Altre Due Raccolte Assolutamente “Inutili” – Rolling Stones Very Best Of 1964-1971 & Bruce Springsteen Collection 1973-2012

rolling stones the very best.jpgbruce springtseen collection.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Entrambi stanno per partire con nuove tournée, i Rolling Stones nel tour americano e Bruce Springsteen con quello europeo. Quale occasione migliore per le rispettive case discografiche per pubblicare due antologie assolutamente “inutili”.

La prima The Very Best Of Rolling Stones 1964-1971 (anche la copertina è orribile) era stata una esclusiva per la catena americana Wal-Mart ma ora viene resa disponibile per il mercato americano dalla ABKCO/Universal (non vedevamo l’ora!):

1. Time Is On My Side
2. (I Can’t Get No) Satisfaction
3. Get Off Of My Cloud
4. 19th Nervous Breakdown
5. Mother’s Little Helper
6. Paint It, Black
7. Under My Thumb
8. Ruby Tuesday
9. She’s A Rainbow
10. Jumpin’ Jack Flash
11. Sympathy For The Devil
12. Gimme Shelter
13. You Can’t Always Get What You Want
14. Honky Tonk Women
15. Brown Sugar
16. Wild Horses

Quella di Bruce Springsteen Collection 1973-2012 era destinata ad essere una raccolta antologica in esclusiva per il mercato australiano, ma perché farsi mancare qualcosa anche in Europa (Italia inclusa) e allora vai con l’ennesimo Best Of, anche questo pubblicato per spillare i soldi ai fans e collezionisti:

1) Rosalita (Come Out Tonight)
2) Thunder Road
3) Born To Run
4) Badlands (2010 Remastered Version)
5) The Promise Land (2010 Remastered Version)
6) Hungry Heart
7) Atlantic City
8) Born In The U.S.A.
9) Dancing In The Dark
10) Brilliant Disguise
11) Human Touch
12 Streets Of Philadelphia
13) The Ghost Of Tom Joad
14) The Rising
15) Radio Nowhere
16) Working On A Dream
17) We Take Care Of Our Own
18) Wrecking Ball

E’ proprio vero che le case non “imparano” mai. Se potete, alla larga!

Bruno Conti

Altre Due Raccolte Assolutamente “Inutili” – Rolling Stones Very Best Of 1964-1971 & Bruce Springsteen Collection 1973-2012ultima modifica: 2013-04-26T19:11:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *