Sandy Denny – Una Storia Che Non Finisce Mai!

sandy denny alex campbell.jpgsandy denny thea gilmore.jpg

 

 

 

 

 

 

 Aggiungerei “per fortuna” al titolo del Post. O se preferite Sandy Denny News.

Ogni tanto (quando ho tempo) mi faccio un giro per il Web e poi approfondisco. Cosa sono quei due album che vedete qui sopra? Il primo, che uscirà il 19 settembre per la Witchseason (l’etichetta di Dave Cousins degli Strawbs), si chiama 19 Rupert Street ed è una registrazione casalinga di Sandy Denny con Alex Campbell fatta il 5 agosto del 1967 in quel di Glasgow, appunto al 19 di Rupert Street. Secondo Cousins, che la conosceva molto bene, si tratta di un vecchio nastro dove i due ridono, scherzano e, soprattutto, cantano in un’atmosfera rilassata e divertita, priva di quell’aura malinconica che si sarebbe impadronita della personalità di Sandy Denny negli anni a seguire, e che peraltro era parte del suo fascino (come di quello di Nick Drake). Sempre secondo Dave Cousins, dopo il lavoro tecnico di masterizzazione ed editing fatto dal “mago” Chris Tsangarides, il tutto rimane comunque una home recording ma con “una presenza” tale che vi sembrerà di essere lì con loro in quella stanza!

Tracklisting:

1. The Leaves Of Life
2. Willie Moore
3. Balulalow
4. The Sans Day Carol
5. Trouble In Mind
6. Jimmie Brown The Newsboy
7. The Midnight Special
8. Milk And Honey
9. Who Knows Where The Time Goes?
10. Fairytale Lullaby
11. She Moves Through The Fair
12. (And so to bed) Chuffa Chuffa Chuff/Clementine/Jesus Loves Me

L’altro disco è una cosa più complessa. Non sarebbe la prima volta che vengono completate registrazioni inedite in maniera postuma ma in questo caso Thea Gilmore sembra che abbia messo in musica una serie di liriche di canzoni mai pubblicate da Sandy Denny. Il tutto si intitolerà The Technicolour Dream e dovrebbe uscire per la Island (o per la Decca, Universal comunque) in una data compresa tra il 22 agosto e la metà di settembre. Speriamo che come reperibilità vada meglio del Box! TBC (to be confirmed), da confermare, come si usa dire, i brani dovrebbero essere questi:

1. Glistening Bay
2. Don’t Stop Me Singing
3. Frozen Time
4. Goodnight
5. London
6. Pain In My Heart
7. Sailor
8. Long Time Gone
9. Song No. 4
10. Georgia         

Due aggiunte che riguardano i Fotheringay.

fotheringay live in essen 1970.jpgfotheringay lost broadcasts.jpg

 

 

 

 

 

 

Il primo è la registrazione di un concerto tenuto alla famosa Grugahalle di Essen, in Germania il 23 ottobre del 1970. Etichetta Thors Hammer, per il momento è uscito solo in Germania. Come per il recente Ebbets Fields dei Fairport Convention la rimasterizzazione è stata curata da Jerry Donahue. L’altro è un DVD (con bonus CD): non so cosa vuol dire perché non sono ancora riuscito a trovarlo. Il DVD dovrebbe contenere 4 brani, registrati sempre per la potente televisione tedesca nel 1970 e mandati in onda nella trasmissione Beat Club, 2 brani, gli altri due non dovrebbero essere mai andati in onda. Too Much Of Nothing, Gipsy Davey, Nothing More, John The Gun i titoli, Gonzo Records l’etichetta.

Sembra interessante. Lo so che sembra di essere un po’ malati di mente o “carbonari” a parlare di queste cose, ma come recita il titolo di questa rubrica all’interno del Blog bisogna pure spargere il Verbo (sono autoironico, prima che arrivi qualche commento indignato)!

Bruno Conti

Sandy Denny – Una Storia Che Non Finisce Mai!ultima modifica: 2011-07-19T18:31:28+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *