Ritorno Sul “Luogo Del Delitto”, Nel Tempio Della Musica Londinese! Eels – Royal Albert Hall

eels royal albert hall

Eels – Royal Albert Hall – E Works / Pias Cooperative – 2 CD + DVD

Finalmente (con colpevole ritardo) parliamo anche di questo concerto di Mark Oliver Everett in compagnia dei suoi Eels, registrato e filmato il 30 Giugno del 2014 sul leggendario palco della Royal Albert Hall di Londra, nell’ambito di un tour molto ambizioso a livello mondiale, composto da ben 53 serate che hanno toccato le città più belle e le sale da concerto più importanti. Il concerto in questione (ripreso da ben nove telecamere) vede Mr. “E” e i suoi quattro soci, Jeff Lyster alle chitarre e pedal steel, Mike Sawitzke alla tromba, Allen Hunter al contrabbasso e Darek Brown alla batteria e percussioni, presentare al pubblico le canzoni dell’ultimo lavoro The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett, riproporre alcuni classici dal loro repertorio, senza tralasciare alcune belle sorprese, per un set di 28 canzoni e 90 minuti di eccellente musica (che data la solennità dell’evento e del luogo), li vede salire sul palco “vestiti a puntino” da veri gentlemen londinesi.

La prima parte ripercorre i “sentieri” dell’ultimo lavoro, e non si può non rimanere affascinati dalle note pianistiche e dalla tromba dell’iniziale Where I’m At, dalla sussurrata When You Wish Upon A Star, dall’incedere del pianoforte nella delicata The Morning, il soffio dolente di una Parallels, per poi iniziare un “trittico” melodico composto da My Timing Is Off, seguito dalla pianistica A Line In The Dirt , con un dolce soffio di tromba, e il ritmo leggermente più marcato di Where I’m From. Le note dolenti di It’s A Motherfucker e Lockdown Hurricane appartengono al passato, cosi come la “jazzata” A Daisy Through Concrete, la tromba maliziosa che accompagna una sempre sognante Grace Kelly’s Blues, e chiudere la prima parte con il delizioso ritmo di Fresh Feeling. Dopo una breve e meritata pausa la seconda parte del concerto riprende rispolverando vecchi brani come I Like Birds https://www.youtube.com/watch?v=HJnbmUnNNYo , l’immancabile My Beloved Monster, stavolta rivisitata in stile “old-fashioned”, per poi passare alla sofferta e quasi recitativa Gentelmen’s Choice, un’ariosa Mistakes Of  My Youth/Wonderful Glorious, e tornare alle rarefatte note della pianistica Where I’m Going. Giù il sipario! Richiamati da un pubblico caloroso, gli Eels tornano sul palco per un’altra serie di brani, e  colpiscono al cuore con le meravigliose I Like The Way This Is Going https://www.youtube.com/watch?v=IUwIMJfghmM  , Binking Lights (For Me), Last Stop: This Town e una dolcissima The Beginning che fa venire qualche “lacrimuccia” al composto pubblico in sala. Le sorprese sono due inaspettate “covers”, la mitica Can’t Help Falling In Love portata al successo da Elvis Presley, e un brano (che non conoscevo) di Harry Nilsson Turn On Your Radio, in linea con tutta la serata. Il sipario si richiude, ma solo in apparenza: Everett si ripresenta sul palco vestito da Dracula e con una risata sinistra finalmente corona il suo sogno (fanciullesco), di suonare l’imponente organo a canne della Royal Albert Hall, facendo risuonare in sala le maestose note di Flyswatter e The Sound Of Fear https://www.youtube.com/watch?v=BZY8avt3FKY . Questa volta (purtroppo) il sipario si chiude definitivamente. Comunque, giù il cappello.!

Come l’assassino che torna sempre sul luogo del delitto, anche gli Eels sono tornati alla Royal Albert Hall di Londra, quasi dieci anni dopo il tour Eels With Strings, ma se quello era un concerto “da camera” con l’apporto di un quartetto d’archi, in questo caso il gruppo ha fatto leva sulle sue risorse per dare alle canzoni nuova linfa con un suono più personale e intimo, ben consapevoli che su questo palco (salvo rare eccezioni), hanno suonato e cantato musicisti straordinari, e gli Eels di Mark Everett certamente lo sono. Un concerto da sentire e da vedere.!

Tino Montanari

Ritorno Sul “Luogo Del Delitto”, Nel Tempio Della Musica Londinese! Eels – Royal Albert Hallultima modifica: 2015-07-17T10:34:25+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *