Anche La Mietitrice Ha Finito Le Vacanze: Ci Hanno Lasciato Neal Casal E Donnie Fritts.

neal casal death

Mi spiace che questo mio primo post dopo le ferie estive sia in realtà un (doppio) necrologio, ma mi sembra giusto omaggiare due figure scomparse negli ultimi giorni, due musicisti forse non di primissimo piano ma ben noti ai veri appassionati di musica, uno dei quali ci ha lasciato decisamente troppo presto: sto parlando di Neal Casal, musicista e songwriter morto suicida lo scorso 26 Agosto a soli 50 anni. Originario del New Jersey, Casal aveva iniziato verso la fine degli anni ottanta come chitarrista dei Blackfoot, per poi esordire come solista nel 1995 con il bellissimo Fade Away Diamond Time, un ottimo disco di rock californiano con canzoni che qua e là mostravano un’influenza che andava da Neil Young al glorioso suono del Laurel Canyon (ricordo che in quel periodo mi era anche capitato di vederlo dal vivo con la sua band, in una di quelle serate “collettive” che si tenevano a Sesto Calende e nella quale l’headliner era Dave Alvin). Neal pubblicherà una dozzina di album in totale (senza più raggiungere la bellezza dell’esordio) fino al 2011, ma nel frattempo era entrato anche a far parte dei Cardinals, il gruppo di Ryan Adams, con il quale registrò quattro album ed un EP.

Chitarrista molto apprezzato e richiesto come sessionman (Lucinda Williams, Willie Nelson, Tift Merritt, Robert Randolph), Casal ha fatto parte anche dei poco conosciuti Hazy Malaze e Skiffle Players e nel 2014 ha formato il supergruppo Hard Working Americans con Todd Snider, insieme ai quali ha pubblicato tre album. Dal 2012 la sua occupazione principale era però stata quella di chitarrista dei Chris Robinson Brotherhood, un gruppo perfetto per il suo stile tra rock, psichedelia e California, stile che ritroviamo anche nella musica dei Circles Around The Sun, band estemporanea da lui guidata che si occupò di aprire i concerti d’addio dei Grateful Dead nel 2015 con lunghe suite strumentali che vennero in seguito raccolte nell’album Interludes For The Dead. Casal è sempre stato descritto come una persona riservata, introspettiva e sensibile, e probabilmente anche piuttosto fragile visto il gesto estremo che ha posto fine alla sua ancora giovane vita.

donnie fritts death

Donnie Fritts di anni invece ne aveva 76, e ci ha lasciato il 27 Agosto per complicazioni seguite ad un intervento al cuore. Figura quasi leggendaria della musica d’autore americana, Fritts era un vero uomo del Sud: nativo di Florence, Alabama, divenne negli anni sessanta uno dei principali sessionmen dei FAME Studios di Muscle Shoals (ma lavorò parecchio anche a Nashville). Come musicista la sua figura è legata a doppio filo a quella di Kris Kristofferson, del quale fu per lungo tempo tastierista, mentre come autore collaborò con altri luminari del calibro di Dan Penn, Eddie Hinton, Arthur Alexander e Troy Seals, e scrisse brani come Choo Choo Train (Boxtops), Breakfast In Bed (Dusty Springfield, era sul mitico Dusty In Memphis), Easy To Love (Joe Simon) e We Had It All (Waylon Jennings, ma la eseguì più volte dal vivo anche Bob Dylan durante il tour del 1986 con Tom Petty & The Heartbreakers *NDB E anche gli Stones, bellissima versione https://www.youtube.com/watch?v=ObFs54QssSE ).

Come solista non aveva pubblicato molto, solo cinque dischi, ma sicuramente meritano attenzione Everybody’s Got A Song del 1997 (con una marea di ospiti tra cui John Prine, Lucinda Williams, Kristofferson, Emmylou Harris, Delbert McClinton, Tony Joe White, Willie & Waylon, Don Nix e Spooner Oldham) l’intenso Oh My Goodness del 2015 https://discoclub.myblog.it/2015/10/25/il-ritorno-forse-commiato-grande-donnie-fritts-oh-my-goodness/  e June dello scorso anno, bel tributo alle canzoni di Arthur Alexander https://discoclub.myblog.it/2018/10/09/un-grande-autore-rende-omaggio-ad-una-leggenda-del-soul-donnie-fritts-june-a-tribute-to-arthur-alexander/ .

Riposate In Pace entrambi.

Marco Verdi

Anche La Mietitrice Ha Finito Le Vacanze: Ci Hanno Lasciato Neal Casal E Donnie Fritts.ultima modifica: 2019-08-29T11:42:21+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *