Ma Gli Sarebbe Piaciuto Davvero? Johnny Boy Would Love This…A Tribute To John Martyn

john martyn tribute.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Johnny Boy Would Love This…A Tribute To John Martyn – Hole In The Rain – 2CD+DVD

Un po’ in anticipo visto che uscirà il 15 agosto (in Italia è Ferragosto ma nel resto del mondo è un giorno importante per le uscite discografiche): e la risposta al quesito posto nel titolo è “non lo so”! Secondo chi ha compilato amorevolmente questo doppio tributo, ovvero Jim Tullio (che appare anche come cantante), che già aveva prodotto l’ottimo album postumo di John Martyn Heaven and Earth uscito recentemente, gli sarebbe piaciuto, tanto che, visto che il progetto era iniziato nel 2009, aveva fatto in tempo a partecipare lui stesso in un paio di brani.

Non ho sentito nulla (o quasi) quindi vado ad impressioni e informazioni raccolte in rete ma sarebbe potuto piacergli, visto che ci sono i noti e gli ignoti, i musicisti fans e gli ammiratori “occasionali”, 30 tra solisti e gruppi, voci maschili e femminili, l’intero spettro sonoro come è giusto che sia per un musicista che è stato “universale” nella sua arte.


Beth Orton – Go Down Easy (John Martyn Tribute) di fotomuse

I due brani dove appare, alla chitarra, sono nella cover di Anna di Brendan Campbell e nella versione di You Can Discover di Cheryl Wilson dove “cicca” un accordo e lo fa sentire, mentre alla fine del brano esprime la sua approvazione per la voce della cantante cha pare abbia una voce meravigliosa ( Se è quella che ho sentito io, vagamente tipo una Mary Black americana, ma sound pessimo. Nda).

Tra gli highlights del doppio vengono segnalate la versione complessa di Small Hours di Robert Smith dei Cure che pare sia un fan dai tempi di One World, l’album del 1977 in cui appariva l’originale. Molto belle anche quelle di Hurt In Your Heart di Judie Tzuke, una delle mie preferite sin dagli anni ’70, e sempre in ambito voci femminili Couldn’t Love You More di Lisa Hannigan che si accompagna solo allo zither.

Poi ci sono due dei Blind Boys Of Alabama impegnati in Glorious Fool, gli Snow Patrol alle prese con una versione “rock” di May You Never. Non manca ovviamente Phil Collins che ha reinciso Tearing and Breaking. Bravi anche gli Swell Season (Glen Hansard e Marketa Inglova) con I Don’t Want To Know, Beck che fa Stormbringer e David Gray in Let The Good Things Come. E Beth Orton in Go Down Easy, molto bella, quella l’ho sentita (è il video qua sopra)!

Poi ci sono le preci: pensa se Van Morrison cantasse…o Barry Gibb…o i Rolling Stones…o Steve Winwood…o Mark Knopfler…e perché no Peter Gabriel e la lista dei desideri potrebbe continuare all’infinito ma visto che un tributo lo hanno comunque fatto (con DVD allegato, che include Making Of, dietro le quinte, filmati vari con interviste e performances degli artisti che hanno partecipato e filmati rari dello stesso John Martyn), questa è la lista di brani e relativi artisti:

Track Listing

Disc 1:

  1. Let The Good Things Come – David Gray
  2. Glorious Fool – Clarence Fountain & Sam Butler
  3. Small Hours – Robert Smith
  4. Stormbringer – Beck
  5. Over The Hill – Ted Barnes featuring Gavin Clark
  6. I Don’t Want To Know – The Swell Season
  7. Bless The Weather – The Emperors Of Wyoming (Butch Vig and Company
  8. Couldn’t Love You More – Lisa Hannigan
  9. Go Easy – Vetiver
  10. Solid Air – Skye Edwards
  11. You Can Discover – Cheryl Wilson
  12. The Easy Blues – Joe Bonamassa
  13. Dancing – Sonia Dada
  14. Certain Suprise – Sabrina Dinan
  15. One World – Paolo Nutini

Disc 2:

  1. May You never – Snow Patrol
  2. Go Down Easy – Beth Orton
  3. Fairytale Lullaby – Bombay Bicycle Club
  4. Fine Lines – Syd Kitchen
  5. Head And Heart – Vashti Bunyan
  6. Run Honey Run – Morcheeba feat. Bradley Burgess
  7. Angeline – Nicholas Barron
  8. Walk To The Water – John Smith
  9. Hurt In Your Heart – Judie Tzuke
  10. Road To Ruin – Jim Tullio
  11. John Wayne – Oh My God
  12. Rope Soul’d – The Blackships (feat. David McKellar)
  13. Back To Stay – Ultan Conlon
  14. Anna – Brendan Campbell
  15. Tearing and Breaking – Phil Collins         

Poi, appena esce il disco cercherò di approfondire il discorso dopo averlo ascoltato.

Bruno Conti

Ma Gli Sarebbe Piaciuto Davvero? Johnny Boy Would Love This…A Tribute To John Martynultima modifica: 2011-07-23T19:23:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *