Cofanetti Autunno-Inverno 10. La Lunga Carriera Di Un Professore Del Songwriting. Neil Diamond – 50th Anniversary Collector’s Edition

neil diamond 50th anniversary collector's edition

Neil Diamond – 50th Anniversary Collector’s Edition – Capitol/Universal 6CD Box Set

Non stiamo sicuramente parlando del mio preferito tra i musicisti (ed è probabile che non entri neanche nella mia Top 20) ma, come ho già scritto in una precedente recensione, se esistesse una facoltà universitaria che insegnasse l’arte del songwriting uno dei primi nomi a venirmi in mente per il ruolo di docente sarebbe quello di Neil Diamond. Stiamo parlando infatti di un autore che ha avuto una carriera davvero intensa e ricca di soddisfazioni, con all’attivo una serie impressionante di canzoni che sono entrate a fare parte del Great American Songbook, diventando quindi dei veri e propri standard. Originario di Brooklyn, Diamond ha sempre abbinato ad un grande successo di pubblico un rapporto controverso con la critica, che lo ha spesso accusato (in molti casi, bisogna dirlo, a ragione) di aver privilegiato il lato commerciale della sua musica, rivestendo i suoi brani di sonorità eccessivamente orchestrate e ridondanti, oltre a non perdonargli certi atteggiamenti da superstar ed un tono spesso declamatorio nelle interpretazioni. Ma Neil rimane un grande songwriter, oltretutto dotato di una voce splendida e di una presenza carismatica come poche: d’altronde scrivere capolavori pop come Solitary Man, Girl, You’ll Be A Woman Soon, I’m A Believer, Kentucky Woman, Glory Road e Sweet Caroline non è che capita a tanti.

Ma la lista dei successi del nostro non si ferma certo qui, dato che non ho citato evergreen come I Am, I Said, Cherry Cherry, America, Cracklin’ Rosie, Shilo, Red, Red Wine, Holly Holy, Song Sung Blue, Longfellow Serenade, Love On The Rocks, Hello Again, September Morn…e mi fermo qui. Tutti brani che ritroviamo in questo 50th Anniversary Collector’s Edition, splendido box di sei CD che è la versione espansa dell’antologia tripla uscita lo scorso anno (quindi gli anni sono ormai 51), che dovrebbe mettere la parola fine ai festeggiamenti del Diamond songwriter e performer, dato che purtroppo l’ultimo tour celebrativo è stato interrotto a causa del morbo di Parkinson che ha colpito il nostro https://discoclub.myblog.it/2018/09/07/che-vi-piaccia-o-no-stiamo-parlando-di-uno-dei-grandi-neil-diamond-hot-august-night-iii/ . Il cofanetto non è il primo dedicato a Neil, ma è indubbiamente il più completo: 115 canzoni di cui 15 inedite, una bellissima confezione formato libro con splendide foto ed un’interessante intervista nuova di zecca a Diamond stesso, che ripercorre disco per disco la sua carriera. Il cofanetto, che conta anche su una rimasterizzazione degna di nota, si occupa al 98% delle registrazioni di studio, dato che era già uscito nel 2003 un altro notevole box tutto dal vivo, Stages. Nel corso dei sei dischetti ripercorriamo dunque tutte queste cinque decadi di musica, entrando nel dettaglio con canzoni note e meno note: i brani citati poc’anzi ci sono ovviamente tutti (il primo dischetto è da cinque stelle), ma via via si trovano anche diverse perle dimenticate, oltre agli inediti che vedremo fra poco.

Per esempio l’album del 1976, Beautiful Noise, prodotto da Robbie Robertson e giustamente considerato tra i migliori di Diamond, è rappresentato quasi nella sua interezza, ben nove brani su undici, tra cui la splendida title track, le grintose Jungletime e Street Life, il caldo rock-soul di Surviving The Life, la cadenzata Stargazer, dall’antico sapore dixieland, e la deliziosa Dry Your Eyes, scritta a quattro mani con Robertson (e che Neil cantò anche durante il mitico concerto The Last Waltz). Altri pezzi degni di nota sono il potente gospel di Walk On Water, la vibrante Rosemary’s Wine, la splendida e struggente The Gift Of Song, la coinvolgente  Desirée, la ritmata I’m Alive, trascinante anche se con qualche synth di troppo, il duetto con Waylon Jennings One Good Love e la strepitosa country song Blue Highway, con la chitarra di Chet Atkins. E poi abbiamo l’ultimo periodo, quello dei due album prodotti da Rick Rubin in maniera spoglia ed essenziale, che hanno rilanciato la carriera di Diamond, arrivata nel nuovo millennio ad un punto morto (nello stesso modo con cui il barbuto produttore aveva rivitalizzato Johnny Cash): brani di grandissimo spessore come Delirious Love, We, Hell Yeah, Captain Of A Shipwreck, Pretty Amazing Grace ed Another Day (That Time Forgot), nella quale Neil duetta con Natalie Maines; non manca neppure un’ampia selezione, 7 canzoni, dall’ultimo album con pezzi originali, il più che valido Melody Road, con la title track e The Art Of Love come brani di punta. Ovviamente non manca il Diamond degli arrangiamenti magniloquenti, zuccherosi e sopra le righe, ma le canzoni scelte non inficiano il piacere dell’ascolto del cofanetto, anche se pezzi come Done Too Soon, Morningside, Be, Play Me, l’orripilante Headed For The Future (piena di suoni finti e drum machines), il mieloso duetto con Barbra Streisand You Don’t Bring Me Flowers e la già citata September Morn non saranno mai tra le mie preferite.

Ci sono tre inediti sparsi nei primi cinque CD (i due brevi demo originali di I Am, I Said e America, ed una versione dal vivo a Dublino della bellissima Baby Can I Hold You di Tracy Chapman, una delle rare cover proposte da Neil), ma la parte del leone la fanno gli altri dodici, che occupano interamente il sesto dischetto: non sono demo o versioni alternate di pezzi già noti, ma vere e proprie canzoni mai sentite, che in alcuni casi Diamond ha rinfrescato e completato con l’aggiunta di parti strumentali suonate apposta per questo box, quasi come se volesse darci un intero disco nuovo. L’apertura è affidata a Sunflower, che è anche l’unica già nota in quanto negli anni settanta è stata una hit per Glen Campbell, ed è una scintillante country song, vibrante e dalla melodia immediata (e che voce); C’Est La Vie, scritta insieme a Gilbert Becaud come September Morn, è una delicata ballata, strumentata con gusto e misura, che avrebbe potuto sicuramente diventare un successo, Girls Go Fishin’ è un gustoso bozzetto tra country ed old time music, un brano che non capisco come possa essere stato lasciato fuori dalla discografia ufficiale di Neil. La cadenzata Maybe, seppur gradevole, risulta già sentita (ma la classe non è acqua), ma Caribbean Cruise è un pezzo terso e solare, con tanto di steel drums, e potrebbe benissimo essere di Jimmy Buffett. You Are è una ballatona tipica del nostro, guidata da piano e chitarra e cantata con il consueto pathos, Easy (To Be In Love) è una outtake di Melody Road ma non sembra affatto uno scarto, mentre Before I Had A Dime è un’altra strepitosa country ballad, dal motivo splendido, e non credo di esagerare se dico che è al livello delle migliori composizioni di Diamond. Molto bella anche The Ballad Of Saving Silverman, dal mood coinvolgente, mentre It Don’t Seem Likely è un brano dall’accompagnamento vigoroso e con un sapore soul; il CD si chiude con la fluida Long Nights, Hold On, altro lento decisamente interessante (che risente un po’ di una produzione anni ottanta), e con Moonlight Rider, forse l’unica un po’ sopra le righe in tutto il dischetto.

Quindi un altro cofanetto di grande spessore in questa intensa (e dispendiosa) fine 2018, un regalo perfetto sia per il fan che per il neofita.

Marco Verdi

Uscite Prossime Venture: Edizione Primavera 2013. Parte III Black Sabbath, Deep Purple, Whitesnake, David Bowie, Bob Marley, Natalie Maines, Alanis Morissette, Laura Marling

Proseguiamo con un trio di “vecchie glorie” dell’hard and heavy, più o meno collegate tra loro, per chi ama il genere.

black sabbath 13.jpgblackSabbath reunion 2013.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono passati 35 anni dall’ultima uscita discografica della formazione originale dei Black Sabbath, Never Say Die (quella con Ozzy Osbourne, che nella foto qui sopra sembra una statua di cera, belle croci però), in studio e con materiale nuovo, perché in effetti nel 1996 usciva il doppio live Reunion, con 2 brani nuovi composti per l’occasione. Per essere precisi nel nuovo disco 13 (ma il titolo non è ancora definitivo), non ci sarà Bill Ward, il batterista originale, sostituito da Brad Wilk (Rage Against The Machine e Audioslave), in quanto il buon Bill ha eccepito la mancanza di un contratto ad hoc firmato per l’occasione. Il nuovo lavoro uscirà l’11 giugno per la Universal (Vertigo in Europa e Republic negli States), in versione CD, LP, una doppia Deluxe e un Box pure lui Deluxe, ma i dettagli non sono ancora certi. I brani confermati sono i seguenti, ma in totale dovrebbero essere appunto tredici:

  • “God Is Dead”
  • “End of the Beginning”
  • “Age of Reason”
  • “Dear Father”
  • “Loner”
  • “Methademic”
  • “Epic”

Si parla di “Satanic Blues”, quindi come al solito, anche la grafica della copertina è quasi identica a Master Of Reality. Produce Rick Rubin, che già era alla guida del progetto mai portato a termine nel 2001/2, alle tastiere dovrebbe esserci il figlio di Rick, Adam Wakeman. Quando ci saranno ulteriori informazioni vi aggiornerò.

 

deep purple now what.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nuovo album anche per i Deep Purple, Now What?!, in uscita per Ear Music/Edel il 30 aprile (26 aprile in alcuni paesi). In questo caso della formazione classica, Mark II, sono rimasti Ian Gillan, Roger Glover e Ian Paice. Steve Morse alla chitarra e Don Airey alle tastiere, completano la formazione dal 2002. Gli ultimi due dischi di studio, Bananas e Rapture Of The Deep, francamente, per usare un eufemismo, diciamo che non erano fantastici. Questo nuovo album è stato registrato in quel di Nashville con la produzione di Bob Ezrin, che tutti ricordano per il lavoro con Kiss ed Alice Cooper, oltre che in The Wall, ma per me rimane quello di Berlin di Lou Reed (ognino ha le sue preferenze). 

NOW What?! sarà disponibile in 3 differenti formati:
– versione standard in jewelcase con 11 brani
– versione Limited edition in Digipack con 12 brani inclusa una cover di “It´ll Be Me” interpretata
originariamente da Jerry Lee Lewis + DVD con 20 minuti di interviste e speciali contenuti audio: il
singolo All The Time In The World (nel differente radio mix) + la versione live di Perfect Strangers e
Rapture Of The Deep
– versione in doppio vinile con 12 tracce

E queste sono le date italiane del tour mondiale e la tracklist completa:

21.07 Vigevano – Festival “10 giorni suonati”
22.07 Roma – Rock in Roma
24.07 Majano (UD) – Festival di Majano Piazza Italia

1. A Simple Song
2. Weirdistan
3. Out of Hand
4. Hell to Pay
5. Bodyline
6. Above and Beyond
7. Blood from a Stone
8. Uncommon Man
9. Aprés Vous
10. All The Time in The World
11. Vincent Price

Non ho sentito molto per cui non azzardo pareri, questi sono i 2 brani nuovi che si trovano in rete, non sembrano male!

whitesnake made in japan.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo i Deep Purple, ovviamente, i Whitesnake, con Made In Japan. Deluxe Edition 2 CD + DVD, DVD o Blu-ray. Registrato al Loud Park Festival l’11 ottobre del 2011, esce su Frontiers Records il 23 aprile, questi i vari contenuti:

Made In Japan tracklisting:

CD 1
1. Best Years
2. Give Me All Your Love Tonight
3. Love Ain’t No Stranger
4. Is This Love
5. Steal Your Heart Away
6. Forevermore
7. Six String Showdown
8. Love Will Set You Free
9. Drum Solo
10. Fool For Your Loving
11. Here I Go Again
12. Still Of The Night

BONUS CD 2
1. Love Will Set You Free
2. Steal Your Heart Away
3. Fare Thee Well (acoustic)
4. One Of These Days (acoustic)
5. Lay Down Your Love
6. Evil Ways
7. Good To Be Bad (acoustic)
8. Tell Me How (acoustic)

DVD & BLU-RAY: TRACK LISTING
1. Best Years
2. Give Me All Your Love Tonight
3. Love Ain’t No Stranger
4. Is This Love
5. Steal Your Heart Away
6. Forevermore
7. Six String Showdown
8. Love Will Set You Free
9. Drum Solo
10. Fool For Your Loving
11. Here I Go Again
12. Still Of The Night
13. Forevermore (fan video)
14. Steal Your Heart Away (fan video)

David Coverdale ha annunciato che entro la fine dell’anno uscirà anche un Made in Britain.

Altre ristampe.

 

david bowie aladdin sane.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo l’edizione doppia per il 30° anniversario uscita nel 2003, quest’anno per il 40° facciamo un passo indietro e ne uscirà il 16 aprile una singola su EMI Records, nuovo remaster 2013 ma zero inediti, misteri delle case.

bob marley kaya.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Island/Universal proeseguendo nella serie di ristampe Deluxe della discografia di Bob Marley & The Wailers, per i 35 anni dall’uscita pubblica la versione doppia di Kaya:

 

Disc 1: Original LP (released as Island ILPS 9517, 1978) and bonus track

  1. Easy Skanking
  2. Kaya
  3. Is This Love
  4. Sun is Shining
  5. Satisfy My Soul
  6. She’s Gone
  7. Misty Morning
  8. Crisis
  9. Running Away
  10. Time Will Tell
  11. Smile Jamaica (B-side to “Satisfy My Soul” – Island WIP 6440 (U.K.), 1978)

Disc 2: Live at Ahoy Hallen, Rotterdam, Netherlands – 7/7/1978

  1. Positive Vibration
  2. The Heathen
  3. Them Belly Full (But We Hungry)
  4. Concrete Jungle
  5. Rebel Music (3 O’Clock Road Block)
  6. War/No More Trouble
  7. I Shot the Sheriff
  8. No Woman, No Cry
  9. Is This Love
  10. Jamming
  11. Easy Skanking
  12. Get Up, Stand Up
  13. Exodus

Altre voci femminili.

natalie maines mother.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo le uscite delle Court Yard Hounds anche Natalie Maines delle Dixie Chicks pubblica il suo album da solista, Mother, in uscita su Columbia il 7 maggio prossimo. La title-track è proprio il brano dei Pink Floyd, già apparso nella colonna sonora di West Of Memphis: Voices Of Justice. Il disco questa volta non è prodotto da babbo Lloyd, ma è una co-produzione tra la stessa Natalie e Ben Harper. Tra i dieci brani, oltre a uno scritto con le “colleghe” Dixie Chicks Martie Maguire and Emily Robison Come Cryin’ To You, ci sono cover di Jeff Buckley Lover You Should Have Come Over e Eddie Vedder Without You dall’Ukulele album blog.

Lista completa delle canzoni:

1. Without You
2. Mother
3. Free Life
4. Silver Bell
5. Lover You Should’ve Come Over
6. Vein in Vain
7. Trained
8. Come Cryin To Me
9. I’d Run Away
10. Take It On Faith

alanis morissette live at montreux 2012.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ennesimo disco (o DVD) dal vivo per Alanis Morissette Live At Montreux 2012 registrato nell’ultimo tour esce in tutti i formati, CD DVD e Blu-ray, il 23 aprile per la Eagle/Edel:

Formazione e contenuto:

Alanis Morissette (vocals, harmonica, guitar); Julian Coryell (guitar); Michael Farrell (keyboards); Jason Orme (guitar); Cedric Lemoyne (bass); Victor Indrizzo (drums)

1. I Remain
2. Woman Down
3. All I Really Want
4. You Learn
5. Guardian
6. Flinch
7. Forgiven (Not On CD)
8. Hands Clean
9. I Remain (Not On CD)
10. Citizen Of The Planet (Not On CD)
11. Ironic
12. Havoc
13. Head Over Feet
14. Versions Of Violence
15. I Remain (Not On CD)
16. You Oughta Know
17. Numb
18. Hand In My Pocket
19. Uninvited (Not On CD)
20. Thank U

laura marling once i was an eagle.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui siamo molto in anticipo. Il nuovo di Laura Marling Once I Was An Eagle uscirà il 28 maggio per la Virgin Records, prodotto da Ethan Johns, 16 nuovi brani:

01 Take the Night Off
02 I Was an Eagle
03 You Know
04 Breathe
05 Master Hunter
06 Little Love Caster
07 Devil’s Resting Place
08 Interlude
09 Undine
10 Where Can I Go?
11 Once
12 Pray For Me
13 When Were You Happy? (And How Long has That Been)
14 Love be Brave
15 Little Bird
16 Saved These Words

Alla prossima.

Bruno Conti