Great Rock(blues) From Italy. W.I.N.D – Walkin’ In A New Direction

w.i.n.d. walkin' in a new direction.jpg

 

 

 

 

 

 

 

W.I.N.D. – Walkin’ In A New Direction – Artesuono Records/Ird

Per essere precisi, come orgogliosamente annunciato nel loro MySpace, Jam Bluesy Power Trio from East Coast, aggiungo io (Ok a voler essere pignoli Cavalicco in provincia di Udine non è proprio sul mare, ma è lì a due passi).

La recensione “ufficiale” la trovate sul Buscadero di Maggio (quando esce l’album), per ingannare l’attesa due parole in libertà su questi ottimi musicisti che non hanno nulla da invidiare alla crema del rock mondiale nel loro genere.

Il primo album, omonimo, è uscito nel 2000 (quindi quest’anno festeggiano dieci anni di attività anche se la formazione, un paio di anni fa, è cambiata per due terzi), poi gli altri dischi con una cadenza biennale salvo nel 2008 quando non avendo nulla di pronto, astutamente, hanno ripubblicato il primo CD con nuova grafica e contenuti aggiunti. Nel 2004 hanno suonato nel disco di Johnny Neel (mitico tastierista aggiunto di Allman Brothers Band e Gov’t Mule) che, a sua volta, ha spesso collaborato con loro e si è espresso in modo lusinghiero sui suoi compagni di avventura definendoli così: “Gli W.I.N.D. sono un power trio con una potenza, capacità di scrittura e di improvvisazione che non sentivo dai tempi dei Gov’T Mule con Allen Woody”, ciapa lì e metti in cascina!

Una curiosità sul live del 2006 (ma inciso nel 2005): girando per siti a un certo punto sono capitato su una recensione, peraltro ottima, dove il gruppo veniva definito una Polish (maiuscolo) band, quindi l’internazionalizzazione prosegue, stiamo annettendo nuovi territori.

Ma veniamo a questo CD, brevemente (non alla Biscardi, spero): le danze si aprono con la tiratissima e riffatissima Amnesia, con il basso di Fabio Drusin (bassista dalla tecnica e dalla potenza mostruose, attualmente, tra i migliori al mondo, per il sottoscritto) a disegnare ghirigori incredibili inseguito dalla batteria di Silver Bassi (e qui siamo nell’ambito degli ossimori, un batterista che si chiama Bassi) e dalla chitarra dell’enfant prodige Anthony Basso, che divide anche gli interventi vocali con Drusin; ottimi gli interventi del piano elettrico dell’ospite Glauco Venier e del basso con wah-wah di Drusin. Come se gli anni ’70 non fossero mai finiti o un ritorno di fiamma? Che inizio e il seguito è anche meglio: la successiva Deja Vu With The Blues molto zeppeliniana e quindi vicina anche agli ultimi Gov’T Mule, con il basso di Drusin a duellare con il drumming Bonhamiano di Bassi e la chitarra di Basso a cesellare assoli degni del miglior Jimmy Page, finale a sorpresa con l’assolo di trombone dell’ospite Mauro Ottolini che vira la musica verso lidi jazzati e orientaleggianti. My solitude, con quella andatura indolente a cavallo tra l’epica Younghiana e certo southern glorioso dei tempi che furono una volta si sarebbe definita una power ballad, con la costruzione del brano tutta tesa all’esplosione liberatoria dell’assolo di chitarra fantastico e lirico di Basso, brano fantastico. Wastin’ My Time come dico anche nell’altra recensione che leggerete (mi posso citare?), forse anche per la voce di Basso mi ha ricordato certe cose dei Rush più progressivi degli anni ’70, quelli che tiravano e pompavano come dei dannati, sempre con questo basso (nel senso di strumento bisogna stare attenti!) che riempie i canali del vostro stereo con una veemenza inusitata e soliste che oscillano tra slide e wah-wah. Wah-wah che è il protagonista assolutto della Hendrixiana Unbelieve ma tutto il brano, cantato da Drusin, oscilla tra Experience e Cream, in perfetto stile jam bluesy power per citarli.

It’s too late to lie è un’altro slow a cavallo tra power ballad e blues con l’ottimo organo di Venier a regalargli quel sentire “sudista” Allmaniano con la chitarra di Basso ancora sugli scudi. C’è spazio anche per il quasi folk psichedelico dell’acustica Demons dove il percussionista U.t. Gandhi, un nome un programma, aggiunge sonorità ancora orientaleggianti. Per la serie se una cover s’ha da fare facciamo che sia “oscura”, Funky To The Bone, se volete sentire l’originale si trova sul quarto CD di What it is’ il favoloso cofanetto della Rhino dedicato alla musica funky anni ’70 meno nota (un Bruno informato), i (o gli?) W.I.N.D la trasformano in una funky jam con slide e organo per divertirsi e divertirci. Beautiful Awareness è un altro episodio psichedelico che ci avvia alla conclusione affidata alla lunga versione in studio di Lucky man uno dei cavalli di battaglia dei loro concerti dal vivo e occasione per una ulteriore epica jam. Ma non finisce qui, breve pausa e parte la “traccia nascosta”, una versione gagliarda di Almost Cut My Hair, uno dei brani più belli regalati da David Crosby all’avventura CSNY.

Se Walkin’ In New Direction è l’acronimo di W.I.N.D (che fatica tutti questi puntini), la nuova direzione piace e parecchio. Grande musica e grande gruppo, italians do it better! Ma cosa? Il Rock! Per ulteriori indagini windbandjampowertrio

Bruno Conti

Great Rock(blues) From Italy. W.I.N.D – Walkin’ In A New Directionultima modifica: 2010-04-24T20:37:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *