Uomini E Donne: Peter Karp & Sue Foley

peter karp sue foley he said she said.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Peter Karp & Sue Foley – He Said She Said – Blind Pig Records 2010

In effetti ho barato nel titolo del post, ma appena appena, a ben vedere sono “un” Uomo e “una” Donna, ma mi faceva comodo per il titolo per cui mi sono allargato un attimo: per curiosità, vuoi vedere che usando queste due magiche parole mi ritrovo dei visitatori nel Blog che credevano di leggere le ultime avventure degli eroi della mitica Maria? Se siete capitati per caso benvenuti, comunque, nel caso, i nomi di cui si trattava erano ben specificati e non essendo dei “concorrenti” internazionali mi sa che sono dei musicisti.

Per tutti gli altri in risposta al classico, chi sono costoro?, vediamo di esplicare.

Sue Foley è una rossa chitarrista ( e suona ragazzi x98t77_blues-sue-foley-same-thing_music) e cantante canadese, con una lunga militanza in Texas, fa dell’ottimo blues e ha già registrato dieci album più uno in trio con Deborah Coleman e Roxanne Potvin. Peter Karp è un personaggio più enigmatico: una prima di parte di carriera sul limitare della discografia ufficiale, poi un ritiro di dieci anni per crearsi una famiglia, un ritorno agli inizi degli anni 2000, un paio di album pubblicati a livello indipendente e un CD Shadows and Cracks per la Blind Pig nel 2007, anche lui ama il blues ma a livello più rootsy e cantautorale. Quindi come si incontrano?

Come direbbe Maria, da uno scambio di mail e lettere per una collaborazione nel nuovo Cd di lui, nasce una relazione musicale più profonda, un brano tira l’altro e decidono di registrare insieme questo He said She Said. Ma si vogliono bene? Chissà!?!

Lei ha quella voce tipica della blueswoman texana (ma è canadese, già detto attenti!), indolente e birichina, lui ha il vocione del folksinger trasformato in bluesman ed una maggiore propensione per la composizione (nove dei quattordici brani sono suoi, gli altri cinque della Foley); comunque si integrano molto bene anche se ognuno, musicalmente parlando, sta un po’ sulle sue, non è che i duetti si sprechino, ma ci sono.

Si parte a trazione fortemente blues con l’iniziale Treat me right, firmata da Karp e cantata in coppia dal duo, la solista della Foley e la slide di Karp duellano con gusto, mentre le voci si intrecciano con misura anche se la Foley si fa preferire ( o sarà che la conosco di più ed ho sempre avuto una particolare predilezione per i suoi dischi). So far so fast è una di quelle canzoni gustose, vagamente retrò e deliziose che costellano la discografia della Foley, ritmi moderati e voce piaciona. Wait è un grande brano di Karp che lo canta con un piccolo aiuto di Sue Foley nelle armonie vocali: molto Dylaniano, con un organo che caratterizza il suono e la chitarra della Foley che punteggia con una bella serie di interventi il tessuto sonoro della canzone, gran bella musica. Rules of engagement è un altro brano molto bluesato con le chitarre, sempre misurate, sugli scudi, canta ancora la Foley, Karp alla slide e seconda voce accompagna. A questo punto il disco si ammoscia un tantinello, Hold on baby, impianto sonoro prevalentemente acustico e armonica d’ordinanza non decolla, Mm Hmm scritto da Karp ma interpretato da entrambi, già dal titolo non brilla per originalità, nonostante l’intervento di una sezione di fiati con tanto di trombone rimane incompiuto. Danger Lurks è un brano acustico firmato dalla Foley, francamente noioso nonostante gli arpeggi della chitarra. Ready for your love è la controparte di Karp del brano precedente, un po’ meglio ma non entusiasmante. Il disco si rianima con il blues jazzato di Scared cantato con passione dalla Foley e con Valentine’s Day, un duetto tra i due più animato delle canzoni precedenti, anche se… Dear Girl, è una bella country song cantata da Peter Karp con le solite armonie vocali della Sue mentre Baby Don’t Go è semplicemente una bella canzone dal vago andamento di valzer con la voce e la chitarra della Foley ben focalizzate. Si conclude in tono minore con la malinconica Regret e la dolce Lost in you, entrambe molto piacevoli. Dimenticato qualcosa? Direi di no!

Bruno Conti

Uomini E Donne: Peter Karp & Sue Foleyultima modifica: 2010-03-10T19:06:59+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *