Tra Bluesmen Ci Si Intende! Walter Trout & His Band – Luther’s Blues A Tribute To Luther Allison

walter trout luther's blues.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Walter Trout And His Band – Luther’s Blues – Mascot/Provogue

Il “Walterone” da Ocean City, New Jersey, ma residente in California da illo tempore (da non confondere con quello della Littizzetto e dal nostro Walter “ma anche ” e mi chiedo se più di un californiano perplesso si starà chiedendo di cosa cacchio sto parlando), quel Walter Trout colpisce ancora.

Il nuovo album si chiama Luther’s Blues e come il titolo lascia intendere si tratta di un omaggio a Luther Allison, uno degli ultimi grandi chitarristi prodotti dal blues elettrico della seconda e terza generazione, forse appena sotto i tre King, Buddy Guy  e anche Otis Rush, ma con Jimmy Dawkins, Albert Collins, Magic Sam (forse nella prima fascia) e pochi altri di cui al momento non mi sovvengo, tra coloro che più hanno segnato l’ascesa della chitarra solista nel blues classico. Allison è stato uno dei chitarristi più “taglienti” e vigorosi della scena di Chicago, ma deve la sua fama soprattutto alle lunghe tournée europee e ai suoi concerti che rivaleggiavano con quelli di Springsteen per durata, spesso tra le tre e le quattro ore, vere e proprie maratone in cui regalava al pubblico un torrente di Blues come pochi altri performers hanno saputo fare. Ma Luther era anche un notevole autore di brani, spesso in coppia con il suo organista James Solberg e questo CD riprende alcuni dei migliori brani del suo repertorio nella rilettura di Walter Trout. Altro musicista, e chitarrista soprattutto, che ha fatto della potenza e della energia, unite ad una tecnica invidiabile, una delle armi più “letali” dell’attuale scena blues. Il sottoscritto si è occupato parecchie volte del nostro amico un-grande-chitarrista-in-tutti-i-sensi-walter-trout-common-g.html, che peraltro non delude mai, i suoi lavori sono una delle poche certezze per gli appassionati del rock-blues più ruspante e genuino, il capolavoro forse non è nelle sue corde ma i suoi dischi sono sempre solidi e ricchi di soddisfazione per chi ama il genere.

Anche questo Luther’s Blues non tradisce la fama dell’ex Bluesbreakers e Canned Heat (sicuramente non le migliori versioni di entrambe le band) e attraverso undici cover e un brano scritto appositamente da Trout per l’occasione è un genuino omaggio all’arte di un personaggio che forse, al di fuori dei canali specializzati, non ha goduto della fama e dell’apprezzamento che avrebbe meritato. E così scorrono brani come I’m Back, tirata allo spasimo, slow blues di grandissima intensità come la potente Cherry Red Wine, carrettate di note come la poderosa Move From The Hood, di nuovo lenti torrenziali come la lirica Bad Love. E ancora tirate versioni della hendrixiana, almeno nella versione di Trout, Big City, con l’organo di Sammy Avila in bella evidenza (ma in tutto l’organo le tastiere svolgono un ottimo lavoro di supporto).

Non mancano le atmosfere funky e cadenzate dell’ottima Chicago ma è nei brani lenti che il disco regala i momenti migliori, come nella malinconica Just As I Am, con Trout che si conferma ancora una volta anche buon vocalist. Forse lo spirito di Luther Allison rivive di più in brani come Low Down And Dirty dove il figlio Bernard regala al genitore una bella performance alla seconda voce e alla slide per un duetto che rinverdisce i tempi d’oro del babbo. Il sottoscritto comunque predilige quei lentoni blues in punta di chitarra dove la tecnica di Walter Trout ha modo di esplicarsi al meglio, come nella bellissima Pain In The Streets, ma anche in quelli più torrenziali come la rocciosa All The King’s Horses. Notevoli anche la lunga Freedom che ha delle derive quasi psichedeliche e il manifesto di una carriera, l’unico brano firmato dallo stesso Trout, When Luther Played The Blues, in sette minuti la storia di una vita per la musica, un ulteriore grande slow blues. Semplice e diretto, un bel disco, tra i migliori nel suo genere.

Bruno Conti

Nuovi Incroci Di Famiglie Blues. Allison Burnside – Express

allison burnside express.jpg

 

 

 

 

 

 

Allison Burnside – Express – Jazzhaus Records

Per la serie “Figli di…”, nelle varie combinazioni possibili, l’accoppiata nera tra Bernard Allison e Cedric Burnside ci mancava, ma ora arriva questa Express a colmare la lacuna. Bernard, neanche a dirlo, è il figlio del grande Luther, e con l’ultimo Live At the Jazzhaus, recensito dal sottoscritto, aveva dato segnali di risveglio, dopo un paio di dischi non memorabili di-padre-in-figlio-sempre-blues-ma-bernard-allison-live-at-t.html, Cedric, batteria, chitarra e voce, è il figlio del figlio (ovvero il nipote, ma serviva per il giochino dell’introduzione) di R.L. Burnside,  e oltre al proprio Cedric Burnside Project, ha collaborato con Lightnin’ Malcolm, con i vari fratelli Dickinson, con lo zio Garry e con componenti della famiglia Kimbrough, un casino di intrecci, e nel 2012 ha vinto anche il  premio come miglior batterista Blues ai premi che si tengono in quel di Memphis, Tennessee, ma nel disco ha voluto suonare anche la chitarra. Nelle note del CD, oltre a Dio e parenti vari, i due ringraziano Trenton Ayers, chitarra, Erick Ballard, batteria e Vic Jackson, basso, che hanno condiviso con loro le sessions di registrazione che si sono tenute lo scorso anno in quel di Minneapolis.

Accanto ad una serie di brani originali firmati dalla coppia, spicca un terzetto di cover di sicura presa: Nutbush City Limits, il classico di Ike & Tina Turner, viene riletto come un grintoso blues-rock, molto chitarristico (come gran parte del disco, peraltro), con le due voci che si alternano e si miscelano con successo, Hidden Charms, un brano di Willie Dixon di fine anni ’50, nel repertorio di Howlin’ Wolf, ma che fu anche il titolo del suo ultimo grande album, vincitore di un Grammy nel 1989 e che seguiva di poco le sue vittorie legali con i Led Zeppelin per le accuse di plagio ai suoi brani, ma questa è un’altra storia. Tornando a Hidden Charms, il brano, viene qui rivisitato in uno scoppiettante stile cajun rock, con tanto di fisarmonica, completamente differente dal sound del resto dell’album ma non per questo meno valido e molto trascinante e divertente. L’ultima cover è quella di Going Down, il celebre brano di Don Nix, che, per i misteri del Blues, anche gli Stones, che l’hanno eseguita nei recenti concerti a Newark e Londra con Jeff Beck e John Mayer & Gary Clark Jr.,  hanno presentato come un brano di Freddie King, che per l’amor di Dio l’ha incisa, ma lasciando, per l’ennesima volta, nel dimenticatoio Nix, che l’ha scritta, creando quel riff inconfondibile, che se dovessi scegliere, quasi tutti ricordano nella versione tiratissima di Beck, per la precisione. Bella la versione, in ogni caso, di Allison e Burnside, con doppia chitarra solista e tanta grinta.

Il resto è del sano blues elettrico, non particolarmente innovativo, ma neppure troppo routinario, in una fascia qualitativa medio alta, per bluesofili incalliti, ma che amano anche delle contaminazioni con il rock, senza per questo scadere in caciare esagerate. Dalla classica Backtrack, che si avvicina più allo stile di Allison senior, Chicago blues ad alta densità chitarristica quindi, che allo stile juke-joint sudista della famiglia Burnside. Il riff reiterato, ipnotico, con inserti di chitarra acustica di Do You Know What I Think, è più vicino all’altra scuola mentre Why Did I Do It, con un suono ispirato da Stones, ZZ Top e altri praticanti di uno stile più vicino al rock ma farcito di blues, soddisferà i palati di chi ama North Mississippi Allstars e Black Crowes, ma anche l’Hendrix dei Band of Gyspsys, sempre con quella bella alternanza delle due voci soliste che caratterizza tutto l’album. Anche Southshore Drive ha la giusta grinta rockistica, mentre Fire It Up, è molto più funky e con degli accenti vagamente rappati non particolarmente memorabili. Di Mississippi Blues basterebbe il titolo per capire che è una pausa acustica nel mood prevalentemente tirato di questo Express. Stanky Issues è un breve strumentale che ci permette di apprezzare la tecnica solista dei protagonisti di questo CD mentre That Thang è uno dei quei brani superfunky, francamente inutili, che ogni tanto scappano all’Allison junior, Bernard.

Bruno Conti

Di Padre In Figlio, Sempre Blues Ma…Bernard Allison – Live At The Jazzhaus

bernard allison live jazzhaus.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Bernard Allison Group – Live At The Jazzhaus – 2CD o DVD Jazzhaus Records

Torna Bernard Allison, a distanza di pochi mesi dal precedente The Otherside bernard%20allison  e lo fa con un bel doppio CD dal vivo (o DVD) che risolleva le sue quotazioni un po’ appannate da un paio di dischi non all’altezza della sua fama. Per chiarirlo subito, Bernard non è ai livelli del babbo Luther Allison, uno dei migliori musicisti della seconda generazione del Blues elettrico, ma è comunque un musicista di notevole spessore, buon cantante, ottimo chitarrista, influenzato tanto dal blues classico dei vari King e di Muddy Waters quanto da Johnny Winter e Stevie Ray Vaughan oltre che dal padre. Non manca anche una notevole passione per il funky e la soul music più ritmata tra le influenze del nono figlio della famiglia Allison, che si è fatto la sua bella gavetta nella band di Koko Taylor e poi nel gruppo del babbo e dal 1990, anno dell’esordio con The Next Generation, ha già pubblicato una quindicina di album per diverse etichette.

Questo Live At The Jazzhouse si inserisce sicuramente tra i migliori della sua produzione: accompagnato da un solido quintetto dove spicca il sax di Jose James che è un po’ il secondo solista della band in alternativa al tastierista Toby Lee Marshall il concerto, nella classica guisa delle soul and blues revue parte con uno strumentale, Send It In che è il classico brano per rompere il ghiaccio con tutti i musicisti che scaldano il pubblico per la stella della show con assoli di sax, organo e chitarra.Stella, Bernard Allison che arriva e parte con una versione ricca di funky soul di I Wouldn’t Treat A Dog dal repertorio di Bobby “Blue” Bland che forse in omaggio al nome del suo interprete originale è un po’ “blanda” (lo so, battuta scarsa)! L’altra cover del CD è una versione decisamente più vigorosa di quello che viene considerato il primo brano della storia del R&R, Rocket 88 attribuita a Jackie Brenston ma che proviene dalla fertile inventiva del primo Ike Turner. Quando con Tired Of Tryin’ i ritmi si fanno più funky-rock sembra di ascoltare una versione dei Band Of Gypsys con sax e tastiere aggiunti anche se più all’acqua di rose ma la chitarra con e senza wah-wah viaggia che è un piacere.

So Devine è una sorta di slow soul alla Robert Cray con la bella voce di Allison in evidenza mentre Black and White alza ritmi ed intensità mantenendo quel filone funky con basso slappato che appartiene allo stile del nostro amico. Life Goes On è uno di quei bei pezzi blues che avrebbero fatto la gioia di babbo Luther, Allison Way addirittura batte territori reggae-blues che è un filone non molto frequentato, peculiare ma non malvagio. Il secondo CD parte con una Groove me sempre funky ma con quei richiami alla SRV mentre The Otherside conferma la non eccessiva validità della versione di studio tratta dall’ultimo album, non memorabile per usare un eufemismo. Decisamente meglio la lunga Just My Guitar and me dove il contemporaneo uso di slide e wah-wah conferisce sonorità particolari alla chitarra di Bernard Allison che finalmente dà sfogo alle sue notevoli doti di solista e non per nulla il brano era firmato anche da Luther Allison.

Tobys B3 come da titolo è una improvvisazione di organo di Marshall mentre Serious era uno dei cavalli di battaglia di Allison Sr. e Bernard Allison e la sua band gli rendono giustizia con una versione monstre di oltre 15 minuti con tutti i solisti di volta in volta al proscenio e il leader del gruppo che ci regala un assolo di quelli magistrali per questo slow blues in crescendo. Si poteva anche finire qui ma Chills and Thrills tra Hendrix e Stevie Ray non è male pure nella sua eccessiva funkytudine, anche se l’assolo di chitarra è micidiale come di consueto e anche il sax si difende.

Bravo anche se non fondamentale, sempre Blues ma…il babbo Luther era molto più bravo.

Bruno Conti

It’s Blues Time! Bernard Allison – The Otherside

bernard allison the otherside.jpgbernard allison live jazzhaus.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Bernard Allison – The Otherside – CC Entertainment/Jazzhaus Records

Sono parecchi anni che Bernard Allison ha idealmente raccolto il testimone del Blues dal padre Luther ma la lunga ombra del genitore continua a distendersi attraverso pubblicazioni postume (tipo il CD+DVD Live Songs From The Road di cui vi parlavo non tanti mesi orsono). Ma già prima del 1997, anno della scomparsa di Luther,  le loro carriere si erano intrecciate in vari modi e non sempre in modo favorevole a Bernard. Ultimo di nove figli aveva incominciato ad accompagnare il padre per concerti e festival blues già negli anni ’70 ereditando questa insana passione per la musica blues. Poi negli anni ’80 ha iniziato la gavetta facendo il chitarrista nella band di Koko Taylor e poi come direttore musicale nella Touring band del babbo. Il suo esordio risale al 1990 con il profetico The Next Generation e da allora ha pubblicato, tra dischi di studio e live, qualcosa come 15 dischi.

Entrambi sono molto influenzati dal sound e dallo stile di Albert Collins quindi bisogna dire che certi tratti comuni nella loro musica discendono dallo stesso ceppo. Non sempre gli album di Bernard mi hanno entusiasmato ma Keepin’ The Blues Alive del 1997 e il disco (con DVD) dal vivo Energized-Live In Europe sono esempi più che rispettabili di blues elettrico nella sua migliore accezione. Spesso influenzato anche da soul, funky e R&B questo ultimo capitolo della saga, The Otherside devo dire che non rientra tra i suoi dischi più memorabili. Forse anche la produzione di David Z. c’entra qualcosa.

Il tocco chitarristico e la voce sono sempre più che buoni: dall’iniziale strumentale Send It In, veloce e concisa ma ricca di spunti della solista di Bernard ci si aspetta di essere di fronte a un disco notevole. Ma poi già da I Wouldn’t Treat A Dog (The Way You Treated Me), si insinua quel funky-soul-blues un po’ di maniera alla Robert Cray più svogliato con il sax piuttosto risaputo di Jose Ned James che sostituisce (spesso) la chitarra pungente di Allison a favore di un sound “smooth and mellow” che non rende piena giustizia al brano di Bobby Bland! Anche la vagamente jazzata Tired Of Tryin’ non è particolarmente eccitante. E pure Simple As That si muove su traiettorie limitrofe al blues, più soul ma nella sua immediatezza e con la bella voce di Bernard in evidenza non è malaccio nonostante quel sassofono invadente e zero chitarre in vista.

The Otherside è decisamente più pimpante, con la solista in primo piano e un suono incisivo funky-blues ereditato da Collins e Luther. Slide Master, un titolo, un programma prosegue in questa serie positiva come la successiva Allison Way che illustra il sound di “famiglia”, mentre Still Rainin’ scritta e cantata dal tastierista Bruce McCabe ricade nei soliti difetti con sax e piano e iosa ma poca sostanza.

Leavin’ The Bayou, viceversa, è insinuante e vagamente voodoo nelle sue sonorità dalla Louisiana, sicuramente aiutano la voce e la chitarra dell’ospite Lonnie Brooks che attizzano il gruppo di Bernard Allison che piazza anche un assolo dei suoi in risposta a Brooks. Life Goes On è un pimpante Chicago Blues con piano e fiati che finalmente non rompono le balle (nel senso che ci sono ma usati con migliori risultati).  Fire è proprio quella di Jimi Hendrix e finalmente ci ricorda perché Bernard Allison è considerato uno dei più eccitanti performer dal vivo. Clear Vision ha il cuore nel groove blues giusto ma è un po’ moscetta mentre lo slow blues Let’s Try It Again finalmente ci regala la giusta intensità vocale e strumentale anche se un colpo di pistola al sassofonista mi sarebbe scappato ma poi Bernard Allison si fa abbondamente perdonare con l’assolo finale, intenso e scoppiettante.

Nel frattempo, sta uscendo/è uscito (dipende da quando leggerete questa recensione) un nuovo doppio CD (o DVD) dal vivo, Live At The Jazzhaus che mi sembra superiore a questo The Otherside che pure, tutto sommato, non è un disco disprezzabile per gli amanti del Blues.

Bruno Conti

L’Ultimo Ruggito (Postumo) di Un Grande Leone – Luther Allison Songs From The Road

luther-allison_songs-from-the-road.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Concludiamo la trilogia dei “ruggiti” con uno straordinario album postumo di Luther Allison, questo Songs From The Road (un cd + dvd) è la documentazione postuma di uno degli ultimi concerti tenuti da questo grande bluesman nel luglio del 1997 (il 4 per la precisione) al Festival Jazz di Montreal (Canada, non quello svizzero di Montreux, da non confondere). Di lì a poco, gli sarebbe stato diagnosticato un tumore ai polmoni e il 12 agosto a 58 anni non ancora compiuti sarebbe scomparso stroncato da quel male incurabile.

Difficile da credere, vedendo e sentendo, questo disco dal vivo dall’intensità e dalla vitalita straripanti, una sorta di summa finale di uno degli unsung heroes del blues moderno: “scoperto” da Muddy Waters che lo invitò sul palco la prima volta nel 1957 a 18 anni, dopo una lunga gavetta approdò a registrare il suo primo album, per la Delmark, Love Me Mama nel 1967 e, a seguire, fu uno dei pochi bluesmen a registrare tre album per la Motown, negli anni ’70.

Ma la sua fama deriva soprattutto dalle torrenziali esibizioni dal vivo di cui questo Songs From The Road è prova inconfutabile: per la serie non capisco perché, il cd e il dvd venduti in una confezione unica sono diversi tra loro (queste sono le cose che mi fanno impazzire dei discografici, anche quelli indipendenti e benemeriti come Tomas Ruf, fondatore dell’omonima etichetta, perché cazzarola devi fare il cd e il dvd con dei brani diversificati, se uno è la copia del video o viceversa, e lo regali ma lascialo uguale! Fine dello sfogo).

Per la serie, per capire di chi stiamo parlando, il video che vedete qui sotto, tratto dal festival di Montreux (Svizzera) lo vede in jam session con Eric Clapton, Otis Rush e una miriade di altri chitarristi, vedere per godere!


Luther Allison Otis Rush Eric Clapton Mo
Uploaded by Zone19. – Watch more music videos, in HD!

Comunque il cd ha 10 brani, il dvd 7 (non commento per evitare il turpiloquio), ma almeno il contenuto è strepitoso: l’uno-due delle iniziali Cancel My Check, Living In The House Of The Blues è da manuali della musica. Accompagnato dalla solidissima James Solberg Band (un ensemble di bianchì tostissimi che fanno del blues ad alti ottani anche per i fatti loro), Luther Allison estrae dal cilindro, pardon, dalla chitarra una serie di assoli lancinanti e coinvolgenti nella migliore tradizione del blues di Chicago, il tutto condito dalla sua voce potente,una delle più interessanti del panorama blues degli ultimi decenni.

Se aggiungiamo delle versioni da antologia di It Hurts me Too, con una slide da brividi, del successo del momento Serious (solo sul cd), della venata di Rhythm and blues What I have done wrong con assolo devastante annesso o dello slow blues intenso (Watching You) Cherry Red Wine non si riesce a capire perchè questo concerto sia rimasto negli archivi della casa discografica per oltre una decade.

Comunque per chi ama il blues (ma anche per tutti gli altri) ora è disponibile, non lasciatevelo sfuggire!

Bruno Conti