See You Later Alligator. Bobby Charles Abbeville, Louisiana 1938-2010

Charles12.jpg

bobby charles.jpg

 

 

 

 

 

 

Silenziosamente e discretamente come ci aveva sempre abituato, se ne è andato Giovedì 14 gennaio 2010 Robert Charles Guidry in arte Bobby Charles, uno dei più grandi artisti prodotti da quella feconda fucina di talenti che è la Louisiana, New Orleans in particolare (anche se lui era originario di Abbeville una piccola località nella vicinanze).

Già toccato dalla grande fama alla giovanissima età di 17 anni, quando un suo brano See You Later Alligator, nella versione di Bill Haley divenne un megasuccesso nelle charts americane, uno dei primi R&R della storia, poi non ha saputo capitalizzarne il successo e la sua è stata la classica carriera del perfetto artista di culto. Amato ed osannato dalla critica e dai suoi colleghi ma poco conosciuto dal grande pubblico.

Anche il suo stile, partendo da un R&R misto al R&B con profumi di New Orleans, cajun e jazz, ha contribuito a farlo divenire uno degli inventori della cosiddetta swamp music. Oltre a tutto a conferma del suo status di culto per moltissimi si trattava di un artista di colore, mentre Bobby Charles era un bianco.

Pochi anni dopo, nel 1958, una sua collaborazione con Fats Domino, Walkin’ To New Orleans è stato un ulteriore enorme successo ed è diventato uno dei grandi standard del Rhythm and Blues. Questa è la versione di Neil Young in versione Zorro da un tributo del 2005!

Poi, pur continuando a fare musica e comporre nuovi brani, un lungo silenzio interrotto dalla pubblicazione nel 1971 del suo omonimo album d’esordio, pubblicato dalla Bearsville l’etichetta di Woodstock di proprietà di Albert Grossman, il manager di Dylan e della Band. Proprio questi ultimi, in compagnia di Dr. John, partecipano in massa alla registrazione di quell’album (tutti meno Robbie Robertson): si tratta di un classico esempio di quello stile tipico del Sud degli States, rilassato, laid-back si dovrebbe dire e, scusate la ripetizione, rimane un piccolo classico (è quello effigiato ad inizio post). Tra l’altro proprio lo scorso anno la Rhino lo ha ripubblicato nelle loro classiche versioni rimasterizzate. E’ uno di quei dischi che bisogna avere, contiene le sue versioni di Tennesse Blues e Small Town Talk.
Promozione zero, problemi con la casa discografica, dobbiamo aspettare il 1976 per rivederlo ( si fa per dire, nel film non si vede) nel cast di Last Waltz.
Nel 2008 ha pubblicato il suo ultimo album Homemade Songs (il quinto, credo, della sua carriera), con risultati altalenanti e critiche difformi, come sempre, purtroppo. Questo era il massimo della promozione che si poteva concedere.

beth mckee foto.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Beth McKee gli ha dedicato, sul finire del 2009, un bel tributo, tutto di suoi brani, intitolato I’m That Way, lo vedete qui sopra.

Il 23 Febbraio uscirà, postumo (un classico della sua vita), Timeless, l’ultimo album che aveva realizzato con la collaborazione di Dr. John, RIP.

Bruno Conti

See You Later Alligator. Bobby Charles Abbeville, Louisiana 1938-2010ultima modifica: 2010-01-17T18:33:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *