Dispiace Dirlo, Ma Questo Disco E’ Proprio Brutto, Da Evitare Con Cura! Joe Jammer – Till The End Of Time

joe jammer till the end of time

Joe Jammer – Till The End Of Time – Talking Elephant Records/Angel Air

Curioso personaggio questo Joe Jammer: nativo di Chicago, dove è nato in un imprecisato periodo negli anni ‘50 (forse anche prima), all’inizio ha fatto il roadie per Jimi Hendrix, Who e Led Zeppelin, ha suonato dal vivo con Howlin’ Wolf, Buddy Guy, ma anche Supertramp, Stealers Wheel, Maggie Bell, come sessionman con Mick Jagger, Joe Cocker, Ringo Starr, nelle London Sessions di Jerry Lee Lewis (ho verificato, sembra in un solo brano). Si era trasferito a Londra ad inizio anni ‘70, per suonare, come sostituto, con i Paladin, gloriosa band angloamericana di prog-rock e per pubblicare anche un album solista con la Regal Zonophone Bad News nel 1972, nel 1974 ne aveva inciso un secondo Headway, che aveva visto però la luce su CD Angel Air solo nel 2015.

Quindi non proprio uno di primo pelo: anche questo Till The End Of Time ha avuto una storia travagliata, terminato di incidere proprio l’11 settembre del 2001, poi è rimasto nei cassetti di Jammer fino allo scorso anno, quando Joe lo ha ripreso in mano, completato, aggiungendo fiati, una voce femminile, qualche tastiera qui e là, lo ha rimixato e preparato per essere pubblicato (sempre da una etichetta inglese, la Talking Elephant, comunque del giro Angel Air). Nel suo sito sono riportati “strilli” di giornali come Blues Matters “The Return Of A Legend” e del Guardian “Jammer Of The Gods”: io l’ho ascoltato attentamente e non mi sembra questo disco fenomenale, anzi, due stellette di giudizio mi sembrerebbero già di stima, giusto per la sua lunga storia ai margini del rock, ma mi pare un disco raffazzonato e pasticcione, genere non definibile, quindi un generico rock potrebbe andare, con lui un batterista , una sassofonista e una backing vocalist, oltre a Martin Trlak che firma la canzoni con Joe e in qualità di vecchio collaboratore, pare anche domestico (!) della famiglia Jammer, ha finanziato l’album.

E sono stato gentile, se avete comunque voglia di buttare qualche soldo provatelo, se no evitate con cura; francamente non ne ricordo un brano, forse facendo uno sforzo potrei citare l’iniziale How Long, sonorità datate e becere,, la chitarra la saprà anche suonare, ma è tutto quello che c’è intorno che non funziona, anche l’incisione non è il massimo https://www.youtube.com/watch?v=im9D1lQk5uU , a partire dalla voce: di solito ho il massimo per rispetto il lavoro dei musicisti, ma qui mi sembra ci sia veramente poco da difendere, come direbbe Fiorello/ La Russa “veramente brutto”. Giudizio critico, tra boh e bah!

Bruno Conti

Dispiace Dirlo, Ma Questo Disco E’ Proprio Brutto, Da Evitare Con Cura! Joe Jammer – Till The End Of Timeultima modifica: 2020-03-29T18:46:51+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *