King Crimson – The Complete 1969 Recordings. Ecco Un Altro Mega Cofanetto Da 26 “Dischi”, Con Tutte Le Registrazioni Del Primo Anno Della Creatura Di Robert Fripp: Esce Il 23 Ottobre.

king crimson the complete 1969 recordings

King Crimson “The Complete 1969 Recordings” 20CD/2DVD/4Blu-Ray Box Set – DGM Panegyric – 23-10-2020

Con “soli” 26 dischetti questo Box non costituisce il record nell’infinita serie di ristampe del materiale dei King Crimson, che rimane a Starless il cofanetto del 2014 che ne aveva 27. Certo che per i fans della band di Robert Fripp (e per i loro portafogli) rimane difficile tenere dietro a tutta questa massa di uscite, se consideriamo anche le nuove uscite della serie Elements Tour Box, di cui è uscito da poco il doppio del 2020, non dimenticando che del disco del 2019 In The Court Of The Crimson King erano già state pubblicate le edizioni per il 40° e 50° Anniversario, entrambe curate da Steven Wilson, che ha comunque messo lo zampino anche in questa nuova opera presentando un nuovo Dolby Atmos mix (che pare la nuova frontiera del suono per audiofili, e che è stato utlizzato anche per una ennesima nuova inutile antologia di John Lennon Gimme Some Truth The Best Of, in uscita a ottobre di cui vi parlerò a breve in un altro Post).

Tornando a questo nuovo box dovrebbe contenere ulteriori 6/7 CD e Blu-ray Audio di materiale inedito, per la prima volta disponibile. Comunque se volete verificare anche voi, ecco la lista completa dei contenuti del manufatto in uscita al 23 ottobre, per una cifra indicativa che dovrebbe essere, tutto compreso, intorno ai 200 euro circa, prenotabile solo qui https://burningshed.com/store/kingcrimson/king-crimson_complete-1969-recordings_boxset.

*NDB Nel frattempo è apparso anche su altri siti di vendita, inclusi Amazon vari, a prezzi decisamente più bassi.

Discs 1 – 18, 25, 26 CD
Disc 19 DVD, Disc 20 DVD-A,
Discs 21 – 24 Blu-Ray

Disc 1
Live at Hyde Park

1 21st Century Schizoid Man
2 The Court of the Crimson King
3 Get Thy Bearings
4 Announcement (Incomplete)
5 Epitaph
6 Mantra
7 Travel Weary Capricorn
8 Mars
9 Band Reunion Meeting

Disc 2
Live at the Marquee

1 21st Century Schizoid Man
2 Drop In
3 Announcement (Incomplete)
4 I Talk To The Wind
5 Epitaph (Incomplete)
6 Travel Weary Capricorn
7 Improv (inc Nola and Etude No. 7)
8 Mars

Disc 3
Live at Plumpton Festival

1 21st Century Schizoid Man
2 Get Thy Bearings
3 Announcement
4 The Court Of The Crimson King
5 Mantra
6 Travel Weary Capricorn
7 Improv
8 Mars

Disc 4
Live at Chesterfield Jazz Club

1 21st Century Schizoid Man
2 Drop In
3 Announcement
4 Epitaph
5 Get Thy Bearings
6 Announcement
7 I Talk To The Wind

Disc 5
Live at Chesterfield Jazz Club

1 Announcement
2 The Court Of The Crimson King
3 Mantra
4 Travel Weary Capricorn
5 Improv
6 Mars

Disc 6
Live at the Fillmore East

1 The Court Of The Crimson King (Incomplete)
2 Announcement
3 A Man, A City
4 Announcement
5 Epitaph
6 Announcement
7 21st Century Schizoid Man
8 The Court Of The Crimson King (Incomplete)
9 Announcement
10 A Man, A City
11 Announcement
12 Epitaph
13 Announcement
14 21st Century Schizoid Man

Disc 7
Live at the Fillmore West

1 Mantra
2 Travel Weary Capricorn
3 Improv Travel Bleary Capricorn
4 Mars
5 The Court of the Crimson King
6 Announcement
7 Drop In
8 A Man, A City
9 Announcement
10 Epitaph
11 Announcement
12 21st Century Schizoid Man
13 Announcement
14 Mars

Disc 8
Album – Original Master Edtion – expanded

1 21st Century Schizoid Man
2 I Talk to the Wind
3 Epitaph
4 Moonchild
5 The Court of the Crimson King
6 21st Century Schizoid Man
7 I Talk to the Wind
8 Epitaph
9 The Court of the Crimson King (Single A Side)
10 The Court of the Crimson King (Single B Side)

Disc 9
Alternate album – expanded

1 Wind Session
2 21st Century Schizoid Man (Morgan Studio Version with Overdubs)
3 I Talk To The Wind (Alt 2019 Mix)
4 I Talk To The Wind (Duo Version 2019 Mix)
5 Epitaph (Isolated Vocal 2019 Mix)
6 Epitaph (Alt Take 2019 Mix)
7 Moonchild (Take One 2019 Mix)
8 The Court of the Crimson King (Take 3 2019 Mix)
9 21st Century Schizoid Man (Trio Version 2019 Mix)

Disc 10
2009 Album Mixes – expanded

1 21st Century Schizoid Man
2 I Talk to the Wind
3 Epitaph
4 Moonchild
5 The Court of the Crimson King
6 Moonchild [Full Version]
7 I Talk to the Wind [Duo Version]
8 I Talk to the Wind [Alternate Mix]
9 Epitaph [Backing Track]
10 Wind Session [21st Century Schizoid Man Intro]

Disc 11
2019 Album Mixes & Instrumental Mixes

1 21st Century Schizoid Man
2 I Talk to the Wind
3 Epitaph
4 Moonchild
5 The Court of the Crimson King
6 21st Century Schizoid Man
7 I Talk to the Wind
8 Epitaph
9 Moonchild (Edit)
10 The Court of the Crimson King

Disc 12
Let’s Make a Hit Waxing

1 Let’s Make a Hit Waxing

Disc 13
Sessions Disc 1

1 21st Century Schizoid Man (Morgan Studio Instrumental)
2 Epitaph Takes 1 to 3
3 Epitaph Takes 4 to 8
4 I Talk to the Wind Takes 1 to 4

Disc 14
Sessions Disc 2

1 I Talk to the Wind Takes 5 to 8
2 I Talk to the Wind Takes 9 to 12
3 The Court of the Crimson King Stereo Takes

Disc 15
Sessions Disc 3

1 The Court of the Crimson King Take 6
2 The Court of the Crimson King Take 1 and 2
3 The Court of the Crimson King Takes 3 to 7
4 The Court of the Crimson King Takes 8 to 10
5 The Court of the Crimson King Trailer Take 1

Disc 16
Sessions Disc 4

1 The Court of the Crimson King (Stormy Mix)
2 I Talk to the Wind Takes 3 to 6
3 I Talk to the Wind Takes 7 to 9
4 I Talk to the Wind Early Take
5 Drum Check
6 21st Century Schizoid Man Sax Sound Check
7 Ahh (Stormy Mix)
8 I Talk to the Wind (Stormy Mix)

Disc 17
Sessions Disc 5

1 Epitaph Takes 1 to 3
2 Epitaph Takes 5 – 11
3 Epitaph Take 2 (Stormy Mix)

Disc 18
Sessions Disc 6

1 Moonchild Takes 1 to 8
2 Moonchild Take 9 (complete)
3 Trailer Take and Take Overdubbed
4 Pipe Organ Takes
5 Wind Noise Takes
6 The Court of the Crimson King Takes

Disc 19
DVD
24/48 Complete Studio Sessions
24/48 Let’s Make a Hit Waxing
16/48 Stormy Selections

Disc 20
DVD-A
24/48 Original Master Edition
24/48 2019 album mixes in hi-res stereo and 5.1 Surround

Hyde Park Film Snippet

Disc 21
Blu-Ray
24/192 Giles, Giles and Fripp – as per CD 25
24/96 Complete Studio Sessions
24/192 Live at Chesterfield Jazz Club

Disc 22
Blu-Ray
24/96 2009 Hi-Res Stereo and 5.1 Surround Mixes
24/96 Additional audio and Alternate album from the 2009 mixes
24/48 Original 1969 vinyl needledrops of UK stereo & US Mono Promo LPs
24/48 Original 1969 Mono UK Single A and B Sides and US Promo Single A Side

Disc 23
Blu-Ray
24/96 2019 Mixes in Stereo, 5.1 Surround and Instrumental Mixes
24/96 Original Master Edition
24/96 2019 Alternate Album and Additional Material Mixes

Hyde Park Film Snippet (audio mono)

Disc 24
Blu-Ray
2020 Dolby Atmos Mix
24/96 I Talk to the Wind (duo version) 5.1 Surround *
* audio through four channels only
24/96 Let’s Make a Hit Waxing

Disc 25
Selected Recordings 1968

Giles, Giles and Fripp

1 Tremelo Study in A Major (Spanish Suite)
2 Suite No. 1
3 Scrivens
4 Why Don’t You Just Drop In (i)
5 I Talk to the Wind (i)
6 Plastic Pennies
7 Passages of Time
8 Under the Sky (ii)
9 I Talk to the Wind (ii)
10 Erudite Eyes
11 Make it Today (ii)
12 Wonderland
13 Why Don’t You Just Drop In (ii)
14 She is Loaded

Disc 26
BBC Sessions and Trees

1 21st Century Schizoid Man
2 Epitaph
3 The Court of the Crimson King
4 I Talk to the Wind
5 Get Thy Bearings

Live at Fairfield Hall, Croydon

6 Trees

Alla prossima.

Bruno Conti

Musica Sempre Più “Virtuale” in Tempi Di Covid-19: Mancavano (Quasi) Soltanto Loro! Rolling Stones – Living In A Ghost Town

rolling stones living in a ghost town inner

In questo periodo di quarantena il mercato discografico è completamente stravolto, con uscite programmate per una certa data che vengono rinviate di diversi mesi (o anche al gennaio 2021, come nel caso del nuovo album di Steven Wilson), ed altre che vengono invece anticipate seppur, per ora, soltanto in formato digitale. L’ultima sorpresa in ordine di tempo è venuta dai Rolling Stones, che hanno pubblicato come un fulmine a ciel sereno (anche se erano presenti al “concerto” One World Together At Home) una nuova canzone intitolata Living In A Ghost Town. Si sapeva da tempo che Mick Jagger e soci stavano lavorando al loro primo album di inediti dai tempi di A Bigger Bang del 2005, ma un brano nuovo così di punto in bianco non se lo aspettava nessuno (è il loro primo pezzo originale dal 2012): Living In A Ghost Town è la classica canzone giusta al momento giusto, dato che parla espressamente del periodo sconvolgente che stiamo vivendo, con un video che alterna immagini della band al lavoro con altre che mostrano una Londra completamente deserta. Il brano è stato registrato tra la stessa Londra e Los Angeles, e le Pietre avevano cominciato a lavorarci sin dallo scorso anno, ma lo hanno completato solo in queste settimane (e voglio pensare che il testo sia recente, se no i nostri avrebbero aggiunto alle loro molteplici doti anche quella di saper predire il futuro con una precisione inquietante).

Dal punto di vista musicale a me la canzone piace molto (anche se so che Bruno non condivide al 100% il mio entusiasmo *NDB Ma non mi dispiace), in quanto fonde in maniera coinvolgente un mood sonoro tipico dei nostri ad un beat ritmato e moderatamente funky, sullo stile di album del passato dei nostri come Black And Blue, con Jagger in forma vocale splendida se pensiamo che a luglio saranno 77 primavere. Il singolo è disponibile su tutte le piattaforme digitali, ed è anche in pre-ordine come supporto fisico in vinile giallo e, in esclusiva sul sito della band, in vinile viola ed in CD (per spedizione a fine maggio per quanto riguarda il CD e fine giugno per i vinili).

Se l’album fosse tutto a questo livello ci metterei comunque la firma.

Marco Verdi

Cofanetti Autunno-Inverno 13. L’Album Che Chiudeva (Bene) La Loro Decade Più Importante. Jethro Tull – Stormwatch 40th Anniversary

jethro tull stormwatch box 6

Jethro Tull – Stormwatch 40th Anniversary – Parlophone/Warner 4CD/2DVD Box Set

Consueto appuntamento annuale con le ristampe celebrative degli album dei Jethro Tull a cura di Steven Wilson e con la fattiva collaborazione di Ian Anderson, una delle migliori serie in circolazione in termini di rapporto qualità/prezzo, con box sempre esaurienti e completi sia dal punto di vista musicale che a livello di informazioni scritte. Quest’anno è la volta di Stormwatch, disco del 1979 della band britannica ed ultimo di una ideale trilogia folk-rock iniziata nel 1977 con Songs From The Wood e proseguita nel 1978 con Heavy Horses. Stormwatch era un altro album ispirato e di ottimo livello da parte del gruppo di Blackpool, con tematiche che sarebbero attuali ancora oggi come l’inquinamento e la salvaguardia dell’ambiente, mentre musicalmente le canzoni erano quasi tutte di qualità superiore, in giusto equilibrio tra atmosfere folk e momenti più rockeggianti, ma sempre con melodie dirette e fruibili.

Il disco, oltre a chiudere più che degnamente la decade più importante della carriera dei Tull, era anche l’ultimo a presentare la line-up “classica” del gruppo in quanto, a parte Anderson e l’inseparabile chitarrista Martin Barre, sia i tastieristi David Palmer e John Evan che il batterista Barriemore Barlow lasceranno la band dopo il tour successivo alla pubblicazione dell’album, mentre il bassista John Glascock dovrà abbandonare le sessions (con Anderson stesso che si occuperà di suonare le parti di basso restanti) per un problema di insufficienza cardiaca che gli sarà purtroppo fatale nel Novembre dello stesso anno. Questa nuova ristampa, sotto intitolata Force 10 Edition, è una delle più ricche della serie, con ben quattro CD ed due DVD audio (che però ripetono gran parte del materiale incluso nei CD in differenti configurazioni sonore), con una buona quantità di brani inediti ed anche diverse rarità: ma vediamo i contenuti nel dettaglio.

CD1. L’album originale remixato da Wilson, che inizia con North Sea Oil, uno dei pezzi più immediati nonché primo singolo estratto, un folk-rock ritmato e vibrante tipico dei nostri, con i consueti ficcanti interventi di flauto ed un bell’intreccio tra chitarra acustica ed elettrica. Orion è una bellissima canzone che alterna parti mosse e rockeggianti a splendidi intermezzi acustici, con evidenti rimandi al capolavoro Aqualung, ed anche Home fa vedere che Anderson era in una fase ispirata, in quanto stiamo parlando di una toccante rock ballad con un apprezzabile e non invasivo arrangiamento orchestrale. Dark Ages è un altro notevole pezzo che alterna momenti bucolici a taglienti svisate chitarristiche per nove minuti decisamente creativi, nei quali Barre svolge un ruolo di primo piano; Warm Sporran è uno strumentale funkeggiante che ricorda più il Mike Oldfield di quel periodo che i Tull stessi, Something’s On The Move è puro rock, trascinante e con elementi quasi hard, mentre Old Ghosts è ancora folk-rock nel tipico stile della band, orecchiabile ma ricco di idee non banali. La breve e folkie Dun Ringill precede la lunga (quasi otto minuti) Flying Dutchman, che inizia come una ballata pianistica per tramutarsi prima in una deliziosa folk song e poi in un pezzo rock chitarristico e coinvolgente; chiude Elegy, bellissimo brano strumentale scritto da Palmer, puro folk pastorale orchestrato nuovamente con molto gusto.

CD2. Un dischetto di outtakes provenienti dalle stesse sessions, quindici brani di cui sette inediti assoluti ed altre rarità assortite (alcune delle quali pubblicate in antologie del passato come 20 Years Of Jethro Tull e la collezione di inediti Nightcap), come l’accattivante brano uscito solo su singolo A Stitch In Time ed il suo lato B, una potente versione dal vivo di Sweet Dream (un brano del 1969), o l’intrigante strumentale tra rock e musica medievale King Henry’s Madrigal, all’epoca uscito solo su un EP. Le outtakes dei Tull spesso non erano inferiori ai brani poi pubblicati ufficialmente, e tra gli episodi salienti segnalerei senz’altro una strepitosa prima versione di Dark Ages di dodici minuti, la take completa di Orion, altri nove minuti, l’ottima rock song Crossword che poteva benissimo finire su Stormwatch, la saltellante Kelpie, una sorta di giga rock molto piacevole, qualche strumentale di ottimo livello (A Single Man, Sweet Dream Fanfare e l’eccellente  The Lyricon Blues) e l’evocativa e folkie Broadford Bazaar.

CD 3-4. Un concerto intero, ovviamente inedito, registrato a Den Haag in Olanda il 16 Marzo 1980, con l’ex Fairport Convention (che all’epoca si erano sciolti) Dave Pegg come nuovo bassista. Uno show molto potente ed inciso benissimo, con Anderson e compagni in grande forma: si inizia con ben sette brani di Stormwatch suonati uno di fila all’altro (ma manca stranamente North Sea Oil), con ottime rese di Dark Ages, Orion e Home. Una splendida Aqualung di dieci minuti introduce la parte della serata in cui i nostri pescano dal repertorio precedente al 1979, e non mancano canzoni prese dagli altri due dischi della “trilogia folk”, cioè Jack-In-The-Green, Heavy Horses, una bellissima Hunting Girl e Songs From The Wood. Finale strepitoso con una raffica di classici sparati uno dopo l’altro: Thick As A Brick, Too Old To Rock’n’Roll, Too Young To Die, Cross-Eyed Mary, Minstrel In The Gallery e la consueta chiusura con la trascinante Locomotive Breath. Gli anni ottanta saranno problematici per i Jethro Tull così come per tanti altri gruppi e solisti della prima (o seconda) ora, a partire dal travagliato A del 1980, ma per ora godiamoci questa riedizione di Stormwatch, che come ho scritto prima è una delle più interessanti della serie.

Marco Verdi

Novità Prossime Venture 29. Gentle Giant – Unburied Treasure: Un Cofanetto Limitato “Gigantesco” Per Uno Dei Gruppi Più Sottovalutati Ma Di Culto Della Storia Del Rock, In Uscita Il 6 Dicembre

gentle giant unburied treasure frontGentle-Giant-box-photo-square-1500 box

Gentle Giant – Unburied Treasure – Box 29 CD + 1 Blu-ray Audio Alucard – 6-12-2019

Come lascia intuire l’etichetta che lo pubblica, che è quella personale del gruppo, il cofanetto pantagruelico (per rimanere all’interno della iconografia dei Gentle Giant) non sarà indubbiamente facile da reperire, considerando pure che si tratterà di una edizione “limitata” a 2.000 copie per tutto il mondo (che non sono poi così poche considerando che il manufatto dovrebbe avere, a seconda dei paesi, un prezzo molto indicativo tra i 300 e i 400 euro). In ogni caso per gli appassionati della band si tratta, per chi se la può permettere, di un’opera imperdibile: contiene i 12 album originali pubblicati tra il 1970 e il 1980 (compreso il live Playing The Fool), 15 CD di materiale dal vivo, di cui 7 mai pubblicati prima, 7 che hanno circolato solo a livello non ufficiale, e uno mai prima disponibile in CD, inoltre due album postumi, uno dal vivo del 1971 Winchester e uno di outtakes del 1977 intitolato Pinewood Rehearsal. Oltre al Blu-ray audio del primo disco omonimo, remixato da Steven Wilson in 96/24 Stereo LPCM, 96/24 5.1 surround LPCM e DTS-HD 5.1 surround, per ciò che riguarda i contenuti musicali. Poi, come vedete dall’immagine sopra, ci sono anche due libri, uno rilegato da 136 pagine che racconta la storia dei Gentle Giant, e ancora foto rare,un puzzle, pass di concerti e memorabilia varia, tra cui una foto autografata da Derek Shulman, Ray Shulman, Gary Green, Kerry Minnear e John Weathers, ovvero alcuni dei componenti originari del gruppo, escluso il batterista Weathers subentrato nel 1972. Dimenticavo il secondo libretto di 96 pagine che traccia la storia concertistica della band.

La grafica della copertina del cofanetto rielabora il disegno quella del primo album del 1970: i 15 concerti inediti sono questi riportati qui sotto.

• Essen 1972 *
• New Orleans 1972 (feat. three previously unreleased BBC recordings)
• Hollywood Bowl 1972 *
• Vicenza 1973 *
• Torino 1973
• Munster 1974 *
• St Gallen 1974 *
• Cleveland Agora 1975
• Basel 1975 *
• Dusseldorf 1976 Part 1 †
• Dusseldorf & Brussels 1976 Part 2 †
• Munich 1976 †
• Paris 1976 †
• Chester 1977
• Roxy 1980

* Audience recording remastered for the highest possible quality, che tradotto vuol dire che quelli con l’asterisco sono vecchi bootleg registrati tra il pubblico.

In ogni caso, per chi ha la pazienza di leggersi tutto, ecco la lista completa e dettagliata dei contenuti dei dischetti inclusi nel box.

CD 1 – Gentle Giant

1. Giant [06:22]
2. Funny Ways [04:27]
3. Alucard [06:01]
4. Isn’t It Quiet And Cold? [03:46]
5. Nothing At All [09:07]
6. Why Not? [05:31]
7. The Queen [01:40]

CD 2 – Acquiring The Taste

1. Pantagruel’s Nativity [06:49]
2. Edge Of Twilight [03:48]
3. The House, The Street, The Room [06:04]
4. Acquiring The Taste [01:36]
5. Wreck [04:37]
6. The Moon Is Down [04:45]
7. Black Cat [03:53]
8. Plain Truth [07:42]

CD 3 – Three Friends

1. Prologue [06:11]
2. Schooldays [07:33]
3. Working All Day [05:08]
4. Peel The Paint [07:27]
5. Mister Class And Quality? [05:51]
6. Three Friends [03:02]

CD 4 – Octopus

1. The Advent Of Panurge [04:40]
2. Raconteur, Troubadour [04:01]
3. A Cry For Everyone [04:01]
4. Knots [04:08]
5. The Boys In The Band [04:32]
6. Dog’s Life [03:10]
7. Think Of Me With Kindness [03:32]
8. River [05:52]

CD 5 – In A Glass House

1. The Runaway [07:24]
2. An Inmate’s Lullaby [04:30]
3. Way Of Life [07:53]
4. Experience [07:50]
5. A Reunion [02:11]
6. In A Glass House [08:08]

CD 6 – The Power And The Glory

1. Proclamation [06:47]
2. So Sincere[03:48]
3. Aspirations [04:38]
4. Playing The Game [06:43]
5. Cogs In Cogs [03:07]
6. No God’s A Man [04:28]
7. The Face [04:11]
8. Valedictory [03:17]

Bonus Track

9. The Power And The Glory – single [02:52]

CD 7 – Free Hand

1. Just The Same [05:34]
2. On Reflection [05:43]
3. Free Hand [06:15]
4. Time To Kill [06:06]
5. His Last Voyage [06:27]
6. Talybont [02:40]
7. Mobile [05:03]

CD 8 – Interview

1. Interview [06:51]
2. Give It Back [05:09]
3. Design [05:02]
4. Another Show[03:31]
5. Empty City (Interview) [04:39]
6. Timing [04:34]
7. I Lost My Head [06:59]

CD 9 – Playing The Fool – live

1. Just The Same/Proclamation [11:13]
2. On Reflection [06:21]
3. Excerpts From Octopus [15:36]
4. Funny Ways [08:28]
5. The Runaway/Experience [09:29]
6. So Sincere [10:19]
7. Free Hand [07:37]
8. Sweet Georgia Brown [01:18]
9. Peel The Paint/I Lost My Head [07:32]

CD 10 – The Missing Piece

1. Two Weeks In Spain [03:06]
2. I’m Turning Around [03:59]
3. Betcha Thought We Couldn’t Do It [02:21]
4. Who Do You Think You Are? [03:32]
5. Mountain Time [03:23]
6. As Old As You’re Young [04:21]
7. Memories Of Old Days [07:19]
8. Winning [04:14]
9. For Nobody [04:04]

CD 11 – Giant For A Day

1. Words From The Wise [04:12]
2. Thank You [04:47]
3. Giant For A Day [03:47]
4. Spookie Boogie [02:52]
5. Take Me [03:34]
6. Little Brown Bag [03:24]
7. Friends [01:58]
8. No Stranger [02:28]
9. It’s Only Goodbye [04:15]
10. Rock Climber [03:51]

CD 12 – Civilian

1. Convenience (Clean And Easy)[03:13]
2. All Through The Night [04:23]
3. Shadows On The Street [03:16]
4. Number One [04:44]
5. Underground [03:49]
6. I Am Camera [03:32]
7. Inside Out [05:52]
8. It’s Not Imagination [03:58]

Bonus Track

9. Heroes [04:47]

CD 13

1. Giant (Winchester 1971) [05:31]
2. Hometown Special (Winchester 1971) [05:24]
3. City Hermit (Winchester 1971) [05:56]
4. Funny Ways (Winchester 1971) [08:42]
5. Plain Truth (Winchester 1971) [10:46]
6. Alucard (Winchester 1971) [08:47]
7. Isn’t It Quiet And Cold? (Winchester 1971) [02:30]
8. Why Not? (Winchester 1971) [04:59]
9. The Queen (Winchester 1971) [02:58]
10. Peel Off The Paint (Winchester 1971) [08:51]

CD 14

1. Alucard (Essen 1972) [07:44]
2. Funny Ways (Essen 1972) [10:32]
3. Nothing At All (with Malcolm Mortimore drum solo) (Essen 1972) [12:55]
4. Plain Truth (Essen 1972) [09:21]
5. The Queen (Essen 1972) [02:10]

CD 15

1. Prologue (New Orleans 1972) [06:04]
2. Alucard (New Orleans 1972) [06:23]
3. Funny Ways (New Orleans 1972) [07:32]
4. Nothing At All (New Orleans 1972) [02:23]
5. Funny Ways (BBC Session 1972) [07:15]
6. Plain Truth (BBC Session 1972) [06:42]
7. The Advent Of Panurge (BBC Session 1972) [04:47]

CD 16

1. Prologue (Hollywood Bowl 1972) [08:16]
2. Alucard (Hollywood Bowl 1972) [08:00]
3. Funny Ways (Hollywood Bowl 1972) [08:24]
4. Nothing At All/Plain Truth (Hollywood Bowl 1972) [23:56]

CD 17

1. Prologue (Vicenza 1973) [06:12]
2. Alucard (Vicenza 1973) [08:05]
3. Funny Ways (Vicenza 1973) [09:42]
4. The Advent Of Panurge (Vicenza 1973) [07:08]
5. Nothing At All (Vicenza 1973) [13:49]
6. Plain Truth (Vicenza 1973) [14:21]

CD 18

1. The Runaway (Torino 1973) [05:42]
2. Way Of Life (Torino 1973) [07:10]
3. Funny Ways (Torino 1973) [08:50]
4. Excerpts From Octopus (Torino 1973) [12:46]
5. Nothing At All (Torino 1973) [15:27]
6. Plain Truth (Torino 1973) [07:16]

CD 19

1. The Runaway (Munster 1974) [10:04]
2. Prologue (Munster 1974) [06:13]
3. Funny Ways (Munster 1974) [09:22]
4. Excerpts From Octopus (Munster 1974) [13:14]
5. Nothing At All (Munster 1974) [15:53]
6. Plain Truth (Munster 1974) [13:53]
7. In A Glass House (Munster 1974) [09:26]

CD 20

1. Cogs In Cogs (St Gallen 1974) [04:20]
2. Proclamation (St Gallen 1974) [05:14]
3. Funny Ways (St Gallen 1974) [09:26]
4. The Runaway (St Gallen 1974) [03:41]
5. Experience (St Gallen 1974) [07:08]
6. Excerpts From Octopus (St Gallen 1974) [14:35]
7. Nothing At All (St Gallen 1974) [16:42]
8. Plain Truth (St Gallen 1974) [13:19]

CD 21

1. Cogs In Cogs (Cleveland 1975) [03:12]
2. Proclamation (Cleveland 1975) [05:02]
3. Funny Ways (Cleveland 1975) [08:48]
4. The Runaway (Cleveland 1975) [03:54]
5. Experience (Cleveland 1975) [05:59]
6. Excerpts From Octopus (Cleveland 1975) [13:27]
7. So Sincere (Cleveland 1975) [09:21]
8. Mister Class And Quality? (Cleveland 1975) [05:08]

CD 22

1. Cogs In Cogs (Basel 1975) [05:51]
2. Proclamation (Basel 1975) [05:03]
3. Funny Ways (Basel 1975) [08:29]
4. The Runaway (Basel 1975) [03:56]
5. Experience (Basel 1975) [03:52]
6. Excerpts From Octopus (Basel 1975) [15:36]
7. So Sincere (Basel 1975) [10:44]
8. Plain Truth (Basel 1975) [09:04]
9. Free Hand (Basel 1975) [08:38]
10. Just The Same (Basel 1975) [06:10]

CD 23

1. Just The Same/Proclamation (Dusseldorf 1976) [13:04]
2. On Reflection (Dusseldorf 1976) [06:10]
3. Interview (Dusseldorf 1976) [06:58]
4. The Runaway/Experience (Dusseldorf 1976) [10:41]
5. So Sincere (Dusseldorf 1976) [10:03]
6. Excerpts From Octopus (Dusseldorf 1976) [17:16]
7. Funny Ways – snippet (Dusseldorf 1976) [00:43]

CD 24

1. Timing/Violin Solo (Dusseldorf 1976) [10:45]
2. Free Hand (Dusseldorf 1976) [08:47]
3. Peel The Paint/I Lost My Head (Dusseldorf 1976) [07:24]
4. Timing/Violin Solo (Brussels 1976) [11:22]
5. Free Hand (Brussels 1976) [09:42]
6. Peel The Paint/I Lost My Head (Brussels 1976) [07:21]

CD 25

1. Just The Same/Proclamation (Munich 1976) [12:19]
2. On Reflection (Munich 1976) [06:18]
3. Interview (Munich 1976) [07:26]
4. Excerpts From Octopus (Munich 1976) [17:22]
5. Funny Ways (Munich 1976) [08:45]

CD 26

1. The Runaway/Experience (Paris 1976) [10:13]
2. So Sincere (Paris 1976) [10:49]
3. Excerpts From Octopus (Paris 1976) [18:02]
4. Funny Ways (Paris 1976) [08:34]
5. Timing/Violin Solo (Paris 1976) [11:21]
6. Free Hand (Paris 1976) [08:59]
7. Peel The Paint/I Lost My Head (Paris 1976) [07:23]

CD 27

1. The Runaway/Experience (Pinewood Rehearsal 1977) [09:52]
2. As Old As You’re Young (Pinewood Rehearsal 1977) [05:18]
3. On Reflection (Pinewood Rehearsal 1977) [06:35]
4. Just The Same/Playing The Game (Pinewood Rehearsal 1977) [10:00]
5. Memories Of Old Days (Pinewood Rehearsal 1977) [06:58]
6. Winning (Pinewood Rehearsal 1977) [07:47]
7. For Nobody – part (Pinewood Rehearsal 1977) [02:52]
8. Funny Ways (Pinewood Rehearsal 1977) [07:47]
9. The Face/Plain Truth (Pinewood Rehearsal 1977) [04:17]
10. So Sincere (Pinewood Rehearsal 1977) [09:17]
11. Free Hand (Pinewood Rehearsal 1977) [02:34]

CD 28

1. Two Weeks In Spain (Chester 1977) [03:00]
2. Free Hand (Chester 1977) [08:10]
3. On Reflection (Chester 1977) [05:59]
4. I’m Turning Around (Chester 1977) [04:07]
5. Just The Same/Playing The Game (Chester 1977) [09:51]
6. Memories Of Old Days (Chester 1977) [07:45]
7. Betcha Thought We Couldn’t Do It (Chester 1977) [04:20]
8. The Face (Chester 1977) [14:25]
9. For Nobody (Chester 1977) [04:28]
10. Excerpts From Octopus – part 1 (Chester 1977) [06:05]
11. Excerpts From Octopus – part 2 (Chester 1977) [09:56]

CD 29

1. Convenience (Clean And Easy) (The Roxy 1980) [03:21]
2. All Through The Night (The Roxy 1980) [04:12]
3. Free Hand (The Roxy 1980) [08:28]
4. Knots (The Roxy 1980) [02:41]
5. Playing The Game (The Roxy 1980) [06:05]
6. Memories Of Old Days (The Roxy 1980) [08:13]
7. Giant For A Day (The Roxy 1980) [05:19]
8. Inside Out (The Roxy 1980) [06:03]
9. It`s Not Imagination (The Roxy 1980) [03:52]
10. Underground (The Roxy 1980) [03:40]
11. 5 Man Drum Solo (The Roxy 1980) [06:47]
12. Band Member Introductions (The Roxy 1980) [02:09]
13. For Nobody (The Roxy 1980) [04:51]
14. The Advent Of Panurge (The Roxy 1980) [07:14]
15. Number One (The Roxy 1980) [06:29]

Blu-Ray

1. Giant (Gentle Giant) [06:22]
2. Funny Ways (Gentle Giant) [04:27]
3. Alucard (Gentle Giant) [06:01]
4. Isn’t It Quiet And Cold? (Gentle Giant) [03:46]
5. Nothing At All (Gentle Giant) [09:07]
6. Why Not? (Gentle Giant) [05:31]
7. The Queen (Gentle Giant) [01:40]

Per il sottoscritto i primi quattro album dei Gentle Giant sono dei capolavori assoluti del prog rock britannico, i dischi dal quinto all’ottavo più il Live sono dei dischi comunque ottimi e gli ultimi tre non sono comunque disprezzabili e ci permettono di ascoltare una delle formazioni più formidabili a livello tecnico, sia strumentale che vocale, della storia del rock tout court, in grado di intrecci sonori veramente superbi. Li ho visti dal vivo e vi posso assicurare che erano fenomenali, e negli anni ’70 erano molto popolari in Italia, se la battevano come fama con Genesis e Van Der Graaf Generator, come testimonia uno dei CD dal vivo, registrato a Torino. All’interno del post trovate alcuni video per confermare questa affermazione: veramente un tesoro dissepolto!

Esce come detto il 6 dicembre.

Bruno Conti

Siamo Arrivati A Quel Periodo Dell’Anno! Il Meglio Del 2018 In Musica Secondo Disco Club, Parte II

filosofia-homer-simpson-maxw-654

Altro pensatore all’opera, vediamo cosa ci dice Tino Montanari, che ha pensato a lungo e intensamente a giudicare dalla sua corposa lista.

Poll 2018

Disco Dell’Anno

steven wlson home invasion

Steven Wilson Home Invasion: Live At The Royal Albert Hall

Canzone Dell’Anno

Pariah Steven Wilson & Ninet Tayeb

Canzone Natalizia

Christmas DayGoats Don’t Shave

Cofanetto Dell’Anno

Tom Petty An American Treasure

Ristampa Dell’Anno

mott the hoople mental train box front

Mott The Hoople The Island Years 1969-1971

Tributo Dell’Anno

when the wind blows the songs of townes van zandt

Various Artists When The Wind Blows: The Songs Of Townes Van Zandt

https://discoclub.myblog.it/2018/05/05/un-bellissimo-tributomade-in-italy-when-the-wind-blows-the-songs-of-townes-van-zandt/

Disco Rock

record company all of this life

The Record Company All Of This Life

Disco Rock Blues

teskey brothers half mile harvest

Teskey Brothers Half Mile Harvest

https://discoclub.myblog.it/2018/12/05/vero-rock-blues-soul-di-squisita-fattura-in-arrivo-dallaltro-emisfero-teskey-brothers-half-mile-harvest/

Disco Rhythm & Blues

nathaniel rateliff tearing at the seams

Nathaniel Rateliff & Night Sweats Tearing At The Seams

Disco Folk

fairport convention what we did on our saturday

Fairport Convention What We Did On Our Saturday

https://discoclub.myblog.it/2018/07/15/i-migliori-dischi-dellanno-2-fairport-convention-what-we-did-on-our-saturday/

Disco Country

paul cauthen have mercy ep

Paul Cauthen Have Mercy EP

https://discoclub.myblog.it/2018/09/14/ancora-meglio-dellesordio-peccato-solo-per-la-scarsa-durata-paul-cauthen-have-mercy-ep/

Disco Roots

lowlands the collection

LowlandsThe Collection Studio, Cuts, Bits & Pieces 2008-2018

Disco Bluegrass

Rhonda Vincent & The Rage Live At The Ryman

rhonda vincert live at the ryman

Disco Soul

charles bradley black velvet

Charles Bradley Black Velvet

Disco Blues

bob malone mojo live

Bob Malone Live At The Grand Annex

https://discoclub.myblog.it/2018/09/06/ora-disponibile-anche-in-versione-dal-vivo-sempre-un-signor-musicista-bob-malone-mojo-live-live-at-the-grand-annex/

Disco Jazz

van morrison joey defrancesco

Van Morrison & Joey Defrancesco You’re Driving Me Crazy

Disco World Music

angelique kidjo remain in light

Angèlique Kidjo Remain In Light

Disco Gospel

sherman holmes project richmond project

Sherman Holmes Project The Richmond Sessions

https://discoclub.myblog.it/2018/05/06/sherman-holmes-una-vita-per-il-gospel-e-il-soul-the-sherman-holmes-project-the-richmond-project/

Disco Oldies

charlie rich too many teardrops

Charlie Rich Too Many Teardrops

Disco Live

Beth Hart Live At The Royal Albert Hall

Artista Italiano

graziano romani a ruota libera

Graziano Romani A Ruota Libera

Colonna Sonora

american folk joe purdy amber rubarth

Joe Purdy & Amber Rubarth American Folk

Dvd Musicale

beth hart live at the royal albert hall dvd

Beth Hart Live At The Royal Albert Hall

https://discoclub.myblog.it/2018/11/24/che-voce-e-che-concerto-spettacolare-uno-dei-migliori-del-2018-beth-hart-live-at-the-royal-albert-hall/

ALTRI

 ed romanoff the orphan king

Ed Romanoff The Orphan King

https://discoclub.myblog.it/2018/03/10/il-secondo-capitolo-di-un-narratore-affascinante-ed-romanoff-the-orphan-king/

Malcom Holcombe Come Hell Or High Water

malcolm holcombe come hell or high water

Paul Kelly Nature

paul kelly nature

Danny Click & The Americana Orchestra Live At 142 Throckmorton

danny click live at 142

Van Morrison The Prophet Speaks

John Mellencamp Plain Spoken: From Chicago Theatre

Jimmy LaFave Peace Town

Gregory Alan Isakov Evening Machines

Bryan Ferry – Bitter Sweet

grant-lee phillips widdershins

Grant Lee Phillips Widdershins

https://discoclub.myblog.it/2018/02/28/una-splendida-seconda-carriera-contromano-grant-lee-phillips-widdershins/

 

mary black sings jimmy maccarthy 1

Mary Black Sings Jimmy MacCarthy

mary chapin carpenter sometimes just the sky

Mary Chapin Carpenter Sometimes Just The Sky

https://discoclub.myblog.it/2018/05/11/non-ci-eravamo-dimenticati-rileggendo-vecchie-pagine-damore-mary-chapin-carpenter-sometimes-just-the-sky/

Mary Gauthier Rifles & Rosary Beads

Marianne Faithfull Negative Capability

Paula Frazer & Tarnation What Is And Was

Kate Campbell Damn Sure Blue

bettye lavette things have changed

Bettye Lavette Things Have Changed

https://discoclub.myblog.it/2018/04/07/la-regina-nera-rilegge-il-canzoniere-di-bob-dylan-bettye-lavette-things-have-changed/

Thalia Zedek Fighthing Season

Michelle Malone Slings & Arrows

dana fuchs loves live on

Dana Fuchs Loves Lives On

 

 

Lucero Among The Ghosts

black sorrows citizen john

Black Sorrows Citizen John

the men they couldn't hang cock-a-hoop

The Men They Couldn’t Hang Cock-A- Hoop

Great Crusades Until The Night Turned To Day

needtobreath acoustic live

Needtobreathe Acoustic Live Vol. 1

Cowboy Junkies All That Reckoning

Levellers We The Collective

Trampled By Turtles Life Is Good On The Open Road

Willard Grant Conspiracy Untethered

old crow medicine show volunteer

Old Crow Medicine Show Volunteer

https://discoclub.myblog.it/2018/05/14/straordinaricome-sempre-old-crow-medicine-show-volunteer/

Tino Montanari

Prossime Uscite Autunnali 7. Jethro Tull – This Was. Andando A Ritroso Il 9 Novembre Arriva Anche Il Box Del 50° Anniversario Per Il Primo Album.

jethro tull this wa

Jethro Tull – This Was – 3 DVD/1CD Box Set Rhino – 09-11-2018

Proseguendo nella ondivaga ristampa del vecchio catalogo dei Jethro Tull, che ultimamente si stava occupando del catalogo anni ’70 della band di Ian Anderson, con Heavy Horses l’ultimo a ricevere il trattamento Deluxe (e Stormwatch che era indicato come il prossimo) improvvisamente subisce una improvvisa sferzata verso il passato e il nuovo cofanetto indicato per l’uscita è This Was, il primo disco della band inglese, pubblicato in origine nel 1968, e che quindi si inserisce nel florilegio di ripubblicazioni di album che arrivano al 50° Anniversario (e altri ne sono annunciati). Si tratta dell’unico album dove alla chitarra appare Mick Abrahams (poi con i Blodwyn Pig), forse il disco più blues del gruppo, che all’epoca vedeva in formazione anche Glenn Cornick al basso e Clive Bunker alla batteria.

Già nel 2008 per i 40 anni del disco era uscita una versione ampliata del disco, con un disco di materiale extra aggiunto, ma, come per gli altri dischi curati da Steven Wilson, oltre al suono curatissimo per la gioia degli audiofili la confezione viene ulteriormente arricchita, diventando un box da 4 dischi, anche se poi, a guardare attentamente, non è che i pezzi inediti siano moltissimi: versioni mono, versioni stereo, comprese quelle del 2008, qualche singolo dell’epoca e nove BBC Sessions. Comunque ecco la lista esatta dei contenuti, replicati anche in parte nel DVD audio in Dolby Surround e stereo mix 96/24.

CD1]
1. My Sunday Feeling (Steven Wilson Stereo Remix)
2. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Steven Wilson Stereo Remix)
3. Beggar’s Farm (Steven Wilson Stereo Remix)
4. Move On Alone (Steven Wilson Stereo Remix)
5. Serenade To A Cuckoo (Steven Wilson Stereo Remix)
6. Dharma For One (Steven Wilson Stereo Remix)
7. It’s Breaking Me Up (Steven Wilson Stereo Remix)
8. Cat’s Squirrel (Steven Wilson Stereo Remix)
9. A Song For Jeffrey (Steven Wilson Stereo Remix)
10. Round (Steven Wilson Stereo Remix)
11. Love Story (Steven Wilson Stereo Remix)
12. A Christmas Song (Steven Wilson Stereo Remix)
13. Serenade To A Cuckoo (Take 1) [Steven Wilson Stereo Remix]
14. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Faster Version) [Steven Wilson Stereo Remix]
15. Move On Alone (Flute Version) [Steven Wilson Stereo Remix]
16. Ultimate Confusion (Steven Wilson Stereo Remix)

[CD2]
1. So Much Trouble (BBC Sessions)
2. My Sunday Feeling (BBC Sessions)
3. Serenade To A Cuckoo (BBC Sessions)
4. Cat’s Squirrel (BBC Sessions)
5. A Song For Jeffrey (BBC Sessions)
6. Love Story (BBC Sessions)
7. Stormy Monday (BBC Sessions)
8. Beggar’s Farm (BBC Sessions)
9. Dharma For One (BBC Sessions)
10. A Song For Jeffrey (Original Mono Mix)
11. One For John Gee (Original Mono Mix)
12. Someday The Sun Won’t Shine For You (Faster Version) [Original Mono Mix]
13. Love Story (Original Mono Mix)
14. A Christmas Song (Original Mono Mix)
15. Sunshine Day
16. Aeroplane
17. Blues For The 18th
18. Love Story (1969 US Promo Single Stereo Mix for FM Radio Airplay)
19. US FM Radio Spot #1
20. US FM Radio Spot #2

[CD3]
1. My Sunday Feeling (Original Stereo Mix)
2. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Original Stereo Mix)
3. Beggar’s Farm (Original Stereo Mix)
4. Move On Alone (Original Stereo Mix)
5. Serenade To A Cuckoo (Original Stereo Mix)
6. Dharma For One (Original Stereo Mix)
7. It’s Breaking Me Up (Original Stereo Mix)
8. Cat’s Squirrel (Original Stereo Mix)
9. A Song For Jeffrey (Original Mono Mix)
10. Round (Original Stereo Mix)
11. My Sunday Feeling (2008 Remastered Version – Mono)
12. Some Day The Sun Won’t Shine For You (2008 Remastered Version – Mono)
13. Beggar’s Farm (2008 Remastered Version – Mono)
14. Move On Alone (2008 Remastered Version – Mono)
15. Serenade To A Cuckoo (2008 Remastered Version – Mono)
16. Dharma For One (2008 Remastered Version – Mono)
17. It’s Breaking Me Up (2008 Remastered Version – Mono)
18. Cat’s Squirrel (2008 Remastered Version – Mono)
19. A Song For Jeffrey (2008 Remastered Version – Mono)
20. Round (2008 Remastered Version – Mono)

[DVD]
1. My Sunday Feeling (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
2. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
3. Beggar’s Farm (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
4. Move On Alone (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
5. Serenade To A Cuckoo (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
6. Dharma For One (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
7. It’s Breaking Me Up (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
8. Cat’s Squirrel (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
9. A Song For Jeffrey (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
10. Round (Steven Wilson 4.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
11. Love Story (Steven Wilson 5.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
12. A Christmas Song (Steven Wilson 5.1 Surround Sound Mix in DTS and Dolby Digital)
13. My Sunday Feeling (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
14. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
15. Beggar’s Farm (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
16. Move On Alone (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
17. Serenade To A Cuckoo (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
18. Dharma For One (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
19. It’s Breaking Me Up (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
20. Cat’s Squirrel (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
21. A Song For Jeffrey (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
22. Round (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
23. Love Story (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
24. A Christmas Song (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
25. Serenade To A Cuckoo (Take 1) [Steven Wilson Stereo Remix 96/24]
26. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Faster Version) [Steven Wilson Stereo Remix 96/24]
27. Move On Alone (Flute Version) [Steven Wilson Stereo Remix 96/24]
28. Ultimate Confusion (Steven Wilson Stereo Remix 96/24)
29. My Sunday Feeling (Original 1969 US stereo mix 96/24)
30. Some Day The Sun Won’t Shine For You (Original 1969 US stereo mix 96/24)
31. Beggar’s Farm (Original 1969 US stereo mix 96/24)
32. Move On Alone (Original 1969 US stereo mix 96/24)
33. Serenade To A Cuckoo (Original 1969 US stereo mix 96/24)
34. Dharma For One (Original 1969 US stereo mix 96/24)
35. It’s Breaking Me Up (Original 1969 US stereo mix 96/24)
36. Cat’s Squirrel (Original 1969 US stereo mix 96/24)
37. A Song For Jeffrey (Original 1969 US stereo mix 96/24)

Comunque se non lo avete, un gran bel disco.

Alla prossima.

Bruno Conti

Più Che Un Cofanetto E’ Un Assemblaggio, Ma La Musica Rimane Eccellente! Chicago – Chicago II Collector’s Edition

chicago II collector's edition

Chicago – Chicago II Collector’s Edition – Rhino/Warner 2CD/2LP/DVD Box Set

A pochi mesi dal bellissimo cofanetto VI Decades Live https://discoclub.myblog.it/2018/05/31/almeno-per-i-primi-dieci-anni-una-grandissima-band-chicago-vi-decades-live-this-is-what-we-do/ , ecco un nuovo box dedicato ai Chicago, storica band dalla lunghissima discografia ed ancora in piena attività. L’occasione è di quella di celebrare il loro disco più famoso ed anche più bello, Chicago II (in realtà il titolo corretto sarebbe semplicemente Chicago, dato che il primo si chiamava Chicago Transit Authority, ma lo sanno in pochi), anche se non si capisce bene quale sia la ricorrenza dato che al cinquantesimo anniversario mancano due anni. Ma la vera “magagna” di questo box sta nel fatto che si tratta di un assemblaggio di materiale già disponibile separatamente: infatti al suo interno è contenuto il disco originale su singolo CD (senza bonus tracks) nella versione remixata e rimasterizzata da Steven Wilson ed uscita nel 2016, la versione dal vivo al programma Soundstage registrata lo scorso anno dalla formazione attuale e pubblicata su CD e DVD (messa in commercio appena pochi mesi fa), ed il doppio vinile sempre della versione del 1970, qui per la prima volta con il trattamento di Wilson (ah beh, allora…).

chicago chicago IIchicago II live on soundstage

Quindi niente inediti, neppure si sono premurati di includere da qualche parte il mix originale, ed in più non ci sono libri o libretti, solo un poster peraltro non indispensabile: come se non bastasse, i CD sono stati messi dentro usando la stessa confezione della pubblicazione originale, con il risultato che ci troviamo con uno in stile “vinyl replica” (l’album originale) ed uno con un comune “jewel box” (il live). Ma la cosa imperdonabile è che il tutto costa sui 70 euro (anche di più), mentre se vi comprate i due dischetti separatamente (lasciamo stare il doppio LP) spendete meno della metà! Quindi un prodotto da consigliare per i collezionisti di manufatti che ancora non possiedono nessuno degli album all’interno del box, ma perfettamente inutile per chi avesse anche solo il disco in studio o il live (con una modica spesa ci si accaparra il pezzo mancante). Meno male che la musica presente in questo cofanetto è davvero bella: Chicago II è infatti il punto più alto della discografia di un gruppo che da troppi anni va avanti per inerzia, ma che fino alla metà degli anni settanta proponeva qualcosa di veramente originale.

Loro stessi si erano autodefiniti una “rock’n’roll band con fiati”, ma il termine è perfino riduttivo, in quanto nei loro album di inizio carriera (ed i primi tre erano tutti doppi, un record per un gruppo rock) potevamo trovare una miscela stimolante e creativa di rock, funky, pop, blues, errebi, jazz ed anche progressive, un genere molto diverso da quello soft rock intrapreso in seguito. La formazione storica, presente anche in Chicago II, era composta da Robert Lamm, voce e tastiere, Terry Kath, voce e chitarra, Peter Cetera, voce e basso, Daniel Seraphine, batteria, più la sezione fiati formata da James Pankow (autore principale nei primi anni insieme a Lamm e Kath), Lee Loughnane e Walter Parazaider.Chicago II inizia in maniera splendida con la calda soul ballad Movin’ In (che a metà si tramuta in un delizioso pezzo jazz, per poi riprendere il tema principale) e prosegue con il pop di classe di The Road e con la creativa Poem For The People, piena di cambi ritmici e melodici, con fiati ed organo sugli scudi. La lunga In The Country è una scintillante rock ballad dai sapori sudisti, piena di idee e con un motivo centrale di grande impatto, mentre la breve Wake Up Sunshine è puro pop, delizioso e solare, che ancora non presenta le derive zuccherose degli anni a venire.

Ma i pezzi centrali del disco sono senza dubbio le due suite Ballet For A Girl In Buchannon e It Better End Soon (sette e quattro movimenti rispettivamente), due pretesti per lasciarsi andare a splendide evoluzioni strumentali, davvero grandissima musica, con i fiati che gareggiano in bravura con la chitarra di Kath e l’organo di Lamm, ed una serie di melodie e canzoni una meglio dell’altra, anche se talvolta appena abbozzate (Make Me Smile e Colour My World nella prima suite o lo strepitoso 1st Movement nella seconda). L’altro classico dell’album è 25 Or 6 To 4, il brano più rock tra quelli presenti, uno straordinario tour de force (Kath qui è formidabile) che dal vivo assumerà minutaggi “importanti”. Da segnalare anche Fancy Colours, altra squisita pop song contraddistinta da magistrali armonie vocali, e la conclusiva Where Do We Go From Here, deliziosa ballata pianistica che è anche l’unica scritta da Cetera.

Il CD (e DVD) Chicago II Live On Soundstage, ripropone come abbiamo detto l’album originale brano per brano con la formazione attuale (nella quale gli unici membri storici rimasti sono Lamm, Pankow e Loughnane) con l’unica assenza dei brani Prelude, A.M. Mourning e P.M. Mourning, che avrebbero necessitato di un’orchestra. L’ordine dei pezzi è stato leggermente cambiato per poter suonare 25 Or 6 To 4 come bis (ottima versione tra l’altro, molto potente), ed il risultato finale è decisamente godibile: non azzeccheranno un disco decente da una vita, ma quando si tratta di suonare il loro repertorio migliore sanno ancora dire la loro (lo si capisce già dal primo pezzo, Movin’ In, rifatto in maniera splendida). Che Chicago II fosse un grandissimo album non lo scopriamo certo oggi, ma l’operazione discografica (tra l’altro da parte della Rhino, di solito esente da questo genere di iniziative) rimane abbastanza inqualificabile.

Marco Verdi

Il Gabbiano Jonathan Vola Sempre Alto! Jonathan Wilson – Rare Birds

jonathan wilson rare birds

Jonathan Wilson – Rare Birds – Bella Union Records

La prima volta che vidi sul palco Jonathan Wilson non sapevo neppure chi fosse. Mi trovavo con alcuni amici a San Sebastian per assistere ad un concerto di Jackson Browne , che, per l’occasione, doveva suonare insieme alla giovane band californiana dei Dawes, talentuosi esordienti il cui secondo disco, Nothing Is Wrong, era stato prodotto proprio da Jonathan Wilson. Il calendario datava 24 luglio ma sembrava ottobre inoltrato, la magnifica spiaggia su cui torreggiava il grande palco del festival Jazzaldia era zuppa per la pioggia che era caduta quasi incessantemente tutto il giorno, accompagnata dal vento freddo proveniente dall’oceano. A riscaldarci furono prima gli stessi Dawes, con un’esibizione sanguigna e coinvolgente, poi, a mezzanotte e mezza passata (ma per gli spagnoli è ancora presto…), il buon Jackson con i suoi classici immortali, supportato egregiamente dal gruppo dei fratelli Goldsmith e dal loro produttore. Alto e magro, capello lungo e barba incolta, Wilson sembrava una di quelle tipiche icone californiane degli anni settanta. Mostrò subito la stoffa del leader, come ottimo chitarrista e corista, e Browne gli cedette la scena per fargli eseguire Gentle Spirit, la lunga e affascinante ballad che dà il titolo all’ album che sarebbe stato pubblicato di lì a poco https://discoclub.myblog.it/2011/08/08/un-jonathan-tira-l-altro-da-laurel-canyon-e-dintorni-jonatha/ .

Esattamente due anni dopo la scena si è ripetuta al Carroponte, spazio concertistico alle porte di Milano, con la sostanziale differenza che stavolta Jonathan era l’unico protagonista della serata con la sua band. Io, gli amici e ciascuno dei presenti ci siamo goduti un’esibizione esaltante di rock imbevuto di psichedelia e divagazioni folk di chiara matrice californiana. I brani, spesso dilatati da pregevoli parti strumentali in cui giganteggiava la chitarra del leader, ben coadiuvato dai suoi compagni, davano l’idea di un musicista maturo, abile riesumatore di suoni del passato assemblati con gusto ed intelligenza. Questa impressione fu pienamente confermata dall’uscita del successivo album Fanfare, nell’ottobre del 2013, che fece incetta di critiche positive un po’ ovunque, generando al contempo un equivoco che perdura ancora oggi, ovvero il considerare Jonathan Wilson come una sorta di erede del suono californiano degli anni d’oro di quella comunità di musicisti che si era formata nei dintorni di Los Angeles nell’area di Laurel Canyon (dove tuttora Jonathan possiede uno studio di registrazione, rinomato per le sue preziose apparecchiature analogiche). La varietà delle fonti d’ispirazione da cui Wilson attinge è molto più ampia e complessa, riguarda tanto il contesto americano quanto quello britannico, come testimonia la sua produzione e collaborazione con una colonna del folk rock inglese come Roy Harper, oppure la recente partecipazione all’ultimo album di Roger Waters e al successivo tour che è appena andato in scena nei palasport italiani, dove Jonathan si esibisce come seconda chitarra, cantando le parti che erano di David Gilmour.

Rare Birds , il nuovo album pubblicato all’inizio di marzo, lo evidenzia ancora di più, nelle tredici lunghe tracce che il suo autore ha definito cosmiche, originate da uno stato d’animo spesso non positivo, il tentativo di superare una situazione di abbandono e di solitudine. Wilson mescola sapientemente sonorità vintage usando l’elettronica accanto a strumenti tradizionali, creando un connubio quasi sempre riuscito e piacevole. L’iniziale Trafalgar Square si apre come una citazione della pinkfloydiana Breathe, con le voci registrate e la languida steel guitar sullo sfondo, poi una sventagliata di mandola apre la strada ad un’elettrica dal suono sporco e la canzone prende corpo in modo efficace. Ancora meglio Me, che parte sonnacchiosa e si sviluppa in modo avvolgente fino all’esplosione finale che vede protagonista una chitarra distorta e urticante. Over The Midnight, coi suoi furbi campionamenti stile anni ottanta, ha una struttura melodica che inevitabilmente conquista e invita a premere sull’acceleratore durante le guide notturne. There’s A Light ci rituffa in California, con una bella lap steel a condurre le danze e una melodia ancora accattivante, con le belle armonie vocali delle Lucius. Il pianoforte domina la nostalgica Sunset Blvd, fino alla conclusiva stratificazione di suoni che rimanda a certe composizioni del suo quasi omonimo, l’inglese Steven Wilson. La title track offre acide sventagliate di chitarra che è facile accostare al maestro Neil Young, nulla di nuovo, ma certamente gradevole. 49 Hairflips scava ancora nel melodramma di un amore finito, il piano si fonde in un magma di tastiere dall’effetto evocativo e malinconico.

In Miriam Montague convivono i Kinks e l’Electric Light Orchestra in una specie di mini suite non particolarmente esaltante. Meglio il mantra ipnotico Loving You che, grazie ai vocalizzi del guru della new age Laraaji ci conduce in territori insoliti ed evocativi. Ancora atmosfere notturne dominano la successiva Living With Myself che gioca sul contrasto tra le strofe crepuscolari ed un ritornello solare. Il synth sullo sfondo sembra rubato a quello che Roy Bittan suonava in Downbound Train o in I’m On Fire  Boss, e che dire allora della rullata di batteria campionata su cui si basa tutta la ritmica della successiva Hard To Get Over? Andate a riascoltare l’intro di Don’t Come Around Here No More di Tom Petty (e Dave Stewart) e non potrete ignorarne la somiglianza. Dall’episodio meno riuscito del disco ad uno dei più positivi, il country scanzonato e un po’ ruffiano di Hi Ho To Righteous, in cui convivono lap steel e disturbi rumoristici quasi a voler parodiare inni del passato come Teach Your Children. Notevole anche qui il finale in crescendo che ci conduce alla rarefatta e conclusiva Mulholland Queen, una intensa e disperata confessione che si sviluppa sulle note del piano e dell’orchestra in sottofondo. Fra echi e rimandi non si può dire che Rare Birds sia un disco innovativo e neppure un capolavoro (e certo non merita le critiche negative che qualcuno, pochi, a torto gli hanno appioppato), eppure ascoltarlo fa lo stesso effetto che guidare su una strada panoramica: ad ogni curva ti puoi imbattere in uno scorcio bello ed emozionante.

Marco Frosi

Uscite Prossime Venture 1. Roxy Music – Roxy Music Ristampa Deluxe 1° Album

roxy music roxy music super deluxe

Roxy Music – Roxy Music – Super Deluxe 3 CD + DVD – 2 CD – LP – Virgin/Universal 02-02-2017

Con il nuovo anno inoltrato riprende la rubrica dedicata alle prossime uscite più interessanti, soprattutto ristampe. Già ieri avete letto della doppia antologia Live  fondamentalmente inutile dedicata ai Grateful Dead, in uscita verso fine marzo. Molto prima, al 2 febbraio è annunciata la ristampa potenziata del 1° album omonimo dei Roxy Music, pubblicato in origine nel giugno 1972, a cui fece seguito, in agosto, il singolo Virginia Plain, il primo estratto dall’album. I Roxy Music furono, soprattutto nella prima fase, una band in bilico tra glam-rock, art-rock e progressive, con una formazione dove brillavano varie stelle: Bryan Ferry, il cantante, pianista, e unico autore delle canzoni, Brian (Peter George St John le Baptiste de la Salle) Eno, impegnato ad uno dei primi modelli di sintetizzatore VCS3 e tape effects, Phil Manzanera alla chitarra, Andy Mackay, a sax e oboe, Paul Thompson alla batteria e Graham Simpson al basso. Il produttore del disco fu Pete Sinfield, il paroliere dei King Crimson, visto che Eno era ancora lungi dal trasformarsi in quel grande alchimista di suoni che sarebbe diventato in futuro: album che al sottoscritto è sempre piaciuto parecchio (come i tre successivi) e che risentito anche oggi fa la sua bella figura e non risente del passare del tempo.

Per realizzare questa ristampa Bryan Ferry e il produttore Rhett Davies si dice siano in azione da quasi sette anni. Per l’album originale si è utilizzata la masterizzazione di Bob Ludwig del 1999. Mentre per il materiale extra i nuovi master sono stati creati dall’ingegnere del suono Frank Arkwright agli studi Abbey Road. In più il grande fan della band Steven Wilson ha preparato la versione DTS Dolby Surround inserita nella parte Audio del DVD. E non è tutto, la confezione, formato LP,  include anche un libro di 136 pagine curato dallo stesso Ferry e stampato su carta speciale. Ovviamente per il prezzo si parla, molto indicativamente, di una cifra tra i 130 e i 150 euro.

Però c’è veramente molto materiale extra, eccolo:

Tracklist
[CD1: The Album]
1. Re-Make/Re-Model
2. Ladytron
3. If There Is Something
4. Virginia Plain
5. 2 H.B.
6. The Bob (Medley)
7. Chance Meeting
8. Would You Believe?
9. Sea Breezes
10. Bitters End

[CD2: Demos & Out-Takes]
Early Demos April/May ’71:
1. Ladytron
2. 2 H.B.
3. Chance Meeting
4. The Bob (Medley)
Album Out-Takes:
5. Instrumental
6. Re-Make/Re-Model
7. Ladytron
8. If There Is Something
9. 2 H.B.
10. The Bob (Medley)
11. Chance Meeting
12. Sea Breezes
13. Bitters End
14. Virginia Plain

[CD3: The BBC Sessions]
1. If There Is Something – John Peel Radio Session, London 1972
2. The Bob (Medley) – John Peel Radio Session, London 1972
3. Would You Believe? – John Peel Radio Session, London 1972
4. Sea Breezes – John Peel Radio Session, London 1972
5. Re-Make/Re-Model – John Peel Radio Session, London 1972
6. 2 H.B. – John Peel Radio Session, London 1972
7. Ladytron – John Peel Radio Session, London 1972
8. Chance Meeting – John Peel Radio Session, London 1972
9. Virginia Plain – John Peel Radio Session, London 1972
10. The Bob (Medley) – Live / BBC “In Concert”, Paris Theatre, London 1972
11. Sea Breezes – Live / BBC “In Concert”, Paris Theatre, London 1972
12. Virginia Plain – Live / BBC “In Concert”, Paris Theatre, London 1972
13. Chance Meeting – Live / BBC “In Concert”, Paris Theatre, London 1972
14. Re-Make/Re-Model – Live / BBC “In Concert”, Paris Theatre, London 1972

[DVD]
Audio:
– The full album remixed in 5.1 by Steven Wilson
Video:
1. Re-Make/Re-Model – The Royal College Of Art, 6/6/72
2. Ladytron – The Old Grey Whistle Test, 20/6/72
3. Virginia Plain – Top Of The Pops, 24/8/72
4. Re-Make/Re-Model – Full House, 25/11/72
5. Ladytron – Full House, 25/11/72
6. Would You Believe – French TV, Bataclan, Paris, 26/11/72
7. If There Is Something – French TV, Bataclan, Paris, 26/11/72
8. Sea Breezes – French TV, Bataclan, Paris, 26/11/72
9. Virginia Plain – French TV, Bataclan, Paris, 26/11/72

L’edizione doppia comprende il 1° e il 3° CD del Box, mentre il vinile singolo riporta solo l’album originale.

Esce il prossimo 2 febbraio.

Alla prossima.

Bruno Conti

Cofanetti Per L’Autunno 3. Ecco Il Consueto Box Natalizio Mastodontico Per I King Crimson – Sailors’ Tales (1970-1972)

king crimson - sailors tales box

King Crimson – Sailors’ Tales (1970-1972) – 21 CD – 2 DVD – 4 Blu-Ray Audio- DGM – 03-11-2017

Ormai è diventato quasi un classico, quando arriva l’autunno e ci si avvicina al Natale i King Crimson ci propongono qualche bel cofanetto di materiale di archivio, perlopiù inedito, ma anche con gli album originali inseriti nelle confezioni. Dopo il cofanetto del 2009 dedicato al solo In The Court Of The Crimson King (“appena” 5 CD e 1 DVD), l’album del 1969, nel 2014 era uscito Starless un megabox da 27 dischetti ( + 1 CD bonus), con materiale dal vivo registrato tra il 1973 e il 1974, più l’album Starless And Bible Black. Ma prima, nel 2014, ne era uscito uno da 15 dedicato a Larks’ Tongues In Aspic e nel 2013 The Road To Red, con 24 tra CD; DVD e Blu-Ray. E infine nel 2016 On (And Off) The Road, altro cofanetto contenente 19 dischi con materiale dal vivo inciso tra il 1981 e il 1984, più gli album Discipline, Beat eThree of a Perfect Pair. Quindi da esaminare rimaneva il periodo 1970-1972, uno dei migliori della band a mio modesto parere, quello di In The Wake Of Poseidon, Lizard Islands.

Tutti e tre gli album sono naturalmente contenuti nel cofanetto, nei primi 3 dischetti, in nuovi mix stereo di Steven Wilson Robert Fripp, con aggiunte una serie di bonus tracks che però non sono ancora state comunicate. Poi ci sono 6 CD di concerti registrati nel 1971 dalla formazione di Islands, alcuni in Germania altri nel Regno Unito. 9 CD con materiale registrato nel corso del tour del 1972, compresa una nuova edizione dell’album Earthbound, che uscirà anche a parte come doppio CD. E ancora, altri 3 compact con le audizioni della band per Islands e altri 2 concerti non ancora identificati sempre del 1972.

3 Blu-Ray Audio in 5.1 Surround Sound con i 3 album suddetti, e materiale vario dal vivo selezionato dai concerti dell’epoca e le audizioni contenute nei CD 19 e 20. Il Blu-Ray di Islands Earthbound, con vario materiale extra in Stereo Hi-res, più tutti i concerti esistenti registrati dal soundboard.

2 DVD sempre Audio, che contengono varie chicche già riportate anche nei Blu-ray, per esempio il remaster di Earthbound e una sequenza definita The Schizoid Men, con svariate versioni di 21st Century Schizoid Man, tratte dall’album Ladies Of The Road.

Il manufatto sarà nel solito box formato LP, con incluso libro, memorabilia varia, un ulteriore concerto da scaricare in download digitale e nuovi saggi e note scritti da Sid Smith, Jakko Jakszyk & David Singleton.  E il tutto, molto indicativamente, dovrebbe costare “solo” intorno ai 200 euro. Come scritto all’inizio del post esce il 3 novembre.

Bruno Conti