Novità Di Maggio Parte I. John Martyn, Blind Boys Of Alabama, Tara Nevins, Eliza Gilkyson, Lou Reed, John Mayall Eccetera

john martyn heaven and earth.jpgblind boys of alabama take the high road.jpgjeffrey foucault horse latitudes.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Anche Maggio inizia scoppiettante con una nutrita serie di uscite. Confermo i Fleet Foxes Helplessness Blues che vi avevo annunciato da mesi e che è veramente bello, il Live At Benaroya Hall della Brandi Carlile con orchestra al seguito, anche questo bellissimo e, solo per il mercato americano, il nuovo Stevie Nicks In Your Dreams, che uscirà a giugno in Europa.

Anche per il nuovo album postumo di John Martyn Heaven and Hell uscite differenziate. Stranamente esce prima negli Stati Uniti il 3 maggio, mentre il 17 sarà pubblicato anche in Europa. Quello che accomuna le uscite è la “stranezza” delle etichette, Liaison negli States e Hole In The Rain in UK, speriamo per la reperibilità in Italia. Questo era il disco al quale John Martyn stava lavorando poco prima della sua morte e che è stato completato da Gary Pollitt e Jim Trullio, pare sia molto bello con la consueta serie di ballate malinconiche, struggenti e intime come era caratteristica di questo fantastico cantautore, uno dei più grandi prodotto dalla terra d’Albione. Uno dei miei preferiti di sempre.

Tornano anche i Blind Boys Of Alabama con Take The High Road. Anche per il formidabile sestetto americano uscite differenziate, il 3 maggio in Usa per la Saguaro Road Records e la settimana successiva in Europa per la Proper Records (ma spero nell’Ird per una uscita alla pari). Si tratta di un disco country gospel, o meglio gospel con forti venature country. Vede la partecipazione di molti ospiti che duettano con i Blind Boys come d’altronde è nella loro tradizione: Jamey Johnson, che è anche il produttore, Willie Nelson, Vince Gill, Lee Ann Womack, Oak Ridge Boys e Hank Williams Jr. Divertimento garantito!

Jeffrey Foucault è uno dei migliori cantautori emergenti USA, questo è il suo ottavo album dopo quello di duetti con Mark Erelli (contando anche quello dei Redbird, ma escluso il recente Live). L’etichetta come di consueto è la Signature, esce il 3 maggio ma dalle nostre bande è gia disponibile. Sono con lui alcuni componenti della band di Ray Lamontagne (buon punto di riferimento se volete avere un’idea del genere), Van Dyke Parks e Kris Delmhorst (ottima cantautrice in proprio nonché moglie del bravo Foucault).

john mayall howlin' at the moon.jpglou reed walk on the wild side.jpgbeautiful south live at the bbc.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Un po’ di materiale d’archivio. John Mayall che sarà in concerto questa estate a Vigevano nella stessa serata dei Black Country Communion di Bonamassa, pubblica il 3 maggio in America questo Howlin’ At The Moon (ma in Inghilterra è disponibile già da un po’). Si tratta di un CD che raccoglie materiale dal vivo registrato nel tour di reunion dei Bluesbreakers del 1982 tra Italia e Stati Uniti. Sono in formazione Mick Taylor e John McVie.

Uno “strano” disco di Lou Reed, Walk On The Wild Side Live, viene dal periodo d’oro, registrato dal vivo nel 1972 a New York. Si tratta di uno show radiofonico ed esce per la IMV Blueline?!? Il 3 maggio.

I Beautiful South, oltre ad essere molto bravi ed il gruppo che Paul Heaton ha formato dopo gli Housemartins, sono anche una delle formazioni britanniche di maggior successo commerciale di tutti i tempi. Non sorprende quindi che esista una valanga di materiale radiofonico e televisivo. Questo Live At the BBC è un cofanetto quadruplo (3CD + 1 DVD) che raccoglie 50 brani audio e 17 video dagli archivi gloriosi della BBC. Sessioni acustiche, registrazioni in concerto, partecipazioni a Top Of The Pops e a Later With Jools Holland. Di tutto e di più.

tara nevins wood and stone.jpgthea gilmore john wesley harding.jpgeliza gylkison.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Ce ne sarebbero ancora un tot ma concludiamo con un trio di voci femminili. Magari domani o dopo faccio un appendice sulle altre uscite interessanti. Tara Nevins da oltre 21 anni è una delle componenti dei grandi Donna The Buffalo ma ogni tanto pubblica anche un album da solista questo Wood and Stone che esce martedì 3 maggio per la Sugarhill è il secondo album solista (il primo era del 1999). Registrato nei magici studi di Levon Helm (che suona anche la batteria in un paio di brani) è prodotto da Larry Campbell (dopo l’ottimo ritorno degli Hot Tuna, lo so avevo promesso di parlarne, ma sono sempre in arretrato) che suona anche le chitarre. Molto bello.

Thea Gilmore è una delle migliori (e più prolifiche, 12 album a partire dal 1998) cantautrici britanniche. Questo nuovo John Wesley Harding è proprio quello che dice, cioè l’intero album di Bob Dylan rvisitato brano per brano. Etichetta Full Fill, ne esiste anche una versione Deluxe con un boxettino che include 12 cartoline. Un giusto omaggio al grande Bob per il suo 70° compleanno. Da quello che ho sentito velocemente è anche molto bello. Lei è proprio brava, se volete approfondiire anche gli album precedenti in studio e dal vivo sono molto belli.

Stesso discorso (a livello di bravura) per la texana Eliza Gilkyson (ma nativa della California, Hollywood per la precisione). Ha già fatto una ventina di album (lo so non si dovrebbe dire l’età delle signore, ma è del 1950) tra cui, detto per inciso, manco accreditata, se non nel libretto del CD, Eolian Minstrel di Andreas Vollenweider dove cantava e suonava la chitarra acustica. Non perché sia il suo migliore era solo una curiosità. Dal 2000 incide per la Red House Records e anche questo Roses At The End Of Times esce per l’etichetta di Greg Brown. A proposito tutto tace in quel di Iowa City dopo la partecipazione al bellissimo Hadestown di Anais Mitchell? Certo che no, ho controllato e dovrebbe uscire un nuovo disco proprio questo anno, Freak Flag. Lui è uno dei grandissimi cantautori americani, uno dei migliori e anche la moglie Iris Dement, pure lei ferma dal 2004, non scherza in quanto a bravura.

Alla prossima.

Bruno Conti

Novità Di Maggio Parte I. John Martyn, Blind Boys Of Alabama, Tara Nevins, Eliza Gilkyson, Lou Reed, John Mayall Ecceteraultima modifica: 2011-04-30T20:50:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *