Live At New Orleans Jazz & Heritage Festival. The Radiators – Pre-war Blues

new orleans jazz fest.jpgRadiators_band_cropped.jpg

 

 

 

 

 

 

The Radiators – Pre-war Blues – Live At The 2010 New Orleans Jazz & Heritage Festival (Jazz Fest Live)

Allora, tanto per cominciare la copertina non c’entra niente con quella del CD dei Radiators e in generale con quelle dell’edizione 2010 ma era per dare un’idea degli album che vengono prodotti ogni anno relativamente a questo incredibile Festival che si tiene ogni anno in quel di New Orleans lungo l’arco di due week-end tra la fine di aprile e i primi di maggio. Su 11 diversi palcoscenici anche quest’anno hanno suonato qualche centinaio di gruppi e solisti delle più disparate provenienze: qui potete andare a curiosare se vi interessa http://www.nojazzfest.com/, in ogni caso gli headliners erano i Pearl Jam, ma c’erano, tra gli altri, anche Aretha Franklin e Van Morrison per certificare l’ecletticità del cast.

I nostri amici ogni anno registrano decine di concerti che poi vengono venduti sul loro sito, ma, da qualche tempo, un po’ di titoli vengono importati anche in Italia dall’Ird. Tra gli ultimi arrivi, oltre ad un ottimo doppio Allman Brothers Band registrato nella serata del 25 aprile vi voglio segnalare anche quello dei Radiators, sempre stesso giorno ma altro palco per spendere due parole per questa gloriosa formazione.

La “ragione sociale” completa sarebbe The Radiators From New Orleans, ma visto che quest’anno hanno messo in piedi uno show che attinge al repertorio del Blues di prima della guerra si presentavano con quel nome particolare ma sempre loro erano.

Ed Volker, il tastierista e cantante nonché leader del gruppo, i due chitarristi Dave Malone e Camille Baudoin, più Frank Bua alla batteria e Reggie Scanlan al basso. Sono in attività dal 1978 ma non hanno una discografia immane, una dozzina di album in studio e molti CD dal vivo, perlopiù di produzione propria e di non facile reperibiltà. Direi che se riuscite a mettere le mani sui dischi in concerto in generale non vi sbagliate mai, quest’ultimo compreso. Si tratta di una delle formazioni più formidabili in circolazione, una sorta di “nuovi” Little Feat, se quelli “vecchi” non fossero ancora vivi e vegeti, ma il termine di paragone principale è sicuramente quello.

Ritmi molto funky, grandi dosi di blues e rock, fantastici assoli di chitarra incrociati, un tastierista incredibile che si destreggia tra piano, piano elettrico, marimba e organo, in possesso di una voce che sta a metà tra il Lowell George dei giorni migliori e i grandi cantanti della tradizione di New Orleans, da Dr. John ai  Neville Brothers e mille altri e che come pianista oltre al già citato “Dottore” due o tre ideuzze se le gioca con Allen Toussaint, Fats Domino, Professor Longhair o i mitici Bill Payne dei Feat e Garth Hudson della Band per l’incredibile varietà delle sonorità delle sue tastiere.

In Italia non sono conosciutissimi ed è un peccato: per chi li conosce e li ama questo è un ennesimo album dal vivo di qualità eccellente con un repertorio che spazia da Sittin’ On Top Of The World a Goodnight Irene di Leadbelly, passando per una Jack Of Diamonds introdotta da un assolo incredibile di marimba e che finisce con una coda chitarristica (ma un po’ tutto il brano) che avrebbe reso orgogliosi i migliori Grateful Dead. Notevole anche la lunga Go Down Hanna e le riletture elettriche di Delia’s Gone e Corrinna.

Anche chi non li conosce ma ama la buona musica rock, quella ricca di improvvisazione ma sempre in un ambito che pesca anche a grandi mani dalla tradizione della Crescent City come nella saltellante Last Fair Deal Gone Down, che potrebbe essere un brano del repertorio di Fats Domino o Dr. John, anche costoro potrebbero, dovrebbero, trovare pane per i loro denti, un’oretta abbondante di sano rock-blues-errebi-swamp-un filo di jazz e molto funky il tutto abilmente miscelato, a New Orleans lo chiamano Gumbo, noi la chiamiamo buona musica.

Bruno Conti

Live At New Orleans Jazz & Heritage Festival. The Radiators – Pre-war Bluesultima modifica: 2010-07-28T19:57:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *