Novità Di Gennaio Parte IV. Eric Burdon, Ben Harper & Charlie Musselwhite, Blue Sky Riders, Marianne Faithfull, Sam Dees, Deep Purple, Terri Clark, Delta Saints, Robert Vincent

eric burdon til your river.jpgben harper charlie musselwhite.jpgblue sky riders.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo appuntamento con le uscite settimanali per il mese di gennaio (prima parte), giorno 29. Confermo l’uscita dei Rock Candy Funk Party We Want Groove, ovvero Bonamassa sotto mentite spoglie e delle ristampe di Rumours dei Fleetwood Mac e di Texas Flood di Stevie Ray Vaughan, di cui, più in basso, trovate anche le tracking lists e direi che possiamo partire con tre titoli che usciranno martedì prossimo ma solo per il mercato americano: Burdon come detto uscirà in Europa il 2 aprile, Harper & Musselwhite il 5 febbraio e quello dei Blue Sky Riders non credo avrà una distribuzione europea almeno per il momento. Succede anche viceversa, per esempio il nuovo Mavericks In Time verrà pubblicato da noi il 5 febbraio e negli USA il 26.

Partiamo con il nuovo album di Eric Burdon ‘Til Your River Runs Dry, già annunciato in questo Blog la primavera-estate dello scorso anno e poi rinviato più volte per problemi di salute del grande cantante inglese. Se dovessi inserirlo in una rubrica, lo metterei in “Questo è proprio bello!”, in quanto si tratta del suo miglior album di studio da lunga pezza (anche se dal vivo, come dimostrato con la comparsata con Springsteen al South By Southwest dello scorso anno, è ancora uno dei numeri uno). Il disco è prodotto da Tony Branaugel, il famoso batterista (e non Tony Barnacle, chi è?, come erroneamente riportato da Amazon) e vede, tra gli altri, la partecipazione di una serie di musicisti fantastica: oltre a Braunagel, Lenny Castro, Jon Cleary alle tastiere, Mike Finnigan anche lui alle tastiere (il disco è stato registrato sia in California che a New Orleans), Teresa James come corista (e anche lei “cliente” di Braunagel), Reggie McBride al basso, Eric McFadden alle chitarre e mandolino, Jim Pugh (quello di Robert Cray), ancora alle tastiere, Jonny Lee Schell, anche lui chitarra e che come Finnigan, Braunagel e i “fiati” Sublett e Leonard viene dalla Phanthom Blues Band. Anche le canzoni sono ottime, quasi tutte scritte per l’occasione da Burdon con vari collaboratori diversi, a parte una cover di Medicine Man di Marc Cohn e Before You Accuse me di Bo Diddley. Quindi molto blues, ma anche la possibilità di ascoltare una delle più belle voci della storia del rock alle prese con molte ballate e brani rock di grande fascino. Etichetta ABKCO Records.

Dopo l’accoppiata, alcuni anni fa, con i Blind Boys Of Alabama, per l’occasione Ben Harper fa società con uno dei più grandi armonicisti bianchi viventi di Blues, Charlie Musselwhite, il disco si chiama Get Up, etichetta storica Stax/Universal, esce anche in una versione Deluxe doppia con DVD, che oltre al classico Making Of contiene alcune sessions filmate in occasione della registrazione del disco. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare sono tutti brani originali scritti per l’occasione da Harper, niente classici del blues e neppure altri ospiti di lusso, solo la sua band abituale, anche se uno ascolta attentamente All That Matters Now alla fine si trasforma in It Hurts Me Too e in I’m In I’m Out And I’M Gone si sente il riff di The Jean Genie di David Bowie. E qui e là, Musselwhite “cita” il suo maestro Little Walter e Paul Butterfield, altro grande armonicista bianco. I due, Harper e Musselwhite, si erano conosciuti nel 1997 ad una jam session con John Lee Hooker. Potremmo dire: un disco di blues con la inconfondibile voce di Ben Harper come bonus!

Altra voce inconfondibile, perché dalla faccia non lo avrei riconosciuto, è quella di Kenny Loggins, che ha unito le forze con tali Gary Burr (un cantante ed autore, molto popolare nel giro country) e Georgia Middleman (di cui ignoravo l’esistenza), per dare vita a questi Blue Sky Riders. Il disco si chiama Finally Home, esce in America per la 3Dream Records e viene etichettato come country, ma da quello che ho potuto ascoltare mi sembra quel classico rock americano alla Fleetwood Mac (la tipa assomiglia vagamente come stile vocale a Stevie Nicks) o alla Loggins & Messina (che in effetti degli elementi country li avevano). Sembra molto piacevole, anche se non memorabile, ma c’è in giro molto di peggio.

fleetwood rumours 35th 3 boxpg.jpgfleetwood rumours 35th 3 cd.jpgstevie ray vaughan texas flood front.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Queste ristampe le avevo già annunciate la scorsa settimana ed escono entrambe il 29 gennaio. Nelle due versioni di Rumours, per una volta, è stata usata l’intelligenza. La versione tripla, disco originale, concerto dal vivo, inediti e rarità in studio, il terzo disco non è lo stesso della versione doppia Deluxe che era già uscita nel 2004 (che è il quarto disco della versione SuperDeluxe). Comunque queste sono le liste dei brani:

Fleetwood Mac, Rumours: 35th Anniversary Edition (Warner Bros./Rhino, 2013)

Disc 1: Original album (released as Warner Bros. BSK 3010, 1977) and B-side

  1. Second Hand News
  2. Dreams
  3. Never Going Back Again
  4. Don’t Stop
  5. Go Your Own Way
  6. Songbird
  7. The Chain
  8. You Make Loving Fun
  9. I Don’t Want to Know
  10. Oh Daddy
  11. Gold Dust Woman
  12. Silver Springs (originally released as B-side to “Go Your Own Way” – Warner Bros. WBS 8304, 1976)

Disc 2: Live 1977

  1. Intro
  2. Monday Morning
  3. Dreams
  4. Don’t Stop
  5. The Chain
  6. Oh Daddy
  7. Rhiannon
  8. Never Going Back Again
  9. Gold Dust Woman
  10. World Turning
  11. Go Your Own Way
  12. Songbird

Disc 3: Recording Sessions, Roughs & Outtakes

  1. Second Hand News (Early Take)
  2. Dreams (Take 2)
  3. Never Going Back Again (Acoustic Duet)
  4. Go Your Own Way (Early Take)
  5. Songbird (Demo)
  6. Songbird (Instrumental – Take 10)
  7. I Don’t Want to Know (Early Take)
  8. Keep Me There (Instrumental)
  9. The Chain (Demo)
  10. Keep Me There (with Vocal)
  11. Gold Dust Woman (Early Take)
  12. Oh Daddy (Early Take)
  13. Silver Springs (Early Take)
  14. Planets of the Universe (Demo)
  15. Doesn’t Anything Last (Acoustic Duet)
  16. Never Going Back Again (Instrumental)

Disc 4: More from the Recording Sessions (originally released as second disc of expanded edition – Warner Bros./Rhino R2 73822, 2004)

  1. Second Hand News (Outtake)
  2. Dreams (Outtake)
  3. Brushes (Never Going Back Again) (Outtake)
  4. Don’t Stop (Outtake)
  5. Go Your Own Way (Outtake)
  6. Songbird (Outtake)
  7. Silver Springs (Outtake)
  8. You Make Loving Fun (Outtake)
  9. Gold Dust Woman #1 (Outtake)
  10. Oh Daddy (Outtake)
  11. Think About It (Outtake)
  12. Never Going Back Again (Demo)
  13. Planets of the Universe (Demo)
  14. Butter Cookie (Keep Me There) (Demo)
  15. Gold Dust Woman (Demo)
  16. Doesn’t Anything Last (Demo)
  17. Mic the Screecher (Jam)
  18. For Duster (The Blues) (Jam)

Disc 5: DVD – The Rosebud Film

Original LP

Rumours 3CD

Fleetwood Mac, Rumours: New Expanded Ediition (Warner Bros./Rhino, 2012)

Contains Discs 1-3 of deluxe box set

Idem per Texas Flood di Stevie Ray Vaughan. Il brano “inedito” in studio nel primo CD è lo stesso contenuto nella ristampa singola del 1999, ma il concerto nel secondo CD non era mai uscito prima:

CD 1: Texas Flood

  1. Texas Flood
  2. Love Struck Baby
  3. Pride and Joy
  4. Texas Flood
  5. Tell Me
  6. Testify
  7. Rude Mood
  8. Mary Had A Little Lamb
  9. Dirty Pool
  10. I’m Cryin’
  11. Lenny
  12. Tin Pan Alley (aka Roughest Place In Town)

CD 2:  Live at Ripley’s Music Hall, Philadelphia, October 20, 1983

  1. Testify
  2. So Excited
  3. Voodoo Child (Slight Return)
  4. Pride and Joy
  5. Texas Flood
  6. Love Struck Baby
  7. Mary Had A Little Lamb
  8. Tin Pan Alley (aka Roughest Place In Town)
  9. Little Wing/Third Stone From The Sun

CD 1, Tracks 1-11 from Epic LP FE-38734, 1983
CD 1, Track 12 from Epic/Legacy CD EK 65870, 1999
CD 2, all tracks previously unreleased

marianne faithfull broken english deluxe.jpgdeep purple live in paris 1975.jpgsam dees the show must go on.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Un terzetto di ristampe interessanti.

La prima è la classica Deluxe Version doppia della Island/Universal di Broken English di Marianne Faithfull, il disco è del 1979 (dal sound si sente) e viene giustamente considerato il migliore della cantante inglese. Per l’occasione è stato recuperato il mixaggio originale dell’album che si considerava perduto e inserito nel secondo CD, in modo da poterlo confrontare con la versione pubblicata ai tempi, presente nel 1° CD. Cè anche una ulteriore versione ri-cantata di Sister Morphine che appariva solo nella antologia Perfect Strangers e quattro bonus con remix vari usciti ai tempi solo in vinile ( e di cui peraltro non sentivo la mancanza). Molto più interessante il materiale video inserito nel primo dischetto che è un “enhanced disc” da vedere con il PC e che contiene i tre video promozionali di Witches Song, The Ballad Of Lucy Jordan e Broken English, oltre a materiale video girato in Super-8 dal grande regista inglese Derek Jarman.

La Ear Music/Edel pubblica questo doppio Paris 1975 dei Deep Purple, che però era uscito praticamente identico nel 2004 per la Purple Records e, in parte, all’interno di Made In Europe e Mk. III The Final Concerts. Se ve lo siete perso negli altri giri (o perchè giurano che la qualità sonora è nettamente superiore, se vi fidate), vale la pena di averlo perché si tratta dell’ultima data di Ritchie Blackmore con la versione Mark III della band inglese, quella Coverdale/Hughes/Lord/Paice, oltre a Blackmore, che era già con i Rainbow mentre nel gruppo sarebbe entrato Tommy Bolin. Se volete confrontare

Disc 1

  1. Burn
  2. Stormbringer
  3. The Gypsy
  4. Lady Double Dealer
  5. Mistreated
  6. Smoke on the Water
  7. You Fool No One

Disc 2

  1. Space Truckin’
  2. Going Down
  3. Highway Star
  4. Interview (bonus track)

All tracks recorded at the Palais de Sports, Paris – 4/7/1975. Portions of this performance previously released on Made in Europe (Purple Records TPSA-7517 (U.K.)/Warner Bros. PR-2995 (U.S.), 1976) and Mk. III: The Final Concerts (Connoisseur Collection DPVSOP CD 230 (U.K.), 1996)

Alla fine dello scorso anno la Warner aveva pubblicato un bellissimo cofanetto dedicato alla musica soul classica Atlantic Soul Legends: 20 Original Albums che era interessante (oltre che per la musica strepitosa che conteneva e per una bella confezione, già FC) perchè per la prima volta in CD era disponibile un album molto raro (e bello) The Show Must Go On di Sam Dees, uno che rivaleggia nei lenti con Al Green (come potete verificare nel video).  Molti se lo sono comprato quasi solo per quello (e Donny Hathaway): ora, giustamente, come punizione divina, la Real Gone Records (che viene presentata come la “nuova” Rhino) pubblica l’album originale e per la gioia di tutti ci sono 6 bonus tracks che ai tempi erano uscite solo su singoli (che tempismo, 40 anni senza pubblicare nulla e poi vai con l’in…..ta). Comunque il disco è bellissimo.

terri clark clsssic.jpgdelta saints death letter jubilee.jpgrobert vincent life in easy steps.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Per finire il giro odierno un altro terzetto di uscite interessanti, questa volta novità. Anche se rimangono altri dischi pubblicati o in via di pubblicazione in questi giorni che aggiornerò con un’ulteriore puntata della rubrica domani e con recensioni apposite nei prossimi giorni (molti nomi interessanti, Hayward Williams, Dan Bern, Gordie Tentrees, Matt Walker, Mighty Sam McClain, Firewater, Lucie Thorne, Eve Selis e molti altri, ma quando li farò? Spero di trovare il tempo, ce ne sono alcuni veramente notevoli, per non parlare di Black Sorrows, Jeff Black, eccetera, eccetera.

Ma torniamo a bomba. Terri Clark è una cantante country canadese con una lunga carriera alle spalle ed è una di quelle brave. Classic pubblicato dalla Baretrack (e dalla EMI Canada un paio di mesi fa) è il suo nono album di studio e si avvale di molte collaborazioni:

1. It Wasn’t God Who Made Honky Tonk Angels
2. Love Is A Rose
3. How Blue (feat. Reba)
4. Don’t Come Home A Drinkin’ (With Lovin’ On Your Mind)
5. Gentle On My Mind
6. Golden Ring (feat. Dierks Bentley)
7. Two More Bottles of Wine
8. Leavin’ On Your Mind (feat. Jann Arden)
9. Swinging Doors
10. Delta Dawn (feat. Tanya Tucker)
11. I’m Movin’ On (feat. Dean Brody)

Se volete provare!

Nuovo album (sarebbe il secondo, ma il primo, omonimo, era una raccolta di materiale uscito su mini ed EP’s) per i Delta Saints, buona band blues americana sotto contratto per la francese Dixiefrog. Il disco si chiama Death Letter Jubilee e mescola Delta music (come da nome), Chicago Blues e New Orleans con una robusta dose di rock. Mi sa che anche questo rientrerà nelle mie prossime recensioni, ho come un presentimento: comunque non è male, gli appassionati possono procedere.

In Inghilterra la rivista Q sta facendo una specie di campagna per lanciare questo Robert Vincent che viene presentato, di volta in volta, come il Bruce Springsteen scozzese, un Van Morrison del Mersey, un epigono di Johnny Cash e del rock’n’roll anni ’50. Tutti elementi presenti (in parte) in questo Life In Easy Steps che è il suo primo album ufficiale (preceduto da alcuni mini e da un paio di album, registrati e mai pubblicati per vari disguidi e sfortune che hanno costellato la sua carriera). Viene da Liverpool (e questo già è un buon viatico) e da quello che ho sentito il talento c’è, la voce pure, le canzoni anche (nella prima tiratura dell’album doppia, è presente un secondo CD con brani che erano presenti nei vecchi EP). L’etichetta è la Demon Blue, quindi non sarà facile da reperire. Se volete un consiglio, cercatelo, perché questo è uno di quelli bravi, un nome di cui si parlerà nei prossimi mesi e, per il momento (credo solo per una settimana) lo potete sentire interamente in streaming a questo indirizzo listen-to-stream-of-new-robert-vincent-album oppure andate sul suo sito http://robertvincentmusic.com/ e avrete una piacevole sorpresa.

La ricerca continua,ma per oggi è tutto!

Bruno Conti

Novità Di Gennaio Parte IV. Eric Burdon, Ben Harper & Charlie Musselwhite, Blue Sky Riders, Marianne Faithfull, Sam Dees, Deep Purple, Terri Clark, Delta Saints, Robert Vincentultima modifica: 2013-01-26T20:11:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *