Forse L’Ultimo “Piccolo” Grande Live Registrato Prima Della Pandemia. US Rails – Last Call At The Red River Saloon

us rails last call at the river saloon

US Rails – Last Call At The Red River Saloon Live – 2 CD Blue Rose

Lo scorso anno hanno festeggiato il 10° anno di attività, con un concerto tenuto al Red River Saloon di Heilbronn in Germania, il 15 marzo del 2020, quindi già abbondantemente in piena pandemia: poi, come tutti, hanno dovuto interrompere la loro attività dal vivo, che con questo doppio CD, porta a tre i resoconti dei loro tour, divisi a metà tra quelli negli States e quelli in Europa, in Germania in particolare, dove si trova la loro etichetta, l’ottima Blue Rose, da sempre tra gli alfieri del rock, roots e classico, quello che più ci piace. Gli Us Rails hanno iniziato la loro parabola nel 2010, con il disco omonimo che li presentava come una sorta di supergruppo (all’inizio di 5 elementi, quando in formazione c’era ancora Joseph Parsons): al sottoscritto erano parsi, fatto le debite proporzioni, una sorta di C S N & Y, visto che tutti componevano, avevano una carriera solista, erano ottimi cantanti, tanto che le armonie vocali sono da sempre state uno dei loro punti di forza, certo, a livello di fama e anche di importanza siamo su altri livelli, forse il parallelo si può fare con i Moby Grape, altra band dove tutti i componenti si alternavano alla guida, ma anche in quel caso direi che si parla di altra categoria.

blues rails 1

Attualmente a proporre la eccellente miscela di rock, country, elementi soul e sudisti (anche se l’origine è Philadelphia), che ha prodotto sei/sette album di studio, più uno di cover, sono Ben Arnold, il tastierista, quello che più oscilla tra rock e soul, Tom Gillam, chitarrista e mandolinista, il più noto dei quattro, Scott Bricklin, anche lui a chitarre, mandolino, e occasionalmente a tastiere e basso (spesso riprodotto con i pedali dell’organo) e infine Matt Muir, il batterista, che comunque canta in tre brani nel doppio Live. Il risultato è eccellente, come sempre peraltro, con in più la grinta che sanno proporre nelle esibizioni dal vivo: 22 brani in tutto, solo una cover, con Arnold che apre le operazioni con Eagle And Crow, una canzone estratta da Heartbreak Superstar, secondo molti il migliore dei loro dischi, ma secondo me sono belli tutti, incluso l’ultimo https://discoclub.myblog.it/2020/05/15/un-ottimo-modo-per-festeggiare-dieci-anni-on-the-road-us-rails-mile-by-mile/  , una rock song gagliarda e chitarristica, con la voce vissuta e roca di Ben, il più soul del gruppo, a guidare le operazioni, Take You Home è di Bricklin, dall’ultimo album, sempre riffata e ricca di di armonie, in bilico tra Petty e gli Eagles, con la chitarra di Gillam in tiro https://www.youtube.com/watch?v=JyOCUyjL7yE .

us rails last call at the river saloon 1

Tom che poi canta He’s Still In Love With You da Ivy, altro fulgido esempio del roots rock espansivo della band, che poi propone la bellissima Hearbreak Superstar di Arnold, una sorta di brano da rock&soul revue, con chitarre e piano che si intrecciano, ed anche Muir offre il suo contributo con Water In The Well, dall’ultimo album, una ballata swamp sospesa , sempre con chitarre molto presenti. A questo punto riprende il giro con Rainwater di Arrnold, tra country e West Coast, tratta dall’esordio, Drag Me Down di Bricklin, per l’occasione al basso, dopo una introduzione attendista, si sviluppa in un vibrante pezzo rock degno dei migliori di Don Henley, con Arnold eccellente al piano, e molto bella anche Colorado di Gillam, puro Americana sound con una melodia sopraffina. Senza elencarle tutte, anche se meritano, vorrei ricordare la potente Declaration di nuovo di Gillam https://www.youtube.com/watch?v=nZiMTmiL5zE , la deliziosa ballata Slow Dance di Arnold, che chiude il primo CD.

us-rails-2020-antxiki-david-mars-1-todos

Il vibrante R&R californiano di Follow The Lights dell’accoppiata Muir/Arnold, la festosa Hard Headed Woman, che non è quella di Cat Stevens, tra Byrds, Petty e Springsteen, Don’t Take Me Now di Muir, che sembra un pezzo degli U2 americani, quando facevano ancora buona musica, gli oltre sei minuti di Old Song On The Radio, una di quelle ballate superbe di Gillam che ogni tanto la band sciorina, tratta da Southern Canon, e che potrebbe passare per una canzone della Band, con la B maiuscola, con singalong finale, anche se ci sono quattro gatti al concerto https://www.youtube.com/watch?v=16zCGR602jU . E ancora Fooling Around, ottimo rock, la corale Everywhere I Go, con qualche rimando a Young o ai Blue Rodeo più chitarristici, la galoppante Mile By Mile tagliata in due da una slide tangenziale, l’unica cover è l’elettroacustica Barbed Wire di Artie Traum, che forse solo alcunii lettori più attenti del Blog potrebbero conoscere, molto CSN https://www.youtube.com/watch?v=Mah8UAVBSy4 , e la chiusura di un ottimo Live con la speranzosa Do What You Love https://discoclub.myblog.it/2020/05/15/un-ottimo-modo-per-festeggiare-dieci-anni-on-the-road-us-rails-mile-by-mile/ .

Bruno Conti

Forse L’Ultimo “Piccolo” Grande Live Registrato Prima Della Pandemia. US Rails – Last Call At The Red River Saloonultima modifica: 2021-02-04T19:07:27+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *