Fargo, Eccoli Ancora! Di Nuovo In Concerto E Special Edition Di A Small World In Black And White

fargo locandina concerto 31 marzo

Clienti abituali del Blog, “amici” e bravi musicisti, parlo sempre con piacere dei Fargo: in effetti dovrei dire Psychic Twins, perché, come vi avevo anticipato qualche mese fa, sono sempre loro, Massimo “Grey Wolf” Monti, autore dei testi ed eminenza grigia della band, e Fabrizio Fargo Friggione, che canta, suona la chitarra, cura la parte musicale delle canzoni e la produzione dei dischi, ora con una  nuova ragione sociale ma sempre con le vecchie passioni per la buona musica. Springsteen, Beatles, Petty, il rock americano e quello inglese, una buona melodia blue-eyed soul li trovate sempre nella loro musica e anche nelle nuove cinque canzoni che sono state aggiunte alla “Special Edition” di A Small World In Black And White.

Fargo A Small World Special Edition

Già, la nuova edizione, ma qual è quella giusta? Così a occhio direi quella a sinistra. Se volete verificare di persona (ed eventualmente acquistare il CD, se, come il sottoscritto, siete ancora amanti dei vecchi dischi fisici, per quanto digitali e non del download) martedì prossimo, 31 marzo, nella loro solita venue, la Salumeria della Musica, potrete vedere in azione la versione Mark II del gruppo, quella che si esibisce abitualmente dal vivo. Se volete ulteriori informazioni sul gruppo, con un gioco di link, andate a vedere l’ultimo Post sui Fargo, e poi, a ritroso, trovate anche tutti quelli precedenti, all’interno dell’articolo http://discoclub.myblog.it/2014/12/01/tempo-cambiamenti-i-psychic-twins-diventano-fargo-sempre-disco-vecchio-concerto-nuovo-alla-salumeria-della-musica-milano-il-2-dicembre/, con le recensioni dei due dischi.

Questo che vedete qui sopra è il video per Wonderland, una delle canzoni più belle del disco, comunque spendiamo anche qualche parola per le cinque canzoni aggiunte nella special edition (come mi ero permesso di suggerire) e che ai primi ascolti mi sembrano avere un mood più tranquillo e riflessivo, per quanto sempre ricche di belle melodie e spunti interessanti. Fabrizio ha una bella voce, profonda ed espressiva, come ho detto altre volte, e questo spirito riflessivo si affianca benissimo a quello del rocker più scatenato che si evidenzia nei concerti dal vivo, dove comunque non manca l’amore per la melodia, esemplificato dagli amati Beatles.

Good Man ha un afflato quasi springsteeniano, una bella ballata mid-tempo avvolgente, con chitarre acustiche, elettriche e tastiere che si intrecciano alla perfezione, una solista minimale che si insinua dolcemente tra le pieghe della canzone fino a caratterizzarne il suono. It Always Comes Down potremmo definirla una sorta di “the blues according to Fabrizio”, un country-blues con tanto di armonica suonata dal nostro amico Fab e un’aria pigra e rilassata che comunque ben si accorda allo spirito scanzonato della canzone, non sempre il blues è dedicato alla sofferenza, ma può avere anche risvolti positivi come quelli evidenziati in questo brano. Anche Time Has Changed è una ballata, chitarre acustiche accarezzate, una ritmica appena accennata, belle armonie vocali e un piano molto discreto, con quei piccoli tocchi di chitarra elettrica, che sono tipici degli arrangiamenti del gruppo, raffinati e mai banali. Walking On Thin Ice è sempre lenta, ma con un suono più elettrico, con le ambientazioni sonore che rimangono più sospese, per quanto sempre pronte alle consuete  aperture alla melodia e con le chitarre pungenti e ben presenti, mentre la conclusiva Sky To Shine è un acquerello acustico, una folk ballad con spirito da cantautore, che illustra il lato più intimista di Fabrizio Friggione, ben servito, come di consueto, dal testo saggio ma al tempo stesso sognante di Massimo, a conferma che i due “gemelli psichici”. anche se hanno cambiato nome, sono pur sempre sulla stessa lunghezza d’onda.

Bruno Conti

Fargo, Eccoli Ancora! Di Nuovo In Concerto E Special Edition Di A Small World In Black And Whiteultima modifica: 2015-03-24T11:13:33+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *