Pete Townshend e Keith Richards: chi è l’inventore del “mulinello”

Molti, girando per libri e per siti (Wikipedia incluso, che non è la Bibbia), avranno letto della presunta paternità del windmill attribuita al chitarrista degli Stones.
Vero, lo ammette anche il buon Pete, il primo a cui lo ha visto fare è stato proprio Keith Richards, e qui cadrebbe un mito!
Perchè dico cadrebbe: in effetti l’episodio preciso lo ha raccontato lo stesso Townshend all’interno del capitolo Guitar Heroes a sua volta all’interno della bellissima Storia del Rock al solito in inglese History of Rock’n’roll, quintuplo dvd che era stato pubblicato dalla Warner Home Video anche in Italia con sottotitoli, ora fuori catalogo ma magari import si trova ancora, cercatelo perchè ne vale la pena.
Il filmato che accompagna quella breve intervista è proprio quello che vedete qui sopra (con Pete Townshend barbuto): per farla breve, correva l’anno 1963, gli Who si chiamavano ancora Detours e in quel di Putney aprivano per il concerto degli Stones.
Finita la propria esibizione Townshend si ferma a guardare il riscaldamento preconcerto dei propri idoli: tra gli altri c’è Keith Richards accovacciato che sta facendo dello stretching e nel contempo con entrambe le braccia fa dagli ampi mulinelli per favorire la circolazione del sangue. A questo punto, a sorpresa, si apre il sipario e Richards con assoluta nonchalance prosegue con questi ampi mulinelli che finiscono sulle corde della chitarra, tripudio del pubblico e Pete Townshend stregato dal trucchetto decide di provarlo anche lui.
Passa qualche mese e gli Who nel frattempo sono diventati famosi, quindi il nostro nasuto amico decide di affrontare Richards: “Scusa Keith, volevo chiederti se posso copiare il tuo mulinello?”. A questo punto Townshend dice che Keith Richards “mi ha guardato come se fossi un verme!”, testuali parole e in quel momento ho realizzato che non si ricordava una mazza di quella serata.
Nascevano contemporaneamente uno degli stili di suonare la chitarra tra i più inconfondibili (ed efficaci, perchè quella tecnica, per chi la sa usare, come ha detto Pete dà una potenza di suono devastante, vedi riff nel filmato) e una delle “false leggende” del rock più false.
Bruno Conti
Pete Townshend e Keith Richards: chi è l’inventore del “mulinello”ultima modifica: 2009-11-13T15:23:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *