda): sono con lui le sue fidate “capre”, a partire dal fratello Michael Gallagher alla batteria, Patsy Gallagher, sempre con un’aria di famiglia, chitarra solista, mandolino e voce, poi il violinista Sthepen Campbell, Odhran Cummings al basso, Shaun Doherty  alle chitarre acustiche e alla voce, più Connor Malone al sax e Dermot Donohue all’armonica, per undici brani che abbracciano svariati generi, a partire dal loro classico folk, al rock, al country,  perfino una spruzzata di gospel, il tutto come sempre suonato al meglio, con l’abituale contributo della bellissima voce di Pat, che in questo disco assume a tratti delle tonalità quasi alla Christy Moore.

Che si tratti di raccontare  le storie della sua terra (come nel disco precedente), o storie  sulla rivoluzione irlandese, come nel caso di questo nuovo lavoro, o ancora, sulle dinamiche dell’amore stesso, viene sempre e comunque alla luce il talento compositivo e letterario di Pat Gallagher, e l’iniziale The Volunteer (un toccante omaggio a uomini, donne e bambini che persero la vita durante gli scontri di Pasqua del 1916) lo dimostra ampiamente, una maestosa ballata che si apre con ripetuti rulli di tamburi per poi dipanarsi in una dolce melodia nel corso dello sviluppo del brano; a questa sontuosa apertura fanno seguito la title track Turf Man Blues (dedicata alle nuove generazioni), una perfetta folk-song con un bel lavoro in sottofondo dell’armonica, per poi affrontare il tema del bullismo e della discriminazione in una “danza irlandese” sognante come Dance For The Crowd, omaggiare i Pogues con la canterina Drinking My Money (eseguita dal vivo al Bayview Pub di Dungloe, sempre nel Donegal), con banjo e armonica a dettare il ritmo, e ritornare di nuovo alle atmosfere care ai “vecchi” Goats Don’t Shave con una spettacolare e melanconica No Cure For This. Il percorso musicale prosegue sulle note acustiche di God Takes Visa, seguita dal delicato racconto di una Seasons Go By con il mandolino di Patsy Gallagher in evidenza, per poi passare al cadenzato “country-agreste” di una Tonight Your Going Home, dove si rincorrono banjo e mandolino con il consueto tocco raffinato dell’armonica; c’è spazio anche per il valzer armonioso di una suadente The Killer, rispolverando ancora una volta dolci armonie irlandesi nella solare Falling For You, e nella conclusiva River Runs On, un madrigale in forma di “elegia” per tutti i fiumi che attraversano l’isola di smeraldo.

In un certo senso, oggi come ieri, i Goats Don’t Shave sono tra i segreti meglio custoditi della scena musicale irlandese, purtroppo quasi cancellati dalla memoria collettiva degli appassionati (su certi libri di settore non sono neanche menzionati), e mi viene da pensare che forse Pat Gallagher e le sue “capre”, che hanno avuto il loro momento di fama, consapevolmente hanno scelto di non cavalcarla. Quindi in ultima analisi se questo ennesimo lavoro Turf Man Blues è di difficile reperibilità, come il precedente  (in un certo senso bisogna ordinarlo direttamente a casa Gallagher, sul sito della band http://www.goatsdontshave.ie/  ), cercate di andare a recuperarvi almeno il disco d’esordio The Rusty Razor https://www.youtube.com/watch?v=73sLvm9LcNs , e dopo averlo inserito nel lettore stereo, godetevi quella che è senza ombra di dubbio la migliore folk-rock band della contea del Donegal, possibilmente sorseggiando il loro ottimo Donegal Irish Whiskey!     

Tino Montanari

Visto Il Nome, Si Parla Di Veterani Di Una Sorta Di Folk-Rock In “Salsa” Celtica! Gaelic Storm – Matching Sweaters

gaelic storm matching sweaters

Gaelic Storm – Matching Sweaters – Lost Again Records

I Gaelic Storm sono un band attiva ormai da diversi anni (direi una carriera quasi ventennale), giunti con questo ultimo lavoro Matching Sweaters al loro decimo album in studio. La formazione nasce e si forma nei “beach bars”, sulle spiagge californiane di Santa Monica (suonando a volte per pochi intimi), uscendo poi dall’anonimato grazie alla partecipazione al pluridecorato film Titanic, dove la band interpretava il gruppo musicale imbarcato sul celebre transatlantico per allietare il soggiorno degli ospiti https://www.youtube.com/watch?v=oSciEyzJSsM . Naturalmente i Gaelic Storm non hanno ottenuto una particolare fama da quella scrittura, ma è stata la rampa di lancio per esordire con l’omonimo Gaelic Sorm (98), e i successivi Herding Cats (99) e Tree (01). Con How Are We Getting Home (04) il gruppo mantiene una “line-up” stabile di sei musicisti, con una proposta musicale più vicina a quella degli indimenticati (e ancora attivi) The Men They Couldn’t Hang, piuttosto che a quella dello “sdentato” Shane MacGowan e i suoi Pogues, certificata dai successivi Bring Yer Wellies (06), What’s The Rumpus? (08), Cabbage (10), l’ottimo Chicken Boxer (12), e l’ultimo lavoro in studio The Boathouse (13), passato inosservato dalle nostre parti, tutti con tematiche di matrice celtica che riflettono l’origine irlandese del fondatore Patrick Murphy (mentre gli altri componenti sono inglesi, canadesi e americani). La formazione attuale è composta oltre che dal leader Murphy, fisarmonica, armonica e voce, dallo storico chitarrista Steve Twigger, anche al  bouzouki e mandolino, Ryan Lacey alle percussioni, il bravo polistrumentista Peter Purvis, e la nuova arrivata Katia Weber al violino e mandolino (che ha sostituito al meglio la veterana Jessie Burns), per un nuovo lavoro composto da dieci pezzi originali e due brani strumentali.

