Jeff Beck – Loud Hailer. Le Chitarre Bene, Il Resto un Po’ Meno!

jeff beck loud hailer

Jeff Beck – Loud Hailer – Atco/Rhino/Warner

Jeff Beck, nonostante l’improbabile colore nero corvino della capigliatura (per la tinta probabilmente va dallo stesso parrucchiere di Bobby Solo, Silvio Berlusconi e da cui andava il collega Jimmy Page) quest’anno a giugno ha compiuto 72 anni, ad agosto, dopo un tour con Buddy Guy, festeggerà all’Hollywood Bowl con un concerto 50 anni di carriera: anche se avendo iniziato nel 1963 con i Tridents o al limite nel 1965 con gli Yardbirds, l’anniversario, come sempre, è molto opinabile. Quello che è certo è che Beck è uno dei più grandi chitarristi del rock, innovatore, ma anche appassionato del R&R delle origini (e di moto, le sue due passioni), questo dualismo lo rende uno dei solisti più imprevedibili a livello strumentale da sempre. Più prevedibile, purtroppo, da parecchi anni a questa parte, è la qualità dei suoi album: dopo un buon Emotion & Commotion uscito 6 anni fa nel 2010 http://discoclub.myblog.it/2010/03/25/un-fenomeno-di-65-anni-coi-capelli-neri-corvini-jeff-beck-em/ , di cui vi avevo parlato su queste pagine, seguito di dischi veramente bruttarelli come Jeff e You Had It Coming (entrambi vincitori di premi Grammy, a dimostrazione della non grandissima attendibilità di quel riconoscimento, comunque per la cronaca ne ha vinti 8), ma anche di ottimi live come quello dedicato a Les Paul insieme alla band di Imelda Day e al Live+ dello scorso anno http://discoclub.myblog.it/2015/05/27/il-chitarrista-la-c-maiuscola-jeff-beck-live/ .

Proprio il disco del 2015, nei due brani nuovi presenti, aveva evidenziato i soliti “problemi”, almeno per chi scrive, della sua musica nel nuovo secolo: squarci di puro rumore chitarristico su ritmi tra l’elettronico e il pomposo all’eccesso, utilizzo di giovani vocalist femminili sconosciute (Veronica Bellino?!) e canzoni che cercano di sorprendere l’ascoltatore, ma spesso sfondano solo i timpani. Non sempre, lo ammetto, e non in tutti i brani, anzi: Jeck Beck ha utilizzato anche l’ottima Imelda Day appena citata, o Joss Stone, per non parlare del veterano Jimmy Hall,  ex Wet Willie, nell’ultimo tour, o la scoperta della prodigiosa e giovanissima bassista Tal Wilkenfeld,  ma per questo nuovo album, alla spasmodica ricerca di giovani talenti che ne aumentino l’appeal verso le ultime generazioni, il nostro “si accoppia” con la cantante Rosie Bones e la chitarrista Carmen Vandenberg, entrambe londinesi e provenienti dalla band Bones, a suo dire scoperte ai loro spettacoli e quindi sul campo, e non uscite da improbabili talent, parole sacrosante. Ma se poi, oltre a loro, si affida anche alla produzione del giovane italiano Filippo Cimatti, anche a tastiere e all’elettronica aggiunta, che porta con sé la sua sezione ritmica di Davide Sollazzi e Giovanni Pallotti, non c’è da stupirsi se il risultato è sì “moderno” nei suoni e al passo con i tempi, ma quanto ad innovativo e di qualità c’è da discutere.

Sintomatico è un brano come O.L.L (Can’t Get Enough Of That Sticky), un pezzo funky-dance pasticciato posto quasi alla fine del CD, che probabilmente anche Bruno Mars e Pharrell Wlliams avrebbero scartato per la scarsa qualità, chitarra slide di Beck esclusa. Per fortuna non tutto il disco è così: la fusione tra ritmi moderni, voci distorte (quella della Bones lo è spesso e volentieri) e le folate chitarristiche del nostro, a tratti funziona, come nell’inziale, pur esagerata, The Revolution Will Be Televised, dove un ritmo marziale viene accoppiato alle sonorità incredibili della chitarra di Beck, per una sorta di brano futuribile del XXI secolo, o nella dura In The Dark, sempre contaminata da sonorità fastidiose e pure un poco pacchiane, con la chitarra che comunque si salva sempre. Pull It è uno dei due strumentali dove Jeff Beck rivolta la sua solista come un calzino, anche esagerando, ma ragazzi suona, mentre Thugs Club è un funky-rock, sempre firmato con la Bones, onesto ma non memorabile.

Meglio Scared For The Children, che, come altri brani presenti in questo album, tratta nel testo di tematiche legate a questi difficili tempi che stiamo vivendo, e lo fa attraverso una onesta ballata, dove la voce della Bones per una volta non è filtrata e le evoluzioni della chitarra di Beck sono più liriche che acrobatiche, con il solito assolo fenomenale. In Right Now Jeff sfodera un wah-wah hendrixiano tipo Band Of Gypsys, ma la solita voce filtrata irrita; Shame, con le sue sonorità riflessive, un ritmo vagamente soul e la voce non filtrata della Bones che nel timbro assomiglia a Cyndi Lauper, nel sound della chitarra ricorda quel Roy Buchanan tanto amato da Beck  , “citato” anche nel breve strumentale Edna. Rimangono The Ballad Of The Jersey Wives, un altro mid-tempo vagamente minaccioso, sempre sostenuto dai virtuosismi di Jeff che sorreggono un certo vuoto di idee https://www.youtube.com/watch?v=JZEutc2g6Ko . Di O.L.L. abbiamo detto, ma la sorpresa, piacevole, è la ballata conclusiva, una Shrine che ricorda molto le atmosfere sospese di certi brani di Jeff Buckley, tipo la sua versione di Hallelujah, che viene evocata nelle melodie di questo brano (quasi ai limiti del plagio) nobilitato da un lavoro di fino della solista di Jeff Beck che è sempre un maestro nell’uso della sua chitarra ed in fondo è il motivo per cui si comprano i suoi album. Esce oggi 15 luglio.

Bruno Conti  

Jeff Beck – Loud Hailer. Le Chitarre Bene, Il Resto un Po’ Meno!ultima modifica: 2016-07-15T10:57:58+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*