“Vecchi Amici” Ritornano! David Zollo And The Body Electric – For Hire

david zollo for hire

David Zollo And The Body Electric – For Hire –  Old Man’s Creek Music Self Released

L’innamoramento (musicale) per David Zollo risale a tempi lontani, quando, alla guida degli High And Lonesome (un gruppo nello stile dei mai dimenticati Uncle Tupelo), esordiva con Alackday (90),proseguiva con il successivo Livefromgabes (93), e chiudeva la breve esperienza con For Sale Or Rent (96), tre eccellenti lavori per una delle band più misconosciute del panorama musicale americano, ma non nel piccolo stato dello Iowa dove furono una piccola leggenda. Cognome italiano (suo padre è stato uno scrittore e giornalista), Zollo ha fatto parte in pianta stabile del circuito artistico dell’Iowa, uno stato che annovera songwriters e musicisti di grande valore (vengono da quella terra sia Greg Brown che Bo Ramsey), e proprio Ramsey produce l’esordio solista di David, Recognize Me (95), (disco uscito con questo titolo in Europa per la Taxim, ma che è stato ristampato a Settembre dello scorso anno con il titolo originale di The Morning Is A Long Way From Home, come era uscito negli States l’anno prima per la Trailer Records), titolo bissato dai successivi Uneasy Street (98) e The Big Night (02), lavori apprezzati dalla critica, diventando proprio uno degli artisti di punta della locale etichetta, la Trailer Records, (che lui stesso ha tra l’altro contribuito a fondare). Dopo una lunga pausa (causa un intervento chirurgico alla gola) il cantante, compositore, pianista, direttore d’orchestra e, negli ultimi anni, soprattutto produttore,  David Zollo, torna, quasi in incognito, in sala d’incisione per incidere questo For Hire, dove ha spinto il suo “songwriting” (lui che è nato essenzialmente come pianista), per scrivere nove belle canzoni dove mescola rock’n’roll, blues, soul e gospel, con l’apporto della nuova band, The Body Electric, composta oltre che da David voce e tastiere, da Brian Cooper alla batteria, dal bravo Stephen Howard al basso e chitarra elettrica e da Randall Davis alle chitarre acustiche e lap-steel, sotto la produzione del suo partner di lunga data Howard (membro dei Mississippi Heat e con Otis Rush, tra gli altri).

david zollo the morning

Il CD si apre con un trittico di brani che sembrano il diretto proseguo dell’ultimo album in studio The Big Night, con le note funky-soul di Ain’t No God But God, la title track For Hire che sembra suonata in un piano-bar di New Orleans https://www.youtube.com/watch?v=pxqwd-F0_-c  (con il piano di David a distribuire feeling e classe), e una ballata bluesy di atmosfera come Out Of The Cradle (Endlessly Rocking). Con If I Had The Wings Of A Dove emerge il lato più country dell’autore, a cui fa seguito un’altra ballata lenta e crepuscolare come Unrequited Love https://www.youtube.com/watch?v=MsjsLYHf3-A ,  e il piacevole  “boogie” di Please Don’t Leave Me Alone. Si alza il livello con il blues pianistico di Like You Want Me To, impreziosito sul finale dal suono di una tromba, passando poi alle note guidate dal pianoforte nella struggente melodia di This Is All We Are, andando a chiudere con una meravigliosa The Hour Of Our Need https://www.youtube.com/watch?v=OI7F_XGRWe4 , una rock-ballad con chitarre ricche di nerbo, una sezione ritmica dura, e la voce di Zollo che scivola sulla melodia, con tutta la band che dimostra di saper suonare all’unisono. Grandi!

david zollo live david zollo 1

Questo disco ha visto la luce (come tanti altri ultimamente) grazie alla campagna “Kickstarter”, e fortunatamente questo ha permesso di riscoprire il talento” silenzioso” di David Zollo, un songwriter accomunabile a personaggi come il primo Todd Snider, esponenti di un rock delle radici dal suono ruspante, con canzoni che strascicano un lento blues, altre con chitarre elettriche e acustiche su ballate dolenti con un ritmo non troppo evidente, e un piano ammaliante, che è molto diverso dallo strimpellare eccitante ed esagitato di un Jerry Lee Lewis. Se qualcuno, dopo queste righe, volesse conoscere questo artista incorruttibile alle mode del momento e spontaneo come pochi, lo trova in tour nel nostro paese con lo storico batterista Brian Cooper e i musicisti italiani italiano Andrea “Lupo” Lupi e Alex Corsi.

david zollo band italia

NDT: Per le date del breve tour italiano (che sta finendo), basta consultare il sito ufficiale http://davezollo.com/ , questa sera per esempio sono di scena al Bar Dell’Orso in quel di Monteriggioni (Siena). Ne vale la pena!

Tino Montanari

“Vecchi Amici” Ritornano! David Zollo And The Body Electric – For Hireultima modifica: 2015-02-27T14:02:01+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *