Come Sempre Buona Musica Da New Orleans. Subdudes – Lickskillet

subdudes lickskillet

Subdudes – Lickskillet – Subdudes CD

Come i lettori di questo blog sanno, i Subdudes nel corso degli anni hanno sempre presentato un “cocktail” unico di stile Americana che, partendo dalle radici della musica della Louisiana, intercalate da country, folk, soul, rhythm and blues, zydeco e musica cajun, diventa un affascinante gumbo, per restare in temi cari alla zona di New Orleans e dintorni. Tutto questo avviene sin dagli anni ’80,con la formazione che era composta ai tempi da Tommy Malone, John Magnie, Steve Amedèe, e dal compianto Johnny Rae Allen, fino allo scioglimento avvenuto alla fine del ’96. Riformatisi a sorpresa nel 2002, e inserendo nella band Tim Cook e Jimmy Messa, ricominciano a pubblicare alcuni dischi di grande qualità come Miracle Mule, Behind The Levee, Street Symphony, Flower Petals, fino al superbo Live At Rams Head, e dopo un’ulteriore pausa,  ritornare di nuovo con lavori di difficile reperibilità come 4 On The Floor (recensito puntualmente su queste pagine https://discoclub.myblog.it/2017/03/16/il-ritorno-della-band-di-new-orleans-sempre-in-forma-smagliante-subdudes-4-on-the-floor/ ) e ora questo inaspettato Lickskillet, sempre distribuito in modo autogestito dalla propria etichetta, quindi abbastanza costoso per noi europei e faticoso da reperire, se non nel formato del download digitale (*NDB Lo diciamo sempre a malincuore, ma se non c’è altro modo!) .

L’attuale “line-up” si avvale come sempre delle chitarre elettriche di Tommy Malone, le tastiere di John Magnie, della bravura del polistrumentista Steve Amedèe a piano, percussioni e fisarmonica, e del bassista Tim Cook, che danno voce e corpo ad un “sound” difficilmente etichettabile, ma incentrato come al solito su belle melodie ed equilibrate armonie vocali. Lickskillet parte con la gioiosa e corale The Perfect Time con la fisarmonica di Amedèe in grande evidenza, per poi cambiare subito ritmo con il “funky-.soul”  di una intensa Love Has The Power, riscoprire il lavoro alla chitarra di Tommy Malone nella torbida e pigra I Smile https://www.youtube.com/watch?v=ksKj0-xvNDs , e sbalordire ancora una volta il sottoscritto con il particolare “gospel” di una intrigante Lost Religion Blues. Con Dancing Together Again è un ritorno alla ballate classiche che sembrano scritte con il cuore in mano https://www.youtube.com/watch?v=A-Napc87Pas , canzone a cui fanno seguito una Them Figs dal ritmo contagioso in puro stile New Orelans https://www.youtube.com/watch?v=Ydf4OqIrFJg e un’altra ballata come Oh, con la melodia che ti prende subito, e con un cantato degno della migliore musica californiana https://www.youtube.com/watch?v=r9IRMmq6S50 .

Ci si avvia alle tracce finali con You Are The One ancora molto corale e con un importante assolo di chitarra del solito Malone, una ennesima ballata suggestiva Mama’s Really Gone, che ancora una volta mette in luce le migliori qualità della band, e a chiudera Secret Ways Of Love, dove si mischiano i vari generi che sono evidenziati nella musica e atmosfera che si respira nella città di New Orleans. Di questa terza vita musicale dei Subdudes si è parlato abbastanza poco, ed è un vero peccato in quanto è sempre un piacere (ri)scoprire quanta vitalità ci sia ancora in questo gruppo, che rimane una band dal “sound” particolarissimo, che oltre ad assimilare e generare vari umori musicali, si manifesta nella bravura tecnica dei componenti della band, e in particolare nella peculiare sscansione ritmica di Amedèe, che produce e sviluppa tutta una serie di “groove” altamente contagiosi dove parlano solo gli strumenti, fisarmonica, percussioni e chitarra elettrica su tutti, che sono il marchio di fabbrica dei Subdudes (al riguardo provate a  recuperare album splendidi come Lucky e Annunciaton). Questo Lickskillet ci riconsegna quindi ancora una volta il talento dei Subdudes e anzi (per chi scrive) ne segna in qualche modo una significativa evoluzione musicale che si era già intravista nel precedente 4 On The Floor, e ci fa sperare che decidano di restare insieme ancora per molto tempo perché, credetemi, band di questa caratura e con un suono così particolare, sono “mosche bianche” nell’attuale panorama musicale, anche se la loro produzione è  diventata veramente difficile da rintracciare (come succede anche per altri artisti di culto),

Tino Montanari

Come Sempre Buona Musica Da New Orleans. Subdudes – Lickskilletultima modifica: 2019-11-05T09:06:09+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *