Gironzolando Per Classifiche. Clamoroso Al Cibali! I Decemberists al N°1 Delle Classifiche USA

decemberists the king is dead.jpgthe script.jpgsocial distortion hard times.jpggregg allman low country blues.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Ogni tanto mi faccio un giro per le classifiche di vendita “all over the world” alla ricerca di qualche buona notizia sulla discografia mondiale ma il più delle volte me ne torno scornato o al massimo trovo un disco interessante di cui parlare sul Blog (a proposito, l’avevo già segnalato mesi fa, ma visto che ormai il Blog consta di 465 Post e oltre 90 pagine da visitare, non tutti quelli che lo scoprono si fanno un giro a ritroso fino alle origini, per cui ve lo linko di nuovo, si chiama Charts all over the world e trovate qualsiasi tipo di classifica, di qualsiasi paese vi venga in mente e quindi per il vostro divertimento http://www.lanet.lv/misc/charts/).

Questa settimana sembrano tornati gli anni ’70 (in quanto a buona musica non per il genere musicale, ma un po’ sì!), la classifica americana recita così:

1) The Decemberists – The King Is Dead (disco bellissimo che mi riprometto di trattare approfonditamente nei prossimi giorni, quello che manca è il tempo per parlare di tutti gli argomenti e comunque su tutte le riviste musicali è stato un plebiscito, super consigliato!)

2) Kidz Bop Kids – Kidz Bop 19 per la serie nessuno è perfetto, si tratta di un album dove dei ragazzini cantano molti successi nuovi e vecchi ed è arrivato al n.19 della serie, questo non ve lo consiglio, a meno che non siate fans delle trasmissioni di Antonella Clerici e Gerry Scotti!

3) The Script – Science & Faith il secondo disco del trio irlandese dopo aver raggiunto, qualche mese fa, il primo posto delle classifiche inglesi e irlandesi esordisce al terzo posto di quelle degli States. Non sono malaccio, non mi fanno impazzire ma nel piattume generale…

4) Social Distortion – Hard Times and Nursery Rhymes anche i veterani del punk rock americano, sempre guidati dall’ottimo Mike Ness, dopo oltre 30 anni di onorata carriera e a sette anni dal precedente centrano la posizione più alta mai raggiunta nelle classifiche di vendita!

5) Gregg Allman – Low Country Blues questa poi è clamorosa! E con un disco di pezzi di Blues per niente facile, ma bellissimo. Ma allora c’è ancora speranza!

e qui con Warren Haynes

 

E in Inghilterra cosa succede? Niente di buono se non che Rumer resiste nei Top 10 dopo 12 settimane e i Mumford and Sons all’11 dopo 68 settimane di permanenza nelle classifiche di vendita, per il resto stendo un velo pietoso ( solite facce e soliti culi o viceversa, o anche insieme), almeno per me. Se volete verificate!

Nella vicina Irlanda non va molto meglio: salviamo Adele che con il nuovo 21 esordisce al n°1 (in Inghilterra stranamente non appare ancora) e gli Iron and Wine al n.14 con Kiss Each Other Clean.

Nella lontana Australia non va molto meglio, sì ci sono Angus and Julia Stone ancora al 10° posto ma il disco ormai è in classica da 45 settimane, bel disco comunque.

Nella vicina Nuova Zelanda i Mumford and Sons sono sempre al primo posto (ma quanti dischi hanno venduto in tutto il mondo?).

Non male anche in Canada con i Pearl Jam direttamente al secondo posto con Live On Ten Legs, i Decemberists al 4°, The Script al 6° e Mumford and Sons all’8°.

Qualche curiosità qua e là: in Svezia The Promise di Springsteen è 10° e i Social Distortion 11°, in Norvegia c’è una antologia dei Bellamy Brothers al n.2 (ma la settimana scorsa era 1°) mentre guida la charts Sie Gubba con Alt Du Vil Ha ( e chi cacchio è? Adesso con la fortuna che mi ritrovo tra qualche giorno arriva qualche fan che si lamenta)!

Per la serie consoliamoci perché c’è a chi va peggio, in Olanda al n°1 troviamo il mitico Marco Borsato che ha iniziato la sua carriera di successi con una cover in olandese di Storie di Tutti i Giorni di Riccardo Fogli.

Per concludere su una nota di speranza: di tutti i paesi del mondo che uno potrebbe pensare chi l’avrebbe mai detto che al n°1 in Portogallo ci sono i Pearl Jam!

Per oggi è tutto, passo e chiudo!

Bruno Conti

Gironzolando Per Classifiche. Clamoroso Al Cibali! I Decemberists al N°1 Delle Classifiche USAultima modifica: 2011-01-28T20:00:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *