Poesie In Musica A Bordo Di Purpuree Automobili! – David Munyon – Purple Cadillacs

david munyon purple cadillacs

David Munyon – Purple Cadillacs – Stockfisch Records

Quando ascolto la musica di David Munyon è come se stessi ascoltando le registrazioni di Townes Van Zandt degli anni ’70, e non mi sono mai spiegato perché i suoi dischi non si vendano (o forse me lo spiego benissimo), comunque tutto quello che pensavo nella recensione di Damien Jurado di qualche giorno fa, vale anche per questo ulteriore magnifico “perdente”.Si era già parlato di lui sul Blog un paio di anni in occasione dell‘uscita di Pretty Blue (http://discoclub.myblog.it/2011/12/01/un-ulteriore-illustre-sconosciuto-david-munyon-pretty-blue/) , e, se non ho fatto male i conti, questo Purple Cadillacs è il ventesimo album di una carriera iniziata con il bellissimo Code Name: Jumper (1990), dove è inclusa una gemma come On The Other Side Of Harlem (da portare assolutamente, per chi scrive, sulla famosa “desert island”) http://www.youtube.com/watch?v=9_ly7XzAJy4

*NDB Esiste anche un DVD dal vivo.

Da anni Munyon risiede in Germania, e quindi non è sorprendente che l’album sia stato registrato a Northeim nella Bassa Sassonia,e che David (chitarra e voce), per lo sviluppo di queste 13 canzoni, si sia avvalso del fidato polistrumentista Ian Melrose, del collaudato chitarrista inglese Mike Silver, e di bravi, ancorché poco conosciuti, turnisti di “area tedesca”, al basso Urs Fuchs e Thomas Kagermann al violino, per un ennesimo disco di “culto” di questo instancabile e creativo cantautore nato a Newport, Rhode Island. Una volta saliti sui sedili di una lussuosa Cadillac viola, e inserito il disco nel lettore CD, si viene subito ammaliati, oltre che da alcune nuove registrazioni di brani tratti del suo repertorio “classico” come Rosas Cantina, Song For Danko (splendido omaggio al musicista della Band) e Prayers Of Elvis Presley, da nuovi brani scritti nel corso dell’ultimo anno, che toccano temi tipici americani come l’iniziale Riding Around The World http://www.youtube.com/watch?v=SQGka7voK9k e Kansas, storie autobiografiche che vivono nel dolente violino di Hendrike’s Ford Fiesta http://www.youtube.com/watch?v=4rd2cbzJrUw , ma anche sulle emozioni di Watercolors, Baby For You, e Radha, nelle ballate epiche come The Ballad Of The Anita Fernando e Move Back To Amsterdam (The Ballad Of Stray Dog) o nella spiritualità sommessa di Help Me Krishna Song e quando alla fine accostate la Cadillac viola sul ciglio della strada, dopo avere ascoltato le poesie in musica delle conclusive Bright To Brighter e Whenever You Can Fall In Love Again, dove la bravura di Mike Silver e Tom Kagermann si manifesta perfettamente nella struttura musicale, vi scoprirete più “ricchi” e in pace.

Purple Cadillacs è un disco molto introspettivo, con parole e suoni che invitano a riflettere, ideale colonna sonora di un disco da suonare nella notte, sotto un cielo stellato (magari su quella famosa Cadillac color porpora). Stimato da Brian Wilson, che considera Munyon uno dei migliori cantautori di sempre, e da chi ha avuto la fortuna di vederlo dal vivo (come chi scrive), serve poco per far conoscere la sua musica, un angolo di palco, una chitarra, un amplificatore e una buona bottiglia di Bourbon. Reperibilità bassa anche per questo CD (uscito a maggio del 2013) ma alta soddisfazione nell’ascolto, quando riuscirete a trovarlo (se non lo avete già fatto)!

Tino Montanari

Poesie In Musica A Bordo Di Purpuree Automobili! – David Munyon – Purple Cadillacsultima modifica: 2014-02-01T18:20:14+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *