Uscite Prossime Venture 4. Altri Due Cofanetti, Questi Molto Interessanti. Procol Harum – Still There’ll Be More: An Anthology 1967-2017/Spirit – It Shall Be: The Ode And Epic Recordings 1968-1972

procol harum still there'll be more

Procol Harum – Still There’ll Be More: An Anthology 1967-2017 – 5 CD + 3 DVD Esoteric – 23-03-2018

Ecco due uscite interessanti, per quanto entrambe non siano delle primizie assolute a livello di ripubblicazioni. Partiamo da questa dedicata ai Procol Harum, in occasione del loro 50° Anniversario (che comunque sarebbe stato nel 2017, visto che A Whiter Shade Of Pale era uscito nel 1967, ma queste date per le etichette discografiche sono spesso degli optionals): in effetti già nel 2009, senza particolari ricorrenze, era stato pubblicato un box da 3 CD + 1 DVD All This And More…, edito dalla Union Square Music e distribuito dalla Salvo Records, che era già un compendio piuttosto ricco della della loro produzione, con parecchi brani rari ed inediti ed un bel libretto di 72 pagine. In più la band di Gary Brooker è sempre stata servita piuttosto bene a livello di ristampe, visto che i vari album sono più o meno tutti disponibili in edizione rimasterizzate, spesso doppie o triple, con una messe di materiale extra, e di recente l’uscita dell’ultimo album http://discoclub.myblog.it/2017/05/07/il-ritorno-di-uno-dei-gruppi-simbolo-del-pop-anni-sessanta-procol-harum-novum/ ha rinnovato l’interesse per la band inglese, una delle più sottovalutate nel panorama del rock classico anni ’60-’70.

procol harum still there'll be more front

Still There’ll Be More: An Anthology 1967-2017 uscirà il 23 marzo anche in una versione basica “da poveri” in 2 CD, ma ovviamente quella più interessante è questa da 8 dischetti, che dovrebbe costare indicativamente poco meno di 100 euro, con contenuti assai ricchi, soprattutto nella parte video. Ecco la lista completa dei brani.

DISC ONE
1. A Whiter Shade of Pale
A-side of single – Released in May 1967

2. Homburg
A-side of single – Released in September 1967

3. Cerdes (Outside the Gates of)
4. Salad Days (Are Here Again)
5. Kaleidoscope
6. Repent Walpurgis
Taken from the album “Procol Harum”
Released in September 1967

7. Understandably Blue
Recorded at Olympic Studios, London in July 1967

8. Shine on Brightly
9. Quite Rightly So
10. Skip Softly My Moonbeams
Taken from the album “Shine On Brightly”
Released in September 1968

11. A Salty Dog
12. The Devil Came from Kansas
13. Pilgrim’s Progress
14. The Milk of Human Kindness
Taken from the album “A Salty Dog”
Released in June 1969
15. Long Gone Geek
B-side of single – Released in May 1969

16. Whisky Train
17. Barnyard Story
18. Still There’ll Be More
19. Whaling Stories
Taken from the album “Home”
Released in June 1970

DISC TWO
1. Simple Sister
2. Broken Barricades
3. Luskus Delph
4. Memorial Drive
Taken from the album “Broken Barricades”
Released in July 1971

5. Conquistador
6. In Held ‘Twas in I
comprising:
Glimpses of Nirvana
‘Twas Tea Time at the Circus
In the Autumn of My Madness
Look to Your Soul / Grand Finale
Taken from the album “Live In Concert with the
Edmonton Symphony Orchestra”
Released in April 1972

7. Grand Hotel
8. Robert’s Box
9. For Liquorice John
10. Souvenir of London
11. Fires (Which Burnt Brightly)
Taken from the album “Grand Hotel” – Released in March 1973

12. Nothing But the Truth
13. The Idol
14. The Thin End of the Wedge
Taken from the album “Exotic Birds and Fruit” Released in April 1974

DISC THREE
1. Beyond the Pale
2. As Strong as Samson
Taken from the album “Exotic Birds and Fruit” – Released in April 1974

3. Pandora’s Box
4. The Unquiet Zone
5. Fool’s Gold
6. Typewriter Torment
Taken from the album “Procol’s Ninth” – Released in September 1975

7. Something Magic
8. Skating on Thin Ice
9. Strangers in Space
Taken from the album “Something Magic” – Released in March 1977

10. Perpetual Motion
11. Holding On
Taken from the album “The Prodigal Stranger” Released in August 1991

12. An Old English Dream
13. This World is Rich (For Stephen Maboe)
14. The Emperor’s New Clothes
Taken from the album “The Well’s on Fire” – Released in March 2003

15. Can’t Say That
16. The Only One
Taken from the album “Novum”
Released in April 2017

DISC FOUR
Live at the Hollywood Bowl with the Los Angeles Philharmonic Orchestra & the Roger Wagner Chorale
Recorded 21st September 1973

1. Sanctus
2. Broken Barricades
3. Simple Sister
4. A Christmas Camel
5. Toujours L’Amour
6. Grand Hotel
7. Fires (Which Burnt Brightly)
8. A Salty Dog
9. Conquistador
10. Grand Finale
11. TV Ceasar / Rule Britannia

DISC FIVE
Live at Bournemouth Winter Gardens
17th March 1976

1. The Unquiet Zone
2. Beyond the Pale
3. Whaling Stories
4. All This and More
5. A Salty Dog
6. I Keep Forgetting
7. The Blue Danube
8. I Can’t Help Myself (Sugar Pie, Honey Bunch) / Nothing But the Truth
9. A Whiter Shade of Pale

DISC SIX (DVD)
1. A Whiter Shade of Pale
“Top of the Pops” – BBC TV 26th December 1967

2. Homburg
“Beat Club” – German TV 30th December 1967

3. Quite Rightly So
“Beat Club” – Radio Bremen German TV
22nd June 1968

4. A Salty Dog
“Beat Club” – Radio Bremen German TV
28th June 1969

5. The Devil Came from Kansas
6. Long Gone Geek
“Beat Club” – Radio Bremen German TV
30th August 1969

7. Shine on Brightly
8. In the Wee Small Hours of Sixpence
9. Still There’ll Be More
10. Pilgrim’s Progress
11. Quite Rightly So
12. Magdalene My Regal Zonophone
13. Power Failure
14. A Salty Dog
15. Simple Sister
16. In the Autumn of My Madness
Look to Your Soul
Grand Finale

Complete recording session for “Beat Club Workshop” – Radio Bremen German TV
27th December 1971

DISC SEVEN (DVD)
1. Drunk Again
2. Grand Hotel
3. Conquistador
4. Bringing Home the Bacon
5. Too Much Between Us
6. Toujours L’Amour
7. Whaling Stories
8. Fires (Which Burnt Brightly)
9. Kaleidoscope

Complete recording session for “Musikladen” Radio Bremen German TV – 25th October 1973

DISC EIGHT (DVD)
1. Pandora’s Box
“Top of the Pops” BBC TV –
4th September 1975

2. Something Magic
3. Conquistador
4. Nothing But the Truth
5. Strangers in Space
6. Grand Hotel
7. Pandora’s Box
8. Skating on Thin Ice
9. The Mark of the Claw
10. Wizard Man
11. This Old Dog
12. A Whiter Shade of Pale

“Sight & Sound In Concert” – BBC TV
Recorded at The Hippodrome, Golders Green, London 12th March 1977

Non ho controllato in modo molto approfondito, ma parte del materiale “inedito” e raro è comunque già apparso nelle versioni potenziate dei singoli album, comunque chi vuole avere un bel cofanetto del gruppo, arricchito anche da un bel librone rilegato da 68 pagine ricco di foto e notizie, può farci sicuramente un pensierino.

Spirit It Shall Be The Ode And Epic Recordings 1968-1972

Spirit – It Shall Be: The Ode And Epic Recordings 1968-1972 – 5 CD Esoteric 16-03-2018

La settimana prima, il 16 marzo, sempre la Esoteric pubblica un cofanetto da 5 CD dedicato al periodo d’oro degli Spirit, la band di Randy California, colta nel proprio periodo migliore, quello delle incisioni tra il 1968 (quindi questa volta con i 50 anni ci siamo alla perfezione) e il 1972, in cui il quintetto californiano fu tra i migliori rappresentanti della psichedelia e dell’acid-rock più raffinato, spesso con spunti jazzati forniti dalla batteria di Ed Cassidy e dalle tastiere di John Locke, su cui si innestava la voce di Jay Ferguson e le divagazioni chitarristiche di Randy California, uno dei miglior solisti dell’epoca, che aveva “rischiato” di far parte degli Experience di Jimi Hendrix in una formazione allargata (e di cui è sempre stato uno degli epigoni e degli eredi più validi), ma che in virtù della giovane età si era visto rifiutare dalla madre la possibilità di trasferirsi in Inghilterra per condividere quella avventura con Jimi, ma che poi non possiamo negare abbia fatto assai bene anche in proprio. Anche in questo caso la discografia del gruppo è ben servita da una serie di ristampe, sia da parte della Sony come della Repertoire, anche queste in versione remaster e con parecchie bonus, e di recente alcuni album sono usciti pure in versione SACD per gli audiofili. Ottimo anche il doppio antologico Time Circle 1968-1972, che copre lo stesso periodo di questo cofanetto, e tratta del materiale pubblicato ai tempi dalla Ode e dalla Epic Records, oltre a riportare parecchio materiale inedito ripreso anche in Shall Be: The Ode And Epic Recordings 1968-1972.

Nel nuovo cofanetto, di prossima uscita, tra le rarità troviamo anche la colonna sonora di un film Model Shop, registrata nel 1968, e pubblicata in CD dalla Sundazed solo nel 2005, oltre a vari singoli, outtakes, versioni mono e altre chicche della produzione del gruppo.

Ecco la tracklist completa.

[CD1]
1. Fresh Garbage
2. Uncle Jack
3. Mechanical World
4. Taurus
5. Girl In Your Eye
6. Straight Arrow
7. Topanga Windows
8. Gramophone Man
9. Water Woman
10. The Great Canyon Fire In General
11. Elijah

E’ o non è Stairway To Heaven?

Taken From The Stereo Album “Spirit” Released In 1968

12. I Got A Line On You (Original 1968 Stereo Mix)
13. It Shall Be (Original 1968 Stereo Mix)
14. Poor Richard (Original 1968 Stereo Mix)
15. Silky Sam (Original 1968 Stereo Mix)
16. The Drunkard (Original 1968 Stereo Mix)
17. Darlin’ If (Original 1968 Stereo Mix)
18. All The Same (Original 1968 Stereo Mix)
19. Jewish (Original 1968 Stereo Mix)
20. Dream Within A Dream (Original 1968 Stereo Mix)
21. She Smiled (Original 1968 Stereo Mix)
22. Aren’t You Glad (Original 1968 Stereo Mix)

Taken From The Album “The Family That Plays Together” – Released In 1968

[CD2]
1. The Moving Van
2. Mellow Fellow
3. Now Or Anywhere
4. Fog
5. Green Gorilla
6. Model Shop I
7. Model Shop Ii (Clear)
8. The Rehearsal Theme
9. Song For Lola
10. Eventide
11. Coral
12. Aren’t You Glad (Demo)

Taken From The Film Soundtrack “The Model Shop” – Recorded In 1968

13. Dark Eyed Woman
14. Apple Orchard
15. So Little Time To Fly
16. Ground Hog
17. Cold Wind
18. Policeman’s Ball
19. Ice
20. Give A Life, Take A Life
21. I’m Truckin’
22. Clear
23. Caught
24. New Dope In Town

Taken From The Album “Clear” Released In 1969

[CD3]
1. Prelude – Nothing To Hide
2. Nature’s Way
3. Animal Zoo
4. Love Has Found A Way
5. Why Can’t I Be Free?
6. Mr Skin
7. Sp Ace Child
8. When I Touch You
9. Street Worm
10. Life Has Just Begun
11. Morning Will Come
12. Soldier

Taken From The Album “The Twelve Dreams Of Doctor Sardonicus” – Released In 1970

13. Rougher Road

Recorded In 1970 During Sessions For “The Twelve Dreams Of Doctor Sardonicus”

14. Chelsea Girls
15. Cadillac Cowboys
16. Puesta Del Scam
17. Ripe And Ready
18. Darkness
19. Earth Shaker
20. Mellow Morning
21. Right On Time
22. Trancas Fog-Out
23. Witch

Taken From The Album “Feedback” Released In 1972

[CD4]
1. Fresh Garbage (Mono Mix)
2. Uncle Jack (Mono Mix)
3. Mechanical World (Mono Mix)
4. Taurus (Mono Mix)
5. Girl In Your Eye (Mono Mix)
6. Straight Arrow (Mono Mix)
7. Topanga Windows (Mono Mix)
8. Gramophone Man (Mono Mix)
9. Water Woman (Mono Mix)
10. The Great Canyon Fire In General (Mono Mix)
11. Elijah (Mono Mix)

Taken From The Mono Album “Spirit” Released In 1968 Previously Unreleased On CD

12. Veruska
13. Free Spirit
14. If I Had A Woman
15. Elijah (Alternate Take 2)

Recorded In 1968 During Sessions For “Spirit”

16. I Got A Line On You (“Time Circle” Mix)
17. It Shall Be (“Time Circle” Mix)
18. Poor Richard (“Time Circle” Mix)
19. Silky Sam (“Time Circle” Mix)

Taken From The 1991 Compilation “Time Circle”

[CD5]
1. Scherozode (“Time Circle” Mix)
2. All The Same (“Time Circle” Mix)
3. A Dream Within A Dream (“Time Circle” Mix)
4. Aren’t You Glad (“Time Circle” Mix)
5. Eventide (“Time Circle” Mix)
6. Model Shop Theme (“Time Circle” Mix)
7. Green Gorilla (“Time Circle” Mix)
8. Rehearsal Theme (“Time Circle” Mix)

Taken From The 1991 Compilation “Time Circle”

9. Fog
10. So Little To Say
11. Mellow Fellow
12. Now Or Anywhere
13. Space Chile

Recorded In 1968 During Sessions For “The Family That Plays Together”

14. Fuller Brush Man
15. Coral

Recorded In 1969 During Sessions For “Clear”

16. 1984
17. Sweet Stella Baby

A & B-Sides Of Single – Released In 1970

18. Animal Zoo (Mono Single Version)
19. Red Light Roll On

A & B-Sides Of Single – Released In 1970

20. Morning Will Come (Mono Mix)

Recorded And Mixed In 1970

Nel caso specifico il prezzo previsto, sempre a livello molto indicativo, dovrebbe essere molto interessante, diciamo tra i 35 e i 40 euro, mentre la confezione sarà più spartana di quella dei Procol Harum, per quanto sempre con un libretto inserito nella confezione con un saggio sulla storia del gruppo e interviste con Randy California e Ed Cassidy, che purtroppo non ci sono più. Se non avete nulla, ma anche se avete quasi tutto, un documento molto importante su uno dei gruppi più sfavillanti della storia del rock.

Bruno Conti

Dagli Spirit E Da Chuck Berry, Ecco A Voi I Jo Jo Gunne – Live 1971 & 1973

jojo gunne live 71-73

Jo Jo Gunne – Live 1971 & 1973 – 2CD S’More/Rockbeat 

Quando nel 1967 gli Spirit, una delle più grandi band del rock acido psichedelico californiano, iniziarono la loro attività, i componenti del gruppo (con l’eccezione di Ed Cassidy, il patrigno di Randy California, che ne aveva 44 e del pianista John Locke, 24) avevano a malapena 20 anni. Quindi quando, dopo soli 4 anni, ed altrettanti bellissimi album, la band chiuse la prima fase della propria carriera per divergenze musicali, nel 1971 Jay Ferguson, il cantante e pianista, che era stato anche l’autore principale dei brani del gruppo e Mark Andes il bassista, rispettivamente 24 e 23 anni nella nuova formazione, erano ancora giovanissimi. Unendo le forze con il batterista William “Curly” Smith e con il chitarrista Matt Andes, fratello di Mark, e forti di un contratto con la Asylum, diedero vita ai Jo Jo Gunne, nome scelto, come viene ricordato nelle note del CD, aprendo a caso le pagine di una Enciclopedia del Rock And Roll, dove alla voce Chuck Berry un brano era così intitolato https://www.youtube.com/watch?v=qXKyXm1XU6U .

Rispetto allo stile complesso ed articolato della band da cui provenivano i principali autori, cioè i soliti Ferguson e Andes, la nuova formazione era orientata verso un rock più basico e “cattivo”, ma anche più semplice e meno interessante rispetto agli Spirit, pur dando merito a Matt Andes di essere un chitarrista valido (ma California era un’altra cosa), molto spesso in modalità slide, quindi con una sonorità inconsueta per una band in quegli anni, e in ogni caso, a tratti, le similitudini con la formazione di provenienza, soprattutto nei pezzi più rock, erano evidenti. Varie etichette, in primis la Rhino Handmade, e più recentemente l’inglese Edsel hanno ristampato i quattro album di studio, pubblicati tra il 1972 e il 1974, quindi si è trattato di un’altra storia rapidissima. Ma nel doppio Live 1971 & 1973 distribuito dalla Rockbeat sono riportate sia la genesi (con il primissimo concerto registrato all’Hollywood Palladium nel 1971), sia la piena maturità dei Jo Jo Gunne, con un broadcast radiofonico tenutosi ai famosi Ultrasonic Studios nel 1973, quando nella line-up Jimmie Randall, al basso aveva sostituito Mark Andes, fuoriuscito dalla band, già subito dopo la pubblicazione del primo album omonimo.

Diciamo subito, a scanso di equivoci, che la qualità sonora, soprattutto del primo concerto, è abbastanza “primitiva”, con strumenti e voce non ben delineati, quindi un discreto bootleg il primo CD e uno buono il secondo, però da entrambi si percepisce la grinta e la classe del gruppo: per mantenere il parallelo con Chuck Berry, Ferguson oltre a cantare, con la classe che ricordavamo negli Spirit, è una sorta di Johnnie Johnson, con il suo pianino insinuante, mentre Andes alterna la modalità bottleneck con quella normale e i brani si ascoltano con piacere. Per motivi che mi sono ignoti nel primo CD, quello del 1971, sono riportati 11 brani, ma la traccia 4 non c’è, questo comunque non impedisce il fatto che i brani migliori che sarebbero stati presenti sul primo album di studio, compresa l’unica hit futura della band Run Run Run, sono già nel repertorio del gruppo, che quindi non si affida a cover, ma in sequenza scorrono il classico rock bluesato di Special Situations con l’acida slide di Andes a guidare le danze e Ferguson alle prese con un inconsueto falsetto, la top 10 già citata, un rock americano dal ritornello accattivante, che ricorda i brani più “classici” degli Spirit.

Academy Award, sempre dura e tirata, come pure One Way Street, Street Street Machine e così via fino alla conclusiva Barstow Blue Eyes, un boogie quasi alla Stones, il tutto con una resa sonora che è proprio ai limiti della decenza atratti. Nel secondo concerto, tre brani, i principali successi, appaiono di nuovo, con un suono decisamente migliore, ma possiamo ascoltare anche il tipico rock radiofonico FM dell’iniziale Roll Over Me, sempre con Ferguson e Andes sugli scudi, la grintosa Babylon, con un bel riff e poi nella parte centrale del concerto 99 Days, Run Run Run e Special Situations, in versioni più rifinite rispetto al primo concerto, inframmezzate dalla presentazione della band che poi si lancia in una ottima Rock Around The Symbol, sempre molto riffata, nel classico R&R californiano tra Beach Boys e hard rock della lunga Rhoda dove si apprezza il solismo notevole sia di Matt Andes quanto di Jay Ferguson; non male anche la corale e nuovamente stonesiana Take Me Down Easy, e pure Shake That Fat, di nuovo a tutta slide e Broken Down, un boogie’n’roll, confermano l’impressione di una band di tutto rispetto nell’ambito di un tipico rock americano di quegli anni, quindi volendo, se amate il genere, un pensierino si può fare.

Bruno Conti   

Novità Di Maggio Parte IVb. Marcus Miller. Willy DeVille, Joey Ramone, Diana Ross, Clarence Carter, Steve Smith Vital Information, Ian Tyson, Pil, Rory Block, Marissa Nadler, Clarence Carter, Supremes

willy deville live in paris and new york.jpgjoey ramone ya know.jpgsupremes at the copa.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Seconda parte della lista delle uscite di questo martedì 29 maggio.

Iniziamo con tre “antichità”. Prosegue la serie delle ristampe della discografia anni ’90 di Willy DeVille: la Big Beat del gruppo Ace dopo Backstreet Of Desire e In New Orleans che raccoglieva in unico CD Victory Mixture e Big Easy Fantasy, ora pubblica questo Live In Paris and New York che purtroppo non è un nuovo disco dal vivo inedito, ma il classico (Live) (proprio così, tra parentesi), quello che conteneva le sue immortali versioni di Hey Joe e Demasiado Corazon, oltre a tutti i suoi classici, registrati dal vivo appunto tra la Francia e gli Stati Uniti. All’origine era uscito su etichetta FNCA. Imperdibile, se vi manca!

Viceversa quello di Joey Ramone “…Ya Know?” è il secondo disco postumo inedito che esce dopo la sua morte. Viene pubblicato dalla BMG/Rough Trade e contiene 15 brani composti tra il 1977 e il 2000 e assemblati dai produttore Ed Stasium e Jean Beauvoir che hanno lavorato con i Ramones durante la loro carriera. C’è anche una Limited Fan Pack Edition con T-shirt e altro che dovrebbe abbondantemente superare i 50 euro.

Altra chicca è il doppio The Supremes At The Copa: Expanded Edition, che esce per la Hip-o-Select/Universal e al vecchio album con 15 brani aggiunge 10 canzoni nel primo CD e altre 21 nel secondo. Si tratta del famoso concerto del 1965 della famosa formazione di Diana Ross. Per essere onesti la legenda dei contenuti recita così:

Disc 1 Tracks 1-15: Original Stereo LP

Disc 1 Tracks 16-25: Alternate Mono Mixes/Previously Unreleased

Disc 2: The Complete Show/previously Unreleased

Poi vedete voi! Sembra interessante, considerando che le ristampe Hip-O-Select hanno anche succosi libretti e un ottimo suono.

 
diana ross live in central park dvd.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
clarence carter the fame singles.jpgspirit two sides.jpg

 

 

 

 

 

 

Visto che siamo in zona Diana Ross vi segnalo anche il famoso Live In Central Park, giù uscito il 15 maggio per la Shout Factory negli Stati Uniti e ora in uscita anche da noi come Universal. Si tratta della versione in DVD del famoso concerto gratuito del 1983 a New York il 21 luglio interrotto da un megatemporale e replicato la sera successiva. Come da lista qui sotto, nel dischetto ci sono entrambi i concerti e qualche extra per un totale di 160 minuti:

1. I’m Coming Out
2. Home
3. Family
4. It’s My House
5. Let’s Go Up
6. Reach Out And Touch (Somebody’s Hand)
7. Supremes Medley: Reflections/Baby Love/Stop! In The Name Of Love/Love Is Like An Itching In My Heart
8. God Bless The Child
9. Mirror, Mirror
10. Maniac
11. You Can’t Hurry Love
12. Upside Down
13. So Close
14. Why Do Fools Fall In Love
15. Ribbon In The Sky
16. Beat It
17. Muscles
18. Endless Love
19. Theme From Mahogany (Do You Know Where You’re Going To)
20. Ain’t No Mountain High Enough
21. All For One
22. BONUS: Complete Shortened Concert From Day 1

Sempre per gli amanti del soul la Ace/Kent pubblica un nuovo capitolo dedicato al materiale “Fame”, questa volta non una compilation ma per un singolo artista, Clarence Carter, meno conosciuto di altri colleghi ma altrettanto valido ed importante (è ancora in pista), è quello di Slip Away, un brano che magari non dice nel titolo ma all’ascolto della canzone. Il CD si intitola The Fame Singles Volume 1 1966-1970.

Ulteriore capitolo della serie delle ristampe della Floating World con materiale “inedito” degli Spirit, si chiama Two Sides Of A Rainbow e riporta in un doppio CD il concerto della band di Randy California in versone power trio, registrato al Rainbow di Londra nel 1978.

 

marcus miller renaissance.jpgsteve smith & vital infromation.jpgrory block i belong to the band.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Nuovo album per il grande bassista Marcus Miller, pubblicato come di consueto dalla francese Dreyfus. Il titolo è Renaissance e vede ospiti la coppia Gretchen Parlato e Rubén Blades nel brano Setembro (Brazilian Wedding Song) e Dr.John in una cover di Tightrope.

Doppio album dal vivo (CD+DVD) per il batterista Steve Smith con i suoi Vital Information. In formazione il vecchio tastierista dei Santana, Tom Coster. L’etichetta è la Varese Sarabande.

La Stony Plain ci regala un nuovo capitolo della lunga saga di album dedicati al Blues dalla bravissima cantante e chitarrista Rory Block, il titolo è I’m In The Band e questa volta l’artista cui viene reso omaggio è il Rev. Gary Davis.

ian tyson raven singer.jpgmarissa nadler sister.jpgpil this pil.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Sempre su etichetta Stony Plain esce l’ennesimo album di Ian Tyson, si chiama Raven Singer e come ha dichiarato lo stesso “cowboy canadese”, 78 anni compiuti, è ispirato da due libri, la sua autobiografia e la biografia di Ian & Sylvia.

Marissa Nadler è una delle cantautrici indie americane più interessanti, il nuovo album si chiama Sister perché è il seguito, una sorta di secondo capitolo, dell’album omonimo che aveva pubblicato lo scorso anno sempre per la propria etichetta, la Box Of Cedar. Diciamo di non facilissima reperibilità ma lei è veramente brava, con una voce molto evocativa.

E “last but not least” il nostro amico John Lydon dopo i Sex Pistols riunisce anche i Pil. Riunisce è una parola una po’ forte visto che non c’è nessun musicista della formazione originale, ma This Is Pil dei Public Image Limited per dargli il nome che gli compete esce (dopo molte vicissitudini) per la Pil Official e se aspettate una settimana, a causa di ritardi nella preparazione della confezione, ci sarà anche la quasi immancabile confezione limitata CD+DVD con un concerto registrato all’Heaven Nightclub, con 16 brani, in pratica un concerto intero e dovrebbe costare come un singolo CD.

Bruno Conti

Un “Adeguato ” Testamento” Sonoro! Jeff Healey Band – Full Circle

jeff healey full circle the live anthology.jpg

 

 

 

 

 

 

The Jeff Healey Band –Full Circle:The Live Anthology 3CD+1DVD – Eagle rock/Edel

Forse delle varie uscite postume, per la maggior parte dal vivo, che si sono succedute nei tre anni dalla morte di Jeff Healey avvenuta nel 2008, questo Full Circle mi sembra la più interessante. Non solo per i contenuti musicali (anche Live At Grossman’s -1994 e Songs From The Road sono decisamente buoni) ma anche per le dimensioni dell’opera e per l’ottima scelta dei pezzi. Infatti i compilatori di questo cofanetto hanno cercato di evitare troppe duplicazioni tra i tre diversi concerti che compongono questo Box e direi che ci sono riusciti. Ovviamente il CD e il DVD del concerto del 1991 al St.Gallen Open Air Festival sono identici ma per il resto la scelta del materiale è stata molto oculata e direi che solo tre brani appaiono per due volte, Angel Eyes, My Little Girl e Blue Jean Blues. Il classico degli ZZ Top merita la ripetizione in quanto le due versioni, entrambe molto lunghe, sono piuttosto differenti tra loro, più lenta e bluesata quella al Festival di Montreal del 1989, più tirata e con un lungo intermezzo con wah-wah hendrixiano quella di San Gallo, in ogni caso ottimi esempi della grande carica del chitarrista cieco canadese.

Come saprete Healey è morto a soli 41 anni per una rara malattia congenita che gli ha scatenato una serie di tumori nell’ultimo anno della sua vita e dai quali non ha avuto scampo. Ma prima aveva fatto in tempo a costruirsi una solida reputazione come uno dei migliori chitarristi delle ultime generazioni, con quel suo stile particolare, seduto con la chitarra appoggiata in grembo e suonata a mo’ di lap steel, ma con le sonorità di una solista normale, spesso con il pedale del wah-wah a manetta. Se tra i suoi dischi in studio See The Light, Feel This e Cover To Cover, ma anche Hell To Pay, sono ottimi esempi della sua arte, era soprattutto dal vivo che Jeff Healey sprigionava una potenza indescrivibile! A chi scrive è capitato di vederlo in concerto a Milano al “vecchio” City Square e vi posso assicurare che quando preso da una sorta di trance agonistica il nostro amico si alzava in piedi per cercare di veicolare attraverso la sua chitarra quello che gli ribolliva dentro non aveva nulla da invidiare ai più grandi solisti della storia della chitarra elettrica.

Questi tre album regalano parecchi di questi momenti: oltre alla già citata Blue Jean Blues, una lunghissima Roadhouse Blues che poi si trasforma nel classico di Freddie King Hideaway, una ottima When The Night Comes Falling From The Sky di Dylan che subisce un trattamento alla All Along The Watchtower, Angel Eyes e See The Light, probabilmente i suoi brani migliori, la seconda soprattutto in una versione fantastica, nuovamente ricca di suggestioni alla Hendrix.  Una notevole rilettura di While My Guitar Gently Weeps, uno dei suoi cavalli di battaglia, cinque minuti di pura magia chitarristica.

E nel CD tratto dal broadcast radiofonico dall‘Hard Rock Cafe di Toronto nel marzo del 1995, il più breve, solo 45 minuti, ma forse il più interessante dei tre concerti per i brani contenuti, appaiono tutte cover di altri autori a parte la conclusiva See The Light, che quindi è il quarto brano che appare due volte. Per il resto si ascoltano I Got A Line on You degli Spirit, Stop Breakin’ Down Blues una ripresa vibrante di un classico di Robert Johnson, uno degli slow blues più classici della storia come As The Years Go Passing By e Yer Blues dei Beatles. Stuck In the Middle With You, il vecchio brano degli Stealers Wheel in quegli anni era ritornata in auge per la sua presenza nella colonna delle “Iene” di Tarantino (o Reservoir Dogs se preferite) mentre Evil di Willie Dixon, ma resa imperitura da Howlin’ Wolf, viene riproposta in una versione tipicamente rock-blues. E non poteva mancare l’omaggio a Jimi Hendrix con la sua classica ballata Angel per concludere in gloria questo cofanetto che vale assolutamente la vostra attenzione come degno documento della carriera di questo grande musicista di “culto” e che vi consiglio caldamente. Ottimo lavoro!

Bruno Conti

Una Storia Unfinita. Spirit – The Original Potato Land & Tales From The Westside

spirit original potato land.jpgspirit tales from the westside.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Spirit – The Original Potato Land (includes bonus cd) – Floating World/Ird 2CD

Spirit – Tales From The West – Floating World/Ird 2CD

Qualche tempo fa sulle pagine (virtuali) di questo Blog vi ho parlato di quell’ottimo disco, ora CD, che risponde al nome di Kapt. Kopter and The (Fabulous) Twirly Birds un-grande-disco-hendrixiano-randy-california-kapt-kopter-and.html. Quel disco, hendrixiano fino al midollo, venne registrato nell’interregno della assenza di Randy California dagli Spirit ovvero nel 1972. Quello che molti non sanno è che California l’anno successivo registrò un seguito intitolato The Adventures Of Kaptain Kopter and Commander Cassidy In Potato Land che doveva essere un nuovo album solista (nonostante la presenza del tastierista John Locke degli Spirit in alcuni brani. La casa discografica Epic, sempre lungimirante respinse l’album che quindi entrò nel “paradiso” degli album leggendari e perduti. Poi California riprese la sua avventura con gli Spirit e il disco rimase nel dimenticatoio da dove, improvvisamente, riemerse nel 1981, qundo la Line in Germania ne pubblicò una versione succinta con 11 brani intitolata come l’album originale.

Anche questa versione ha avuto vita breve ma il disco che gode di una vita propria riemerge nel 2006 per la Acadia/Evangeline inglese che lo espande fino a contenere 26 brani (di cui uno è un’intervista). Il “colpevole” di questa nuova versione è Mick Skidmore (ex collaboratore anche del Buscadero nei tempi che furono) che è in un certo senso l’archivista ufficiale del gruppo e che di tanto in tanto dà alle stampe qualche nuovo CD (con materiale inedito in studio o dal vivo). Quando la Evangeline si è trasformata in Floating World ha ricominciato i pubblicare i vecchi dischi del proprio catalogo oltre a parecchie novità. Nel caso presente entrambe le cose: The Original Potato Land ri-esce ulteriormente ampliato a doppio CD con l’aggiunta di ulteriori 15 brani scovati da Skidmore negli archivi della band e che testimoniano il periodo di grande creatività di California in quegli anni (ma vale in generale, una ne pubblicava e cento ne registrava). La nuova tracklist, si spera definitiva, è la seguente:

Disc 1

1)Introduction
2)1984
3)Exit 27
4)Turn to the Right
5)Everything Talks to Me
6)Fish Fry Road
7)Nature’s Theme
8)Information
9)My Friend
10)Walkin’ the Dog
11)Giant Potatoes
12)Lonely In Potato Land
13)Natures Way
14)Salvation: Matter of Time:Suite
15)1984 (reprise)
16)Oil Slick-Million Years Suite
17)Information Reprise
18)It’s Time Now.
Bonus tracks
19)You Know
20)Donut House
21)Ain’t that Too Bad
22)Devil
23)Shotgun
24)Get Out My Life Woman
25)Miss this Train
26)Interview clip with Randy California, Ed Cassidy and Bob Harris April 1973

 

Disc 2

1. We’ve Got A Lot To Learn

2. Potato Land

3. Morning Light

4. Open Up Your Heart

5. Potato Land Prelude

6. Potato Land Introduction

7. Turn To The Right

8. Donut House

9. Fish Fry Road

10. Information

11. My Friend

12. Potato Land March Train

13. Salvation

14. Potato Land Theme (Alt Version)

15. Turn To The Right (Alt Version)


E qui finisce il capitolo Potato Land e si apre quello dedicato a Tales From The New West, che è un altro doppio Cd di materiale inedito che esce sempre in questi giorni, a prezzo speciale come l’altro doppio, sempre a cura di Mick Skidmore che ha ulteriormente indagato negli archivi del gruppo. Questa volta il periodo è quello compreso tra il 1992 e il 1995, quindi gli ultimi anni di Randy California e nella formazione in quegli anni oltre a Ed Cassidy c’erano anche Scott Monahan il tasterista (che ha scritto le note del libretto insieme a Skidmore), oltre a Dave Waterbury e Sarah Fleetwood. Sono 28 brani in tutto dove si alternano lunghe jam, brani inediti, riprese di classici del loro repertorio, il tutto con una qualità sonora assolutamente soddisfacente. Anche in questo caso ecco la lista completa dei brani:

Disc 1

1. Jimmy Brown
2. Dime For A Beer
3. Cold Rainy Night
4. Tales From The Westside
5. Miami Jam
6. 12000 Miles
7. Fresh Garbage
8. Animal Zoo
9. Illusions
10. Going Back To Jones
11. His Love
12. So Little Time To Fly
13. Hip Pretty Child
14. Miami Jam

Disc 2

1. Love From The Heart
2. Living In This World
3. Nature’s Way
4. Island Of Roses
5. Zoo Jam
6. Body For Sale
7. Shame On You
8. Tales From The Westside
9. Cages
10. I Got A Line On You
11. Dark Eyed Woman
12. Sarong
13. All Along The Watchtower
14. Farther Along

Che dire ancora. Buon ascolto, mi dispiace per il portafoglio (mio e vostro) che purtroppo si assottiglia sempre più in questo periodo di grandi “ristampe”!

Bruno Conti

Un Grande Disco “Hendrixiano”. Randy California – Kapt. Kopter and The (Fabulous) Twirly Birds

 

randy california.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Randy California – Kapt. Kopter and The (Fabulous) Twirly Birds – Esoteric Recordings

Questo disco credo sia stato l’album più Hendrixiano mai uscito senza il nome di Jimi Hendrix sulla copertina del disco stesso e anche il migliore, aggiungo (forse con l’eccezione dei primi dischi di Robin Trower).

Emuli hendrixiani negli anni a seguire ce ne sono stati a bizzeffe ma nessuno ha raggiunto l’intensità e la “precisione” di questo disco, forse perché Randy California aveva condiviso una parte del tragitto della carriera di Hendrix quando negli Stati Uniti si esibiva ancora come Jimmy James  and the Blue Flames prima di venire “scoperto” da Chas Chandler. California (così soprannominato da Hendrix per non confonderlo con un Randy Texas che già suonava nel gruppo) sostiene addirittura di essere stato lui a proporsi e di avere mostrato alcune tecniche bottleneck ad un interessato Jimi e non viceversa. Ma non lo sapremo mai: il fatto sicuro è che quando Hendrix si trasferì in Inghilterra per iniziare la sua carriera leggendaria Randy non lo poté seguire in quanto allora era solo un 15enne prodigio (prodigio ma troppo giovane per espatriare secondo le leggi americane) e quindi gli Experience in versione quartetto sono rimasti una chimera.

Ma il giovane Wolfe sotto l’egida del “patrigno”  Ed Cassidy (che aveva sposato la mamma di Randy ma soprattutto ero un notevolissimo batterista di stampo jazz) fonda gli Spirit, che secondo molti sono stati il più grande gruppo progressive (e psichedelico, acid-rock perfino) di quegli anni e forse di sempre, i più bravi, i più eclettici, con quella capacità di fondere l’improvvisazione del jazz con il vigore del rock. Ma saltiamo la storia degli Spirit pari pari e arriviamo all’inizio del 1972, il suo ex gruppo, senza California, ha pubblicato Feedback, che era non un grande disco per usare un eufemismo, e il nostro amico entra in studio per registrare quello che sarà il suo primo album da solista (e unico perché poi si riapproprierà del marchio Spirit). Lo spirito di Hendrix aleggia sulle operazioni anche per il bassista, tale Clit McTorius (spiritosi!) altri non era che Noel Redding che si era portato al seguito il batterista Henry Manchovitz al secolo Leslie Sampson.

Il trio registra tre brani, l’iniziale, poderosa e portentosa, hendrixiana fino al midollo ma nel miglior senso del termine, Downer, una esplosione di chitarre impazzite, voce filtrata e ritmiche spezzate che ancora oggi suona “moderna” come quasi tutta l’opera del mancino di Seattle. La somiglianza con i brani di Hendrix è impressionante, potreste presentarlo in un blind test a qualche vostro amico e spacciarlo per un inedito senza problemi di sorta, e pure di quelli belli watch?v=b0TcAs65YbYLe chitarre impazzano da un canale all’altro dello stereo, Randy California filtra la sua voce sotto tre tonnellate di eco (negli Spirit il cantante principale era Jay Ferguson) e inizia la seconda fase della sua carriera, quella della divulgazione del Credo hendrixiano che avrà il suo compimento negli Spirit riuniti che spesso riprenderanno brani di Jimi Hendrix o di Dylan, ma con spirito hendrixiano, negli anni a venire, con risultati spesso eclatanti (qualcuno ha detto Spirit of ’76?).

Devil, il secondo brano del disco, con le sue atmosfere pigre e sognanti, già indica la strada futura e qui agisce la seconda formazione che si alterna negli otto brani originali del vinile dell’epoca: Cass Strange che è lo pseudonimo scelto da Ed Cassidy e i bassisti Tim McGovern e Larry “Fuzzy” Knight, inutile dire che la qualità della musica è sempre sopraffina. I don’t Want Nobody è la prima cover, un brano di James Brown, che viene sottoposto alla cura California e pur mantenendo dei tratti “neri” nei coretti di mamma e sorella Wolfe e nel basso superfunky, a tutti gli effetti è un’altra “meraviglia” rock con vorticose chitarre ovunque. Day Tripper è la prima delle due cover dei Beatles, con il celeberrimo riff sparato a volumi incredibili mentre anche Mother and Child Reunion di Paul Simon subisce lo stesso trattamento heavy-psichedelico a metà strada tra vecchi e nuovi Spirit risultando comunque sempre godibilissima e feroce al tempo stesso. La formazione con Redding torna per le sperimentazioni ancora in salsa simil-funky futurista di Thing Yet To Come e per la seconda cover dei Beatles, quella Rain che alla sua prima apparizione (e ancora oggi) fu uno dei primi brani psichedelici e acidi della storia del rock, inutile dire che questa versione accentua gli aspetti più sperimentali del brano, li dilata, ma secondo me non li supera, pur restando una ottima versione, la conclusiva Rainbow è un altro breve sketch tipicamente californiano (nel senso di Randy) mentre le tre bonus di questa riedizione della Esoteric (che è uguale a quella fatta dalla Sony) sono i due lati del 45 giri promozionale dell’epoca: una divertente e trascinante Walkin’ The Dog e l’ennesima omaggio all’arte di Hendrix con la deliziosa Live For The Day che illustra il suo lato più black. Conclude le operazioni lo strumentale inedito Rebel registrato nel corso delle stesse sessions.

Randy California muore per annegamento nel tentativo riuscito di salvare l’allora dodicenne figlioletto Quinn, al largo delle Hawaii il 2 gennaio 1997.

Bruno Conti