Tra essi spiccano Another Stupid Drinking Song, il brano d’apertura dalla netta impronta irlandese, a cui fanno seguito una pimpante Girl’s Night In Galway, una Whiskeyed Up And Womaned Out dal suono delizioso, condotto da fisarmonica e banjo, il primo brano strumentale The Narwhaling Cheesehead (da ballare sui tavoli dei Pub), la trascinante aria festaiola di Paddy’s Rubber Arm, e una nostalgica e lenta canzone d’atmosferacome Six Of One, con il violino di Kiana in evidenza. L’anima irlandese si manifesta ancora nella convincente The Rustling Gost Gang, mentre Dancing In The Rain parte piano, per poi svilupparsi attraverso un ritornello subito orecchiabile, seguita dal secondo strumentale in versione “giga”, The Teachers’ Snow Day, il delizioso violino che dà il ritmo ad una danzante What A Way To Go, passando ancora per le note più acustiche di Son Of A Poacher, con il violino, la fisarmonica e il mandolino a disegnare il tappeto sonoro, andando poi a chiudere con l’intrigante If You’ve Got Time, dove spuntano inaspettati fiati e la tenue “vocina” della Weber.

La loro proposta musicale non è certo originale, ma senza alcun dubbio è molto energica e a tratti coinvolgente, infatti i Gaelic Storm suonano una musica caratterizzata da una ritmica molto sostenuta, con gli inserimenti degli strumenti classici dell’isola di smeraldo (i famosi bodhràn, whistles e pipes), quindi etichettabile in un folk-rock di stampo irlandese, suonato e cantato al meglio. Matching Sweaters è un disco che si ascolta tutto d’un fiato, con la velocità di certe esecuzioni accompagnate da un suono a tratti eccitante che vi terrà incollati al lettore sino alla fine. Per chi scrive, è giunta l’ora di dargli finalmente l’attenzione che si meritano. Per chi ama il genere, indispensabile!

Tino Montanari

Uno Stevie Ray Vaughan D’Annata! Live At The Spectrum, Philadelphia 23rd May 1988

stevie ray vaughan spectrum philadelphia

Stevie Ray Vaughan – Spectrum, Philadelphia 23rd May 1988 Echoes

Nel 1988 Stevie Ray Vaughan, inconscio di tutto ciò, si avvicinava a grandi passi agli ultimi anni della sua breve vita (sarebbe scomparso, all’età di 35 anni, nel tragico incidente di elicottero del 27 agosto 1990 a East Troy, nel Wisconsin), ma nello stesso tempo, per la prima volta da lunga pezza, era libero dai fantasmi della tossicodipendenza, o almeno così si diceva e si legge nelle sue biografie. Però chi vi scrive si ricorda di essere stato presente ad una delle due date milanesi che SRV tenne al Palatrussardi di Milano nel luglio di quell’anno, ed in particolare, il 7, la serata in cui si esibì insieme a Pogues e Los Lobos. Ora, forse, la memoria mi inganna, sono passati 27 anni, ma non mi pare di ricordare un concerto memorabile, al di là della solita acustica orrida del palazzetto milanese, quella che doveva essere una serata eccezionale per la presenza contemporanea di tre grandi formazioni, alla fine non fu tale. O così ricordo io: Shane MacGowan era l’ombra di sé stesso e anche il musicista texano non fece un set fantastico (altri ricordano diversamente), forse penalizzati dall’acustica pessima e per il tempo ridotto, Los Lobos esclusi, nessuno mi parve all’altezza della propria fama.

Il buon Stevie, dopo la partenza fulminante con Texas Flood, e prima ancora con la esibizione al Festival di Montreux del 1982, dove venne peraltro contestato da alcuni dementi fondamentalisti del jazz festivaliero (ma il filmato in rete e il doppio CD con le due esibizioni dell’82 e dell’85, raccontano una storia diversa) e testimoniano di un musicista in forma strepitosa, poi replicata nel Rockpalast alla rocca di Lorelei dell’agosto del 1984, in una epoca in cui internet era ancora solo un’idea, l’esibizione venne mandata in Eurovisione, anche in Italia su Rai Tre, e permise a chi era rimasto folgorato dal suo primo album, da poco replicato con l’eccellente Couldn’t Stand The Weather, di godere la presenza scenica e sonora di questo “Zorro” della chitarra, un musicista fantastico che convogliava nella sua persona lo spirito di Jimi Hendrix, e di molti altri “eroi” della chitarra, bianchi e neri, che lo avevano preceduto. Non c’è né il tempo né lo spazio in questa breve recensione per ricordarlo, ma probabilmente Stevie Ray Vaughan è stato l’ultimo vero grande chitarrista della storia del rock, scomparso troppo presto, mentre avrebbe potuto dare ancora molto al mondo della musica. Comunque nel 1988, anno in cui viene registrato, e poi trasmesso nell’etere questo concerto radiofonico di Filadelfia, il nostro amico si sta preparando a registrare quello che sarà il suo ultimo album di studio, In Step, probabilmente il migliore della discografia insieme al primo, e regala ai fans accorsi allo Spectrum il 23 maggio del 1988, uno show nettamente superiore a quelli utilizzati per il doppio Live ufficiale Live Alive di due anni prima. La qualità del suono di questo CD è ottima, cruda ma bel delineata, così come il repertorio scelto per l’occasione: Vaughan, accompagnato dai fidi Double Trouble in versione quartetto, con Reese Wynans, Tommy Shannon e Chris Layton, sciorina, con nonchalance e classe immensa, undici brani di notevole spessore, che se non costituiscono un concerto completo, per le restrizioni di tempo applicate al broadcast radiofonico, cionondimeno rimangono un documento notevole del suo enorme talento di chitarrista.

Si parte con un medley di Dust My Blues che si riversa nell’inconfondibile riff di Love Struck Baby, per una versione fantastica, con Shannon che pompa sul basso come ne andasse della sua vita e Wynans e Layton travolgenti ai rispettivi strumenti, mentre Stevie strapazza la sua vecchia Fender e ne estrae citazioni di Johnny Be Goode e altre mirabilie del R&R e del blues. Look At Little Sister, il classico di Hank Ballard da Soul To Soul, è puro Rock’n’blues texano e anche You’ll Be Mine, dallo stesso album, è carica di una energia strabordante, poi veicolata nell’uno-due micidiale dell’accoppiata Mary Had A Little Lamb, dal repertorio di Buddy Guy e Texas Flood, entrambe in versioni dove le mani di SRV sembrano volare sul manico della sua chitarra; Superstition non raggiunge forse i vertici di quelle di Stevie Wonder e Jeff Beck, ma è sempre un bel sentire. Willie The Wimp è una rara esibizione dell’altrettanto raro singolo, scritto dall’amico di Austin Bill Carter, un rock verace e grintoso nella migliore tradizione texana, seguito da una vorticosa Cold Shot, con la sua ciondolante andatura, e poi dall’hendrixiana Couldn’t Stand The Weather, con i classici stop and go, e da una versione lunghissima, oltre i 9 minuti, di Life Without You, uno slow blues atmosferico e scintillante che anticipa la svolta dell’imminente In Step ed è seguita da una sontuosa Voodoo Chile (Slight Return) di mastro Jimi, solo Hendrix la faceva meglio. Grande concerto comunque, sarà anche un ex bootleg, ma che ci frega!

Bruno Conti

Non Sono Di “Miami”, Ma Sono Veramente Bravi ! Miami & The Groovers – The Ghost King

miami & the groovers ghost king

Miami & The Groovers – The Ghost King –M&G distr. Ird Records

Nonostante lo si dia per morto e sepolto, il rock’n’roll dal taglio più “stradaiolo” continua ad avere i suoi seguaci anche dalle nostre parti. Lo dimostra una scena italiana che forse non sarà un vero e proprio movimento, eppure mai come in questa ultima decade ha dato segni di crescita a livello strettamente professionale, con suoni e dischi che riportano ai nomi dei Cheap Wine, i Lowlands del mio amico Ed Abbiati, i Mandolin’ Brothers, i Rusties e sicuramente anche i Miami & The Groovers guidati da Lorenzo Semprini, tutte band che provengono dall’albero “genealogico” dei Rockin’ Chairs di Graziano Romani (che per fortuna sono tornati, e sono in tour fino a Luglio).

A 10 anni dall’esordio discografico con Dirty Roads (05), seguito da altri buoni lavori come Merry Go Round (09), Good Things (12), e l’ottimo live No Way Back (13) (uscito in formato CD+DVD) http://discoclub.myblog.it/2013/11/23/sempre-piu-italiani-caso-dalla-east-coast-romagna-shore-ora-anche-dvd-piu-cd-dal-vivo-miami-the-groovers-way-back/ , i Miami tornano con questo nuovo lavoro The Ghost King sempre nella formazione tipo, composta dall’indiscusso leader, autore e cantante Lorenzo Semprini alle chitarre ritmiche, Marco Ferri alla batteria, Luca Angelici al basso, Beppe Ardito alle chitarre acustiche e elettriche, Alessio Raffaelli (anche nei Cheap Wine) alle tastiere e pianoforte, con l’apporto alle registrazioni di Federico Mecozzi al violino, Massimo Marches al mandolino, e ai cori Michele Tani e Marcello Dolci.

miami and the groovers 1rox_miami

Le canzoni del “Re Fantasma” partono con la potente scarica di energia di The King Is Dead, con un bel lavoro del violino di Mecozzi (il sesto uomo, che parte dalla panchina della formazione), seguita dalla pianistica e letterata On The Rox (ispirata alla biografia di John Belushi) e dalla saltellante Hey You, passando per la splendida ballata pianistica Back To The Wall, le gioiose atmosfere balcaniche di Hallelujah Man, e per la dolcissima danza di The Other Room. I “ghostbusters” di Lorenzo ripartono con la tirata Don’t (The Tuxic Waltz), il folk-rock notturno violinistico di We Can Rise, mentre nella rurale Waiting For My Train con il mandolino di Marches in spolvero, si viaggia dalle parti degli Old Crow Medicine Show, andando a chiudere con un’altra ballata di spessore come Spotlight, e infine la bonus-track Heaven Or Hell (uscita dalla penna di Beppe Ardito), un trascinante brano da “pub irlandese”, dove i Pogues incontrano Joe Strummer per una sana bevuta.

miami and the groovers 2

Partiti come una “cover band” di Bruce Springsteen, i riminesi Miami & The Groovers al quinto giro di giostra sono diventati una realtà del rock&folk italiano (e internazionale), rockers di provincia per vocazione che vivono di prestazioni dal vivo (come testimoniano gli innumerevoli concerti fatti ogni anno), con canzoni che vanno a prendersi dalla strada alla maniera dei grandi Del Fuegos di Boston Mass, piene di musica e energia. Lorenzo Semprini e i suoi Miami & The Groovers, (come gli altri gruppi citati all’inizio), sono ragazzi nati per correre e cantare storie di vagabondi e sognatori in nome del rock, perché per fare della buona musica non è necessario nascere in America e suonare al Fillmore o al Beacon Theatre, lo si può fare benissimo dalle nostre parti (specialmente per le band in questione) nella nostra bella, ma musicalmente immatura Italia.

Tino Montanari

Dopo Una “Breve” Pausa Eccoli Di Nuovo, Dall’Irlanda Goats Don’t Shave – Songs From The Earth

goats don't shave songs from the earth

Goats Don’t Shave – Songs From Earth – Goats Don’t Shave Music

Circa tre anni fà (il giorno di Natale per la precisione http://discoclub.myblog.it/tag/pat-gallagher/ ), recensivo su queste pagine gli ultimi lavori di Pat Gallagher (acquistati direttamente dal suo sito) When I Grow Up e The Collection (11), e la speranza (di chi scrive) era che prima o poi il buon Pat tornasse in sala d’incisione con la sua storica band Goats Don’t Shave (le capre che non si radono), e come regalo di Natale anticipato mi trovo sul mio lettore questo Songs From Earth (arrivato come gli altri direttamente da casa sua, anche se per la verità il CD era già uscito questa primavera), disco che è solamente il quarto in una carriera (con pause) più che venticinquennale, in un arco di sette anni dal ’92 al ’98 sono stati (sempre per il sottoscritto, parziale verso questo tipo di musica) stelle di prima grandezza nel panorama del nuovo folk-rock irlandese, alfieri di un suono intrigante che recuperava elementi popolari e li mescolava con robuste dosi di sanguigno rock. Le “Capre,” formatisi nel lontano 90, su iniziativa del capo pastore Pat Gallagher provengono dai pascoli di Dungloe nella bellissima contea del Donegal, Irlanda, e con il contributo dei “pastori” aggiunti Jason Phibin al violino, Charlie Logue alle tastiere, Declan Quinn al mandolino, Gerry Coyle al basso, Shaun Doherty alle chitarre e Michael Gallagher alla batteria, esordiscono con The Rusty Razor (92) considerato ancora oggi un piccolo capolavoro, dove tra i brani a tutto ritmo spiccano le famose Las Vegas  https://www.youtube.com/watch?v=dL_PXBt85rY e Mary Mary https://www.youtube.com/watch?v=Wjx8ecFub_Q , la corposa What She Means To Me con il suono robusto della batteria, passando per le ballate When You’re Dead e la bellissima Closing Time, un lento accompagnato dalle pennellate di un dolce violino https://www.youtube.com/watch?v=1K0IBH0psZs , e la conclusiva, strumentale, Biddy From Sligo/Connaught Man’s Rambles, una country-song con il banjo sugli scudi e un violino che pare voglia mettersi in competizione con quello del grande Dave Swarbrick (Fairport Convention e numerose collaborazioni con Martin Carthy).

Il “pascolo” successivo si manifesta con Out In The 94) con la “leadership” sempre nelle mani del “capopastore” Pat che firma tutti i brani che compongono il disco, a partire dall’iniziale, corrosiva, Coming Home, il ritmo accelerato di Last Call For Help con il violino a recitare la parte principale, mentre Children Of The Highways è una folk ballad lineare che introduce le più tirate Rose Street e Arranmore, dove si viaggia dalle parti dei Pogues https://www.youtube.com/watch?v=fCmf4N_sZLI , il folk-rock indiavolato di War, una song carica di emozione come She’s Leaving, e il lato romantico del disco con Song For Fionnuala, una grande ballata alla Hothouse Flowers, con tanto di sax e influenze “soul” https://www.youtube.com/watch?v=UiRKVbgyk7g , e le conclusive Let It Go e Lock It In, con un buon fraseggio tra violino e sax.

Dopo un periodo sabbatico di qualche anno, Pat Gallagher torna in sala d’incisione aiutato sempre dai suoi fedeli “caproni” per dare alle stampe Tor (98) (il nome proviene dal luogo, sempre nel Donegal, dove è stato registrato il disco), con un lavoro decisamente positivo che parte con la toccante Song For Pat (la canzone è dedicata ad una mamma morta suicida dopo aver contratto la malattia dell’AIDS), e prosegue con A Woman Like You, una acustica e nostalgica love song, una eccellente ballata Love Will Find Its Way, con un grande spunto di sax nel finale, passando per Ode To A Bich dove sono le chitarre e il basso a dettare il ritmo acustico, che si ripete sostanzialmente nella seguente Super Hero, chiusa da uno spunto di armonica, al pregnante sound chitarristico di These Walls, andando a chiudere con Gola (ribadendo il suo immenso amore per il mare) un bello ed ispirato folk rock che a tratti suona come una “western ballad” (descrive la splendida veduta della baia dell’isola omonima)  , e il recitativo A Returning Islander tenue brano sull’oceano Atlantico.

I Goats Don’t Shave si sono sciolti alla fine del ’90, quando la tensione è cresciuta fino a diventare insopportabile tra i membri della band, salvo poi ripresentarsi per l’ultimo concerto nel 2003 al Mary Dungloe International Festival (nonostante i tentativi successivi di Pat fino al 2006 di riformare il gruppo). Poi (fortunatamente) a causa della grande richiesta dei “fans” , i “Goats” hanno deciso di riformarsi e sono stati subito invitati a suonare nei migliori Festival Irlandesi e non (favoloso quello al Celtic Park di Glasgow, con una folla oceanica di 40.000 persone), e quindi ritornare di nuovo in studio per incidere questo Songs From Earth, che anche se non si può certamente paragonare a quelli precedenti, contribuisce a mantenere la loro meritata reputazione di grande band https://www.youtube.com/watch?v=wFGkmwmoi5A . L’attuale line-up del gruppo è composta oltre che da Pat voce, chitarra e banjo, dai veterani Shaun Doherty alle chitarre e Michael Gallagher alla batteria, Kevin Breslin alle tastiere, John Foggy Boyle al basso e Stephen Campbell al violino, per una nuova raccolta di belle canzoni popolari scritte in tempi recenti da Gallagher.

Le canzoni dalla terra iniziano con le dolci melodie folk di Walk Away e Long Time Gone, per poi passare alla prima ballata del lavoro, una The Evelyn Marie (la storia tragica di un peschereccio in cui persero la vita delle persone) cantata da Pat un po’ alla Christy Moore, cambiando subito il ritmo con la danzante Glasgow Bus, parente stretta dei migliori Pogues. Con I Driftaway arriva la seconda ballata, con un’altra bella melodia intessuta dal violino, a cui segue il folk country  di Train, condotto sempre dal violino e dal banjo, un duetto con la figlia Sarah nella delicata Strange Star, il singolo The Little King (dedicato al pugile di Glasgow Benny Lynch), un’epica ballata folk con largo uso di violino e cornamuse . Ancora le note di un violino aprono un’eccellente ballata come Sail With Me, un brano a tratti toccante che apre il cuore, mentre si cambia ancora ritmo con il folk campagnolo di You Took It All, andando a chiudere con l’ennesima ballata carica di emozioni ,She Looked My Way, che come ai vecchi tempi il cantato di Gallagher riesce a comunicare pienamente.

Da Tor a questo Songs From Earth ne sono passati di anni (quasi venti), ma per i Goats Don’t Shave è valsa la pena aspettare, in quanto ci regalano un disco fatto con passione, con alcune canzoni decisamente sopra la media, e se ancora non li conoscete cercate almeno i CD precedenti (si trovano a buoni prezzi), o contattate il buon Pat sul loro sito http://www.goatsdontshave.ie/shop.htm , è l’occasione migliore per entrare in contatto con una delle più interessanti band irlandesi di musica folk dell’ultimo ventennio. Per quanto mi riguarda, grazie!

Tino Montanari

Prima O Poi Li Impiccheranno? The Men They Couldn’t Hang – The Defiant

men they couldn't hang the defiant

The Men They Couldn’t Hang – The Defiant – Vinyl Star Records

Come vi avevo preannunciato alcuni mesi fa recensendo l’EP The Night Ferry ( e la ristampa del Live Tales Of Love And Hate http://discoclub.myblog.it/2014/07/18/festeggiando-30-anni-storie-amore-odio-men-they-couldnt-hang/ ), ero in attesa del nuovo lavoro dei TMTCH, che puntualmente è arrivato per festeggiare degnamente il loro 30° anniversario di carriera. Nel corso di questi trenta anni il gruppo, attraversando anche alcuni cambi di formazione, ha pubblicato la bellezza di 14 album in studio e 2 album dal vivo, e pure alcuni membri della band, in particolare Phil Odgers e Paul Simmonds, hanno pubblicato lavori da solisti durante questo periodo, mantenendo però sempre il marchio di fabbrica dei Men They Couldn’t Hang.

TMTCH Paul simmonds TMTCH 1

The Defiant (finanziato attraverso la ormai consolidata campagna del sito web Pledge Music), vede come sempre alternarsi nella scrittura dei brani Paul Simmonds al mandolino e bazouki, oltre che alle parti vocali, Phil (Swill) Odgers alla chitarra acustica e Stefan Cush alla chitarra elettrica, con il resto dei “non impiccati” composto da Ricky McGuire al basso, Tom Spencer al banjo, Sputnik Weazel al piano e tastiere, e, come ospiti, musicisti rodati come l’immancabile Bobby Valentino al violino, David Carroll al dulcimer, Nick Reynolds all’armonica e Jo Cush alla tromba, il tutto sotto la produzione del veterano Pat Collier.

the men they couldn't hang 1 the men they couldn't hang 2

Questa nuova “sfida” parte con la galoppante Raising Hell, che ricorda per certi versi l’epopea del mitico telefilm Bonanza https://www.youtube.com/watch?v=gsDhOLncY6M , seguita dalla tradizionale marcetta Bonfires, e dalle ballate folk Scavengers e Carrying The Flame, con gli strumenti a corda in evidenza. Si prosegue con una gioiosa Turquoise Braceled Bay, passando per le atmosfere leggermente bluegrass di Silver Chains, poi una Night Ferry (già sentita sull’EP, ma qui in una versione alternata) perfetta da ballare sull’aia (ce ne sono ancora?), mentre Tavarado è il resoconto di una triste storia realmente avvenuta. Sul fronte delle ballate arriva il momento di Bobby Valentino con il suo violino nella splendida Atheni Dreams, a cui fanno seguito il sorprendente rock’n’roll di Fail To Comply, con l’armonica di Reynolds sugli scudi, e il folk-country di Hardworking People, andando infine a chiudere con le iniziali note della pioggia che fanno da preludio ad una folk-ballad meravigliosa come Twilight Road.

“Gli uomini che non poterono essere impiccati” in questi trent’anni di militanza musicale non hanno perso nulla della loro energia contagiosa, anzi, il “sound” rimane intatto, mescolando una serie di generi (come hanno fatto gruppi contemporanei come i rivali Pogues e Oysterband), tutti distribuiti in un lungo viaggio, come sempre senza compromessi. Per chi ama il genere, diciamo british folk-rock, imperdibile!

NDT: Nell’ambito delle celebrazioni per il trentennale, i TMTCH sono stati immortalati in un live tenuto allo 02 Empire in Londra, per un CD+DVD di prossima uscita. Attendiamo fiduciosi!

Tino Montanari

Il Loro “The Last Waltz”? Lucero – Live From Atlanta

lucero live from atlanta

Lucero – Live From Atlanta – Liberty And Lament Records – 2 CD

I Lucero, dopo oltre quindici anni “on the road” (sono passati anche a Pavia nel mitico locale Spazio Musica, durante il tour italiano nel 2007), e dieci album pubblicati, arrivano al primo live vero e proprio, registrato in tre serate consecutive al Terminal West di Atlanta, Georgia nel Novembre 2013, e che purtroppo, come si vocifera, potrebbe essere il “canto del cigno” della rock band di Memphis https://www.youtube.com/watch?v=MDQ7DKB6-kE .

lucero 1

La prima apparizione pubblica dei Lucero risale al lontano ’98, quando Ben Nichols e Brian Venable decisero di mettere insieme un gruppo ispirandosi a “personaggi” come Gram  Parsons, Johnny Cash e a band come i Pogues, e nel giro di circa un anno, grazie anche all’amicizia con la famiglia di Jim Dickinson e dei suoi figli, ovvero i North Mississippi All Stars, incidono i loro dischi d’esordio, prima l’omonimo Lucero e subito dopo The Attic Tapes (ristampato nel 2006 per la loro personale etichetta Liberty And Lament), quest’ultimo una raccolta di spartane versioni e demo incise letteralmente nell’attico della casa del padre di Brian Venable;  dopo questa partenza i Lucero costruiscono una loro personale ode alla propria terra, dal titolo inequivocabile di Tennessee (02), per poi fare il salto di qualità con il trittico That Much Further West (03), Nobody’s Darlings (05) e la definitiva maturazione con Rebels, Rogues & Sworn Brothers (06), intervallati da un primo album dal vivo Dreaming In America (CD+DVD), dove sono catturati sul palco sia nei concerti come nel privato, in forma di documentario per la parte video. Con 1372 Overton Park (09) e Women & Work (12) avviene il debutto della band di Ben Nichols con delle etichette più importanti come la Universal Republic e la Ato Records (di proprietà di Dave Matthews), affidandosi per la produzione a Ted Hutt (Gasllight Anthem, Flogging Molly e Chuck Regan) e quindi percorrendo una strada meno roots e più rock, confezionando un “sound” più diretto, sul quale innestare anche arrangiamenti fiatistici.

lucero 2

I Lucero (stella luminosa in spagnolo) salgono sul palco di Atlanta nella formazione attuale, che vede il leader e frontman Ben Nichols voce e chitarra, Brian Venable alla chitarra solista, Roy Berry alla batteria e percussioni, John C.Stubblefield al basso, Rick Steff al piano, organo e fisarmonica, e la sezione fiati composta da Jim Spake al sassofono e clarinetto e Scott Thompson alle trombe, presentando 32 canzoni che coprono il loro intero catalogo musicale, per oltre due ore di grande musica, il tutto registrato nell’arco di tre torride serate e sotto la produzione di Kevin Houston.

lucero-ill-just-fall-live-from-atlanta-video-lyrcis-750x421

Il set iniziale inizia immancabilmente con due dei classici del gruppo I Can Get Us Out Of Here e On My Way Downtown, dove la sezione fiati diventa subito protagonista (e lo sarà per tutta la durata del concerto), seguite subito dalle ballate urbane Nights Like These https://www.youtube.com/watch?v=4xqODo6y9lw , I’ll Just Fall https://www.youtube.com/watch?v=0tSWpOSbY-M  e Union Pacific Line, le esplosioni rock di Sounds Of The City, Sweet Little Thing e Raising Hell, passando per il “country alternativo” di Texas & Tennessee https://www.youtube.com/watch?v=lCGhcPu-mWg , il “memphis soul” di Breathless Love, cambiando nuovamente ritmo con il boogie-rock di Women & Work e Juniper, il punk furioso di Tonight Ain’t Gonna Be Good, andando a chiudere la prima parte con le atmosfere sofferte di Slow Dancing, Goodbye Again e una My Best Girl cantata con rabbia da Nichols https://www.youtube.com/watch?v=kOyIM_uGDmY . Dopo una meritata pausa e una buona birra si riparte con i fiati in spolvero di una grintosa Like Lightning, seguita subito da un trittico di ballate di spessore quali Summer Song, It Gets The Worst At Night https://www.youtube.com/watch?v=Jx_Q_kRkxug  e una Mom solo voce, chitarra e piano. In That Much Further West la batteria martella, le chitarre rispolverano dei “riff” alla Clash, per un brano che in questa versione live si arricchisce della sezione fiati, seguita dalla fisarmonica di Rick Steff che supporta una perfetta folk-song come The War, passando per il boogie “old-time”  di All Sewn Up e Rick’s Boogie, la forza evocativa di un classico come What Else Would You Have Me Be?, la travolgente energia di Tears Don’t Matter Much, per poi mettere sul piatto della bilancia un ulteriore trittico di ballate, a partire dalla splendida Drink Till We’re Gone cantata con il cuore da Ben, le note di un piano in Bastard’s Lullaby ad introdurre le influenze soul di It May Be Too Late, la struggente bellezza che si snoda in A Dangerous Thing, fino ad arrivare alle atmosfere hard e psichedeliche di The Last Song e andando a chiudere (con qualche lacrima) con la dolce e pianistica Fistful Of Tears, degna chiusura di una lezione di rock’n’roll che andrebbe mandata a memoria da tutti quelli che non hanno ancora capito bene come dare vita a questa musica, mentre i Lucero hanno afferrato il concetto molto bene.

lucero 4

Ben Nichols (che ha talento da vendere, autore anche di un notevole esordio da solista, il mini album, Last Pale Light In The West (09), di difficile reperibilità) è la voce e l’anima dei Lucero fin dal primo giorno, ma il resto della formazione non è di mero contorno, in quanto Brian Venable è un chitarrista rock, degno epigono di Neil Young nel periodo Crazy Horse, mentre il batterista Roy Berry è veramente un valore aggiunto, assecondato da un bassista John C.Stubblefield molto lineare, e il nuovo membro (2006) Rick Steff ( già con Cat Power) che con piano, organo e fisa, ha cambiato in modo non indifferente il “sound” del gruppo.

lucero 5

Nel tempo, i Lucero, e con loro i Drive By Truckers, Gaslight Anthem, Hold Steady e altri di cui si sono perse le tracce (Marah, Slobberbone, Cross Canadian Ragweed), si sono presi il loro spazio e la loro voce, in quanto accomunati da un “background” che affonda le sue radici anche nel punk e nei circuiti indipendenti, con cui il rock americano si è rifondato. Alla fine (forse, ma mai dire mai) del loro percorso, questo Live From Atlanta, potrebbe rappresentare una meravigliosa retrospettiva sulla carriera di una grande rock’n’roll band che nelle “performances” dal vivo (come quasi sempre succede) si esalta e lascia il segno. Per quanto mi riguarda, lunga vita ai Lucero di Ben Nichols e al grande sogno chiamato Rock’n’Roll.

NDT: Se acquisterete, come spero, questo CD, fate come il sottoscritto, sedetevi nel salotto di casa, sorseggiate un buon Whisky o Bourbon (o se siete astemi, un succo di frutta), e ascoltate con il volume a manetta due ore di grande musica! Per una volta chi se ne frega dei vicini.

Tino Montanari

Il “Canto Del Cigno” Di Una Grande Folk-Rock Band? Black 47 – Last Call

black 47 last call

Black 47 – Last Call – BLK Records – Self Released

Ogni uscita discografica dei Black 47 rappresenta per il sottoscritto un evento particolare: amo la loro musica, l’accavallarsi di culture e di stili diversi che si incontrano nella loro proposta, e la  bravura con cui riescono a far convivere umori così forti e così differenti tra di loro. Essendo un “irlandese” di cultura (nato per sbaglio a Pavia), sono totalmente coinvolto da questa musica che prende le mosse dalla tradizione celtica, e più precisamente dalla storia del suo popolo, che si fonde con le sonorità urbane della Grande Mela, un autentico miscuglio di ritmi e colori provenienti da tutto il resto del mondo. Quindi ogni mio giudizio sull’opera del gruppo, pur tendendo ad essere il più oggettivo possibile, risente inesorabilmente di questa sfrenata passione, a maggior ragione per questo Last Call, (che dopo 25 anni di carriera e 15 album), viene annunciato con una e-mail dallo stesso leader della band Larry Kirwan come “l’ultima chiamata” del gruppo, che staccherà la spina con un ultimo concerto a New York nel Novembre di quest’anno https://www.youtube.com/watch?v=80kXCFSdNiQ .

black 47 1

La band (che prende il nome dalla carestia che colpì l’Irlanda nello scorso secolo) è stata fondata dal commediografo Larry Kirwan e dall’ex poliziotto Chris Byrne, entrambi di origine irlandese, ma ormai definitivamente trapiantati a New York come il resto della “ciurma”, e propone un suono inimitabile in cui convogliano tutti gli umori metropolitani, dal rock al reggae, dal rap all’hip-hop (poco), senza assolutamente dimenticare la tradizione folk dell’isola dello smeraldo, con uso di chitarre distorte e cornamuse. La saga inizia nel lontano ’91 con l’esordio dell’omonimo Black 47, a cui faranno seguire un trittico di album Fire Of Freedom (93), Home Of The Brave (94), Green Suede Shoes (96) di un livello entusiasmante, dove la tradizione celtica riveste un ruolo più importante. Il gruppo in quel periodo suonava quasi tutte le sere nei locali di New York, e questa frenetica attività live li porta ad incidere due ottimi lavori “on stage” Live In New York City (99) e On Fire (01) con un suono potente e elettrico che coinvolge l’ascoltatore, intervallato dallo splendido Trouble In The Land (00) dove svettava una granitica sezione ritmica composta da Andrew Goodsight e Thomas Hamlin. Dopo una breve pausa si ripresentano con New York Town (04), Elvis Murphys’ Green Suede Shoes (05) e una raccolta di canzoni popolari e rarità Bittersweet Sixteen (06). L’ultimo periodo li vede affrontare tematiche politiche con un disco coraggioso come Iraq (08), la svolta con il “rhythm and blues” di Bankers And Gangsters (10) e un’introvabile raccolta A Funky Cèilì (11), con diciotto brani scelti dagli stessi componenti, da suonare sempre con il volume al massimo.

black 47 live

L’attuale line-up del gruppo oltre al leader indiscusso e letterato Larry Kirwan (autore di romanzi e buoni lavori solisti Kilroy Was Here e Keltic Kids), è formata dal nucleo storico con Geoffrey Blythe (membro fondatore dei Dexys Midnight Runners) ai sassofoni, Thomas Hamlin alla batteria e percussioni, Fred Parcells al trombone e tin whistle, e il duo Joe Burcaw al basso e Joseph Mulvanerty al flauto, bodhràn e uilleann pipes, che hanno sostituito brillantemente gli ex-componenti Chris Byrne e Andrew Goodsight, con l’apporto delle belle e brave (un po’ di sano femminismo!) coriste Christine Ohlman, Oana Roche e Mary Ann O’Rourke.

black 47 larry kirwan

Il disco si apre con i fiati di Salsa O’keefe e Larry è sempre lo stesso, con la sua voce acuta, calda e confidenziale https://www.youtube.com/watch?v=hURcX53Gieg (che si avvicina a quella del miglior Kevin Rowland dei Dexys Midnight Runners), seguito dalle note irlandesi di Culchie Prince con tanto di cornamuse, e un brano imperioso come Dublin Days in cui tutta la band gira a mille (con un ritornello che ricorda la Thunder Road del Boss), mentre Us Of A 2014 è uno spaccato dell’America attuale, raccontato con un brillante suono con sottofondo“ska”. The Night The Showbands Died (drammatico racconto dell’assassinio di una gruppo musicale) è una ballata lenta in cui la voce assume toni caldi e confidenziali, per poi diventare aggressiva nella parte centrale, e tornare di nuovo gentile sul finire https://www.youtube.com/watch?v=ScoCAZQ39Gc , seguita da una Johnny Comes A’Courtin (sul tema della schiavitù irlandese) https://www.youtube.com/watch?v=H1ZwD-i_2ow  che viene introdotta e cantata in coppia con la delicata voce della Roche, dai ritmi giamaicani, per passare ancora al groove funky-rap di Let The People In sull’immigrazione. Il breve brano cornamusa Lament For John Kuhlman introduce St. Patricks Day, brano dalla tipica spavalderia irlandese che scorre come un fiume in piena https://www.youtube.com/watch?v=lKYyVMsIHIc , assieme alla seguente Queen Of Coney Island dove Mary Ann O’Rourke presta la sua voce per un divertente duetto. Con Shanty Irish Baby, con i fiati in spolvero, si respira un’aria quasi “dixieland”, mentre Ballad Of Brendan Behan ci riporta in Irlanda, una ballatona da pub , marchio di fabbrica dei migliori Pogues, andando infine a chiudere un grande disco con una cover di Stephen Foster (riconosciuto come “il padre” della musica americana), Hard Times. una canzone sofferta dove Larry Kirwan domina la scena con la sua splendida voce, e la band sembra seguirlo in punta di piedi.

black 47 2

La loro storia è iniziata con quel primo concerto nel Bronx nel novembre del lontano ’89, e sono stati negli ultimi 25 anni una delle più originali e valide band venute alla ribalta negli States, non hanno ceduto un millimetro dalla linea musicale intrapresa, divertenti, eccessivi e generosi con un leader, Kirwan, irlandese vero (cantante, autore e scrittore di pieces teatrali, come già detto), che continua a cantare e declamare con la stessa forza e allo stesso tempo comporre canzoni dagli spunti autobiografici, da ascoltare sempre con il volume al massimo. Last Call è un addio inebriante (se così sarà, mai dire mai), e non posso che consigliare l’ascolto di questo disco a tutti, sia a quelli che già li conoscono, ma in particolar modo a quanti ancora non sono entrati in contatto con un mondo inimitabile, e quindi si lasceranno trasportare da questa “miscellanea” di suoni esaltante. Per quel che mi riguarda, grazie ragazzi e in alto i calici!

NDT:  Disco di difficilissima reperibilità, comunque si può acquistare come ha fatto il sottoscritto in download, attraverso le piattaforme abituali in rete, oppure sul loro sito http://www.black47.com/ Ne vale la pena!

Tino Montanari