Novità Di Agosto Parte I. Dead Can Dance, Karine Polwart, Gentle Giant, James Yorkston, Fleetwood Mac Tribute, Blackberry Smoke

dead can dance anastasis.jpgkarine polwart traces.jpgjames yorkston i was a cat.jpg

 

 

 

 

 

 

 

A dimostrazione che anche nella settimana di Ferragosto la musica non si ferma (Italia esclusa), anzi la vigilia per la precisione, tutti questi dischi usciranno il 14 agosto, ecco una sfornata di novità interessanti. E questa è solo la prima parte, domani o dopo il resto. Detto che il Box di 5 CD + 1 DVD Live At the BBC dei Kinks esce il 14 agosto nel Regno Unito, il 21 agosto in America e il 28 in Italia, ma ve lo avevo anticipato già a maggio, partiamo con

Dead Can Dance – Anastasis – Pias Recordings, il primo album di studio del gruppo dal lontano 1996, anno di uscita di Spiritchaser, il disco di ispirazione etnica che aveva concluso la prima fase della loro carriera. C’era già stata una reunion per una serie di concerti nel 2005, ma questa volta Brendan Perry e Lisa Gerrard, che nel frattempo hanno entrambi superato la soglia dei 50 anni, hanno registrato questo disco di “resurrezione” (dal greco Anastasis) che curiosamente era stato annunciato un paio di anni fa su una rivista musicale online bulgara. Sono 8 pezzi, quattro cantati da ciascuno (con Return Of The She-King, quello ispirato dalla musica celtica dove le voci si fondono), che rinverdiscono i fasti della produzione passata ed introducono anche una corposa strumentazione orchestrale in alcune tracce. Il disco mi sembra bello, in ogni caso si può ascoltare ancora in streaming sul sito del gruppo http://deadcandance.com/

A proposito di musica celtica, folk meglio, direi, esce il nuovo album, Traces, il quinto in studio della cantante scozzese Karine Polwart, una delle voci più interessanti del revival della musica tradizionale (anche se non se ne era mai andata, la musica folk). Accompagnata dal fratello Steven e da Inge Thompson, tra duetti di harmonium e fisarmonica, inserimenti di marimba e vibrafono, flauto ed altro strumenti a fiato, la voce classica della Polwart si libra serena e sicura nelle 10 tracce che compongono l’album. I dischi precedenti si sono sempre piazzati tra i migliori dell’anno nelle classifiche di preferenza della BBC di fine anno, anche questo, ottimo, mi sembra lanciato quietamente verso la stessa destinazione. Etichetta Hegri Music, quindi di non facile reperibilità sul mercato italiano.

Sempre nell’ambito folk-cantautorale esce il nuovo disco di James Yorkston, l’ex cantante degli Athletes, il disco si chiama I Was A Cat From A Book, viene pubblicato dalla Domino Records e tra i musicisti coinvolti ci sono Luke Flowers della Cinematic Orchestra, Emma Smith al violino e in duetto in Kath With Rhodes l’ottima Kathryn Williams. La musica è molto quieta, piana, agrodolce, giocata sulle sonorità di chitarra e piano, arricchite dagli interventi degli ospiti citati, se dovessi azzardare un paragone mi sembra che Yorkston sia una sorta di Nick Drake del 21° secolo (con i dovuti distinguo) e questo suo quinto album ne conferma il talento. Da scoprire, se non conoscete.

gentle giant i lost my head.jpgjust tell me tribute fleetwood mac.jpgblackberry smoke the whipporwill.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Nell’ambito delle ripubblicazioni del catalogo della EMI inglese esce anche questo cofanetto quadruplo dedicato ai Gentle Giant, I Lost My Head, sottotitolo The Chrysalis Years 1975-1980, raccoglie i dischi incisi dal grande gruppo inglese negli anni successivi a quelli inarrivabili del periodo Vertigo. Si tratta comunque ancora di dischi fantastici che rispondono al nome di Free Hand, In’terview, Playing the Fool, The Missing Piece, Giant For a Day e Civilian. Il tutto condito da inediti, live, rarità e b-sides. Questa è la lista completa dei brani:

1 – Free Hand & bonus tracks

  1. Just the Same
  2. On Reflection
  3. Free Hand
  4. Time to Kill
  5. His Last Voyage
  6. Talybont
  7. Mobile
  8. 1976 Intro Tape (previously unreleased)
  9. Just the Same (John Peel Session) “never available on CD before”
  10. Free Hand (John Peel Session) “never available on CD before”
  11. On Reflection (John Peel Session) “never available on CD before”
  12. Give It Back (International 7″ Mix) “never available on CD before”
  13. I Lost My Head (7″ Mix) “never available on CD before”

CD 2 – In’terview & The Missing Piece

  1. In’terview
  2. Give It Back
  3. Design
  4. Another Show
  5. Empty City
  6. Timing
  7. I Lost My Head
  8. Two Weeks in Spain
  9. I’m Turning Around
  10. Betcha Thought We Couldn’t Do It
  11. Who Do You Think You Are?
  12. Mountain Time
  13. As Old As You’re Young
  14. Memories Of Old Days
  15. Winning
  16. For Nobody

CD 3 – Playing The Fool (Live 1976)

  1. Just the Same/Proclamation (Live)
  2. On Reflection (Live)
  3. Excerpts from Octopus (Live)
  4. Funny Ways (Live)
  5. The Runaway/Experience (Live)
  6. So Sincere (Live)
  7. Free Hand (Live)
  8. Sweet Georgia Brown (Live)
  9. Peel the Paint/I Lost My Head (Live)

CD 4 – Giant For A Day & Civilian

  1. Words from the Wise
  2. Thank You
  3. Giant for a Day
  4. Spooky Boogie
  5. Take Me
  6. Little Brown Bag
  7. Friends
  8. No Stranger
  9. It’s Only Goodbye
  10. Rock Climber
  11. Thank You (7″ Single Edit A) never available on CD before
  12. Words from the Wise (7″ Single Edit B) never available on CD before
  13. Convenience (Clean And Easy)
  14. All Through the Night
  15. Shadows on the Street
  16. Number One
  17. Underground
  18. I Am a Camera
  19. Inside Out
  20. It’s Not Imagination

Piatto ricco mi ci ficco, considerando che, come gli altri cofanetti della serie, dovrebbe costare intorno ai 20 euro, poco più, poco meno.

Un altro tributo? Ebbene sì. Questo si intitola Just Tell Me What You Want: A Tribute To Fleetwood Mac, pubblicato dalla Decca/Hear Music/Universal, a parte un paio di nomi classici (Billy Gibbons & Friends e Marianne Faithfull) raccoglie la crema del rock “alternativo” e indie. Questa lista dei brani e relativi artisti:

01. Lee Ranaldo Band feat. J Mascis – Albatross
02. Antony – Landslide
03. Trixie Whitley – Before The Beginning
04. Billy Gibbons & Co. – Oh Well
05. Best Coast – Rhiannon
06. The New Pornographers – Think About Me
07. Marianne Faithfull – Angel
08. Lykke Li – Silver Springs
09. Karen Elson – Gold Dust Woman
10. Matt Sweeney And Bonnie ‘Prince’ Billy – Storms
11. Washed Out – Straight Back
12. Tame Impala – That’s All For Everyone
13. Craig Wedren with St. Vincent – Sisters of the Moon
14. The Kills – Dreams
15. Gardens & Villa – Gypsy
16. The Crystal Ark – Tusk
17. MGMT – Future Games

I Blackberry Smoke sono, forse, attualmente, la migliore, o una delle migliori formazioni di southern rock in circolazione. Il precedente Little Bit Of Dixie che avevo recensito per il Buscadero ad inizio 2010 era un eccellente esempio di quanto detto sopra, questo The Whippoorwill, edito dalla Southern Ground, l’etichetta di Zac Brown, mi sembra anche meglio. Sarà sicuramente oggetto di un esame più approfondito quanto prima, ma da quanto già sentito il vecchio Sud, e le sue chitarre, ruggiscono ancora!

Alla prossima.

Bruno Conti

Novità Di Agosto Parte I. Dead Can Dance, Karine Polwart, Gentle Giant, James Yorkston, Fleetwood Mac Tribute, Blackberry Smokeultima modifica: 2012-08-10T13:36:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *