Musica Dal Profondo Sud E Da New Orleans. Gran Bella Voce! Beth McKee – Next To Nowhere

beth mckeeNexttoNowhere.cover.jpg

 

 

 

 

 

 

Beth McKee – Next To Nowhere – Swampgirl Music

Ho già incrociato la sua strada (come recensore per il Busca), un paio di volte:  la prima, molti anni fa, nella prima parte degli anni ’90, quando faceva parte delle Evangeline, un gruppo di New Orleans (ma lei è di Orlando, Florida) sotto contratto per la Margaritaville di Jimmy Buffett e con uno stile musicale intriso degli umori della Crescent City, quindi swamp music, cajun, country, roots e americana.

L’avventura non era finita bene, il gruppo si sciolse nel 1996 e da allora Beth McKee aveva fatto perdere le sue tracce. Poi, lentamente, nel corso degli anni, anche con lo stimolo e l’incoraggiamento del marito, Juan Perez, musicista pure lui, batterista per la precisione, ha ripreso la sua avventura nel mondo della musica incisa. In possesso di una bella voce (un giornalista della rivista Nashville Scene l’ha definita una “Bonnie Raitt giovane”), e di una notevole abilità musicale, suona piano, organo, synth, piano elettrico e accordion, riprende a incidere.

E qui avviene il secondo incontro con chi vi scrive, all’uscita del suo esordio da solista un I’m That Way dedicato alla musica di Bobby Charles, una delle leggende della musica di New Orleans. Un disco molto piacevole, tutte cover ma eseguite con gran classe e con lo sfoggio di una voce che è il suo migliore strumento e che la inserisce in quel filone dove navigano anche Susan Tedeschi, Kelley Hunt e altre cantanti di nicchia ma che regalano piaceri sopraffini agli amanti delle belle voci. Questo Next To Nowhere è il passo successivo: un album tutto di materiale originale firmato dalla stessa McKee con l’aiuto di alcuni dei musicisti che suonano con lei nell’album, tra i quali Tommy Malone dei Subdudes nella conclusiva Already Mine, ma che suona una tagliente slide guitar in parecchi brani dell’album.

Il nome dell’etichetta vi dice già che musica aspettarvi ma il suono è molto eclettico e variato: dall’errebi screziato di cajun della title-track con la fisarmonica della McKee a disegnare le sue evoluzioni tra chitarrine, tastiere e una sezione ritmica agile e preziosa. Ma anche l’eccellente funky meets Carole King di On The Verge (che poteva essere l’altro titolo del CD) dove appare anche una piccola sezione fiati, delle voci femminili che supportano alla grande la voce sicura della brava Beth e dei continui inserimenti di una solista intrigante. La successiva Shoulda Kept On Walkin’, quasi identica nel groove alla New Orleans con un organo hammond molto presente a destreggiarsi tra sax e ritmi sensuali. Not Tonight, Josephine fin dal titolo è un omaggio alle musiche e ai ritmi di Professor Longhair, di Fats Domino e degli altri grandi musicisti di quella città, con la stessa Mckee che si doppia nei due canali dello stereo per duettare con sé stessa mentre il suo pianino maliziosamente si impone nell’arrangiamento. Poi rincara la dose con una bellissima ballata come New Orleans To Jackson che si aggiunge ad una lista di brani dedicati alla città della Louisiana: un delizioso violino suonato da Jason Thomas impreziosisce l’arrangiamento mentre lei canta veramente come un incrocio tra “due giovani” Bonnie Raitt e Carole King, molto bello, le piccole delizie della musica di “culto”.

River Rush avrebbe fatto un figurone in Tapestry e la voce assume delle tonalità anche à la Joni Mitchell del periodo elettrico mentre coretti e piano elettrico duettano con la sua fisarmonica. Ma la nostra Beth sa anche maneggiare il blues elettrico e grintoso di un brano come Tug Of War dove la chitarra di Malone sale al proscenio. Someone Came Around è un un brano rock/R&B degno della migliore Susan Tedeschi (con o senza consorte al seguito), con un basso martellante, chitarre e piani impazziti nella migliore tradizione delle revue anni ’70. Same Dog’s Tail è nuovamente puro New Orleans Style con la bella fisa (correttore di bozze, occhio) della protagonista in evidenza. Return To Me scritta con i tre produttori dell’album è un’altra grintosa ballata dall’ampio respiro mentre la conclusione è affidata allo swamp blues della già citata Already Mine scritta con Tommy Malone e dove la McKee esegue un assolo “vecchio stile” al synth come non sentivo da secoli.

Non salverà le sorti della musica mondiale ma se cercate della bella musica non andate troppo lontano!

Bruno Conti 

Musica Dal Profondo Sud E Da New Orleans. Gran Bella Voce! Beth McKee – Next To Nowhereultima modifica: 2012-03-04T18:38:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *