Riuscirà Una Delle Migliori Band Sul Pianeta A Farsi Pubblicare I Propri Dischi? Hothouse Flowers -Goodnight Sun

hothouse flowers goodnightbanner.jpg

 

 

 

Hothouse Flowers – Goodnight Sun – 2CD Self Released

Ce l’abbiamo fatta! Non purtroppo a farlo pubblicare, quello no, ma almeno mi sono deciso a parlarne che è il primo passo verso una maggiore conoscenza di questa meravigliosa Band (almeno si spera) e di questo stupendo disco dal vivo.

Intanto due parole sugli Hothouse Flowers che in circa 25 anni di carriera (con alcune pause) si sono trasformati dalla “Best Unsigned Band In Europe” come li aveva definiti la rivista Rolling Stone nel lontano 1985 al “Miglior gruppo senza contratto nel mondo” di oggi. Considerevoli passi avanti direi. Quando apparvero, prima sulla scena irlandese e poi dovunque, con la loro eccitante miscela di rock, soul, gospel e musica celtica che in mancanza di un termine migliore definiremo Celtic Soul, nessuno si sarebbe aspettato che sarebbero diventati prima così famosi e poi sarebbero scomparsi in una sorta di oblio. Cinque album pubblicati nella prima fase, quella più gloriosa, con i fantastici People del 1988 e Home del 1990 che rimangono tra i dischi più belli pubblicati in quegli anni. Poi, dopo il Live del 1999 una lunga pausa che li porta alla pubblicazione dell’ottimo Into Your Heart nel 2004, l’ultimo album di studio del gruppo, pubblicato a livello indipendente dall’etichetta RubyMusic. Il leader e cantante Liam O Maonlai ha pubblicato un album solista intitolato Rian nel 2005 (in precedenza nel 1995 aveva dato vita agli ALT con Andy White e Tim Finn). Questo in breve e sulla carta la carriera di questo straordinario gruppo irlandese che negli anni ’80 duellava in popolarità con gli U2 almeno sulla scena irlandese e inglese, ma c’era posto per entrambi come erano soliti dire e in fondo Bono e soci erano quelli che avevano permesso loro di incidere i primi brani per l’etichetta Mother.

Ma i quattro irlandesi continuano a fare musica e che musica! Liam O Maonlai non ha perso una virgola della sua proverbiale carica, i loro concerti, per chi può assistervi, sono sempre dei piccoli eventi. Questa serata in particolare in quel di Kansas City, Missouri al Kansas City Irish Festival del 2009, anche per i loro standard, rimane uno dei punti più alti della loro carriera.

Sono 13 brani sparsi su 2CD (che potete trovare sul loro sito news.asp o, con grande fatica, anche in qualche negozio italiano, a prezzi elevati, ma vale ogni singolo centesimo dell’investimento) che ripercorrono il meglio della loro carriera più alcune covers fantastiche.

Le “danze” (é proprio il caso di dirlo) si aprono con una sinuosa versione di Santa Monica, un brano che coniuga il meglio della musica americana da highways con le melodie della musica irlandese, rock come se ne ascolta poco in giro, una sezione ritmica agile e inventiva, la chitarra di Fiachna O Braonain e il piano elettrico e la voce espressiva di Liam ti prendono per mano e ti portano sulle strade della California e del mondo, tra gli svolazzi soul delle armonie vocali del gruppo, una meraviglia tanto per cominciare, se proprio volete una pietra di paragone pensate al Van Morrison più rock di Wavelength (e il mitico Van The Man rimane sempre il punto di riferimento della musica degli Hothouse Flowers).

Ma il quartetto irlandese ama anche le proprie origini e spesso esegue in concerto struggenti arie popolari cantate in gaelico come la successiva Ar Bhruach na Laoi che si inserisce senza soluzione di continuità in una versione di I Can See Clearly Now (il pezzo reggae di Johnny Nash) che definire sontuosa è farle un torto, quasi dieci minuti di musica in crescendo e in apnea dove viene estratta ogni singola stilla di quanto di meglio ci si possa ascoltare dalla musica dal vivo, partecipazione del pubblico, melodie incredibili, una intensità quasi dolorosa tra i picchi e valli della canzone che rimane la versione di riferimento e inarrivabile di questo standard del rock. La parte centrale ti trascina e trasporta con una veemenza inarrestabile. Difficile fare della musica migliore.

Ma la successiva Forevermore è un altro piccolo gioiello di equilibri sonori, una canzone che è un inno alla speranza cantata con grande slancio da O Maonlai (forse i cognomi impronunciabili sono l’unica cosa negativa di questo complesso) e scivola su una base musicale quasi antemica, che è una caratteristica del sound della band, questa tendenza a fare della musica semplice ed epica al tempo stesso, caratteristica dei grandi talenti ma che non ha portato loro fortuna dopo l’innamoramento iniziale. Ovviamente il pubblico apprezza. Isn’nt It Amazing è una lunga ballata rock evocativa, ancora illuminata dalla chitarra di Fiachna e dal piano elettrico di Liam, che estrae dalle corde vocali una interpretazione struggente sorretto dall’urgenza della sezione ritmica che propelle il ritmo del brano con una costante accelerazione verso lidi rock’n’soul e tra delicate armonie vocali (tutte frutto del genio della band che sembra più numerosa dei quattro elementi che la compongono). In questo brano mi ricordano i momenti più epici di un altro grande e sfortunato complesso, i Waterboys di Mike Scott nel periodo della “Big Music” di This Is The Sea, altro grande musicista tra genio e sregolatezza, a livello musicale, a livello personale non mi permetterei mai di giudicare.

Be good è uno dei loro brani più celebri e anche orecchiabili, se volete, con un ritornello cantabile e un groove divertente e ritmato che fonde ancora una volta la migliore musica pop con il soul e la canzone d’autore in modo perfetto. Sweet Marie è uno dei momenti più intimi del concerto, una dolce canzone appoggiata su una chitarra acustica e sul piano acustico del leader che canta con grande impegno cercando di ricreare quei momenti catartici (mi è venuto così) tipici della musica del grande Van già citato in precedenza ( e che verrà a sua volta citato nella seconda parte del concerto con una pillollina di In The garden, da No Guru No method No teacher), e ci riesce anche. Semplicemente bellissima!

Il primo CD si conclude con un’altra meraviglia sonora che risponde al nome di Trying To Get Through, altri dieci minuti di goduria musicale (ma brani scarsi o mediocri non ce ne sono), un’altra perla di gospel profano in cui il rock e la musica soul si mescolano in modo inestricabile e divino.

Il secondo CD è composto solo da cinque brani ma che brani ragazzi! Si parte con l’intensa An Emotional Time dove Liam o Maonlai si cimenta anche in alcuni arditi falsetti sostenuto dalla slide di O Braonain per una ballata mid-tempo dalle atmosfere sognanti. Poi è party time! Si inizia con gli oltre tredici minuti della stupenda Your Love Goes, altro brano dal crescendo inarrestabile, punteggiato da una chitarra wah-wah malandrina e dalle imprenscindibili (sto esaurendo i vocaboli) armonie vocali. Fa la sua apparizione anche un flauto quasi da folk celtico che aggiunge un’aria paesana alle procedure musicali prima delle sciabolate rock della chitarra che illuminano la notte del Missouri. Anche nelle parole della band che potete trovare sul loro sito pare che quella sia stata una serata magica e irripetibile, fortunamente fermata su nastro (si diceva così una volta) per i posteri. Il finale call and response con il pubblico, in puro stile gospel, su disco probabilmente non rende l’eccitazione della musica ma almeno ci prova. Altri dodici minuti per le travolgenti arie celtiche e gaeliche della bellissima Si De Mhamo I, tra rock e musica popolare nella migliore tradizione della musica irlandese. Ancora un brano gaelico, lento e maestoso, Amhkran na Tra Baine che forse spezza un po’ i ritmi del concerto prima del gran finale con la profetica Don’t Go, oltre 16 minuti di pura gioia sonora per uno dei loro cavalli di battaglia, che mescola anche musica africana, ritmi cubani e tanto altro al melting pot caleidoscopico della musica degli Hothouse Flowers per un finale festoso e quasi infinito che conferma la loro incredibile ecletticità (a questo punto ho esaurito aggettivi ed avverbi per almeno 2 o 3 Post).

In due parole: “Una meraviglia”! Scusate il ritardo con cui ne ho parlato e confermo che si tratta di uno dei dischi dal vivo (e in assoluto) più belli del 2010 appena finito. Buona ricerca!

Bruno Conti

Riuscirà Una Delle Migliori Band Sul Pianeta A Farsi Pubblicare I Propri Dischi? Hothouse Flowers -Goodnight Sunultima modifica: 2011-01-02T19:09:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *