Troppa Grazia! Jeff Beck – Live And Exclusive From The Grammy Museum

jeff beck live grammy museum.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Jeff Beck Live And Exclusive From The Grammy Museum – Deuce Music/Atco

Jeff Beck è un arzillo signore che porta molto bene i suoi 66 anni (al di là dell’improponibile colore corvino dei suoi capelli) e in questo ultimo periodo ha ripreso a fare musica con gusto e vigore. Diciamo che questa rinascita musicale (e di qualità) più o meno coincide con le apparizioni al Crossroads Guitar Festival di Clapton, prima nel 2004 e poi con la sua nuova scoperta, la giovanissima Tal Wilkenfeld nel 2007. Il suo disco del 2003 Jeff, diciamolo francamente e usando un’espressione gergale faceva abbastanza “cagare”. OK, sarà stato pure candidato al Grammy ma quella svolta elettronico/chitarristica era penosa, poi dal 2004 una sorta di rinascita graduale, con qualche ricaduta, tipo la partecipazione in un episodio di American Idol nel 2007 accompagnando Kelly Clarkson non entrerà nella storia del rock (anche se era un brano di Patty Griffin Up On the Mountain). Poi la partecipazione al Crossroads del 2007 che segnava la partenza di un tour culminato in una serie di concerti che hanno visto la pubblicazione del CD Live At Ronnie Scott’s (con la partecipazione di Eric Clapton, Joss Stone e Imogen Heap) poi ampliato in un DVD molto più lungo che ha vinto il Grammy come miglior DVD musicale l’anno successivo ed è stato certificato disco di Platino per le vendite. E’ stato anche “eletto” nella Rock And Roll Hall Of Fame nel 2009 con la presentazione dell’amico/nemico Jimmy Page.

Ai Grammy del 2010 ha suonato How High The Moon in onore di Les Paul con Imelda May al canto. Nel mese di aprile è uscito il nuovo album Emotion & Commotion, il suo migliore da lunga pezza, di cui vi ho parlato diffusamente. Ora esce questo album dal vivo che non ha una reperibilità fantastica, almeno in Europa e ancora una volta conferma il suo stato di grazia e ci ritorniamo fra un attimo. Ma non è finita, per la serie “troppa grazia” alla fine di febbraio uscirà un altro CD dal vivo (e DVD o BluRay, molto meglio, visto la maggiore durata) intitolato Rock’n’Roll Party (Honoring Les Paul) accompagnato da Imelda May con la sua band e ospiti come Brian Setzer, Gary Us Bonds e Trombone Shorty, ma questa è un’altra storia!

Torniamo a questo CD, che ha un unico difetto, la brevità, solo 32 minuti. Per il resto è un ottimo concerto solo strumentale con l’eccezione appunto di How High The Moon. Nel quartetto che accompagna Beck non c’è più la Wilkenfeld al basso, purtroppo, sostituita dalla pur brava Rhonda Smith ma c’è un esplosivo Narada Michael Walden alla batteria e il solito Jason Rebello alle tastiere. Il nostro amico conferma di essere uno dei più grandi chitarristi della storia del rock (e dintorni), la famosa triade Clapton, Beck & Page è sempre stata ai gradini del piedestallo dove stava Jimi Hendrix anche se la rivista Rolling Stone lo ha piazzato solo al 14° posto ( ma in altre è nei Top 3)!

Sono otto brani, metà tratti dall’ultimo Emotion & Commotion: la versione di Corpus Christi Carol adattata da Benjamin Britten (non la versione vocale ripresa da Jeff Buckley), l’esplosiva Hammerhead, una bella versione di Over The Rainbow che più la sento più mi piace, Nessun Dorma che sarà “tamarra” a livello di idea e concetto ma suonata da Jeff Beck ha un suo fascino particolare. Non manca la sua versione personale e fantastica di A Day In The Life, per chi scrive la più bella canzone in assoluto dei Beatles e che in questa versione strumentale oltre a vincere premi ovunque si segnala per un gusto ed una tecnica sopraffini. Completano la scaletta lo slow Blues Brush With The Blues l’unico brano decente dell’album Who Else e la cover di People Get Ready senza la partecipazione del vecchio pard Rod Stewart.

Registrato dal vivo al Grammy Museum di Los Angeles il 22 aprile del 2010, questo è il Jeff Beck che ci piace, efficace, conciso ed ispirato!

Bruno Conti

Troppa Grazia! Jeff Beck – Live And Exclusive From The Grammy Museumultima modifica: 2011-01-15T19:36:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *