Altri Veri Sudisti Del Nord – The Mallett Brothers Band – Land

mallett brothers land.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Mallett Brothers Band – Land – Self-Released CD

Se fate ascoltare questo disco a qualcuno senza dargli informazioni sul gruppo in questione, chiunque penserà di trovarsi di fronte ad una band del Sud, che sia Alabama o Carolina poco importa, ma di sicuro nessuno penserà al Maine. E invece è così: la Mallett Brothers Band è un sestetto proveniente da Portland, città dello stato all’estremo Nord-Est degli Stati Uniti (nota soprattutto per aver dato i natali al noto scrittore Stephen King), formata dai fratelli Luke e Will Mallett, che sono anche figli d’arte: il padre è infatti il noto cantautore David Mallett, un classico artista di culto, autore dagli anni settanta ad oggi di una lunga serie di pregevoli album di folk-rock senza mai aver assaporato il vero successo. Come già detto, i fratelli Mallett (aiutati da Nate Soule, Wally Wenzel, Nick Leen e Brian Higgins), definiti dalla critica genericamente alternative country, fanno in realtà del sano rock chitarristico (nel quale il country non è certo un elemento estraneo), con un suono molto classico guidato da chitarre ed organo: Land è il loro terzo album, dopo l’esordio omonimo del 2010 e Low Down del 2011, ed è il miglior modo per avvicinarsi alla musica dei ragazzi.

Dieci canzoni, per un totale di circa una quarantina di minuti, ma con parecchi brani che dal vivo potrebbero diventare delle jam: la produzione è nelle mani dell’amico Jonathan Wyman (anch’egli di Portland), che dà al disco un suono pulito e senza fronzoli, lasciando scorrere liberamente la musica come è giusto che sia. Tra le influenze dei ragazzi ci sono indubbiamente gruppi come la Marshall Tucker Band o gli Allman (questi anche nel monicker), ma anche Waylon Jennings viene spesso tirato in ballo nei momenti più country.

Apre Blue Ridge Parkway, un brano quasi di riscaldamento, in tono minore, ma con la sezione ritmica ed il dobro di Wenzel che lavorano nell’ombra ed un’atmosfera intensa. Farmer’s Tan inizia invece con un bel fraseggio di chitarra elettrica, il ritmo è sostenuto ed il leader (cantano sia Luke che Will, ma non so attribuire le voci alle persone) canta con grinta: il crescendo del brano, con l’assolo di chitarra sul tappeto di organo, è da manuale del perfetto sudista. All Kinds Of Crazy è un godibilissimo boogie rallentato, un brano che dal vivo può fare faville (e qui ci vedo molto Waylon); la mossa Take It Slow tiene alto il vessillo del Sud sebbene, ripeto, nel sangue dei ragazzi non scorra neppure una goccia di sangue meridionale.

In The Fold è un godibile folk-rock dove si affaccia anche l’influenza del padre David (quando hai uno in famiglia che in carriera incide quindici album non puoi far finta di niente), mentre Little Bit Of Mud è invece puro boogie-rock, sudato e grintoso, ritmica solida e chitarre protagoniste, con un assolo di slide di quelli che ti fanno fare air guitar davanti allo specchio. Goodnight prosegue con l’adrenalina, con in più un ritornello molto catchy; Somethin’ To Lean On è una bella canzone elettroacustica e con la steel in lontananza, che ci mostra la bravura di Luke e Will anche nel songwriting.

Il CD si chiude con la splendida Getaway Queen, ottima ballata di grande respiro, sulla scia di certi pezzi di Bob Seger (Fire Lake, Shame On The Moon, lo stile è quello), e con la frenetica Piece Of Land, puro rock’n’roll, senza grandi implicazioni southern.

Finalmente anche il piccolo Maine può dire la sua: la Mallett Brothers Band, come ho scritto nel titolo, è un vero gruppo di sudisti…del Nord!

Marco Verdi

Altri Veri Sudisti Del Nord – The Mallett Brothers Band – Landultima modifica: 2013-11-10T11:50:50+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *