Forse Il Più “Grande” Dei Beautiful Losers ! Guthrie Thomas – The Band Played On

guthrie thomas the band played on 1

Guthrie Thomas – The Band Played On – Self-released Moon And Back Records

Per chi non lo conoscesse, il Dr. Guthrie Thomas (ebbene sì, ha anche una laurea in farmacia) nativo di Wichita Falls, Texas, era molto popolare (anche dalle nostre parti) intorno alla metà degli anni settanta e fino ai primi ottanta, tra i “cultori” della musica di qualità, con un cantautorato a cavallo tra folk e country, con innesti rock, che richiamava i suoi maestri dichiarati, John Prine, John Stewart e Gordon Lightfoot. Le sue prime incisioni (ormai introvabili) sono state Guthrie Thomas I (75) e Lies And Alibis (76) https://www.youtube.com/watch?v=IyYti_kvziM , seguiti da altri lavori (a cadenza più o meno annuale) tra cui vi segnalo Like No Other, Street Kid, La Belle Poisoneuse, e Dear Ginny in coppia con Ramblin’ Jack Elliott. Negli anni ’90 alcuni suoi dischi vengono pubblicati dalla Taxim Records, che meritoriamente ristampa “perle” come Buffalo e This One’s For Sara, dischi nuovi come The Writer (90), Through The Years (92) e lo splendido Midnight Train (96), distribuito anche in Italia dalla IRD, disco che conteneva un “trittico” da brividi, You Can’t Buy No Love Song, Lucky In Love e Tonight I’ve Got Loving On My Mind https://www.youtube.com/watch?v=ZRFEVEBSbww . La terza fase (quella più recente) lo vede vendere i suoi CD attraverso il proprio sito http://www.guthriethomas.com/ , titoli come Old Horses e Way Back When (raccolte di materiale vario, dove spicca la meravigliosa Sweet Virginia tratta dal secondo album per la Capitol Lies And Alibis https://www.youtube.com/watch?v=35PvE_AUfIs ), ma anche nuove canzoni inedite che vengono distribuite in Medicine Men, Mirror Images e Django, prima di arrivare a questo nuovo The Band Played On http://discoclub.myblog.it/2011/08/30/rieccolo-finalmente-non-uno-non-due-non-tre-ma-ben-qua/ .

Guthrie Thomas è un virtuoso della chitarra acustica, nonché maestro del “fingerpicking” (come Bruce Cockburn,  per citare un suo pari), e lo dimostra in queste undici canzoni tristi e amare, a partire dal brano iniziale, Passing Sorrow, asciutto e lancinante, seguito da una polverosa I Ain’t Goin’ Nowhere con echi di west-coast, dal folk-rock di Stand By You, e da una splendida serenata come la title track The Band Played On, mentre The Tower è un brano di grande forza interpretativa, elegante e seducente. Un violino lancinante introduce Full Moon Rising, un country-folk con rilevanti suoni di frontiera, inframmezzato da un intermezzo strumentale delicato come Only One, che fa da preludio all’imperiosa And Then There Were None, cantata con la sua tipica voce accorata, a cui fa seguito ancora una attraente ballata “texana” come The Bird With Wings, un altro brano strumentale Two Thousand Fifteen, dove viene evidenziata ancora una volta la bravura di Guthrie con la sua “Taylor acustica” https://www.youtube.com/watch?v=DvioL3xMpvk&spfreload=10 , andando poi a chiudere, sorprendentemente, con il ritmo “bluesy” di una tirata e coinvolgente No One But You, a confermare che siamo di fronte ad un artista poliedrico, capace di esprimersi in molteplici linguaggi musicali.

Guthrie Thomas, per chi scrive, è un “songwriter” eccezionale, eccentrico e sensibile (categoria da collocare, com’è noto, fra quelle meno sponsorizzate), un signore che ha attraversato ben quattro decenni di carriera, con un “palmares” di ben 49 album (tra vinili e CD), e 5 film, forse il più “noto” il documentario Questa terra, è la mia terra, sulla vita di Woody Guthrie, dove appaiono musicisti del calibro di Willie Nelson, Waylon Jennings, John Stewart, Gordon Lightfoot, Ramblin’ Jack Elliott, Arlo Guthrie, e ovviamente Bob Dylan. Questa nuova raccolta The Band Played On conferma ancora una volta le sue note qualità di narratore in musica e la sua sensibilità artistica, e in fondo non importa se i suoi dischi sono di difficile reperibilità, per il sottoscritto l’importante è che continui a farci sognare, emozionare e a volte piangere con le sue canzoni.

Tino Montanari    

NDT conclusiva. Se mi sono “infatuato” di questo cantautore, devo ringraziare il compianto “promoter” Carlo Carlini https://www.youtube.com/watch?v=p2FOdAsb3WU , e il titolare di questo “Blog”, che me lo hanno fatto conoscere ed apprezzare.

Forse Il Più “Grande” Dei Beautiful Losers ! Guthrie Thomas – The Band Played Onultima modifica: 2015-08-04T12:54:36+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *