Cofanetti Pre (Quasi Tutti) e Post Natalizi I Parte (Dispersi). Animals, Ramones, Who, Pogues, Doors, Herbie Hancock, Rod Stewart, Howe Gelb, John Mellencamp…

animals mickie most years

*NDB. Questo doveva essere il Post che precedeva quello dedicato al Box degli Eagles, ma essendo da considerarsi, spero momentaneamente, missing in action (ma a questo punto ho dei dubbi su un “ritorno” dei figliuoli prodighi scomparsi nella rete) nella traslazione del Blog nella sua nuova sede, ho deciso di riscriverlo. Alcuni cofanetti sono già usciti, altri sono in uscita, alcuni (pochi) usciranno nel 2014. Direi di partire con questa prima (?!?) parte, nei prossimi giorni la terza. La sequenza numerica è strana, ma non fateci caso. Come avranno notato i più attenti, per il momento, i filmati li trovate linkati a YouTube e non direttamente nel Blog, per permettere un caricamento più rapido dei Post che ora sono dieci a pagina. Spero che continuiate a seguire fedelmente il Blog. Mi sembra che sia anche più facile inserire eventuali commenti. Anzi, visto che fra poco, un paio di settimane, intorno a Sant’Ambrogio, l’Immacolata, come tutti gli anni, sarà il momento dei “Migliori dell’anno 2013”, se volete potete mandare le vostre liste proprio nei commenti. Senza obblighi, se vi va, so di avere un pubblico che ama più leggere che scrivere ma se vi gira!  Come sempre, buona lettura!

Animals – The Mickey Most Years And More – Real Gone Music/Ird – Limited Edition 5 CD + Extra Large T-Shirt in teoria esce domani 26 novembre, ma in effetti circola già da alcuni giorni sul terreno italico. Si tratta di un box che copre la discografia americana della band di Eric Burdon (che ha anche autografato le prime 100 copie del cofanetto che venivano vendute direttamente sul sito della etichetta, anzi, ad oggi, nel momento in cui scrivo, sembrerebbero essercene ancora http://www.realgonemusic.com/news/2013/11/13/information-on-the-autographed-animals-box-set.html, anche se, come sapete, acquistando dagli Stati Uniti, poi vi ritrovate a pagare tasse doganali ed IVA, oltre al centone del costo del manufatto):

si tratta dei primi quattro album, rigorosamente in mono, salvo dove indicato nelle bonus tracks, più l’EP di esordio. Grandissima musica, che ha influenzato anche il giovane Springsteen  http://www.youtube.com/watch?v=Q9kT13WXxG8, questa sotto, per la precisione:

Disc 1 – I Just Wanna Make Love to You (1963)

  • I Just Wanna Make Love to You
  • Big Boss Man
  • Boom Boom
  • Pretty Thing

Disc 2 – The Animals (1964, produced by Mickie Most)

  • House of the Rising Sun  http://www.youtube.com/watch?v=9xtTP3dk4EY
  • The Girl Can’t Help It
  • Blue Feeling
  • Baby Let Me Take You Home
  • The Right Time
  • Talkin’ ‘Bout You
  • Around and Around
  • I’m in Love Again
  • Gonna Send You Back to Walker
  • Memphis, Tennessee
  • I’m Mad Again
  • I’ve Been Around

Bonus tracks

  • Talkin’ ‘Bout You (full seven minute version)

Disc 3 – The Animals on Tour (1965, produced by Mickie Most)

  • Boom Boom
  • How You’ve Changed
  • Mess Around
  • Bright Lights, Big City
  • I Believe to My Soul
  • Worried Life Blues
  • Let the Good Times Roll
  • Ain’t Got You
  • Hallelujah, I Love Her So
  • I’m Crying
  • Dimples
  • She Said Yeah
  • Bonus Tracks

Bonus tracks

  • Baby What’s Wrong
  • F-E-E-L
  • New Year’s Radio Spot (Recorded December, 1964)

Disc 4 – Animal Tracks (1965, produced by Mickie Most)

Bonus tracks

  • Roadrunner (previously unreleased in the U.S.)
  • Don’t Want Much (previously unreleased in the U.S.)
  • We Gotta Get Out of This Place (U.K. single version)
  • It’s My Life (single only)
  • I’m Gonna Change the World

Disc 5 – Animalization (1966, produced by Tom Wilson)

  • Don’t Bring Me Down
  • One Monkey Don’t Stop No Show
  • You’re on My Mind
  • Cheating
  • She’ll Return It
  • Inside-Looking Out
  • See See Rider
  • Gin House Blues
  • Maudie
  • What Am I Living For
  • Sweet Little Sixteen
  • I Put a Spell on You

Bonus tracks

  • Don’t Bring Me Down (stereo)
  • Cheating  (stereo)
  • See See Rider (stereo)

E, sempre per la precisione, l’ultimo album, Animalization, non è neppure prodotto da Mickie Most, ma dal grande Tom Wilson, che negli anni precedenti aveva prodotto gli album di Bob Dylan e Simon & Garfunkel e in seguito, Freak Out di Zappa e poi i Velvet Uderground.

ramoes-480x480

Questo cofanetto dei Ramones fa parte della serie super budget della Warner/Rhino, il titolo, The Sire Years 1976-1981, indica già chiaramente il contenuto, purtroppo questa volta, secondo me, hanno toppato, perchè non hanno inserito le versioni con le bonus, anche se, per gusto della verità, i dischi del gruppo avevano uno dei loro punti di forza proprio nella compattezza e nella brevità. Questi gli album contenuti: Ramones (1976), Leave Home (1977), Rocket To Russia (1977), Road To Ruin (1978), End Of The Century (1980), e Pleasant Dreams (1981). E’ uscito il 29 ottobre scorso. Tutto iniziò così http://www.youtube.com/watch?v=ElX7x_qNUYQ

The-Who-Tommy-235x300

Questo cofanetto, ma anche la versione doppia Deluxe, sono usciti per la Polydor/Universal il 19 novembre. Bellissimo cofanetto, ma non posso fare a meno di dire, un’altra versione? Oltre a tutto costa un pacco di soldi. Ma si avvicina il Natale, ragazzi e, come dico spesso, spendi, spandi, effendi, si ricompra sempre la stessa roba e a prezzi “assurdi”. Comunque questi sono i contenuti delle varie edizioni:

Super-Deluxe Edition (UPC 006025 37473960)

Disc 1 – The original album (2013 re-master)
Digitally re-mastered in HD
Disc 2 – The demos and out-takes
Features 20 previously unreleased tracks from Pete Townshend’s demo archive.
Disc 3 – The 5.1 album mix – Hi Fidelity Pure Audio Blu-ray
The complete album remixed in surround sound on new Hi Fidelity Pure Audio Blu-ray format
Disc 4 – The live ‘bootleg’ album
Features 21 previously-unreleased tracks from various live shows from 1969

Hardback 80-page full-colour book featuring rare period photos and memorabilia
20,000-word essay by legendary Who aficionado Richard Barnes
Rare facsimile Tommy poster
Limited edition, housed in a hard-back deluxe slip-case

Tracklisting:

Disc 1 The original album (2013 re-master)

1. Overture 5.20
2. It’s A Boy 0.38
3. 1921 2.49
4. Amazing Journey 5.04
5. Sparks 2.05
6. The Hawker (Eyesight To The Blind) 2.13
7. Christmas 4.34
8. Cousin Kevin 4.05
9. The Acid Queen 3.34
10. Underture 10.01
11. Do You Think It’s Alright? 0.24
12. Fiddle About 1.29
13. Pinball Wizard 3.01
14. There’s A Doctor 0.23
15. Go To The Mirror! 3.47
16. Tommy Can You Hear Me? 1.35
17. Smash The Mirror 1.34
18. Sensation 2.25
19. Miracle Cure 0.12
20. Sally Simpson 4.10
21. I’m Free 2.39
22. Welcome 4.32
23. Tommy’s Holiday Camp 0.57
24. We’re Not Gonna Take It 7.06

Disc 2 Demos & extras

1. Overture 4:07
2. It’s A Boy 0:41
3. 1921 3:13
4. Amazing Journey 4:47
5. Dream One 3:09
6. Sparks 7:38
7. The Hawker 4:45
8. Christmas 4:42
9. Acid Queen 3:35
10. Underture (Dream Two) 1:47
11. Do You Think It’s Alright 0:26
12. Pinball Wizard 3:42
13. There’s A Doctor 0:24
14. Go To The Mirror! 4:32
15. Success 0:10
16. Tommy Can You Hear Me 1:15
17. Smash The Mirror 1:37
18. Sensation 2:47
19. Miracle Cure 0:11
20. Sally Simpson 4:50
21. I’m Free 2:27
22. Welcome 3:26
23. We’re Not Gonna Take It 5:02
24. Trying To Get Through 2:27
25. Young Man Blues 2:47

Tracks 1 – 23 – Pete Townshend – original demos.
All previously unreleased except 2, 11 and 12 – released in 2003
Track 24 – The Who – studio demo/out-take.
Track 25 – The Who – studio recording (NOTE: This version was previously only available on ‘The House That Track Built’ vinyl sampler).

Disc 3 Hi Fidelity Pure Audio -Blu-ray disc (5.1 mixes)

Overture 5.20
It’s a boy 0.37
1921 2.49
Amazing journey 5.05
Sparks 2.05
The Hawker 2.14
Christmas 4.34
Cousin Kevin 4.07
The acid queen 3.34
Underture 10.05
Do you think it’s alright? 0.25
Fiddle about 1.31
Pinball wizard 3.01
There’s a doctor 0.24
Go to the mirror! 3.48
Tommy can you hear me? 1.35
Smash the mirror 1.33
Sensation 2.27
Miracle cure 0.12
Sally Simpson 4.11
I’m Free 2.39
Welcome 4.32
Tommy’s holiday camp 0.57
We’re not gonna take it 7.06

Disc 4 Live Bootleg

1. Overture (including Introduction) 7.00
2. It’s A Boy 0.39
3. 1921 2.28
4. Amazing Journey 5.07
5. Sparks 2.49
6. The Hawker (Eyesight To The Blind)1.54
7. Christmas 3.11
8. The Acid Queen 3.30
9. Pinball Wizard 2.47
10. Do You Think It’s Alright? 0.21
11. Fiddle About 1.12
12. Tommy Can You Hear Me? 0.55
13. There’s A Doctor 0.24
14. Go To The Mirror! 3.22
15. Smash The Mirror 1.10
16. Miracle Cure 0.12
17. Sally Simpson 4.01
18. I’m Free 2.12
19. Tommy’s Holiday Camp 0.48
20. We’re Not Gonna Take It 3.28
21. See Me, Feel Me / Listening To You 7.51

La versione doppia Deluxe comprende il 1° e il 4° CD. Se non vi bastano esistono anche queste versioni, la prima è quella di cui sopra, poi potete trovare, se volete farvi del male:

2-CD deluxe, digi-pak
CD 1 Original album remastered
CD 2 Live Bootleg

1-CD remastered version
Original album (single disc)

Deluxe vinyl edition

2-piece, heavyweight
Original LP configuration

UVINYL Website
Exclusive vinyl version of live ‘bootleg’ album

Hi Fidelity Pure Audio (Blu-ray)
‘Stand-alone’ original album mixed in 5.1

Digital Formats

Super-deluxe box set

Tracks from SDE box, excluding 5.1 mixes
+ MFiT version (iTunes only)

Digital deluxe edition
‘Mirror’ of 2-CD physical
+ MFiT version (iTunes only)

Digital album (original album)
Mirror’ of 1-CD physical
+ MFiT version (iTunes only)

pogues spread9-480x512

Sempre della versione “poveri ma buoni” (inteso come prezzo) esce anche questo cofanetto dei Pogues: 30 Years. La data originale di uscita doveva essere il 2 dicembre, ma ora sembra confermato, per la Warner/Rhino, il 16 dicembre. Sono i 7 album di studio della formazione originale, con e senza Shane MacGowan,  rimasterizzati, alcuni proprio di recente, questa volta le versioni con bonus, e, sorpresa, l’ottavo disco è l’inedito ‘The Pogues With Joe Strummer Live in London‘. Solita lista dei contenuti, brano per brano:

Disc One

‘Red Roses For Me’
1. Transmetropolitan
2. The Battle of Brisbane
3. The Auld Triangle
4. Waxie’s Dargle
5. Boys from the County Hell
6. Sea Shanty
7. Dark Streets of London
8. Streams of Whiskey
9. Poor Paddy
10. Dingle Regatta
11. Greenland Whale Fisheries
12. Down in the Ground Where the Dead Men Go
13. Kitty

Disc Two

‘Rum, Sodomy and the Lash’

1. The Sick Bed of Cuchulainn
2. The Old Main Drag
3. Wild Cats of Kilkenny
4. I’m a Man You Don’t Meet Every Day
5. A Pair of Brown Eyes
6. Sally MacLennane
7. Dirty Old Town
8. Jesse James
9. Navigator
10. Billy’s Bones
11. The Gentleman Soldier
12. And the Band Played Waltzing Matilda

Disc Three

‘If I Should Fall From Grace With God’

1. If I Should Fall from Grace with God
2. Turkish Song of the Damned
3. Bottle of Smoke
4. Fairytale of New York
5. Metropolis
6. Thousands Are Sailing
7. Fiesta
8. Medley: The Recruiting Sergeant/The Rocky Road to Dublin/The Galway Races
9. Streets of Sorrow/Birmingham Six
10. Lullaby of London
11. Sit Down by the Fire
12. The Broad Majestic Shannon
13. Worms

Disc Four

‘Peace and Love’

1. Gridlock
2. White City
3. Young Ned Of The Hill
4. Misty Morning, Albert Bridge
5. Cotton Fields
6. Blue Heaven
7. Down All The Days
8. USA
9. Lorelei
10. Gartloney Rats
11. Boat Train
12. Tombstone
13. Night Train to Lorca
14. London You’re A Lady

Disc Five

‘Hell’s Ditch’

1. Sunny Side of the Street
2. Sayonara
3. The Ghost of a Smile
4. Hell’s Ditch
5. Lorca’s Novena
6. Summer in Siam
7. Rain Street
8. Rainbow Man
9. The Wake of the Medusa
10. House of the Gods
11. 5 Green Queens & Jean
12. Maidrin Rua
13. Six to Go

Disc Six

‘Waiting For Herb’

1. Tuesday Morning
2. Smell of Petroleum
3. Haunting
4. Once Upon a Time
5. Sitting on Top of the World
6. Drunken Boat
7. Big City
8. Girl from the Wadi Hammamat
9. Modern World
10. Pachinko
11. My Baby’s Gone
12. Small Hours

Disc Seven

‘Pogue Mahone’

1. How Come
2. Living in a World Without Her
3. When the Ship Comes In
4. Anniversary
5. Amadie
6. Love You ‘Till the End
7. Bright Lights
8. Oretown
9. Pont Mirabeau
10. Tosspint
11. Four O’Clock in the Morning
12. Where that Love’s Been Gone
13. The Sun and the Moon

Disc Eight

‘The Pogues With Joe Strummer Live in London’ 1991

1. If I Should Fall From Grace With God
2. Summer In Siam
3. Sayonara
4. Young Ned Of The Hill
5. Rain Street
6. Repeal Of The Licensing Laws
7. Tombstone
8. Turkish Song Of The Damned
9. Gartloney Rats
10. London Calling
11. Thousands Are Sailing
12. Sunny Side Of The Street
13. Straight To Hell
14. Medley: The Recruiting Sergeant / The Rocky Road To Dublin / The Galway Races
15. Dirty Old Town
16. The Sickbed Of Cuchulainn
17. The Star Of The County Down
18. I Fought The Law
19. Hell’s Ditch
20. Brand New Cadillac
21. Fiesta
22. Yeah, Yeah, Yeah, Yeah, Yeah

In ricordo del recentemente scomparso, 8 ottobre 2013, Philip Chevron, chitarrista della formazione originale, RIP!

doors r-evolution

Questo, tecnicamente, non è esattamente un cofanetto, ma nella versione Deluxe che vedete effigiata qui sopra rientra nella categoria, così è una occasione per parlarne. Esce domani 26 novembre (il 2 dicembre in Italia) per la Eagle Rock/Edel e si tratta dell’ennesima raccolta di materiale “inedito”. Questa volta in formato video ed in ricordo dello scomparso Ray Manzarek (quanti ci hanno lasciato recentemente). La differenza rispetto alla versione standard è il libretto che vedete qui sopra. Quanto ai contenuti faccio prima a inserirvi il retro della copertina del DVD (che è uguale al Blu-Ray) e riporta tutti i contenuti, anche le Bonus Features, così cliccando sull’immagine ve le potete leggere tranquillamente:

doors r-evolutionback

herbie hancock complete2-480x320

Per la serie dei megaconfanetti dedicate alle opere omnie dei vecchi artisti Columbia, per la Sony Legacy è uscito il 12 novembre The Complete Columbia Album Collection 1972-1988, un box di 34 CD che racchiude i 31 dischi incisi in 16 anni (!?!) dal grande pianista e tastierista americano. Il prezzo è speciale come per tutti i prodotti di questa serie. Ero indeciso se inserire o meno questo lavoro certosino che ho trovato in rete che riporta album per album, tutti i brani inclusi e i musicisti che hanno suonato nei vari dischi, ma poi ho optato per il sì, così potete decidere o meno per eventuali acquisti. Buona lettura!

Sextant (1973)

Tracks: Rain Dance; Hidden Shadows; Hornets.

Personnel: Mwandishi Herbie Hancock: Fender Rhodes electric piano with Maestro Echoplex (1), hand clap (1), Fender Rhodes electric piano (2, 3), Hohner D6 Clavinet w/ Fender Fuzz-wah and Maestro Echoplex (2, 3); Mganga Eddie Henderson: trumpet (1), flugelhorn (2, 3); Pepo Julian Priester: trombone (1, 2), cowbell (2), alto trombone (3); Mwile Bennie Maupin: soprano saxophone (1), bass clarinet (2, 3), piccolo (3), Afuche (3), Hum-A-Zoo (3); Mchezaji Buster Williams: bass (1), electric bass (2), electric bass w/ wah-wah and fuzz (3); Jabali Billy Hart: drums; Patrick Gleeson: ARP 2600, ARP Soloist; Fundi: random resonator (1); Buck Clarke: bongos (2), congas (2).

Head Hunters (1973)

Tracks: Chameleon; Watermelon Man; Sly; Vein Melter.

Personnel: Herbie Hancock: Fender Rhodes electric piano, Hohner D6 Clavinet, ARP Odyssey, ARP Soloist, pipes; Bennie Maupin: alto flute, soprano saxophone, saxello, tenor saxophone, bass clarinet; Paul Jackson: electric bass, marimbula; Harvey Mason: drums; Bill Summers: congas, shekere, balafon, agogo, cabasa, hindewho, tambourine, log drum, surdo, gankoqui, beer bottle.

Dedication (1974) (Japan)

Tracks: Maiden Voyage; Dolphin Dance; Nobu; Cantaloupe Island.

Personnel : Herbie Hancock: piano (1, 2), Fender Rhodes electric piano (3, 4), ARP Pro Soloist (3, 4), ARP Odyssey (3, 4), ARP Keyboard Model 3604 (3, 4), ARP Model 2600 (3, 4), ARP PE-IV String Ensemble (3, 4), Hohner Clavinet D6 (3, 4), Maestro Echoplex (3, 4), Shure Reverberation Mixer (3, 4).

Thrust (1974)

Tracks: Palm Grease; Actual Proof; Butterfly; Spank-A-Lee.

Personnel: Herbie Hancock: Fender Rhodes electric piano, Hohner D6 Clavinet, ARP Odyssey, ARP Soloist, ARP String Ensemble; Bennie Maupin: alto fl, ss, saxello, ts, bcl; Paul Jackson: el-b; Mike Clark: d; Bill Summers: perc.

Death Wish (1974)

Tracks: Death Wish (Main Title); Joanna’s Theme; Do A Thing; Paint Her Mouth; Rich Country; Suite Revenge: Striking Back, Riverside Park, The Alley, Last Stop, 8th Avenue Station; Ochoa Knose; Party People; Fill Your Hand.

Personnel: Performed by members of the Head Hunters: Herbie Hancock, Bennie Maupin, Paul Jackson, Mike Clark, and Bill Summers, plus Wah Wah Watson and other L.A. studio musicians and unidentified orchestra. Tracks 1, 2, 5 and 6b arranged by Jerry Peters.

Flood (1975) (Japan)

Tracks: Introduction/Maiden Voyage; Actual Proof; Spank-A-Lee; Watermelon Man; Butterfly; Chameleon; Hang Up Your Hang Ups.

Personnel: Herbie Hancock: piano, Fender Rhodes electric piano, Yamaha electric grand piano, Hohner D6 Clavinet, ARP Odyssey, ARP Soloist, ARP String Ensemble; Bennie Maupin: flute, soprano saxophone saxello, tenor saxophone, bass clarinet, flute, percussion; Blackbird McKnight: guitar; Paul Jackson: electric bass; Mike Clark: drums; Bill Summers: percussion.

Man-Child (1975)

Tracks: Hang Up Your Hang Ups; Sun Touch; The Traitor; Bubbles; Steppin’ In It; Heartbeat.

Personnel: Herbie Hancock: piano, Fender Rhodes electric piano, ARP Odyssey, ARP Pro Soloist, ARP 2600, ARP String Ensemble, Hohner D6 Clavinet, Oberheim Polyphonic; Wayne Shorter: soprano saxophone; Bennie Maupin (alto and bass flute, soprano saxophone, saxello, tenor saxophone, bass clarinet; Stevie Wonder: harmonica; Wah Wah Watson: guitar, voice bag, Maestro Universal Synthesizer System, Maestro Sample and Hold Unit; Blackbird McKnight: guitar; David T. Walker: guitar; Paul Jackson: electric bass; Louis Johnson: electric bass; Henry Davis: electric bass; Mike Clark: drums, Harvey Mason: drums, James Gadson: drums, Bill Summers: percussion; Bud Brisbois: trumpet; Jay DaVersa: trumpet; Garnett Brown: trombone; Dick Hyde: bass trombone, tuba; Ernie Watts: flute, saxophones; Jim Horn: flute, saxophones.

Secrets (1976)

Tracks: Doin’ It; People Music; Cantaloupe Island; Spider; Gentle Thoughts; Swamp Rat; Sansho Shima.

Personnel: Herbie Hancock: piano, Fender Rhodes electric piano, Yamaha electric grand piano, ARP Odyssey, ARP String Ensemble, Hohner D6 Clavinet, Micromoog, Oberheim Polyphonic, Echoplex; Wah Wah Watson: electric bass (1), lead vocals (1), voice bag, guitar (2-7), Maestro Universal Synthesizer System (2-7), Maestro Sample and Hold Unit (2-7); James Gadson: drums (1), background vocals (1); Ray Parker, Jr: background vocals (1), guitar (2-7); Art Baldacci: background vocals (1); Fred Dobbs: background vocals (1); Don Kerr: background vocals (1); Chris Mancini: background vocals (1); Paul Jackson: electric bass (2-7); James Levi: drums (2-7); Kenneth Nash: percussion (2-7).

V.S.O.P. (1977)

CD1: Piano Introduction; Maiden Voyage; Nefertiti; Introduction of Players/The Eye of the Hurricane. CD2: Toys; Introductions; You’ll Know When You Get There; Hang Up Your Hang Ups; Spider.

Personnel: Mwandishi Herbie Hancock: Yamaha electric grand piano, Fender Rhodes electric piano (CD2), Hohner D6 Clavinet (CD2), ARP Odyssey (CD2#4-5), ARP String Ensemble (CD2#4-5), Micromoog (CD2#4-5), Oberheim Polyphonic (CD2#4-5), Echoplex (CD2#4-5), Countryman Phase Shifter (CD2#4-5), Cry Baby Wah Wah (CD2#4-5); Freddie Hubbard: trumpet (CD1#1-4); Wayne Shorter: soprano and tenor saxophones (CD1#1-4); Ron Carter: bass (CD1#1-4); Tony Williams: drums (CD1#1-4); Mganga Eddie Henderson: trumpet (CD2#1-3), flugelhorn (CD2#1-3), effects (CD2#1-3); Pepo Julian Priester: trombone (CD2#1-3), bass trombone (CD2#1-3); Mwile Bennie Maupin: alto flute (CD2#1-3), soprano saxophone (CD2#4-5), tenor saxophone (CD2#4-5), Lyricon (CD2#4-5); Mchezaji Buster Williams: bass (CD2#1-3); Jabali Billy Hart: drums(CD2#1-3); Wah Wah Watson: guitar (CD2#4-5), Maestro Universal Synthesizer System (CD2#4-5), Maestro Sample and Hold Unit (CD2#4-5), voice bag (CD2#4-5); Ray Parker Jr.: guitar (CD2#4-5); Paul Jackson: electric bass (CD2#4-5); James Levi: drums (CD2#4-5); Kenneth Nash: percussion (CD2#4-5).

The Herbie Hancock Trio (1977) (Japan)

Tracks: Watch It; Speak Like a Child; Watcha Waitin’ For; Look (aka “Harvest Time”); Milestones.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

V.S.O.P.: The Quintet (1977)

Tracks: One of a Kind; Third Plane; Jessica; Lawra; Darts; Dolores; Little Waltz; Byrdlike.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Freddie Hubbard: trumpet; Wayne Shorter: soprano and tenor saxophones; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

V.S.O.P.: Tempest in the Colosseum (1977) (Japan)

Tracks: The Eye of the Hurricane; Diana; Eighty-One; Maiden Voyage; Lawra; Red Clay.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Freddie Hubbard: trumpet; Wayne Shorter: soprano and tenor saxophones; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

An Evening With Herbie Hancock & Chick Corea In Concert (1978)

Tracks: CD1: Someday My Prince Will Come; Liza; Button Up. CD2: Introduction of Herbie Hancock by Chick Corea; February Moment; Maiden Voyage; La Fiesta.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Chick Corea: piano.

Sunlight (1978)

Tracks: I Thought It Was You; Come Running To Me; Sunlight; No Means Yes; Good Question.

Personnel: Herbie Hancock: Yamaha Polyphonic, ARP 2600, Oberheim Polyphonic, ARP String Ensemble, Prophet-5, Micromoog, Hohner D6 Clavinet, ARP Odyssey, Minimoog, Polymoog, Yamaha CP-30, p, E-MU Polyphonic Keyboard, Fender Rhodes electric piano, Sennheiser Vocoder VSM 201, vocals, brass, woodwinds and string arrangements (1-3); Bobby Bryant: trumpet (1-3); Bobby Shew: trumpet (1-3); Garnett Brown: trombone (1-3); Maurice Spears: trombone (1-3); Fred Jackson, Jr.: woodwinds (1-3); Ernie Watts: woodwinds (1-3); David Riddles: woodwinds (1-3); Jack Nimitz: woodwinds (1-3); Terry Adams: strings (1-3); Nathan Rubin: strings (1-3); Lawrence Granger: strings (1-3); Roy Malan: strings (1-3); Linda Wood: strings (1-3); Emily Van Valkenburgh: strings (1-3); Wah Wah Watson: guitar (1); Ray Parker Jr.: guitar (1, 3); Byron Miller: bass (1); Leon “Ndugu” Chandler: drums (1); Raul Rekow: congas (1, 2, 4, 5); Paul Jackson: bass (2-4); James Levi: drums (2, 3); Baba Duru: tabla (2); Bennie Maupin: soprano saxophone (3); Bill Summers: percussion (3-5); Harvey Mason: drums (4); Jaco Pastorius: electric bass (5); Tony Williams: drums (5); Patrick Gleeson: additional synthesizers (5).

Feets Don’t Fail Me Now (1979)

You Bet Your Love; Trust Me; Ready Or Not; Tell Everybody (Disco version); Honey From The Jar; Knee Deep; Tell Everybody (Original album version).

Personnel: Herbie Hancock: keyboards, lead and background voc, Vocoder; Ray Obiedo: guitar; Eddie Watkins: electric bass; James Gadson: drums; Bill Summers: percussion; Julia Tillman Waters: background vocals; Maxine Willard Waters: background vocals; Oren Waters: background vocals; Luther Waters: background vocals; James Levi: drums (2, 6); Ray Parker, Jr.: guitar (3), drums (3); Coke Escovedo: timbales (3); Sheila Escovedo: congas (3); Bennie Maupin: soprano saxophone (6); Wah Wah Watson: guitar (6); Freddie Washington: electric bass (6); Brian Davis: percussion (6); Gordon Bahary: synthesizer programming (6).

Direct Step (1979)

Tracks: Butterfly; Shiftless Shuffle; I Thought It Was You.

Personnel: Herbie Hancock: Fender Rhodes electric piano, Hohner D6 Clavinet, Oberheim, Prophet-5, Yamaha CS-80, Minimoog, vocals, Sennheiser Vocoder; Bennie Maupin: soprano saxophone Lyricion; Ray Obiedo: guitar; Webster Lewis: Hammond B-3 organ, Prophet-5, Yamaha CS-80, ARP String Ensemble, Multimoog synth, Fender Rhodes electric piano, background vocals; Paul Jackson: electric bass; Alphonse Mouzon: drums; Bill Summers: percussion.

The Piano (1979 Japan; 2004 USA)

Tracks: My Funny Valentine; On Green Dolphin Street; Someday My Prince Will Come; Harvest Time; Sonrisa; Manhattan Island; Blue Otani; My Funny Valentine (alt tk); On Green Dolphin Street (alt tk); Someday My Prince Will Come (alt tk); Harvest Time (alt tk).

Personnel: Herbie Hancock: piano.

V.S.O.P. The Quintet: Live Under the Sky

Tracks: CD1: Opening; The Eye of the Hurricane; Tear Drop; Domo; Para Oriente; Pee Wee; One of Another Kind; Fragile. CD2: Opening; The Eye of the Hurricane; Tear Drop; Domo; Para Oriente; Pee Wee; One of Another Kind; Fragile; Stella By Starlight; On Green Dolphin Street.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Freddie Hubbard: trumpet, flugelhorn; Wayne Shorter: soprano and tenor saxophones; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

V.S.O.P. The Quintet: Five Stars (1979) (Japan)

Tracks: Skagly (original LP version); Finger Painting (original LP version); Mutants On The Beach; Circe; Skagly (CD version); Finger Painting (CD version).

Personnel: Herbie Hancock: piano; Freddie Hubbard: trumpet, flugelhorn; Wayne Shorter: tenor saxophone; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

Kimiko Kasai with Herbie Hancock: Butterfly (1979) (Japan)

Tracks: I Thought It Was You; Tell Me a Bedtime Story; Head in the Clouds; Maiden Voyage; Harvest Time; Sunlight; Butterfly; As.

Personnel: Kimiko Kasai: vocals, background vocals; Herbie Hancock: piano, Fender Rhodes electric piano, Oberheim, Prophet-5, Yamaha CS-80, Minimoog, ARP String Ensemble, Hohner D6 Clavinet, Sennheiser Vocoder, background vocals; Bennie Maupin: soprano and tenor saxophones; Ray Obiedo: guitar; Webster Lewis: piano, Fender Rhodes electric piano, Hammond B-3 organ, Yamaha CS-40, Prophet-5, Multimoog, ARP String Ensemble; Paul Jackson: bass; Alphonse Mouzon: drums; Bill Summers: percussions; Mari Kaneko: background vocals; Yuka Kamebuchi: background vocals.

Monster (1980)

Tracks: Saturday Night; Stars in Your Eyes; Go For It; Don’t Hold It In; Making Love; It All Comes Round.

Personnel: Herbie Hancock: piano, E-MU Polyphonic Keyboard, Clavitar, Waves Minimoog, Prophet-5, Oberheim 8 Voice, Yamaha CS-80, ARP 2600, Hohner D6 Clavinet, Rhodes 88 Suitcase piano, Steiner EVI, Sennheiser Vocoder, WLM Organ, Linn-Moffett Drum, Modified Apple II Plus Microcomputer, Roland CR-70; Wah Wah Watson: guitar; Freddie Washington: electric bass; Alphonse Mouzon: drums, synthesizer (3); Sheila Escovedo: percussion; Julia Waters: background vocals; Maxine Water: background vocals; Luther Waters, Oren Waters: background vocals; Devadip Carlos Santana: guitar (1); Greg Walker; lead vocals (1, 5); Ray Parker Jr.: guitar (2); Gavin Christopher: lead vocals (2, 4); Oren Waters: lead vocals (3); Randy Hansen: guitar (4, 6); Bill Champlain: lead and background vocals (6).

Mr. Hands (1980)

Tracks: Spiraling Prism; Calypso; Just Around the Corner; 4 A.M.; Shiftless Shuffle; Textures.

Personnel: Herbie Hancock: piano, Rhodes 88 suitcase electric piano, E-MU Polyphonic Keyboard, Clavitar, Waves Minimoog, Prophet-5, Oberheim 8 Voice, Yamaha CS-80, ARP 2600, Hohner D6 Clavinet, Sennheiser Vocoder, Linn-Moffett Drum, Modified Apple II Plus Microcomputer, all instruments (6); Byron Miller: electric bass (1); Leon “Ndugu” Chandler: drums (1); Bill Summers: percussion (1); Ron Carter: bass (2); Tony Williams: drums (2); Sheila Escovedo: percussion (2, 3); Wah Wah Watson: guitar (3); Freddie Washington: electric bass (3); Alphonse Mouzon: drums (3); Jaco Pastorius: electric bass (4); Harvey Mason: drums (4, 5); Bill Summers: percussion (4, 5); Bennie Maupin: tenor saxophone (5); Paul Jackson: electric bass (5).

Magic Windows (1981)

Tracks: Magic Number; Tonite’s The Night; Everybody’s Broke; Help Yourself; Satisfied With Love; The Twilight Clone.

Personnel: Herbie Hancock: E-MU Polyphonic Keyboard, Clavitar, Waves Minimoog, Prophet-5, Oberheim 8 Voice, Yamaha CS-80, ARP Odyssey, ARP 2600, Hohner D6 Clavinet, Rhodes 88 suitcase electric piano, Sennheiser Vocoder, Linn Drum, Modified Apple II Plus Microcomputer, piano, background vocals (3); Ray Parker, Jr.: guitar (1, 2), drums (2); Freddie Washington: electric bass (1, 5); John Robinson: drums (1, 3); Sheila Escovedo: percussion (1); Pete Escovedo: percussion (1); Juan Escovedo: percussion (1); Sylvester: lead and background vocals (1); Jeanie Tracy: background vocals (1); Michael Brecker: tenor saxophone (2, 4); Vicki Randle: lead vocals (2), background vocals (2-4); Ngoh Spencer: background vocals (2-4); Deke Dickerson: background vocals (2-4); George Johnson: guitar (3), rhythm guitar (6); Louis Johnson: electric bass (3, 6); Gavin Christopher: lead vocals (3-5), “brass” arrangement concept (4); David Bottom: background vocals (3); Jeffrey Cohen: background vocals (3); Al McKay: guitar (4); Eddie Watkins: electric bass (4); James Gadson: drums (4); Wah Wah Watson: guitar (5); Alphonse Mouzon: drums (5); Oren Waters: background vocals (5); Luther Waters: background vocals (5); Julia Waters: background vocals (5); Maxine Waters: background vocals (5); Adrian Belew: lead guitar (6); Paulinho da Costa: percussion (6); Kwawu Ladzekpo: Ghanian drums and bells (6); Kwasi Dzidzomu: Ghanian drums and bells (6); Moody Perry III: Ghanian drums and bells (6).

Herbie Hancock Trio with Ron Carter + Tony Williams (1981) (Japan)

Tracks: Stablemates; Dolphin Dance; A Slight Smile; That Old Black Magic; La Maison Goree.

Personnel: Herbie Hancock: piano; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

Quartet (1983)

Tracks: Well You Needn’t; Round Midnight; Clear Ways; A Quick Sketch; The Eye of the Hurricane; Parade; The Sorcerer; Pee Wee; I Fall in Love Too Easily.

Personnel: Personnel: Herbie Hancock: piano; Wynton Marsalis: trumpet; Ron Carter: bass; Tony Williams: drums.

Lite Me Up (1982)

Tracks: Lite Me Up!; The Bomb; Getting’ To The Good; Paradise; Can’t Hide Your Love; The Fun Tracks; Motor Mouth; Give It All Your Heart.

Personnel: Herbie Hancock (Fender Rhodes electric piano, Clavitar, Yamaha CS-80, The Source by Moog, Minimoog, Waves Minimoog, Prophet-5, ARP 2600, ARP Odyssey, E-MU Digital Keyboard, Oberheim 8-Voice, Roland Jupiter-8, Hohner D6 Clavinet, voc, Sennheiser Vocoder, Synclavier Digital, Linn Drum, piano, background vocals (1-3, 6-8), lead Vocoder vocals (3, 8), lead vocals (4, 5); David Williams: guitar (2, 3, 6-8); Louis Johnson: electric bass (1-3. 6-8); John Robinson: drums (1-3, 6-8); Jerry Hey (“The Dr. Negroidal”): trumpet (1,3, 5-8), horn arrangement (1-3, 5-8), string arrangement (1, 3, 6-8); Chuck Findley: trumpet and trombone (1,3, 5-8); Bill Reichenbach: trombone (1,3, 5-8); Gary Herbig: saxophones and woodwinds (1,3, 5-8); Larry Williams: saxophones and woodwinds (1,3, 5-8); Patti Austin: background vocals (1-3, 6-8); Jim Gilstrap: background vocals (1-3, 5-8); Paulette McWilliams: background vocals (1-3, 6-8); John Lehman: background vocals (1-3, 5-8); Edi Lehman: background vocals (1-3, 6-8); Steve Lukather: guitar (1); Wayne Anthony: lead vocals (1, 2, 6, 7); Rod Temperton: rhythm and vocal arrangement (1-3, 6-8); Michael Boddicker: additional synthesizer programming (2), synthesizer programming (3), synthesizer (6); Jay Graydon: guitar (4); David Williams: guitar (4); David Foster: piano (4), keyboard arranger (4), background vocals (4); Abraham Laboriel: electric bass (4); Jeff Porcaro: drums (4); Rick Kelly: synth programming (4); Bill Champlin: background vocals (4); Richard Page: background vocals (4); Venette Gloud: background vocals (4); Corrado Rustici: guitar (5); Randy Jackson: electric bass (5); Narada Michael Walden: drums (5), background vocal arrangement (5); Frank Martin; synthesizer (5); Sheri Payne: background vocals (5); Linda Lawrence: background vocals (5); Paulinho da Costa: percussion (6); Patrice Rushen: lead Vocoder vocals (8).

Future Shock (1983)

Tracks: Rockit; Future Shock; TFS; Earth Beat; Autodrive; Rough; Rockit (Mega Mix).

Personnel: Herbie Hancock: Fairlight CMI (1, 4, 6), Rhodes Chroma (1, 3, 5), Sennheiser Vocoder (1), Clavitar (1), Dr. Click Rhythm Coordinator (1, 3, 4), E-MU DIgital Keyboard (1), Minimoog (1, 5), Hohner D6 Clavinert (2), Memorymoog (2), piano (3, 5). Emulator (3, 6), Yamaha CE-20 (4), Yamaha GS-1 (4, 5), alphaSyntauri (6); Bill Laswell: electric bass (1-4); Michel Beinhorn: DMX (1, 3-5), Synare Drum (1, 3-5), Minimoog programming (1), Prophet-5 (2, 6), Prophet Pro-One (2), Memorymoog programming (2-4), Shortwave (5), Minimoog (5); Grand Mixer D. ST: turntables (1, 4); Daniel Ponce: bata (1, 4); Pete Cosey: guitar (2); Sly Dunbar: drums (2), bongos (2); Dwight Jackson, Jr.: lead vocals (2); Bernard Fowler: background vocals (2).

Sound System (1984)

Tracks: Hardrock; Metal Beat; Karabali; Junku; People Are Changing; Sound-System; Metal Beat (Extended version).

Personnel: Herbie Hancock: Fairlight CMI (1-4, 6), Rhodes Chroma (1, 4), Apple IIe (1), Yamaha DX7 (1, 2, 4-6), E-MU 4060 Digital Keyboard (1), piano (3-5), keyboards (6); Will Alexander: Fairlight CMI (1, 2), Fairlight CMI programming (3, 6, 7), Memorymoog (4), Clavinet (5, 6); Rob Stevens: XMD (1, 4), Praxis processing (4); Nicky Skopelitis: guitar (1, 6); Henry Kaiser: guitar (1, 2, 7); Bill Laswell: electric bass (1, 4, 6), DMX (1, 2, 4, 6), tapes (1, 4), Shortwave (2); Anton Fier: Simmons drums (1, 2, 6, 7), sound plates (1, 2, 6, 7), culca (1), cymbals (2, 7), gongs (2, 7), TR-808 (5), wood block (5), percussion (5), Synare Drum (6), tympani (6); Grand Mixer D. ST: turntables (1, 2, 6, 7), FX (7); Daniel Ponce; bata (1); Wayne Shorter: Lyricon (2, 7), soprano saxophone (2); Foday Musa Suso: dusunguni (2, 4), balaphone (2), kora (4, 6), kalimba (4), guitar (6), talking drum (6); Alyb Dieng: talking drum (2, 4, 6, 7), chatan (2, 4, 6, 7), bells (2, 6, 7), don don (4), cowbell (4); Bernard Fowler: voice (2, 7), vocals (3, 5), vocal arrangement (3, 5); Hamid Drake: cymbals (3, 6); Daniel Ponce: bata (3), bells (3), shekere (3); Toshinori Kondo: trumpet (6), speaker (7).

Herbie Hancock and Foday Musa Suso: Village Life (1985)

Tracks: Moon; Ndan Ndan Nyaria; Early Warning; Kanatente.

Personnel: Herbie Hancock: Yamaha DX-1 Digital, Yamaha RX11 Digital Drum Machine; Foday Musa Suso: kora, talking drum.

Round Midnight / Original Soundtrack (1986)

Tracks: Round Midnight; Body and Soul; Berengere’s Nightmare; Fair Weather; Una Noche Con Francis; The Peacocks; How Long Has This Been Going On?; Rhythm-A-Ning; Still Time; Minuit A Champs Elysses; Chan’s Song.

Personnel: Herbie Hancock: piano (1-7, 9-11); Ron Carter: bass (1, 8, 11); Tony Willams: drums (1, 8, 11); Bobby McFerrin: vocals (1, 11); Dexter Gordon: tenor saxophone (2, 5, 7-9); John McLaughlin: guitar (2, 3); Pierre Michelot: bass (2-7, 9); Billy Higgins: drums (2-7, 9); Chet Baker: trumpet (4), vocals (4); Wayne Shorter: tenor saxophone (5), soprano saxophone (6); Bobby Hutcherson: vibraphone (5, 10); Lonette McKee: vocals (7); Freddie Hubbard: trumpet (8); Cedar Walton: piano (8).

Perfect Machine (1988)

Tracks: Perfect Machine; Obession; Vibe Alive; Beat Wise; Maiden Voyage / P Bop; Chemical Residue; Vibe Alive (Extended Dance Mix); Beat Wise (12″ Edit).

Personnel: Herbie Hancock: Apple/Mac Plus, Yamaha DX-1, Yamaha DX-7, Yamaha DZ7llFD, Kurzweil K-250, Fairlight Series II, Fairlight Series III, Akai 900-S Sampler, Roland Super Jupiter, Rhodes Chroma, Oberheim Matrix 12, Yamaha TX 8/16, Sennheiser Vocoder, piano; Jeff Bova: synthesizer programming; William “Bootsy” Collins: electric bass, Sennheiser Vocoder; Mico Wave: Minimoog bass, Talk Box, Sennheiser Vocoder; Nicky Skopelitis: Fairlight Drums; DS.T: turntables, FX; Leroy “Sugarfoot” Bonner: vocals.

rod stewart time_deluxe-480x481

Riduciamo decisamente le dimensioni del prodotto, ma non l’incazzatura che mi provoca. Ok, il Natale si avvicina, e l’abbiamo detto, ma non si possono ripubblicare gli stessi album più volte a distanza di poco tempo, oltre alle Deluxe Editions che spesso escono in contemporanea, è una presa per i fondelli. Prendete questo Time, l’ultimo album di Rod Stewart, pubblicato dalla Capitol/Universal il 3 maggio, ora esce in una versione doppia (superando quindi anche l’ultimo Bowie che quantomeno, si fa per dire, era uscito a Marzo) che aggiunge un secondo dischetto dal vivo alla versione potenziata che era stata pubblicata in origine. Il tutto il 3 dicembre, al prezzo di un solo CD (almeno questo). Quindi cosa hanno aggiunto? Altre tre bonus in studio (che sono i brani blues and soul di cui si parlava prima dell’uscita ed erano “scomparsi” dalla versione definitiva) nel secondo dischetto e 10 brani dal vivo. Se non lo avevate preso fateci un pensierino visto che l’album, senza essere un capolavoro, è decisamente il migliore di Rod The Mod da lunga pezza a questa parte, meglio dei “pallosissimi” disch della serie dei Great American Songbook. Take a look (e anche un ascolto) http://www.youtube.com/watch?v=kqy0-SdOEmM:

Disc: 1

  • 1. She Makes Me Happy
  • 2. Can’t Stop Me Now
  • 3. It’s Over
  • 4. Brighton Beach
  • 5. Beautiful Morning
  • 6. Live The Life
  • 7. Finest Woman
  • 8. Time
  • 9. Picture In A Frame
  • 10. Sexual Religion
  • 11. Make Love To Me Tonight
  • 12. Pure Love
  • 13. Corrina Corrina
  • 14. Legless
  • 15. Love Has No Pride

 

Disc: 2

  • 1. Here Comes The Night
  • 2. Cold Water
  • 3. Shake Your Money Maker

Live from The Troubadour West Hollywood

  • 4. Can’t Stop Me Now
  • 5. Forever Young
  • 6. It’s Over
  • 7. Rhythm Of My Heart
  • 8. Finest Woman
  • 9. You Wear It Well
  • 10. She Makes Me Happy
  • 11. Have I Told You Lately
  • 12. Brighton Beach
  • 13. Sexual Religion

howe gelb box-480x321

La Fire Records dopo le ristampe potenziate dei singoli album dei Giant Sand ora pubblicherà, il 3 dicembre, questo cofanetto dedicato ai dischi solisti di Howe Gelb. Il cofanetto, Little Sand Box, conterrà questi 8 albums e esce quasi in contemporanea al nuovo The Coincidentalist, pubblicato dalla New West http://www.youtube.com/watch?v=_bEBTHcmTGk. Ma niente, niente un dispettuccio:

  1. Dreaded Brown Recluse
  2. Hisser
  3. Confluence
  4. The Listener
  5. Sno Angel Like You
  6. Sno Angel Wingin’ It
  7. Alegrias
  8. Some Piano

Usciti tra il 1991 e il 2011, molti sono arricchiti con alcune bonus tracks e un paio di loro erano abbastanza difficili da reperire  http://www.youtube.com/watch?v=rfLqgruDD4Q. Questo è il contenuto totale:

Dreaded Brown Recluse (1991)

  • 01. Spirit Lie
  • 02. Picture Shows
  • 03. Loretta And The Insect World
  • 04. Actually Faxing Sophia
  • 05. Cello Of The City
  • 06. Still Too Far
  • 07. Warm Storm
  • 08. Always Horses Coming
  • 09. Vigdis
  • 10. Vienna Two-Step Throw-Away
  • 11. Bible Black Book II
  • 12. Brown Recluse
  • 13. Wild Dog Waltz
  • 14. Blanket For Tina
  • 15. Victoria Wisp

Bonus tracks

  • 16. Detrimental Instrumental
  • 17. Vigdis (Uninterrupted)
  • 18. Cello In The City (Archivist Remix)

Hisser (1998)

  • 01. Temptation Of Egg
  • 02. 4 Door Maverick
  • 03. This Purple Child
  • 04. Shy Of Bumfuck
  • 05. Propulsion
  • 06. Catapult
  • 07. Creeper
  • 08. Tanks Rolling Into Town
  • 09. Halifax In A Hurricane
  • 10. Living On a Waterfall
  • 11. Like A Store Front Display
  • 12. Explore You
  • 13. Nico’s Lil Opera
  • 14. Thereminender
  • 15. Hisser
  • 16. Intro Speck
  • 17. Soldier Of Fortune
  • 18. Lull
  • 19. Short Way To End The Day

Bonus tracks

  • 20. No Name Guitar
  • 21. Cracklin Water
  • 22. Satellite
  • 23. Leather

Confluence (2001)

  • 01. 3 Sisters
  • 02. Saint Conformity
  • 03. Pontiac Slipstream
  • 04. Sputter
  • 05. Blue Marble Girl
  • 06. Source
  • 07. 2 Rivers
  • 08. Available Space
  • 09. Pedal Steel And She’ll
  • 10. Cold
  • 11. Can’t Help Falling In Love
  • 12. Hatch
  • 13. Shadow Of Where A River Was
  • 14. Vex (Paris)
  • 15. Vex (Tuscon)
  • 16. Hard On Things
  • 17. Slide Away

Bonus tracks

  • 18. Hatch (Live In Tucson)

The Listener (2003)

  • 01. Glisten
  • 02. Felonius
  • 03. Jason’s List
  • 04. Cowboy Boots
  • 05. Torque (Tango De La Tongue)
  • 06. Piango
  • 07. Lying There
  • 08. B 4 U (Do Do Do)
  • 09. The Nashville Sound
  • 10. Blood Orange
  • 11. Moons Of Impulse
  • 12. Now I Lay Me Down
  • 13. Lemmy N Emmy

Bonus tracks

  • 14. Torque Originale
  • 15. B 4 U (Do Do Do) – Alt Mix

Sno Angel Like You (2006)

  • 01. Get To Leave
  • 02. Paradise Here Abouts
  • 03. But I Did Not
  • 04. Hey Man
  • 05. The Farm
  • 06. That’s How things Get Done
  • 07. Love Knows (No Borders)
  • 08. The Voice Within
  • 09. Nail In The Sky
  • 10. Howlin’ A Gale
  • 11. Robes Of Bible Black
  • 12. Worried Spirits
  • 13. Neon Filler
  • 14. Chore Of Enchantment

Bonus tracks

  • 15. Get To Leave – Holy
  • 16. Nail In the Sky – Original

Sno Angel Wingin’ It (2009)

  • 1. Paradise Here Abouts
  • 2. Dirty From The Rain
  • 3. That’s How Things Get Done
  • 4. Spiral
  • 5. Robes Of Bible Black
  • 6. Vortexas
  • 7. Ballad Of The Tucson 2
  • 8. Hey Man
  • 9. Worried Spirits
  • 10. Howlin’ A Gale
  • 11. Nail In The Sky
  • 12. Astonished
  • 13. But I Did Not
  • 14. Love Knows (No Borders)

Alegrias (2011)

  • 1. 4 Door Maverick
  • 2. Uneven Light Of Day
  • 3. The Ballad Of Lole Y Manuel
  • 4. Cowboy Boots
  • 5. Notoriety
  • 6. Blood Orange
  • 7. Lost Like A Boat Full Of Rice
  • 8. Broken Bird And The Ghost River
  • 9. (There were) Always Horses Coming
  • 10. The Hangin’ Judge
  • 11. Saint Conformity
  • 12. Where The Wind Turns The Skin To Leather
  • 13. One Diner Town

Some Piano

  • 1. See (Lull)
  • 2. What (Lull)
  • 3. Of (Lull)
  • 4. Now (Lull)
  • 5. Spangle Bib Of Radient Value (Ogle)
  • 6. Before The Tenant They Sat With Popcorn And Hunch (Ogle)
  • 7. Hokum Bigboy Was Probably Not His Given Name (Ogle)
  • 8. Tangualtion (Spun)
  • 9. Loss And Its Hold On Us (Spun)
  • 10. Denmark Stunningly Soaked (Spun)
  • 11. Excursion Disruption (Spun)
  • 12. California Roll (Snarl)
  • 13. Calculating Route (Snarl)
  • 14. Ample (Snarl)

john mellencamp 1978_2012-480x277

Per finire la lista di oggi, un bel cofanetto dedicato alla discografia completa di John Mellencamp, 1978-2012 Box Set, in uscita per la Universal/Mercury il 10 dicembre (ma non in Italia, dove per motivi misteriosi, ma non troppo, è una costante delle uscite del Coguaro questo ritardo nella pubblicazioni, uscirà verso la fine di gennaio 2014, o almeno così pare al momento. Conterrà 19 CD e il prezzo sarà medio-alto, questi gli album contenuti:

  • John Cougar (1979)
  • Nothin’ Matters and What If It Did (1980)
  • American Fool (1982)
  • Uh-Huh (1983)
  • Scarecrow (1985)
  • The Lonesome Jubilee (1987)
  • Big Daddy (1989)
  • Whenever We Wanted (1991)
  • Falling From Grace: Original Soundtrack Album (1992)
  • Human Wheels (1993)
  • Dance Naked (1994)
  • Mr. Happy Go Lucky (1996)
  • John Mellencamp (1998)
  • Rough Harvest (1999)
  • Cuttin’ Heads (2001)
  • Trouble No More (2003)
  • Freedom’s Road (2007)
  • Live, Death, Love and Freedom (2008)
  • No Better Than This (2010)

Dodici degli album saranno provvisti di bonus tracks, mancano le “origini” disconosciute (i.e. Chestnut Street Incident, A Biography e The Kid Inside), l’unico mini live del 2009 (ma non questo, bellissimo, Live By Request  http://www.youtube.com/watch?v=kY0LmPEn4CU, le collaborazioni, ma c’è la colonna sonora di Falling From Grace http://www.youtube.com/watch?v=X0X5tSCfSyQ.

Questi due ve li anticipo (sono quelli in uscita nel 2014), ma ne parleremo nel prossimo Post, insieme agli altri pre-natalizi.

small faces here comes the nice

mike-bloomfield-box

Per oggi è tutto, alla prossima.

Bruno Conti

Meglio Tardi Che Mai! Steve Earle & The Dukes (& Duchesses) – The Low Highway

steve earl the low highway.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Steve Earle – The Low Highway – New West Records 2013 – Deluxe Edition CD/DVD

Per un disguido con il titolare di questo pregevole blog (Bruno), colpevolmente mi accingo a parlarvi solo ora di questo The Low Highway, quindicesimo lavoro nella ormai quasi trentennale carriera discografica di Steve Earle. Originario della Virginia, ma cresciuto a San Antonio, Texas, Earle è certamente uno dei più importanti nomi della scena country-rock-roots americana. Il suo stile musicale, per i pochi che ancora (spero) non lo conoscono, si collega ai grandi della canzone di Nashville, in special modo al compianto Johnny Cash (alle origini), ma successivamente si “abbevera” da rocker come Fogerty, Mellencamp e naturalmente Springsteen. Il buon Steve aveva cominciato a suonare intorno ai vent’anni (apparendo già nel 1975 nel famoso film Heartworn Highways, a fianco di Townes Van Zandt, Guy Clark e dei giovani, come lui, Rodney Crowell e John Hiatt) e ad esibirsi poi con un proprio gruppo, The Dukes (ancora oggi la sua backing band), e nel lontano ’86 firmava per la famosa MCA, esordendo con Guitar Town (ma prima erano uscite le prime registrazioni come Early Tracks), cui fa seguito uno dei suoi capolavori, Copperhead Road (88) che annovera fra gli ospiti i Pogues dello “sdentato” Shane MacGowan ela brava Maria McKee.

Nel successivo decennio accentua la sua inclinazione per il rock con The Hard Way (90), centrando il bersaglio nuovamente con il magnifico live Shut Up And Die Like An Aviator (91), dove oltre ai suoi classici, rivisita Dead Flowers dei Rolling Stones, She’s About A Mover del Sir Douglas Quintet e Blue Yodel # 9 di Jimmie Rodgers, regalando un “sound” di purissimo rock americano (per merito anche dei fidi Dukes). In seguito incappa in un brutto periodo artistico e personale e viene arrestato per tentata rapina a mano armata (indotta dall’incessante bisogno di denaro per droga e alcol), e passa più di un anno in carcere. Il ritorno discografico avviene con Train A Comin’ (95), un album totalmente acustico, mentre la sua ritrovata vena artistica è confermata anche dal seguente I Feel Alright (96) dove spicca You’re Still Standin’ There in duetto con la grande Lucinda Williams. Con The Mountain (99, realizzato con l’ensemble bluegrass della Del McCoury Band, inizia il decennio folk-rock, che trova l’apice nel seguente Transcedental Blues (2000) e in particolare con Jerusalem (2002) e The Revolution Starts Now (2004) dai forti contenuti politici e saltiamo gli ultimi dieci anni per non farla troppo lunga, ma Townes, il doveroso tributo al suo mentore almeno una citazione la merita!

Questo The Low Highway prodotto dallo stesso Earle con Ray Kennedy, vede il determinante apporto dei nuovi Dukes (Chris Masterson alle chitarre e pedal steel, Will Rigby alla batteria, Kelley Looney al basso) e una nutrita rappresentanza femminile, le cosiddette Duchesses, la moglie Allison Moorer alle tastiere, fisarmonica e voce, Eleanor Whitmore moglie di Chris (ovvero The Mastersons) al violino e mandolino, e Lucia Micarelli e Siobhan Kennedy (moglie del produttore) alle armonie vocali, e il disco ci riconsegna un cantautore ancora in grado di scrivere grandi canzoni, partendo dall’iniziale title track The Low Highway, dal folk blues della conclusiva Remember Me, prima di spaziare con disinvoltura fra il rock di 21st Century Blues, il country di Down The Road Pt II, il blues-rock di Calico County, per poi passare alla fisarmonica zydeco di That All You Got? (in duetto con la moglie) al piano old-style di Pocket Full Of Rain, al trascinante violino irlandese e banjo nel bluegrass di Warren Hellman’s Banjo, e riproponendo Love’s Gonna Blow My Way e After Mardi Gras, brani comparsi nella serie televisiva americana Treme (ambientata nella New Orleans post Katrina), il secondo scritto proprio per Lucia Micarelli, anche ottima violinista classica e presente con lui nel tributo a Dylan per Amnesty, Chimes of Freedom.

Steve Earle (58 anni, sette mogli e tre figli se non ho perso il conto), nonostante una vita vissuta sempre sopra le righe (la dipendenza dalla droga, gli arresti, la detenzione e una difficile e sofferta disintossicazione), di album davvero sbagliati non ne ha mai fatti, e in questo The Low Highway c’è materiale a sufficienza per confermarlo come uno dei personaggi più rappresentativi  della musica “Americana” degli ultimi trent’anni.

Tino Montanari

*NDT: Questa Deluxe Edition, esce, come al solito in una versione ampliata con il DVD che include il “making of” del disco e il video di Invisible. 

Un’Esplosione Di Energia. Gighe E Reels Per il 3° Millennio! Dropkick Murphys – Signed And Sealed in Blood

dropkick murphys signed and sealed.jpg

 

 

 

 

 

 

Dropkick Murphys – Signed And Sealed In Blood – Born And Bred/Universal/Coop

Ottavo album per la celtic-punk, celtic-rock, celtic punk-rock, boh(?) band di Quincy, Massachussetts, a due passi da Boston area metropolitana, un po’ come Monza e la Brianza rispetto a Milano. Il genere musicale però è più quello della periferia di Dublino o di Belfast, intrecciato con le radici del punk americano e inglese. Ovvero, partire sui 200 all’ora con una melodia e finire sui 300, con qualche piccola varaizione sul tema. Il penultimo disco, Going Out In Style, una sorta di concept album, era stato in un certo senso quello della consacrazione, con tanto di partecipazione di Springsteen in Peg ‘o My Heart, una seconda versione Deluxe (pubblicata qualche mese dopo, per l’incazzatura di grandi e piccini, con un secondo CD Live aggiunto come bonus) e un suono più vario e ricercato (senza esagerare) rispetto ai dischi del passato (e del futuro).

Eh sì, perché quanto potevano resistere senza quei brani tipici, singalong misto a street punk? Un minuto? Neanche. Nel primo brano The Boys Are Back (un omaggio alla vecchia The Boys Are Back In Town dei Thin Lizzy?), direi dopo 30 secondi, chitarre acustiche, accordion, bagpipes, mandolino e banjo vengono sommersi da un muro di chitarre elettriche e dal ritmo adrenalinico della sezione ritmica, con tutta la frontline dei cantanti impegnata a squarciagola nei tipici cori ad alta gradazione alcolica che sono tipici di questa musica, non per questo disprezzabili, “it’s only music for fun” e “sono alla ricerca di guai!”. Prisoner’s Song rilancia e rincara la dose, con la fisarmonica e il banjo che cercano di farsi strada tra le pieghe del brano. Ovviamente questo tipo di musica, ritmo e sudore, secondo le intenzioni dei suoi esecutori, si dovrebbe gustare appieno dopo un certo numero di pinte di birra o bicchierini di whiskey, ma per la salute dei v(n)ostri fegati, anche da sobri il piedino lo fa muovere e si capisce che non è proprio DIY campata in aria, dietro ci sono una ventina di anni di esperienza sui palchi di tutto il mondo, nella speranza di diventare gli eredi dei Pogues (e con la concorrenza di Flogging Molly e nelle isole britanniche, dei Levellers e degli stessi rientranti Pogues).

Rose Tattoo, il singolo, è più ricco di colori folk d’Irlanda che di sventagliate punk, e si lascia apprezzare con mandolini e acustiche che si amalgano più che cercare di “combattere” con la sezione ritmica, anche i flautini e mandolini impazzano e il banjo dell’ospite Winston Marshall dei Mumford and Sons aggiunge un afflato britannico alle operazioni. Il testo del brano è quello che comprende il titolo dell’album ” This one means the most to me/Stays here for eternity/A ship that always stays the course/An anchor for my every choice/A rose that shines down from above/I signed and sealed these words in blood/I heard them once, sung in a song/It played again and we sang along…”. E’ una breve oasi di pace prima della ripresa delle ostilità con Burn.

Ma da qui in avanti l’alternanza tra Irlanda e combat punk-Rock (questo non l’avevo detto) si fa più consistente: Jimmy Collins’ Wake avrebbe fatto il suo figurone nei vecchi vinili dei Pogues, con la sua aria paesana, mentre The Season’s Upon Us, per quanto sempre corale e combattiva, ha profonde radici nella musica popolare, ed è anche un bel brano, che non guasta. Battle rages on è di nuovo indemoniata, a tutto singalong con chitarre elettriche metalliche che sciabolano tra voci e fiati in minoranza. Don’t tear us apart, addirittura con un piano che fa una breve apparizione iniziale, evidenzia le similitudini con le radici à la Clash di certa musica dei Pogues (e dei Dropkick Murphys). My hero resta sempre da quelle parti, con una chitarra elettrica vagamente spingsteeniana che tira le fila del brano, sempre tirato a velocità supersonica.

Out Of The Town è un grintoso pezzo elettrico, quasi convenzionale nel sound, rock puro e semplice con la solità coralità vocale ma pochi elementi folk e punk, molto piacevole. Out Of Our Heads con banjo, flautino e fisarmonica in evidenza, a lottare duramente con la parte elettrica e la ritmica del settetto americano, riapre le danze per futuri sviluppi live. End Of The Night è una ballatona a tempo di valzer che ricorda i brani più coinvolgenti dei Pogues dei tempi d’oro e conclude in gloria un disco che si merita la sufficienza piena anche se non fa gridare al miracolo. Sapete cosa aspettarvi, i “soliti” Dropkick Murphys, simpaticamente casinisti e caciaroni, ma anche buoni musicisti.

Esce domani in molti paesi e il 15 gennaio in Italia.

Bruno Conti

I Migliori Dischi Del 2012. Last But Not Least: Cofanetti, Ristampe E Live

elvis presley elvis country legacy edition.jpg

 

 

 

 

Ultime scelte e segnalazioni del sottoscritto per questo 2012 appena concluso: i migliori dischi dal vivo, le ristampe più interessanti e i cofanetti più sfiziosi, una selezione quantomeno, perché ne sono usciti veramente tanti (sono, più o meno, in ordine cronologico di uscita). Il primo dell’anno, proprio il 2 gennaio del 2012, era stato:

Elvis Presley – Elvis Country Legacy Edition Sony/BMG

michael chapman rainmaker.jpg








Michael Chapman – Rainmaker – Light In The Attic

richard thompson live at celtic connections.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Richard Thompson – Live At Celtic Connections – DVD Proper

 

Chimes_cover.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Chimes Of Freedom – The Songs Of Bob Dylan – 4 CD Sony/Bmg

 

 

occupy this album 4 cd.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Occupy This Album – 4 CD – Razor & Tie

big brother carousel ballroom.jpgjanis joplin the pearl sessions.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Big Brother & The Holding Co. – Live At The Carousel Ballrom – Sony/Columbia

Janis Joplin – The Pearl Sessions 2 CD – Sony/Bmg

 

 

bb king live royal albert hall 2011.jpgbb king life of riley cd.jpgb.b. king box set.jpg

 

 

 

 

 

 

 

B.B. King – Live At Royal Albert Hall 2011

B.B. King – The Life Of Riley – Soundtrack & DVD

B.B. King – Ladies And Gentlemen Mr. B.B. King – Box 10 CD o Box 4 CD – Tutti Universal

joe bonamassa beacon theatre.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Joe Bonamassa – Beacon Theatre: Live From New York 2 DVD 2 CD Eagle/Provogue

warren haynes live moody.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Warren Hayes – Live At The Moody Theatre – 2 CD+DVD Stax/Provogue

band of heathens live 1.jpgband of heathens live 2.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Band Of Heathens – Double Down Live in Denver Vol.1&2 -CD/DVD BOH/Blue Rose

billy bragg wilco.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Billy Bragg & Wilco – Mermaid Avenue – The Complete Sessions 3 CD + DVD Nonesuch

dr.feelgood all through the city.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Dr. Feelgood – All Through The City (With Wilko 1974-1977) 3 CD + DVD EMI

 

willy deville live in paris and new york.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Willy DeVille – Live In Paris And New York – Big Beat/ACE

tedeschiTrucksBand live.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Tedeschi Trucks Band Live – Everybody’s Talkin’ 2 CD Sony/Bmg

paul simon graceland.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Paul Simon – Graceland  25th Anniversary Edition CD/DVD Sony Music

 

zappa ristampe.jpg

 

 

 

 

 

 

Frank Zappa – Ristampe di Tutta La Discografia – Zappa Records/Universal

 

120628_wewalktheline_cover.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Johnny Cash We Walk The Line: A Celebration Of The Music Of Johnny Cash CD/DVD Columbia

 

NINEBELOWZEROliveatthemarquee.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Nine Below Zero – Live At The Marquee – CD/DVD Fontana/Universal

 

paul simon live in new york city.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Paul Simon – Live In New York City 2CD/DVD Hear Music/Universal

 

velvet-underground-and-nico1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Velvet Underground – The Velvet Underground & Nico SuperDeluxe Edition 6CD Polydor/Universal

 

pogues in paris cd+dvd.jpg

 

 

 

 

 

 

 

The Pogues In Paris – 30th Anniversary Concert At The Olympia 2CD/2DVD Universal

 

sandy denny the notes & the words.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Sandy Denny – The Notes And The Words 4 CD Island/Unversal

Una delle più belle canzoni di tutti i tempi!

led zeppelin celebration day dvd.jpg

 

 

 

 

 

 

Led Zeppelin – Celebration Day Mille Formati Warner

Una delle più grandi band di tutti i tempi!

johnny cash complete collection.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Johnny Cash – The Compleete Columbia Album Collection 63 CD Sony Music

Uno dei più grandi cofanetti della storia!

Come vedete mi sono trattenuto, niente inutili Superdeluxe Edition (a parte una) e tanta buona musica anche in questo 2012, alla faccia degli iettatori e dei perenni pessimisti, forse niente di nuovo, ma sempre fatto un gran bene. Tutte le altre classifiche, mie e di collaboratori e ospiti del Blog le trovate sparse nei Post dell’ultimo mese, buona lettura.

Ormai mancano solo i risultati delle principali riviste musicali italiane.

Bruno Conti

Chi L’Avrebbe Detto? Ci Sono Ancora! Pogues In Paris – The 30th Anniversary Concert At The Olympia

pogues in paris front.jpgpogues in paris cd+dvd.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Pogues In Paris – The 3oTH Anniversary Concert At The Olympia – Polydor/Universal 2CD – DVD – Blu-Ray – 3 LP – 2 CD+DVD+DVD

“Shurely Shome Mishstake” potrebbe biascicare Shane MacGowan, invece no, sono proprio loro, 30 anni dopo, ancora vivi e vegeti (chi più chi meno), a festeggiare il loro anniversario “Dans La Ville Lumiére, oui”, come si lancia ogni tanto Shane nel suo perfetto francese tra una canzone e l’altra, peraltro più comprensibile di quanto dica in inglese, usando locuzioni brevi e concise. Uno si chiede come faccia il suo fegato a resistere dopo così tanti anni, ma lo stesso si diceva di Keith Richards, che probabilmente ci seppellirà tutti (o Pete Townshend e Mick Jagger che in canzoni e interviste dicevano di volere morire giovani, ma poi ci hanno ripensato). In ogni caso, questa registrazione dei due concerti che i Pogues hanno tenuto all’Olympia di Parigi l’11 e il 12 settembre scorsi, supera le più rosee previsioni e le attese, evidentemente Shane e soci hanno una autonomia di almeno due giorni (di più non so, infatti a Londra per Natale, faranno una solo data) e in quell’ambito di tempo (e nei 90 minuti del concerto) sono in grado di regalare uno spettacolo coi fiocchi, i controfiocchi e il pappafico. Il suono è volutamente confuso e casinaro, ma quella è sempre stata la loro caratteristica, se il punk incontra il folk a metà strada e poi soccombe alle sue superiori melodie lasciando solo la sua energia, una ragione (e forse più di una) ci sarà.

Il 7 luglio del 1988 al Palatrussardi di Milano assistevo (o meglio non assistevo, visti i risultati) ad un concerto che sulla carta avrebbe dovuto essere strepitoso: i Pogues, i Los Lobos e Stevie Ray Vaughan insieme (e c’era forse anche Paolo Bonfanti ad aprire). Superato il caldo africano e l’acustica atroce mi sono scontrato con due artisti nella loro fase distruttiva, uno Stevie Ray Vaughan “fatto” e svogliato, peggio anche che nel live ufficiale che non ha mai reso merito alle sue virtù di performer straordinario e uno, Shane MacGowan bellicoso e incazzoso con il pubblico e i suoi compagni della band, e i Los Lobos onesti e gagliardi ancorché inascoltabili a causa dell’acustica e per il pubblico che erà lì per ascoltare solo La Bamba. A quasi 25 anni, smaltita e dimenticata la delusione, almeno i Pogues, che non hanno mai avuto un Live ufficiale degno della loro fama, perché Streams Of Whiskey il CD dal vivo in Svizzera del 1991 era diciamo “bruttarello” sia a livello tecnico che di contenuti, dicevo che i Pogues hanno questa nuova occasione per dimostrare il loro valore e, come in altre recenti reunion di “lunga gittata”, vedasi Zeppelin, ci riescono pienamente.

24 canzoni, un’ora e mezza di musica su due CD o su un DVD, con un secondo (costoso) DVD che li accompagna nella loro prima avventura in terra di Francia nel lontano 1986, i Pogues sciorinano il meglio del loro repertorio e la loro bravura dal vivo (non dimentichiamo che anche Joe Strummer era stato chiamato brevemente come sostituto di MacGowan nel suo periodo più buio): Spider Stacey, Jem Finer, James Fearnley, Andrew Ranken, Darryl Hunt e due veterani della scena musicale inglese e irlandese, come Philip Chevron (nei Radiators From Space) e Terry Woods (già negli Sweeney’s Man e nella prima versione degli Steeleye Span), tutti costoro sono musicisti formidabili e le versioni che scorrono dei loro brani sono eccellenti, dall’iniziale Streams Of Whiskey fino alla indiavolata conclusione con una Fiesta che viaggia al di là di qualsiasi limite di velocità, passando per classici come A Pair Of Brown Eyes, Dirty Old Town di Ewan MacColl, The Sicked bed Of Cuchulainn che chiude il primo CD. E poi ancora l’amatissima Sally MacLennane, Rainy Night In Soho, The Irish Rover con fisarmonica e flautini che attizzano un pubblico più che ben disposto (e ottimamente ripreso, come la band), l’immancabile Stars Of the County Down e la meno conosciuta Poor Paddy On The railway. In Fairytale Of New York anche se non c’è più la compianta Kirsty MacColl (figlia di Ewan) come seconda voce femminile (credo sia Joyce Redmond), Shane MacGowan azzecca una interpretazione vocale quasi perfetta (ma quasi, non esageriamo) per quello che rimane il loro più grande successo.

Quindi, nessun errore, sono proprio loro, da domani nei negozi!

Bruno Conti

Un’Altra Reunion Interessante! The Pogues In Paris – 30th Anniversary Concert At The Olympia

pogues in paris.jpgpogues in paris cd+dvd.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Pogues In Paris – 30Th Anniversary Concert At The Olympia – Universal 2CD – DVD – Blu-Ray – Limited Edition 3 LP – Limited Edition 2 CD + DVD + DVD + Libro 20-11-2012

Tutto ciò esce il 20 di novembre, nella stessa data dell’uscita delle varie edizioni della reunion dei Led Zeppelin (a proposito, Jimmy Page, in una intervista alla rivista Mojo, ha dichiarato che sta rimasterizzando tutto il vecchio catalogo del gruppo, che uscirà in una serie di Box, ciascuno dedicato ad un singolo album, a partire dal 2013, ogni disco conterrà inediti e rarità, ovvero versioni differenti dei brani già conosciuti, quindi cominciate a risparmiare, e a sperare, perché con i tempi di lavorazione di Page, il tutto potrebbe durare qualche lustro).

Viceversa, tornando ai Pogues, i concerti sono stati registrati l’11 e il 12 di settembre, quindi una produzione velocissima, dal produttore al consumatore. Questo è il contenuto:

Disc: 1
1. Streams Of Whiskey
2. If I Should Fall From Grace With God
3. The Broad Majestic Shannon
4. Greenland Whale Fisheries
5. A Pair Of Brown Eyes
6. Tuesday Morning
7. Kitty
8. The Sunnyside Of The Street
9. Thousands Are Sailing
10. Repeal Of The Licensing Laws
11. Lullaby Of London
12. The Body Of An American
13. Young Ned Of The Hill
14. Boys From The County Hell
15. Dirty Old Town
16. Bottle Of Smoke
17. The Sicked Bed Of Cuchulainn

Disc: 2
1. Sally MacLennane
2. Rainy Night In Soho
3. The Irish Rover
4. Star Of The County Down
5. Poor Pady
6. Fairytale Of New York
7. Fiesta

Che è lo stesso per il doppio CD, il DVD o il Blu-ray, ma…il secondo DVD conterrà ulteriore materiale: interviste varie e, soprattutto, esibizioni inedite dal vivo d’archivio dalla televisione francese, tra le quali la famosa Les Enfants Du Rock del 1986. Per festeggiare ulteriormente, se siete da quelle parti per le feste natalizie, i Pogues terranno un concerto alla O2 Arena il 20 di Dicembre. I denti di Shane MacGowan sono sempre al loro posto, sul pavimento, per il resto sembra abbastanza in forma! Recensione a breve.

Bruno Conti

 

Nostalgici Del Futuro Nel Passato! Old Crow Medicine Show – Carry Me Back

old crow.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Old Crow Medicine Show – Carry Me Back – ATO Records

Per il titolo ho fatto un triplo salto mortale con ossimoro avvitato, è talmente contorto che quasi non l’ho capito neppure io che l’ho scritto. Come avrebbe detto qualcuno degli addetti ai lavori calcistici che imperversava sul Mai Dire Gol dei gloriosi inizi ” forse non mi sono capito bene!”. Ma facezie a parte, questo fenomeno delle, come vogliamo definirle?, string bands, che fanno un genere che, in mancanza di termini migliori e per convenienza chiameremo Bluegrass, negli ultimi anni ha colpito la scena musicale americana. Anche se poi andiamo a vedere bene è uno stile che è sempre stato presente negli States: è la loro musica, tanto quanto il rock and roll, il blues o il jazz. Lo chiameranno anche country, con il rischio di confonderlo con molta della porcheria che esce da Nashville (non tutto, c’è molto da salvare anche lì), ma ora, per gli strani casi della vita, è diventata una sorta di musica futuribile, alternativa addirittura, per i gruppi più giovani, come gli stessi Old Crow Medicine Show, viene presentata addirittura come una rottura con il passato.

Al sottoscritto non pare proprio, se un tempo un gruppo come la Nitty Gritty Dirt Band, country-rock per attitudine, faceva un disco super tradizionale come Will The Circle Be Unbroken, oggi ci sono band come gli Avett Brothers, sodali per certi versi degli Old Crow, che affiancano senza problemi musica elettrica ed acustica, country e bluegrass, con il rock mainstream, sotto la produzione di un Rick Rubin. Ma potremmo citare anche gruppi del filone jam come gli String Cheese Incident o la Yonder Mountain String band e molti altri che veleggiano al limite di queste convenzioni sonore. Gli Old Crow Medicine Show sono forse più “puristi”, string band acustica per definizione, niente batteria, niente chitarre elettriche, contrabbasso per tenere il ritmo ma aperti a collaborazioni con altri artisti anche di generazioni precedenti, contrariamente a quello che dicono alcuni giovani recensori che non riscontrano questi legami con il passato. Ad esempio in questo Carry Me Back, Jim Lauderdale, grande musicista di culto della scena musicale country americana della generazione precedente, scrive, e canta con loro, nella bella ballatona Half Mile Down, un lamento sulle tradizioni della grande America rurale che si vanno perdendo.

E poi non è che siano degli integralisti assoluti, nel precedente Tennessee Pusher, prodotto da Don Was, batteria e qualche sprazzo di elettricità c’erano. E non dimentichiamo che lo scorso anno, su invito dei Mumford and Sons, in ricordo delle vecchie carovane che il nome del gruppo evoca, hanno girato per gli Stati Uniti in treno, anche con Edward Sharpe and the magnetic Zeros, in un Big Easy Express Tour che è diventato anche un bel documentario in Blu-Ray/DVD. Una formula che era ripresa dal vecchio Festival Express, un altro tour su carrozze del 1970, quando band del calibro dei Grateful Dead, Janis Joplin, la Band, ma anche Flying Burrito Brothers, Sha Na Na e molti altri, avevano scorrazzato in treno per le lande canadesi.

Chiusa la parentesi torniamo a questo Carry Me Back. Per la prima volta sono entrati nei Top 30 della classifica americana, sia pure al 22° posto, e solo per una settimana, anche se i loro concerti, come documentato da vari DVD, sono frequentati da orde di giovanissimi assatanati, accorsi per ascoltare e ballare con i loro frenetici breakdowns a base di violino, banjo e chitarre acustiche a velocità supersoniche, un po’ come accade nelle sezioni acustiche degli shows degli Avett Brothers. O, a livello ancora più di massa, nelle parti più folk degli spettacoli dei Mumford and Sons, il cui album di esordio (in attesa del nuovo Babel in uscita il 25 settembre, così come The Carpenter degli Avett l’11 settembre) è nelle classiche USA da 125 settimane. E nelle classifiche americane di genere il disco degli Old Crow, lo trovate in quelle di Folk, Country, Bluegrass e Tastemakers (qualsiasi cosa voglia significare), non solo, se cercate su AllMusic Guide per vedere, oltre al genere, Pop-rock/Folk/Country, a che stili si possano accostare, troverete: Neo-Traditional Folk, Jug Band, String Band, Americana e Contemporary Folk. E quindi?

E quindi sono dodici brani dodici, per un totale di 36 minuti e 50, dove Ketch Secor e soci, soprattutto Critter Fuqua e Willie Watson, perché altri membri della band vanno e vengono, ci accompagnano in un frenetico viaggio a tempo di strumenti a corda con alcune ballate a spezzare la frenesia delle operazioni. Dopo David Rawlings, che ha prodotto i primi due album e il già citato Don Was che ha curato il terzo, questa volta, per l’esordio su ATO Records (l’etichetta di proprietà di Dave Matthews) si sono affidati a Ted Hutt, non più impegnato con i Gaslight Anthem, e già veterano della musica folk in senso lato per i suoi trascorsi con Dropkick Murphys e Flogging Molly. Il risultato è un disco dove la musica degli OMCS, risalta chiara e cristallina, con venature di old time e mountain music (queste non le avevamo ancora citate).

Siano i ritmi forsennati della iniziale Carry me Back To Virginia, dove le arie tradizonali irlandesi li avvicinano ai migliori Pogues, se fossero nati negli Stati Uniti, ma anche viceversa. We don’t Grow Tobacco è una bella country song cadenzata con il violino in primo piano, cantata da Secor, ancora sulle vecchie tradizioni che vanno scomparendo. Levi è una ballata old time corale molto bella, ai livelli delle cose migliori della Nitty Gritty dei tempi d’oro mentre Bootlegger’s Boy è uno di quei brani bluegrass suonati a tutta velocità, se venisse attivato l’autovelox gli verrebbe ritirata la patente per superamento dei limiti. Ain’t It Enough è un bel valzerone con armonica e chitarra acustica in evidenza, qualche richiamo dylaniano ma di nuovo ancora e soprattutto alla Nitty Gritty Dirt Band che era maestra in questo tipo di brani, qualcuno ha detto Mr. Bojangles?

Mississippi Saturday Night dal vivo dovrebbe fare sfracelli, la velocità è all’incirca doppia rispetto a Bootlegger’s dove già tiravano come dei dannati. Steppin’ Out è una sorta di ragtime e qui lo stile è veramente quello delle string bands, alla Carolina Chocolate Drops, per citare un altro gruppo di giovanotti e giovanotte di belle speranze. Genevieve è una ballata di classe sopraffina, con armonie da leccarsi i baffi, un piccolo capolavoro che ti potresti aspettare da un gruppo di questo spessore, bellissima! Country Gal, come da titolo, è un brano che si sarebbe potuto trovare nel repertorio di un Hank Williams, con tanto di citazione di Hey Good Lookin’ nel testo della canzone. Di Half Mile Down abbiamo detto, rimangono la classica fiddletune Sewanee Mountain Catfight che dall’altra parte dell’oceano i Fairport Convention avrebbero definito un reel e Ways Of Man, un’altra ballata stupenda alla Guy Clark o Townes Van Zandt, con Critter Fuqua e Jim Lauderdale alle armonie vocali e una struggente fisarmonica e il piano ad alternarsi a condurre le danze, un’altra piccola meraviglia di questo  gioiellino della musica americana che risponde a Carry Me Back.

Super consigliato per chi ama il genere, ma in generale a tutti. Veramente bella musica, futura, presente e passata!

Bruno Conti

Onde Radio Dall’Inghilterra. Levellers – Static On The Airwaves

levellers static on the airwaves.jpg

 

 

 

 

Levellers – Static On The Airwaves – OTF Recordings 2012

Devo ammettere che ho sempre avuto un debole per i Levellers, band folk-punk-rock di Brighton (Sud Inghilterra) sulla breccia ormai da più di un ventennio, che tengo in considerazione sin dal loro folgorante esordio “ufficiale” Levelling The Land (91), un vero e proprio “bestseller” del genere folk rock, tanto da rimanere nelle classifiche dei dischi più venduti in Inghilterra addirittura per anni. Il sottoscritto ha conosciuto i Levellers verso la fine del ’92, in un “torrido” concerto tenuto in un locale di San Colombano Al Lambro (purtroppo di fronte a poche persone), e questi “folletti” sul palco esprimevano la forza, la grinta, l’aggressività della generazione che rappresentavano (e tuttora rappresentano), il rispetto e la conoscenza della tradizione musicale nella quale era inserita. Infatti il gruppo ha mosso i primi passi della propria carriera artistica in piena era “punk-folk”, e a differenza di altri esponenti di quel periodo, ha subito dato delle connotazioni molto più elettriche al proprio suono, lasciando quasi esclusivamente all’incredibile violino di Jon Sevink le sfumature di un “sound” tradizionale, anche se va detto che il “nostro” usa generalmente lo strumento come una sciabola, cavandone sonorità che hanno poco di tradizionale e molto di “punk-rock”.

 

L’attuale “line-up” della band è composta oltre che dal citato Sevink al violino, da Mark Chadwick il cantante anche alle chitarre, Jeremy Cunningham al basso, Charlie Heather alla batteria, Matt Savage alle tastiere, e da Simon Friend al mandolino e banjo, e sotto la produzione di Sean Lakeman (fratello del più noto cantautore Seth), i Levellers con questo lavoro dimostrano musicalmente di restare fedeli alle proprie radici, dove le chitarre sono sempre sferraglianti, la sezione ritmica sembra scolpita nel granito tanto è vigorosa e solida ed il violino è sempre naturalmente al suo posto, più indiavolato che mai, ma capace anche di sfumature dolci e melodiose. I testi delle canzoni di Static On The Airwaves si riflettono sull’attuale politica estera britannica, partendo dal brano iniziale We Are All Gunmen dal ritmo saltellante, con una batteria pulsante e il violino a punteggiare la melodia, mentre la seguente Truth Is non conosce mezze misure, viaggia a tutto gas con il violino di Jon che si impossessa degli stacchi strumentali, e ricama veloci assoli. After The Hurricane è una ballata piuttosto dolce con un refrain indovinato, segue un pezzo solido come Our Forgotten Towns con un’apertura indiavolata nella forma classica della “fiddle tune”,  e ancora sempre a seguire una No Barriers dalla struttura analoga, con una arrabbiata base strumentale.

Un cenno a parte lo merita sicuramente Alone In This Darkness, un’oasi acustica in cui rivedo i Levellers che più ho amato, con un prezioso lavoro dell’immancabile violino, uno degli episodi migliori del lavoro. Si prosegue con l’irruenza e l’aggressività che pervadono Raft Of The Medusa, pezzo duro e tosto, mentre Mutiny ci porta verso lidi danzerecci, marchio di fabbrica dei primi album. Un arpeggio di chitarra introduce la splendida ballata folk Traveller, con sottofondo di piano, violino,chitarra acustica e armonie vocali, l’opposto di Second Life forse il pezzo meno riuscito del CD. Chiude il tradizionale The Recruiting Sergeant,arrangiato alla maniera dei mai dimenticati Pogues dello “sdentato” Shane MacGowan. Coinvolgente e appassionato Static On The Airwaves sprigiona un grande vigore, incanta nelle canzoni d’atmosfera e diverte negli episodi più orecchiabili, insomma, un’ottima occasione per entrare in contatto con la musica dei Levellers, sempre in bilico tra rock e folk, destinato non solo a chi ancora non li conosce, ma anche ai fans di vecchia data. Esuberante.

Tino Montanari

Una Band Di “Culto”! The Men They Couldn’t Hang – Demo’s And Rarities Voll. 1&2

men they couldn't hang demos 1.jpgmen they couldn't hang demos 2.jpg

 

 

 

 

 

 

The Men They Couldn’t Hang – Demo’s and Rarities Vol. 1-2 – Vinyl Stac Records – 2011

Gruppo sfortunato e simpatico questo dei The Men They Couldn’t Hang, che ha avuto solo un grande handicap, quello di trovarsi sulla strada dei Pogues, coloro che negli anni ottanta venivano ritenuti i migliori nel campo dell’alternative folk, e di non riuscire di conseguenza a trovare un proprio spazio “al sole” nell’immenso mercato del folk rock anglofilo e internazionale, anche se sinceramente la loro proposta musicale non possedeva l’inventiva della band dello “sdentato” Shane MacGowan. In ogni caso il gruppo inglese aveva fornito delle buone prove sin dall’esordio con Night of a Thousand Candles (1985), How Green Is The Valley (1986), Waiting For Bonaparte (1988), Silvertown (1989), Domino Club (1990), e lo splendido live Alive, Alive O (1991), che concludeva prematuramente la loro unione.

E sì che i presupposti c’erano: le chitarre e le voci stile Byrds, un notevole senso dell’armonia, brani piacevoli e scorrevoli, per un “sound” attraente e invitante, baldanzoso e vivace, a tratti irresistibile. Dopo alcuni anni di riflessione a causa di una separazione affrettata e poco convinta, i TMTCH tornano ad incidere dischi a partire da Never Born To Follow (1996), Big Six Pack (1997), The Cherry Red Jukebox (2003), Smugglers and Bounty Hunters (2005), per finire a Devil On The Wind (2009), abbandonando quasi completamente le contaminazioni dei primi lavori.

Ora, sono venuto in possesso di queste ristampe di due raccolte di “Demos & Rarities” (e molti album della discografia sono comunque ancora in produzione), che con merito e intelligenza spaziano nel periodo degli anni ’80, saccheggiando indubbiamente i lavori più significativi del gruppo, i già menzionati How Green Is The Valley, Silvertown e Domino Club. La formazione è quella originale con Stefan Cush alle chitarre elettriche, Philip “Swill” Odgers voce e chitarra acustica, Paul Simmonds al bouzouki e mandolino, Ricky McGuire al basso, Jon Odgers alla batteria, Nick Muir al piano e fisarmonica. Paul Simmonds che firma buona parte dei pezzi, in particolare è un piccolo genio. Fra i brani più popolari che compaiono in queste raccolte di piccoli tesori del “gaelic-punk”, figurano Rosettes, e Margaret Pie, del buon rock celtico, e ballate di ampio respiro come Australia, Billy Morgan, Family Way, che fanno rivivere storie e paesaggi d’ispirazione “anglofila”. La cosa più interessante del secondo volume riguarda i pezzi inediti che vengono ripescati dalle “sessions” di The Domino Club, e precisamente Broadway Melody, More Than Enough, e Walking To Wigan Casino, che a distanza di circa vent’anni, a confronto di quello che ci viene propinato da certi gruppi di oggi, rimangono attuali e di alto livello.

Mi auguro che l’uscita di queste “compilation” potrà servire a recuperare punti e credibilità verso una critica specializzata (musicale) che li aveva spesso snobbati, una band che attanaglia sempre l’attenzione dell’ascoltatore con tanta grinta  e una grande anima che caratterizza il loro “sound”, che nel tempo si è fatto più omogeneo e maturo. Un gruppo, quello dei The Men They Couldn’t Hang , che non merita assolutamente di essere dimenticato.

Tino Montanari

Se Li Scrive, Se Li Canta E Se Li Vende! Dall’Irlanda Pat Gallagher & Goats Don’t Shave

NDB: Anche il giorno di Natale doppia razione. Se vi interessano i dischi di cui leggete qui sotto li trovate solo a http://www.patgallagher.ie/. Buona lettura.

pat gallagher.pnggoats don't shave.png

 

 

 

 

 

 

 

Pat Gallagher – When I Grow Up – Pat Gallagher 2011
Goats Don’t Shave – The Collection – Pat Gallagher 2011

Per il mio immenso piacere personale ritorna con due lavori autoprodotti il cantautore del Donegal Pat Gallagher, ex barista e leader dei Goats Don’t Shave ( Le capre non si radono), l’ottima band irlandese che ha calcato le scene per sette anni dall’inizio degli anni novanta, proponendo una musica viva e attuale, con le basi ben radicate nella tradizione, che ha riscosso consenso e successo non solo in Europa, ma anche negli States (ha piazzato sia singoli che album nelle charts), e nel 1993 è stata votata dalla rivista “Time Out” quale miglior gruppo dell’anno. Dopo il debutto da solista con Tor del 1993, Pat con When I Grow Up ci regala una prova decisamente positiva, che ci consegna un personaggio che vive ancora un buon momento creativo, cha ha ancora diverse cose da dire, che canta canzoni che hanno un senso, una logica, che fanno pensare oltre che rilassare. Aiutato in studio (penso di casa sua) da John Mc Hugh alle tastiere e Charlie Arkins al violino, Gallagher (che suona tutti gli altri strumenti) propone 12 brani di cui solo il tradizionale The Master’s Hand non porta la sua firma.

L’iniziale When I Grow Up è una canzone dal ritornello piacevolissimo, mentre la seguente All Together è un eccellente ballata cantata con grande convinzione. Dopo il tradizionale The Master’s Hand, Half A Man è un motivo di atmosfera, mentre Down On My Knees e Symptoms Of Love sono in puro e godibilissimo stile “country”.  A questo punto Pat riprende due grandi canzoni del passato, la bellissima Closing Time, il brano forse più pop della sua produzione, con il violino di Arkins in grande spolvero, e Super Hero che sostanzialmente era un brano acustico, qui viene riproposto in versione accelerata. Little Hotel Room è una  delle più belle canzoni scritte da Pat, ballata di grande spessore ed intensità, cui fa seguito una Cant Live Without You motivo d’amore cantato alla Christy Moore, con una bella melodia intessuta da mandolino e armonica. La conclusiva If I Had You è un ottima “country bar song”.

Il secondo disco come fa notare lo stesso Pat nelle note del libretto, è una compilation dei suoi brani favoriti tratti dai lavori fatti con il gruppo, e precisamente The Rusty Razor del 1993 e Out In The Open del 1994. Tra i pezzi tutto ritmo e carica spiccano la scoppiettante Las Vegas, con il “whistle” in evidenza, il quasi furioso Mary, Mary dal grande impatto corale e il “fiddle” superveloce (con un belato finale per stare in tema con la denominazione del gruppo), e Let the World Keep on Turning, dove gli impasti del ritornello ricordano i Men They Could’n Hang. Molto belle e ovviamente più serie le ballate proposte, a cominciare da Eyes motivo d’amore, The Evictions dal tema sempre più attuale e con il violino suonato come nei primi dischi dei Saw Doctors , per citare un gruppo di riferimento.

La campestre strumentale Biddy From Sligo è ripresa  dal vivo, mentre Arranmore e Crooked Jack riportano alla mente certe cose  dei Pogues. You’re Great è una song delicata carica d’emozioni, mentre la potente Coming Home con la sezione ritmica che gira a mille, è parente stretta dei migliori Levellers (quelli di Levelling The Land per intenderci). Anche qui non poteva mancare Closing Time nella sua versione originale, e una Let It Go incisiva con frequenti cambi di ritmo, che mi ricorda i grandi Hothouse Flowers (i miei preferiti da sempre). Si segnala per originalità un brano dal ritmo africano John Cherokee, cantato quasi a cappella con supporto di sole percussioni e basso, mentre Claim e Gola sono due maestose ballate “folk rock”, per chiudere con A Returning Islander motivo praticamente parlato, che concentra l’attenzione sulle acque dell’Atlantico.

Van Morrison e Sinead O’Connor ai tempi non si perdevano i loro concerti, questo dimostra quanto Pat Gallagher e i suoi Goats Don’t Shave fossero considerati dagli addetti ai lavori, è ora che vengano riscoperti, se non li conoscete non perdete l’occasione per entrare in contatto con una delle migliori “Folk Bands” Irlandesi. Buone Feste !!!

Tino Montanari