Jimi Hendrix – 50 Years Live, Parte II

jimi hendrix 1970

Seconda parte.

jimi_hendrix_concerts_1982

Proseguiamo nella disamina: dopo il 1972 c’è una lunga pausa nella pubblicazione di materiale postumo inedito, sembra che improvvisamente, dopo un paio di anni dalla scomparsa di Hendrix, a nessuno interessasse più nulla della sua musica, almeno fino 1982, per il doppio LP The Jimi Hendrix Concerts – 1982 Reprise ****, altra antologia di materiale di diversa provenienza, stranamente prodotto da Alan Douglas, che per una volta non riesce a creare disastri, pescando ancora da registrazioni tra il 1968 e il 1970 da Berkeley, San Diego Sports Arena, Royal Albert Hall, Winterland, New York, nel 1989 esce anche in CD per la Castle con l’aggiunta della bonus Foxey Lady registrata al Forum di Los Angeles https://www.youtube.com/watch?v=M5RieWR63_k , ma non mi risultano edizioni della Hendrix Experience via Sony Legacy, forse per problemi di diritti o perché aspettano il momento adatto.

L’Avvento Del CD, Pubblicazioni dal 1986 Al 2007

Hendrix_JohnnyB

In questo arco di tempo, con l’avvento del compact disc le uscite di materiale postumo inedito si moltiplicano, sia CD in studio che dal vivo, con i diritti che prima sono della Polydor e poi della MCA sempre del gruppo Universal, per poi passare dal 2010 alla Sony Legacy tramite l’acquisizione degli archivi degli eredi della famiglia via la Hendrix Experience, ma andiamo con ordine: nel 1986 esce Jimi Plays Monterey, già ricordato prima nelle edizioni più complete degli anni 2000, nel 1986 esce Johnny Be Goode – Capitol/EMI con due pezzi da Berkeley 1970 e tre dall’Atlanta Pop Festival, ma ne parliamo poi per i più completi Live At Berkeley e Freedom: Atlanta Pop Festival. Nel 1987 esce

hendrix Live_at_Winterland Hendrix TheJHEWinterland

Live At Winterland – Rykodisc/Polydor **** e poi come Winterland – 2011 4 o 5 CD Hendrix Experience ***** Una delle serie di concerti meglio documentata nella discografia di Jimi, insieme alle serate dei Band Of Gypsys: si tratta di sei esibizioni registrate al Winterland Ballroom di San Francisco, il famoso locale di proprietà di Bill Graham, tra il 10 e il 12 ottobre 1968, con brani già apparsi anche su Jimi Hendrix Concerts e l’appena citato Live At Winterland. Nel 5° CD bonus, uscito in esclusiva per l’Amazon.Com americano, ci sono cinque brani della serata al Fillmore Auditorium sempre di San Francisco del 4 Febbraio 1968, dove, con la presenza come ospite di Buddy Miles viene eseguita una lunga Dear Mr. Fantasy dei Traffic divisa in due parti. Inoltre nella data del 10 ottobre c’è Jack Casady al basso in Killing Floor ed Hey Joe, Virgil Gonsalves al flauto in Are You Experienced? dell’11 ottobre, e sempre nella stessa data Herbie Rich all’organo in cinque pezzi. Tra i brani interessanti fa la sua apparizione ben due volte Tax Free, un pezzo di Bo Hansson, musicista svedese con cui Hendrix aveva collaborato l’anno prima (il brano apparirà nel postumo South Saturn Delta), che poi negli anni ‘70 inciderà quattro ottimi album strumentali, tra gli altri Lord Of The Rings e Magician’s Hat. Nel corso delle serate gli Experience eseguiranno Sunshine Of Your Love, Wild Thing, lo Star Spangled Banner, una lunghissima Like A Rolling Stone, oltre a Catfish Blues e Killing Floor, nel concerto di Febbraio. Si ha da avere assolutamente https://www.youtube.com/watch?v=8YsXkIKSsYY . E anche

Jimi Hendrix_RadioOne

Radio One – 1988 Castle Records **** sarebbe tra quelli da avere. L’ho inserito tra i dischi dal vivo, in quanto queste sessions registrate per la BBC, spesso sono live, al Playhouse Theatre di Londra, e provengono dal periodo Febbraio-Dicembre 1967, con molte rare e sfiziose esibizioni: Day Tripper, Wait Until Tomorrow, Catfish Blues, Hound Dog, Hoochie Coochie Man, Burning Of The Midnight Lamp tra le tante. Ma ancora meglio è il doppio CD

jimi hndrix BBC_Sessions jimi hendrix Live_and_unreleased

BBC Sessions prima MCA 1998 e poi Hendrix Experience/Sony Legacy 2010 che amplia il contenuto da 17 a 38 brani, anche con pezzi di Bob Dylan e Stevie Wonder https://www.youtube.com/watch?v=JFpYU_wpi3U . Nel 1989 esce anche Live & Unreleased: The Radio Show ***1/2, un cofanetto da 3 CD, sempre della Castle, ma non più disponibile, che conteneva uno spettacolo radiofonico di 6 ore, trasmesso negli Stati Uniti tra il 2 e il 3 ottobre del 1988, che all’interno contava la presenza di molti brani veramente rari, non un bootleg (ma quasi). Tra il 1991 e il 1994 escono le prime edizioni di Woodstock e Isle Of Wight 1970, di cui abbiamo già parlato, mentre nel 1992 viene pubblicato il bellissimo cofanetto

Stages_by_Jimi_Hendrix

Stages – 1992 4CD Reprise ****1/2 che comprende un CD per anno, dal 1967 al 1970, due serate complete, una di Stoccolma https://www.youtube.com/watch?v=C7Ft8GxWYVs , Settembre 1967 e quella all’Olympia di Parigi del gennaio 1968 (poi pubblicata insieme ad un concerto a Ottawa dalla Dagger Records) *NDA E qui ci sarebbe da approfondire, ma visto che non li possiedo, mi limito a ricordarvi che si tratta di una serie di CD, pubblicati dalla Experience Hendrix e venduti direttamente in rete, non ritenuti adatti ad essere pubblicati a livello ufficiale, in quanto di qualità sonora diciamo non sempre impeccabile, ne sono usciti 12 tra il 1998 e il 2012, ma come fece incidere Califano sulla sua tomba, “non escluderei il ritorno”. Completano il cofanetto i concerti incompleti di San Diego 1969 e Atlanta International Pop Festival 1970, poi usciti in versione integrale in seguito. Nel 2003 per la MCA e poi nel 2010 esce il concerto completo di

Jimi_Hendrix_Live_At_Berkeley

Live At Berkeley 2003-2010 Sony Legacy Experience Hendrix ****

Stranamente uno dei Live postumi che ha più diviso i critici: alcuni entusiasti, che lo considerano tra i migliori concerti dell’ultimo periodo, si tratta di una serata al Berkeley Community Center del 30 maggio 1970, quindi con Billy Cox al posto di Neil Redding nei nuovi Experience, altri dicono che c’è di meglio, il sottoscritto propende per la prima ipotesi: con ottime esecuzioni di Pass It On che poi diventerà Straight Ahead, Hey Baby (New Rising Sun) e I Don’t Live Today. Ci sarebbero anche il DVD e il Blu-Ray, uscito nel 2012, di Jimi Plays Berkeley, con materiale extra sia audio che video, il tutto restaurato dal vecchio film del 1971 che documenta anche i disordini che ci furono con i movimenti universitari https://www.youtube.com/watch?v=FmlUMuPFzo8 . Direi tra i migliori della ultima fase, superato solo da quello alla Isola di Wight e dal nuovo Live At Maui. A questo punto per completare la disamina mancano gli ultimi due live postumi

jimi hendrix Miami_Pop_Festival_album_cover

Miami Pop Festival – 2013 Sony Legacy ***1/2 Peccato per la brevità, solo 60 minuti, inclusi i due brani del set pomeridiano che rimpolpano gli otto dello show della sera, però è ancora la prima edizione degli Experience e ci sono ottime versioni di Hey Joe, Tax Free, Hear My Train A-Comin’ e una lunga Red House, oltre ai primi classici https://www.youtube.com/watch?v=_PVjcIO4MT4 . E infine, last but not least, come dicono quelli che parlano bene, e per il momento, perché è impossibile dire che non ci saranno future uscite, ecco

jimi hendrix Freedom_Atlanta_Pop_Festival_album_cover

Freedom: Atlanta Pop Festival – 2015 2 CD Sony Legacy **** registrato a metà del Cry Of Love Tour il 4 Agosto del 1970: si tratta dello spettacolo con la più alta affluenza di pubblico in terra americana, tra le 200 e le 400.000 persone (E Woodstock dirà qualcuno? Il problema è che Hendrix in quella occasione fu l’ultimo ad esibirsi, in pratica alla mattina del quarto giorno e non era rimasta ad assistere, peggio per loro, molta gente). Pochi mesi dopo il CD fu pubblicato in DVD e Blu-Ray il documentario Jimi Hendrix: Electric Church che comprende anche il concerto https://www.youtube.com/watch?v=uNK5-tZ_OgA . Manca nella tracklist Hey Baby (New Rising Sun), omessa pare per problemi di accordatura della chitarra (ma non c’era il cinema verité?), comunque troviamo eccellenti versioni della rara All Along The Watchtower, Red House, Voodoo Child (Slight Return) e una scoppiettante Hear My Train A-Comin’ , con quello che viene considerato uno degli assoli più belli della sua carriera, e qualcuno nel tempo lo ha pur fatto!

Per dovere di cronaca e completezza vi cito un paio di cofanetti che riportano ancora altro materiale del vivo, ma che sono comunque interessanti per chi vuole avvicinare la musica di Jimi Hendrix, allora, prima di tutto

Jimi_Hendrix_Experience_(Box_set)_cover

The Jimi Hendrix Experience – 4 CD 2000/2015 Hendrix Experience Sony ****1/2 Conosciuto anche come il “vellutino”, perché nella prima edizione, pubblicata dalla MCA nel 2000, il frontespizio al tatto dava l’impressione di toccare del velluto crespo, non so dirvi se l’edizione ristampata dalla Sony abbia la stessa consistenza di materiale, comunque magari cercando si trova ancora la vecchia edizione, anche se la nuova è a prezzo speciale. 60 brani in tutto, di cui 21 dal vivo, tutti più o meno usciti nelle ristampe di cui abbiamo parlato finora, anche se a memoria ricordo una Burning Of The Midnight Lamp dell’agosto 1967 al Dee Time di Londra, Fire alla Clark University di Worcester, marzo 1968, e i quattro brani dal 7 al 10 del terzo CD che erano quelli apparsi su In The West e di cui abbiamo parlato https://www.youtube.com/watch?v=1kSYVZXJ85M . Altro Box fantastico è

Jimi Hendrix_Anthology West coast seattle

West Coast Seattle Boy: The Jimi Hendrix Anthology4 CD Sony Legacy 2010****1/2 qui i brani dal vivo sono meno di una decina, ma è molto interessante il contenuto in studio, sia quello degli anni pre-fama, che i moltissimi inediti e versioni alternative.

Questa è la “storia” di Jimi Hendrix, quattro anni vissuti intensamente e poi 50 anni di grande musica dal vivo per uno dei più grandi di sempre, e non è ancora finita.

Bruno Conti

Jimi Hendrix – 50 Years Live, Parte IIultima modifica: 2020-12-20T11:50:03+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *