Un Altro Live Degli Stones? Ebbene Sì: E Anche Questo E’ Imperdibile! The Rolling Stones – Sticky Fingers Live At Fonda Theatre 2015

rolling stones sticky fingers at the fonda theatre rolling stones sticky fingers at the fonda theatre cd+dvd

The Rolling Stones – From The Vault: Sticky Fingers Live At Fonda Theatre 2015 – Eagle Rock/Universal 2CD/DVD – DVD – BluRay – 3LP/DVD

Ho ancora nelle orecchie il loro concerto di Lucca (e nel cuore la scomparsa di Tom Petty, ma come si dice, the show must go on) che mi ritrovo di nuovo a parlare dei Rolling Stones, in quanto è appena uscito un nuovo volume della serie From The Vault (serie che sembrava messa da parte e con un futuro incerto), che stavolta si dedica ad un concerto decisamente recente, e cioè quello che le Pietre tennero al piccolo Fonda Theatre di Los Angeles il 20 Maggio di due anni fa. Una serata intima, con poche centinaia di fortunati ad assistere ed una scaletta ridotta, uno show che festeggiava la ristampa deluxe di Sticky Fingers (per chi scrive, ma non solo, il loro disco migliore), e nello stesso tempo dava il via alla tournée nordamericana a cui venne dato il nome di Zip Code Tour. Una serata particolare dicevo, in quanto gli Stones fecero una cosa mai fatta prima, cioè suonare un loro disco per intero, e quel disco era proprio il leggendario Sticky Fingers, che venne omaggiato in maniera strepitosa dai nostri, davvero in stato di grazia. Si sa che la dimensione ridotta dei piccoli club consente a Mick Jagger e compagni di dare il meglio, ma quella sera si superarono, arrivando a sfiorare la perfezione delle date del tour del 1995, documentate lo scorso anno dal box Totally Stripped.

Il concerto è stato una sorta di warm-up per il tour, ed il mitico disco del 1971 viene suonato con i brani alla rinfusa, in modo tale da donargli nuova linfa ed imprevedibilità, e vengono aggiunte alcune canzoni extra come bonus, sia all’inizio che alla fine del concerto, per un totale di 16 pezzi. All’epoca era uscita una versione ridotta solo per il download su iTunes (e solo con i dieci brani di Sticky Fingers), ma oggi la Eagle Rock pubblica il concerto per intero nella consueta varietà di supporti (consiglio sempre i 2CD + DVD), anche se non capisco perché la sequenza corretta è solo nella parte audio, mentre nel video tre pezzi sono messi a parte come bonus. Lo spettacolo si apre come spesso avviene anche negli stadi, cioè con Start Me Up, versione al solito festosa, energica e subito coinvolgente, seguita dalla poco frequentemente eseguita ma tonica When The Whip Comes Down (tratta da Some Girls) e da una vigorosa e sempre grande All Down The Line (con il consueto ottimo Ronnie Wood alla slide). Ed ecco il cuore del concerto, cioè Sticky Fingers suonato nella sua interezza, anche se in modalità random: la particolarità del disco è che, pur essendo un album da isola deserta, ha all’interno un solo pezzo suonato regolarmente dagli Stones (Brown Sugar), mentre altri vengono eseguiti raramente o addirittura quasi mai. E’ quindi una vera goduria sentirli tutti in quella serata, a partire dalla magnifica Sway, una rock ballad perfetta sotto ogni punto di vista, che q acquista ancora maggior potenza, grazie anche a due incisivi assoli di Keith Richards prima e di Wood poi.

Ed ecco subito un uno-due da k.o., prima con la strepitosa Dead Flowers, come ho già detto in più di una occasione la mia canzone preferita degli Stones, una country song straordinaria, brano che la maggior parte degli artisti country non riesce a scrivere in una carriera intera, seguita dalla stupenda Wild Horses, una delle loro ballate più belle, in una versione decisamente scintillante e con un ottimo assolo di Keith. Che dire di Sister Morphine, un brano che fa venire la pelle d’oca ad ogni esecuzione, soprattutto per l’uso lancinante della slide (che sul disco originale era suonata da Ry Cooder); spazio al blues con una magistrale You Gotta Move, con Jagger che canta in maniera sopraffina, ben doppiato dalla slide acustica sporca e polverosa di Keef, roba d’alta classe davvero. Bitch è la solita bomba innescata, la corale Can’t You Hear Me Knocking è forse l’unico pezzo leggermente inferiore, ma avercene (e qui il sax di Karl Denson è superlativo), I Got The Blues è una ballata eccezionale, che Mick canta da Dio procurandoci brividi lungo la schiena; chiudono la parte di Sticky Fingers la fluida Moonlight Mile, uno dei pezzi meno conosciuti del disco (ma non per questo di secondo piano), e naturalmente Brown Sugar, messa quindi in fondo anziché all’inizio. Ci sono però anche tre bis: una sontuosa Rock Me Baby, dedicata al grande B.B. King che era scomparso una settimana prima (versione davvero super), la sempre irresistibile Jumpin’ Jack Flash e, scelta da intenditori, una cover da manuale dei classici di Otis Redding I Can’t Turn You Loose, con un gran ritmo che rende impossibile stare fermi, una rilettura giusto a metà tra errebi e rock’n’roll.

Un live bellissimo, uno dei migliori tra i molti pubblicati dalla grande band britannica e quindi, come ho scritto nel titolo, da non perdere.

Marco Verdi

Un Bel Live Novembrino Per Gli Stones? Ma Anche Due! Rolling Stones – From The Vault Hampton Coliseum 1981 & L.A. Forum 1975

rolling stones live 1981

Rolling Stones From The Vault – Hampton Coliseum Live In 1981 – Eagle Rock Blu-Ray – DVD – DVD + 2CD – DVD + 3LP – 04/11/2014

Rolling Stones From The Vault – L.A. Forum Live In 1975 – Eagle Rock – DVD – DVD + 2 CD – DVD + 3 LP  18/11/2014

Vi sembrava possibile che si approssimasse il periodo Natalizio e non ci fosse ancora alcuna notizia di qualche pubblicazione dall’archivio dei Rolling Stones? E vi dirò di più, vi sembrava possibile che i concerti che avevano messo in vendita negli ultimi anni sul loro sito come costosi download non dovessero apparire anche in vari formati fisici? Ovvio che no. E infatti, puntuali come il morbillo o la rosolia, fastidiosi ma non letali quindi (parlo di prezzi), il prossimo novembre, in due diverse uscite la Eagle Rock renderà disponibili questi due concerti. La sorpresa sta nel fatto che, a differenza delle versioni scaricabili, per entrambi esiste anche la versione video.

Il primo in uscita, il 4 novembre, sarà il famoso concerto del 18 dicembre 1981 a Hampton in Virginia, il primo a essere trasmesso in contemporanea su una televisione con il sistema del pay-per-view. Il tutto è stato rimixato per la parte audio e restaurato per la parte video dal mitico Bob Clearmountain. Due ore e mezza di concerto, con questa setlist:

TRACKLISTING:

1) Under My Thumb   2) When The Whip Comes Down   3) Let’s Spend The Night Together   4) Shattered   5) Neighbours   6) Black Limousine   7) Just My Imagination   8) Twenty Flight Rock   9) Going To A Go Go   10) Let Me Go   11) Time Is On My Side   12) Beast Of Burden   13) Waiting On A Friend   14) Let It Bleed   15) You Can’t Always Get What You Want   16) Band Introductions   17) Happy Birthday Keith   18) Little T & A   19) Tumbling Dice   20) She’s So Cold   21) Hang Fire   22) Miss You   23) Honky Tonk Women   24) Brown Sugar   25) Start Me Up   26) Jumping Jack Flash   27) (I Can’t Get No) Satisfaction

Due settimane dopo, il 18 novembre, seconda uscita, concerto al Forum di L.A,. 12 luglio del 1975, il primo tour con Ronnie Wood in formazione, stesso lavoro di restauro a cura di Clearmountain, anche qui circa due ore e mezzo di concerto e la lista dei brani è la seguente:

TRACKLISTING:

1) Introduction*   2) Honky Tonk Women   3) All Down The Line   4) If You Can’t Rock Me / Get Off Of My Cloud   5) Star Star   6) Gimme Shelter   7) Ain’t Too Proud To Beg   8) You Gotta Move   9) You Can’t Always Get What You Want   10) Happy   11) Tumbling Dice   12) It’s Only Rock ‘n’ Roll   13) Band Intros*   14) Doo Doo Doo Doo Doo (Heartbreaker)*   15) Fingerprint File   16) Angie   17) Wild Horses*   18) That’s Life*   19) Outta Space*   20) Brown Sugar   21) Midnight Rambler   22) Rip This Joint   23) Street Fighting Man   24) Jumpin’ Jack Flash   25) Sympathy For The Devil

*Not available on LP

Come vedete, per gli amanti del vinile, alcuni brani non saranno disponibili nella versione in LP. Ovviamente si tratta dei primi due volumi della serie From The Vault, attendiamoci futuri sviluppi.

Bruno Conti

Novità Di Settembre Parte III Con Piccola Appendice. Neil Young, David Bowie, Soundgarden, Ben Folds/Nick Hornby, Ronnie Wood Eccetera

neil young le noise.jpgdavid bowie station to station.jpgsoundgarden telephantasm.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Sono passati pochi giorni dall’ultimo aggiornamento ed eccomi qua di nuovo. Settembre mese fitto mi ci ficco (ho coniato un nuovo modo di dire) e non riesco neanche ad esaurire tutte le news perché ne ho ricevute e viste molte altre relative ad uscite interessanti, quindi ci sarà una ulteriore puntata.

Partiamo con il nuovo Neil Young Le Noise Reprise/Warner 28 settembre. Uhm, doppio uhm. Quando lo sento poi vi dico. Per il momento diciamo che è Neil Young in solitaria con le sue chitarre acustiche ed elettriche filtrato attraverso le apparecchiature di Daniel Lanois che cura anche la produzione. Otto nuovi brani, non strumentali.

Quella interessante composizione che vedete effigiata sopra è la edizione Super DeLuxe di Station To Station di David Bowie in uscita il 28 settembre (e non il 21 come si pensava) per la EMI. Visto che nuovi album non ne fa, accontentiamoci (si fa per dire visto che, come al solito chi è interessato dovrà scucire oltre 100 euro): 5 CD + DVD + 3 LP oppure 3 CD per la versione “normale”, contiene l’album originale… ma vi allego le note all’edizione internazionale che faccio prima

* Original album
* Previously unreleased ‘Live Nassau Coliseum ’76’ concert
* Station To Station – RCA CD Master
* 5-track Singles versions CD E.P. incl. previously unreleased version of Station To Station, and for first time on CD, Word On A Wing
* 3 x 12″ heavyweight vinyl
* DVD with new 5.1 mix
* 24-page booklet, including: never before seen Steve Schapiro photo, Geoff MacCormack photos, Andrew Kent live Nassau photos & extensive memorabilia from the archives
* Cameron Crowe sleevenotes
* 6 panel folded poster
* Onstage folder
* Replica Backstage pass
* Replica Biog
* Replica Ticket
* Replica band line-up
* 3 press shots
* Replica Fan club folder
* Replica Fan Club Membership card
* Fan club certificate
* 2 small Collectors cards
* 2 photo prints
* Replica 4-page biography
* 2 badges

Ma anche i Soundgarden, che si sono appena riuniti, ci deliziano con questo nuovo Telephantasm che è una bella antologia ma con alcune sorprese. Anche qui abbiamo versione standard singola con 1 brano nuovo (essendo singola), versione 2 CD + DVD, con 5 inediti audio e 13 inediti video tra live, BBC, MTV, SNL per un totale di 44 brani. Questo per il momento, poi seguiranno versione doppio vinile e SuperDeluxe con 2 CD, DVD, Triplo Vinile, poster e memorabilia vari per i soliti 100 e passa euri. Esce sempre il 28-09 per A&M/Universal

ben folds nick hornby.jpgronnie wood i feel.jpgblack country communion.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Si parlava di una loro collaborazione da oltre un anno: il tempo di finirla ed eccola qua! Ben Folds pianista e compositore e Nick Hornby scrittore e, in questo caso, paroliere pubblicano, sempre il 28 settembre per la Nonesuch/Warner, Lonely Avenue. Oltre ai due e al gruppo di Folds c’è anche il grande Paul Buckmaster che cura gli arrangiamenti orchestrali. Il tutto masterizzato agli studi di Abbey Road. L’edizione deluxe in questo caso contiene un libro di 152 pagine con 4 racconti inediti di Hornby, presumo in inglese, ma non sono sicuro, più foto varie.

Nella pausa sabbatica degli Stones e, si spera, avendo risolto i suoi problemi di alcolismo, ritorna Ronnie Wood con un nuovo album per la Eagle Rock/Edel a 9 anni di distanza dal precedente Not For Beginners. Il disco si chiama I Feel Like Playing, solita data, vede la partecipazione di Billy Gibbons degli ZZTop, Flea dei Red Hot Chili Peppers, Slash, Kris Kristofferson, Bobby Womack, Ian McLagan (pare che alla fine la reunion dei Faces si farà, anzi c’è già stata una prima tranche con Mick Hucknall al posto di Rod Stewart, mah!, con il dovuto rispetto per il cantante dei Simply Red, ma non è proprio la stessa roba), Eddie Veder dei Pearl Jam, Bernard Fowler, Daryl Jones, Jim Keltner e Bob Rock (che dovrebbe essere il produttore, non quello di Alan Ford, scherzo, ma ormai dico sempre, non si mai che poi mi scrive qualche parente inc…to).

I Black Country Communion sono il nuovo gruppo dell’ex Deep Purple (e Trapeze) Glenn Hughes con Joe Bonamassa (come annunciato uno-ne-pensa-e-cento-ne-fa-joe-bonamassa-black-rock.html). Sono con loro Jason Bonham alla batteria e il tastierista dei Dream Theater, Derek Sherinian. Anche in questo caso, vinile e versione deluxe con Dvd, che contiene making of, interviste e brani live ma al prezzo di un singolo, é cosa buona e giusta. Sempre così! 21 settembre Usa e 28 Italia per la Mascot distribuzione Edel.

devon allman.jpgeric clapton clapton.jpgrhythms del mundo.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Per la serie “I Figli di…” esce il secondo disco di Devon Allman’s Honey Tribe, Space Age Blues, titolo programmatico, dovrebbe uscire il 28-9 per la Mascot/Edel e il 12 ottobre negli States, ma mi pare strano, vedremo. Sono della partita Huey Lewis e Dizzy Gillespie!

No, non temete, non è che Clapton esce due volte, si tratta dell’appendice. Oltre ai nomi citati avevo dimenticato di ricordare Willie Weeks al basso, Trombone Shorty, Derek Trucks ospite in Rocking Chair e Allen Toussaint al piano in due brani, questo per la completezza.

Appendice dell’appendice: sempre il 28 settembre per la Universal (ma in alcuni paesi è già uscito) viene pubblicato il nuovo capitolo, il terzo, della serie Rhythms del Mundo. Come al solito il packaging è realizzato con materiale riciclabile e i proventi vanno, in parte, in beneficenza.

Anche questa volta, oltre a Kt Tunstall che reinterpreta Somebody to Love dei Jefferson Airplane, il cast dei partecipanti è oltremodo vario: a partire da Bob Dylan che canta A Hard Rain’s A Gonna Fall in versione latina, e questa voglio proprio sentirla! Ma ci sono anche, Wyclef Jean, Groove Armada, Gorillaz, Dizzee Rascal, i Green Day che fanno I Fought The Law, Bebe, Afrique, Franz Ferdinand, Coldplay & Lele, Shanade, Augusto Enriquez e Zucchero. E’ per una giusta causa.

Alla prossima (Paula Cole, Box 4 CD Camel, Manhattan Transfer, Matt Costa, Nathaniel Rateliffe, Box Vinile dei Grateful Dead, Kenny Wayne Sheperd Live e tanti altri). E siamo ancora a settembre, a ottobre esce il box di John Lennon, John Mayer, KT Tunstall, Bob Dylan Bootleg Series 9….

Bruno Conti