Prosegue La Storia Infinita Della Band Di Joe Camilleri, Sempre Una Garanzia. Black Sorrows – Citizen John

black sorrows citizen john

Black Sorrows – Citizen John – Blue Rose Records/Ird

Album n° 21 per la band di Joe Camilleri, si chiama Citizen John e segue il valido album dello scorso anno Faithful Satellitehttps://discoclub.myblog.it/2017/02/01/l-ennesimo-capitolo-di-una-band-storica-australiana-black-sorrows-faithful-satellite/  : un ennesimo capitolo della saga dei Black Sorrows, iniziata all’incirca 35 anni fa con l’album Sonola. Ma per Camilleri, nelle sue varie incarnazioni, anche come Jo Jo Zep And The Falcons, The Revelators,  e sotto altri svariati pseudonimi, ci viene detto, e mi fido, che questo è il 49° album di una sterminata discografia. Il buon Joe, nato 70 anni fa a Malta, è diventato una delle leggende del rock australiano, in possesso di una voce che a tratti ricorda un riuscito incrocio tra quelle di Van Morrison, Elvis Costello e Graham Parker, e anche musicalmente viaggia su questa lunghezza d’onda, magari inserendo su una base rock pure elementi blues, soul e R&B, senza dimenticare una sorta di unità di intenti con Willy DeVille che è sempre stato un punto di riferimento per lo stile di Camilleri. Il nuovo album, co-prodotto da Joe con il fido John McCall, che è anche il tastierista della band, comprende una decina di nuove composizioni di Camilleri e Nick Smith, il suo paroliere abituale, e tre cover che dimostrano l’eclettismo della band australiana.

Partiamo proprio da queste ultime: abbiamo una bella rilettura della canzone di Nina Simone Do I Move You, un brano dall’album N.S. Sings The Blues, e quindi un classico slow della grande cantante nera, interpretato con grinta dai Black Sorrows che pongono l’accento su armonica, chitarra e piano, in questa versione solida ed elettrica. La scelta di un brano di Bob Dylan cade su una canzone tra le sue meno note, Silvio, ma Camilleri e soci rendono la canzone di Down In The Groove una vivace e galoppante roots song, con in evidenza la slide di Claude Carranza, voci di supporto pimpanti, tra cui quella di Sandy Keenan, e un impianto elettroacustico al quale organo ed acustiche donano un aura divertita e “paesana”. Sitting On Top On The World di solito viene accostata a Howlin’ Wolf, ma in effetti viene dalla tradizione più antica di inizio ‘900 del blues e la versione della band  si rifà a questo canone sonoro, intensa e suggestiva, ma anche intima e gentile, con la bella e profonda voce di Camilleri in primo piano e un flauto che fa le veci dell’armonica. Tra le canzoni originali l’iniziale Wedsneday’s Child  è la tipica composizione alla Camilleri, dal chiaro substrato blues, con chitarre e tastiere, nonché le voci di supporto, guidate dalla Keenan, che si confrontano con la scura voce del leader in uno stile che rimanda appunto al DeVille più bluesy https://www.youtube.com/watch?v=n7oVa72_OTU ; non può certo mancare una delle classiche ed accorate ballate di impianto soul tanto care a Camilleri, e Lover I Surrender ne conferma la classe https://www.youtube.com/watch?v=X5APygIwD_Q .

Messiah ha echi gospel, che al tipico afflato tra soul e blues delle sue canzoni più potenti, affianca un eccellente lavoro di Carranza alla solista. Storm The Bastille, con il violino struggente di Xani Kolac e il mandolino di Kerryn Tolhurst che affiancano la slide di Carranza è un altro ottimo esempio del canzoniere del bravo Joe, che poi fa ricorso all’uso dei fiati per un’altra bella ballata come Way Below The Heavens, dove una tromba struggente affianca il violino, mentre un coro sontuoso avvolge con dolcezza lo spirito quasi celtic rock e morrisoniano di questa  canzone https://www.youtube.com/watch?v=yOZZnCe5uUg . Citizen John è uno swamp blues con uso fiati, tra Chris Rea e Tony Joe White, con il call and response di Camilleri e la Keenan ad insaporire il menu, dove spiccano un liquido piano elettrico e un bel assolo del sax di Wilbur Wilde. Una diversa sezione fiati, The Horns Of Leroy, fa la sua apparizione per un tuffo nel divertente jazz anni ’30 sbucato da qualche fumoso locale di New Orleans dell’era della Depressione, per la deliziosa Brother Moses Sister Mae, con la notturna e soffusa Nothin’ But The Blues, che in modo felpato ci fa apprezzare il lato più intimo del nostro, che poi va di latin rock molto alla DeVille nella mossa e coinvolgente Month Of Sundays  e poi nel rock più classico della brillante Worlds Away, sempre con quel retrogusto blues chitarristico che non manca mai nella sua canzoni migliori, e in questo disco ce ne sono parecchie. Una garanzia.

Bruno Conti

Uscite Cofanetti Imminenti: Dall’Australia The Glory Days Of Aussie Pub Rock Vol.2

glory days of aussie pub rock vol.2

The Glory Days Of Aussie Pub Rock Vol. 2 – 4 CD Festival Records Australia – 24-2-2017

All’incirca un anno fa, poco meno, vi segnalavo l’uscita del primo volume dedicato a questa piccola nicchia del rock australiano http://discoclub.myblog.it/tag/aussie-pub-rock/, sempre un piccolo box di 4 CD, diciamo di non facile reperibilità, per quanto non particolarmente costoso (addirittura se qualcuno se lo fosse perso e fosse interessato all’acquisto ho visto che in alcuni siti di vendita il prezzo è sceso ulteriormente). Comunque se non vi ricordate gli artisti presenti andate a vedere al link, molti nomi mai sentiti nominare, peraltro validi ed alcuni interessanti da scoprire, confesso che molti non li conosco neppure io, ma anche la “crème de la crème” del rock “alternativo” Down Under, oltre ad alcuni di cui possiamo fare tranquillamente a meno, ma nell’insieme un cofanetto interessante.

Ecco la lista completa dei contenuti:

 CD1]
1. Cold Chisel – You Got Nothing I Want
2. The Angels – Shadow Boxer
3. Divinyls – I’ll Make You Happy
4. Split Enz – I See Red
5. The Sports – Strangers On A Train
6. Mental As Anything – Come Around
7. Sunnyboys – Happy Man
8. Choirboys – Boys Will Be Boys
9. Rose Tattoo – One Of The Boys
10. Dave Warner’s From The Suburbs – Nothing To Lose
11. Skyhooks – Over The Border
12. The Motivators – After The Fall
13. The Ferrets – This Night
14. Models – Atlantic Romantic
15. The Aliens – Follow That Girl
16. The Radiators – Summer Holiday
17. Matt Finish Cia (Live At Pact Theatre 1981)
18. Kevin Borich Express – No Turning Back
19. Stars – With A Winning Hand
20. Dragon – Get That Jive
21. Richard Clapton – Hearts On The Nightline
22. Ian Moss – Tucker’s Daughter
23. The Black Sorrows – The Chosen Ones
24. Moving Pictures – Winners

[CD2]
1. Baby Animals – Early Warning
2. Heroes – I Can’t Go On
3. Dallimore – We Are The Kids
4. Taste – Boys Will Be Boys
5. Hush – Glad All Over
6. Supernaut Unemployed
7. Kings Of The Sun – Bottom Of My Heart
8. The Screaming Jets – Shivers
9. Nick Barker & The Reptiles – Another Me
10. Painters And Dockers – Die Yuppie Die
11. James Freud & Berlin – Enemy Lines
12. Flowers – Sister
13. Noiseworks – No Lies
14. Peter Wells – Between The Saddle And The Ground
15. Buster Brown – Roll Over Beethoven
16. Billy Thorpe & The Aztecs – Sick ‘n’ Tired (1973 Version)
17. Jim Keays’ Southern Cross – Undecided
18. Daddy Cool – All I Wanna Do Is Rock
19. Ol’ 55 – C’mon Let’s Do It
20. T.M.G. – Gonna Be Somebody
21. Mother Goose – Moonshine Lady

[CD3]
1. The Saints – Ghost Ships
2. The Church – The Unguarded Moment

3. Hoodoo Gurus – In The Wild
4. The Cockroaches – Hey What Now
5. The Riptides – Day Has Gone
6. Flaming Hands – The Edge
7. The Hitmen – Didn’t Tell The Man
8. Young Modern – Automatic
9. Mondo Rock – Searching For My Baby
10. Paul Kelly & The Coloured Girls – To Her Door
11. No Fixed Address – Black Man’s Rights
12. Broderick Smith’s Big Combo – My Father’s Hands
13. Goanna – Razor’s Edge
14. The Badloves – Green Limousine
15. Fraternity (Feat. Bon Scott) – If You Got It
16. Gary Young & The Rocking Emus – Rockabilly Heaven
17. The Johnnys – Injun Joe
18. Warumpi Band – Stompin’ Ground
19. Vika & Linda – I Didn’t Know Love Could Be Mine
20. Weddings Parties Anything – Roaring Days
21. The Dingoes – Come On Down
22. Russell Morris & The Rubes – Walk Don’t Run
23. Little River Band – Help Is On Its Way

[CD4]
1. Men At Work – Be Good Johnny
2. Australian Crawl – The Boys Light Up
3. Hunters & Collectors The Slab
4. Boom Crash Opera Great Wall
5. Dynamic Hepnotics – Soul Kind Of Feeling
6. Jo Jo Zep & The Falcons – All I Wanna Do
7. The Dugites – In Your Car
8. The Reels Love Will Find A Way
9. Do Re Mi – Man Overboard
10. V.Spy V.Spy – Hardtimes
11. The Spaniards – I Want To Live In A House
12. Mike Rudd & The Heaters – Talking To The Television
13. The Breakers – When I’m On Tv
14. The Numbers – Five Letter Word
15. The Boys – Weoh Weoh Weoh
16. The Swingers – One Good Reason
17. The Kevins – Romeo Romeo
18. The Little Heroes – One Perfect Day
19. Uncanny X-men – Still Waiting
20. Jimmy & The Boys – They Won’t Let My Girlfriend Talk To Me
21. Mi-Sex – Graffiti Crimes
22. The Party Boys (Feat. Swanee) – High Voltage

Esce il 24 febbraio, domani, in Australia, e il 3 marzo nel resto del mondo.

Bruno Conti

L’ Ennesimo Capitolo Di Una Band “Storica” Australiana. Black Sorrows – Faithful Satellite

balck sorrows faitful satellite

Black Sorrows – Faithful Satellite – Rootsy Music / IRD

Chi ci segue su questo blog avrà notato il mio “innamoramento musicale” per gli artisti irlandesi in generale, e anche altrettanta “passione” per tutto quello che ci arriva dal continente australiano: per cui in un ipotetico podio composto dai migliori gruppi Down Under di sempre (a mio parere personale) ci metto in primis i Triffids, i Cold Chisel di Jimmy Barnes, e sicuramente i Black Sorrows di Joe Camilleri (ne ho parlato ampiamente e più volte su queste pagine recensendo sia Crooked Little Thoughts che Certified Blue, e Endless Sleep/One More Time  http://discoclub.myblog.it/2015/10/04/il-jukebox-personale-joe-camilleri-black-sorrows-endless-sleep/). Questo nuovo lavoro Faithful Satellie è il ventesimo album dei Black Sorrows, e come al solito il buon Joe (chitarre e sax, oltre naturalmente alla voce)) porta nei Woodstock Studios di Melbourne il solito cast stellare di musicisti Aussie, composto da Claude Carranza alle chitarre, John McAll alle tastiere, Mark Gray al basso, Angus Burchall alla batteria, con l’aggiunta di validi “turnisti” del posto a comporre una eccellente sezione fiati, con l’abituale supporto di strumenti come violino, fisarmonica, mandolino e banjo, e non potevano certo mancare le bravissime coriste storiche Vika e Linda Bull, mentre tutte le canzoni sono state composte da Camilleri con il suo paroliere di fiducia Nick Smith.

Per chi non conoscesse il gruppo, la musica dei Black Sorrows attraversa vari generi, a partire dal rock, ma anche bluegrass e country in questo disco, blues, rockabilly, reggae, gospel, soul, e negli ultimi album pure leggere impronte jazz, comunque l’iniziale Cold Grey Moon è davvero spiazzante, si apre con un introduzione di violini da camera, e passa più di un minuto prima che la calda voce di Camilleri si apra in una solenne ballata (marchio di fabbrica del gruppo) con l’accompagnamento della tromba di Travis Woods, per poi passare subito ad atmosfere anni sessanta grazie al rockabilly-jazz di Raise Your Hands (dove è impossibile non muovere il piedino), a cui fa seguito un’altra dolcissima ballata in perfetto stile “messicano” come You Were Never Mine (dove Joe non fa rimpiangere il suo “mentore” Van Morrison).

La bravura dei musicisti si manifesta nel country-honky-tonk di Fix My Bail (con la partecipazione dei Davidson Brothers), mentre la seguente It Ain’t Ever Gonna Happen è un brano blues (con la voce seducente di Sandii Keenan) degno del miglior Willy DeVille; passando poi per le cadenze danzanti a tempo di valzer di una “agreste” Winter Rose, di nuovo con i Davidson Brothers. La seconda parte del disco riparte in modo brillante con l’intrigante “swinging rock” di I Love You Anyhow, mentre Into Twilight mette in evidenza i violini ed anche il supporto delle coriste, ed è seguita da una buona canzone rock come Carolina https://www.youtube.com/watch?v=nVbJcXLQQHk , mentre un brano quasi reggae come Love Is On Its Way, porta l’ascoltatore verso suoni cari ai dimenticati Kid Creole And The Coconuts, ma non ci fa impazzire, andando infine  a chiudere con la musicabilità rocciosa di Land Of The Dead, e una acida e spettrale Beat Nightmare.

Joe Camilleri e i suoi Black Sorrows nonostante vari cambi di line-up avvenuti nei loro 30 anni di vita, hanno conquistato un posto speciale nel cuore di molti amanti della buona musica, con brani che sono diventati dei piccoli classici nel panorama musicale australiano, e anche in questo ultimo Faithful Satellite (dove è difficile trovare un difetto, forse il pezzo reggae), passano con disinvoltura e grande bravura (come detto in precedenza) dal folk al blues, dal funky, appunto al reggae, dal soul al gospel, fino ad arrivare alle ballate sognanti e seducenti che sono sempre state il valore aggiunto del gruppo. Dopo una carriera lunga più di 50 anni, Camilleri continua semplicemente a fare quello che gli riesce meglio, scrivere e far conoscere la sua musica, una musica di qualità che lo consacra una “icona” al pari, a mio parere, di Nick Cave, Paul Kelly, Jimmy Barnes, Archie Roach, e altri musicisti del continente australiano. Consigliato.!

Tino Montanari

*NDB Per la cronaca, la versione australiana del CD, uscita a settembre dello scorso anno, ha una sequenza dei brani completamente diversa dalla edizione europea.