I Peggiori Dischi Del 2010? Vediamo Chi Ha Coraggio!

lilWayneRebirth.jpgsantana guitar heaven.jpgliz phair funstyle.jpg

 

 

 

 

 

 

 

In attesa di partire con nuove e “vecchie” recensioni mi gingillo ancora un po’ con queste liste di fine anno. Devo dire che ho fatto un po’ di ricerche per trovare delle classifiche sui Peggiori Album dell’album e l’unica di una rivista autorevole che ho trovato è quella di Entertainment Weekly. Sono gli unici che hanno avuto il coraggio di stilare una cinquina dei “Worst Albums of 2010” (io ce li ho in mente ma per timore di minacce fisiche non li direi neppure sotto tortura, che è un controsenso ma ormai l’ho scritto): si tratta dei 3 che vedete qua sopra, ovvero Lil Wayne Rebirth che ha avuto una quasi unanimità di giudizi negativi, Santana Guitar Heaven, che un po’ se l’è cercata (alcuni accoppiamenti sono veramente penosi) e Liz Phair con Funstyle. Gli altri sono Bret Michaels, il “mitico” (alla Galeazzi) cantante dei Poison con Custom Built e Christina Aguilera con Bionic. Quello che è interessante notare è che ( a parte Liz Phair) tutti gli album hanno raggiunto i Top 5 delle classifiche USA e quello della Aguilera è addirittura andato direttamente al n°1 in Inghilterra, salvo far registrare la settimana successiva la più brusca discesa nella storia delle classifiche del Regno Unito precipitando al 29° posto. Questo come curiosità.

Ma ci sono anche quelli più pavidi che hanno annunciato i loro disappointing Albums del 2010, ovvero “Deludenti” e sono perlopiù Blog. Senza citare la concorrenza (sarebbe pubblicità gratuita) vi elenco qualche titolo che, diciamo, non ha incontrato i gusti della critica: nell’ambito dell’Alternative Rock Belle and Sebastian Write About Love, Blonde Redhead Penny Sparkle, l’album omonimo degli Interpol. Ma anche il disco di M.I.A Maya che peraltro appare anche tra i migliori in altre classifiche.

disappointed.jpg

 

 

 

 

 

In un sito appare anche questa divertente foto, prima della lista delle delusioni. E anche qui il n° 1 è M.I.A e il n° 4 MGMT Congratulations. Paura di eventuali ritorsioni? Non si sa mai! Anche i Massive Attack con Heligoland non hanno, per usare un eufemismo, particolarmente entusiasmato, pur vendendo in modo consistente. Ma non dimentichiamo il fenomeno dell’acquisto a scatola chiusa, poi se ti trovi un “tacchino freddo” sono cavoli tuoi. Oltre a M.I.A. e Blonde Redhead che spopolano in varie liste anche l’ultimo di John Legend con i Roots Wake Up non è piaciuto a molti. Anche le Hole di Nobody’s Daughter, nuovamente MGMT e Broken Bells tra coloro che appaiono anche tra i migliori. Con mia sorpresa viene (mal)trattato anche il disco di Sarah Harmer Oh Little Fire che viceversa al sottoscritto era piaciuto molto delizie-pop-estive-canadesi-sarah-harmer-oh-little-fire.html, ma ognuno ha il diritto di esprimere il suo giudizio.

Ma poi non è vero che solo i Blog si sono esposti in questo senso: il NME qualche album deludente, fuori dai denti, l’ha elencato, a titolo personale del giornalista o del lettore che ha scritto. E quindi vai con i Midlake e Sufjan Stevens The Age Of Adz (stai attento Luke Lewis!), ma anche Cee Lo Green, Kings Of Leon, Paul Smith Margins (e chi cacchio è?), Massive Attack di nuovo, The Drums, Klaxons e molti lettori che non apprezzano gli Arcade Fire che si sono piazzati al n° 2 tra i migliori.

Ci sarebbero poi le delusioni in ambito metal, hip-hop e reggae ma ve le risparmio se non siete fans del genere.

Però sotto tortura forse i Santana mi sarebbe scappato pure a me! Disappointing naturalmente. E a voi?

Bruno Conti

I Peggiori Dischi Del 2010? Vediamo Chi Ha Coraggio!ultima modifica: 2011-01-01T19:13:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *