Prossime Uscite Autunnali 4. Bob Dylan – More Blood, More Tracks Bootleg Series Vol.14: Album Fantastico, Confezione Strepitosa, Il Contenuto Forse Un Po’ Meno. Esce Il 2 Novembre

bob dylan more blood more tracks

Bob Dylan – Bootleg Series Vol.14: More Blood, More Tracks – Columbia/Legacy Deluxe Edition 6 CD – 2 LP – 1 CD Standard – 02-11-2018

Si avvicina il Natale e si fa dunque quella stagione in cui viene annunciato il nuovo capitolo delle Bootleg Series di Bob Dylan. Siamo arrivati al volume 14 e il disco che viene trattato è uno di quelli epocali del nostro amico, Blood On The Tracks, l’album del 1975 che nel comune sentire rappresentava la fine tormentata della sua storia d’amore con Sara Lownds, attraverso una serie di dieci splendidi acquarelli. Ma essendo Bob anche Dylan, il nostro amico lo ha sempre smentito, anche nella sua autobiografia del 2004 Chronicles – Vol. 1, affermando che i testi dei brani erano stati ispirati dalla lettura dei racconti di Anton Cechov. Sarà, quello che è certo è che si tratta di uno dei dischi più belli in assoluto della sua discografia e quindi era molto atteso il trattamento Deluxe che sarebbe stato riservato a questo caposaldo assoluto della sua opera.

Devo dire che leggendo i contenuti sono rimasto un po’ deluso da come sono stati compilati i 6 CD che comporranno la Deluxe Edition: confezione splendida, come si vede sopra, con il solito mega libro rilegato con le foto dell’epoca e le note curate da Jeff Slate, più la riproduzione di uno dei leggendari taccuini dove Dylan annotava a mano tutti gli sviluppi cronologici dei testi delle sue canzoni. Ovviamente quello da 57 pagine contenuto nella confezione riguarda Blood On The Tracks. Però, visto il prezzo, che dalle prime notizie in arrivo dagli Usa dovrebbe superare i 150 dollari (poi magari scenderà, soprattutto nelle versioni europee quando saranno annunciate, anche se non sembra visto che si parla di “strictly limited edition”, ma per le uscite precedenti della serie è sempre successo), mi pare “deludente”, notasi il virgolettato: un totale di 87 pezzi, di cui 70 mai pubblicati prima, e fin qui ci siamo, ma leggendo bene la tracklist, che trovate subito sotto, non si può fare a meno di notare che, brani “rari” se ne trovano veramente pochi, direi due, per il resto sono decine di takes alternative delle stesse canzoni ripetute più e più volte, anche se il criterio utilizzato è quello di proporre i brani nella sequenza cronologica in cui vennero registrati nelle sessions di New York dal 16 al 19 settembre 1974, outtakes, false partenze e chiacchiere di studio incluse, mentre le ultime cinque canzoni del 6° CD sono quelle rimaste dalle sessions di Minneapolis, registrate tra il 27 e il 30 dicembre 1974 e poi uscite sul disco pubblicato nel 1975, naturalmente e opportunamente rimasterizzate utilizzando, ove disponibili i master originali dell’epoca. Ottimo ed affascinante, per quanto te lo facciano pagare non poco, quindi indicato per “dylaniani” e “dylaniati”, soprattutto facoltosi, oppure disposti al sacrificio finanziario in quanto collezionisti compulsivi, forse meno per gli altri, ma quando uscirà magari ascoltandolo potrei ammettere di essermi sbagliato: la missione come al solito sarà affidata all’amico Marco Verdi, che probabilmente sta leggendo questo Post e sa che gli tocca, anche in qualità di fan. Per il momento.

DISC 1

A & R Studios
New York
September 16, 1974

If You See Her, Say Hello (Take 1) – solo
If You See Her, Say Hello (Take 2) – solo – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 2) – solo
Simple Twist of Fate (Take 1) – solo
Simple Twist of Fate (Take 2) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 3) – solo
Up to Me (Rehearsal) – solo
Up to Me (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 2) – solo – included on Blood on the Tracks test pressing

Bob Dylan – vocals, guitar, harmonica

DISC 2

A & R Studios
New York
September 16, 1974

Simple Twist of Fate (Take 1A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 2A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 3A) – with band
Call Letter Blues (Take 1) – with band
Meet Me in the Morning (Take 1) – with band – edited version included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Blood on the Tracks
Call Letter Blues (Take 2) – with band – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Idiot Wind (Take 1) – with bass
Idiot Wind (Take 1, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 3 with insert) – with bass
Idiot Wind (Take 5) – with bass
Idiot Wind (Take 6) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Rehearsal and Take 1) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 3) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 4) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 5) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6, Remake) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 7) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 8) – with band

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Eric Weissberg, Charles Brown III, Barry Kornfeld: guitars
Thomas McFaul: keyboards
Tony Brown: bass
Richard Crooks: drums
Buddy Cage: steel guitar (5-6)

DISC 3

A & R Studios
New York
September 16, 1974

Tangled Up in Blue (Take 1) – with bass

A & R Studios
New York
September 17, 1974

You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake) – with bass and organ
You’re a Big Girl Now (Take 2, Remake) – with bass, organ, and steel guitar –included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Biograph
Tangled Up in Blue (Rehearsal) – with bass and organ
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake) – with bass and organ
Spanish is the Loving Tongue (Take 1) – with bass and piano
Call Letter Blues (Rehearsal) – with bass and piano
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake) – with bass and piano
Shelter From The Storm (Take 1) – with bass and piano – previously released on the Jerry McGuire original soundtrack
Buckets of Rain (Take 1) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 3) – with bass
Shelter From The Storm (Take 4) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass
Paul Griffin: keyboards (2-9)
Buddy Cage: steel guitar (3)

DISC 4

A & R Studios
New York
September 17, 1974

You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake 2) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

A & R Studios
New York
September 18, 1974

Buckets of Rain (Take 1, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 2, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 3, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 4, Remake) – solo

A & R Studios
New York
September 19, 1974

Up to Me (Take 1, Remake) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 1, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 2, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 4, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello (Take 1, Remake) – with bass – previously included on Blood on the Tracks test pressing
Up to Me (Take 1, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Rehearsal) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake) – with bass – previously released on the “Duquesne Whistle” 7” single
Meet Me in the Morning (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 5, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass (1-2, 7-20)

DISC 5

A & R Studios
New York
September 19, 1974

Tangled Up in Blue (Rehearsal and Take 1, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 2) – with bass – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Simple Twist of Fate (Take 2, Remake) – with bass
Simple Twist of Fate (Take 3, Remake) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
Up to Me (Rehearsal and Take 1, Remake 3) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 3) – with bass – previously released on Biograph
Idiot Wind (Rehearsal and Takes 1-3, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with organ overdub – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Takes 2-3, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass

DISC 6

A & R Studios
New York
September 19, 1974

You’re a Big Girl Now (Takes 3-6, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Rehearsal and Takes 1-2, Remake 3) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 3) – with bass

Sound 80 Studio
Minneapolis, MN
December 27, 1974

Idiot Wind – with band – previously released on Blood on the Tracks
You’re a Big Girl Now – with band – previously released on Blood on the Tracks

Sound 80 Studio
Minneapolis, MN
December 30, 1974

Tangled Up in Blue – with band – previously released on Blood on the Tracks
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts – with band – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello – with band – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica, organ (4-5), mandolin (8)
Tony Brown: bass (1-3)
Chris Weber: guitar (4-6, 8)
Kevin Odegard: guitar (6)
Peter Ostroushko: mandolin (8)
Gregg Inhofer: keyboards (4-8)
Billy Peterson: bass (4, 6-7)
Bill Berg: drums (4-8)

All songs written by Bob Dylan except Spanish is the Loving Tongue (traditional, arranged by Bob Dylan)

New York sessions originally engineered by Phil Ramone

Minneapolis sessions originally engineered by Paul Martinson

 

bob dylan more blood more tracks 1 cdbob dylan more blood more tracks vinyl

Ci sarà anche la versione per “poveri”, ma questa volta non sarà il solito doppio CD, ma un misero disco singolo con 11 brani, le dieci canzoni dell’album più Up To Me

SINGLE DISC/ 2 LP
1. Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 3)
2. Simple Twist of Fate (Take 1)
3. Shelter from the Storm (Take 2)
4. You’re a Big Girl Now (Take 2)
5. Buckets of Rain (Take 2, Remake)
6. If You See Her, Say Hello (Take 1 Edit)
7. Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 2)
8. Meet Me in the Morning (Take 1, Remake Edit)
9. Idiot Wind (Take 4, Remake Edit)
10. You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake 2)
11. Up to Me (Take 2, Remake)

Big Brother And The Holding Co. – Sex, Dope And Cheap Thrills. Anche “Questo” Album Compie 50 Anni E Recupera Il Suo Titolo Originale (Oltre A 25 Tracce Inedite): Esce il 30 Novembre.

Big Brother And The Holding Company Sex Dope And Cheap Thrills

Big Brother & The Holding Co. – Sex, Dope And Cheap Thrills – 2 CD Sony Legacy – 30-11-2018

Naturalmente stiamo parlando di quel disco che all’origine si chiamava Cheap Thrills, uscito il 12 agosto del 1968, si trattava del secondo album della band guidata da Janis Joplin (con Sam Andrew, James Gurley, Peter Albin Dave Getz), quello della loro consacrazione, che li porterà al primo posto delle classifiche di vendita americane di Billboard, e segnerà anche l’inizio della fine della loro breve vita come gruppo, in quanto già il 1° Dicembre, dopo un concerto a San Francisco, Janis Joplin lascia la la band, anche se continueranno comunque come Big Brother fino al 1972, ma senza Janis non è più stata la stessa cosa. L’album all’inizio doveva chiamarsi Sex, Dope And Cheap Thrills, abbreviato su richiesta della Columbia, che bocciò anche la foto di copertina che li ritraeva nudi sul letto di una camera di albergo, sostituendolo con il famoso disegno di Robert Crumb, va bene che era la Summer Of Love, ma l’America era ancora molto puritana. Il disco era anche un finto Live, in quanto gli applausi erano stati aggiunti in post produzione e l’unico pezzo veramente dal vivo era la strepitosa versione di Ball And Chain, registrata al San Francisco’s Winterland Ballroom il 12 Aprile del 1968. Ecco qui sotto come doveva essere la copertina originale, che non è stata recuperata, solo il titolo non usato, e quella dell’album dell’epoca.

Big Brother And The Holding Company Sex Dope And Cheap Thrills coverBig Brother And The Holding Company Cheap Thrills

Il fatto interessante è che in questa nuova edizione non appaiono i brani del disco originale, meno uno (quindi un’ottima cosa se lo avete già, in caso contrario è d’uopo provvedere, in quanto si tratta di uno dischi più belli dell’era psichedelica, e per meno di 10 euro fate vostra l’edizione rimasterizzata del 1999, arricchita anche da 4 bonus tracks), a cui aggiungere il CD doppio in cui ci sono trenta pezzi, di cui 25 sono inediti su disco, mentre i restanti cinque era apparsi nei seguenti CD: Summertime (Take 2) (su una compilaton del 1993 della Joplin); Roadblock (Take 1) (era l’unica presente come bonus nella versione 1999 di Cheap Thrills); It’s A Deal (Take 1) e Easy Once You Know How (Take 1) (entrambe erano sul disco Rare Pearls nel Box Pearls); e Magic Of Love (Take 1) (dal disco Columbia/Legacy per il Record Store Day, Move Over!). Tutto il resto è inedito, come potete verificare nella tracklist completa che leggete sotto; in questo caso quelli con l’asterisco sono i pezzi già editi.

[CD1]
1. Combination Of The Two (Take 3)
2. I Need A Man To Love (Take 4)
3. Summertime (Take 2) *
4. Piece Of My Heart (Take 6)
5. Harry (Take 10)
6. Turtle Blues (Take 4)
7. Oh, Sweet Mary
8. Ball And Chain (Live, The Winterland Ballroom, April 12, 1968)
9. Roadblock (Take 1) *
10. Catch Me Daddy (Take 1)
11. It’s A Deal (Take 1) *
12. Easy Once You Know How (Take 1) *
13. How Many Times Blues Jam
14. Farewell Song (Take 7)

[CD2]
1. Flower In The Sun (Take 3)
2. Oh Sweet Mary
3. Summertime (Take 1)
4. Piece Of My Heart (Take 4)
5. Catch Me Daddy (Take 9)
6. Catch Me Daddy (Take 10)
7. I Need A Man To Love (Take 3)
8. Harry (Take 9)
9. Farewell Song (Take 4)
10. Misery’n (Takes 2 & 3)
11. Misery’n (Take 4)
12. Magic Of Love (Take 1) *
13. Turtle Blues (Take 9)
14. Turtle Blues (Last Verse Takes 1-3)
15. Piece Of My Heart (Take 3)
16. Farewell Song (Take 5)

* Previously released

Di Janis Joplin, che, detto per inciso, è una delle mie voci femminili rock preferite in assoluto (probabilmente la numero uno, e un’altra delle grandissime come Grace Slick ha firmato proprio le note del libretto del doppio CD, insieme a Dave Getz) mi è capitato di scrivere in un paio di occasioni sul Blog: trovate i Post qui https://discoclub.myblog.it/2010/10/04/janis-joplin-19-01-1943-04-10-19701/ e qui https://discoclub.myblog.it/2012/04/02/quatto-ragazzi-e-una-ragazza-44-anni-fa-big-brother-the-hold/ . Dopo l’uscita del disco, prevista per il 30 novembre p.v., non mancheremo di tornarci nuovamente con la recensione completa.

Per il momento prendete buona nota.

Bruno Conti

Vero Rockin’ Country, Molto Rockin’ E Poco Country! Jesse Dayton – The Outsider

jesse dayton the outsider

Jesse Dayton – The Outsider – Blue Elan CD

Jesse Dayton, texano di Beaumont, ha scelto un titolo perfetto per il suo nuovo CD. Stiamo parlando infatti di un musicista che ha iniziato ad incidere album a suo nome ben più di vent’anni fa, nel 1995, senza mai riuscire a far parlare di sé. Anzi, essendo un ottimo chitarrista, si è guadagnato da vivere più come axeman che come musicista in proprio: il suo curriculum comprende una lunga serie di artisti country e non, tra i quali John Doe ed i suoi X, i Supersuckers, ma soprattutto tre quarti degli Highwaymen, cioè Johnny Cash, Waylon Jennings e Kris Kristofferson, con i quali è talvolta andato anche in tour. Il disco che lo ha riportato alle cronache è stato The Revealer, uno degli album di rockin’ country più interessanti usciti nel 2016, pubblicato dopo diversi anni di silenzio, e che ci ha fatto conoscere un countryman dal pelo decisamente duro, che a violini e banjo preferisce nettamente le chitarre elettriche e sezioni ritmiche che pestano secco https://discoclub.myblog.it/2016/11/05/divertimento-purocosa-volete-piu-jesse-dayton-the-revealer/ .

Ora abbiamo tra le mani il seguito di quel lavoro, The Outsider, che dimostra che Jesse non è il tipo che si siede sugli allori e ripropone lo stesso disco all’infinito: infatti ci troviamo di fronte ad una serie di brani ancora più rock che in The Revealer, con le chitarre che arrotano che è un piacere, ed il nostro che ci mette tutta la grinta che ha in corpo, centrando ancora una volta il bersaglio, grazie anche ad una solida band che non va tanto per il sottile. Certo, il country non manca di certo, ma anch’esso viene suonato con il piglio del vero rocker. L’album inizia in maniera potente con May Have To Do It, un rock-blues grintoso e chitarristico, dal ritmo acceso e con un paio di assoli che di country hanno molto poco. Decisamente “cattiva” anche Jailhouse Religion, ritmica pulsante ed un’atmosfera paludosa ed annerita, come se Tony Joe White si fosse fatto un giro in Texas, ed anche qui non manca un’ottima prova del nostro con la chitarra (slide); con Changin’ My Ways iniziamo a sentire un po’ di country, una ballatona solida e comunque elettrica e vibrante, quasi come se a suonarla ci fosse un gruppo southern.

Hurtin’ Behind è pressante, roccata, vigorosa, con altri assoli lancinanti buttati lì con nonchalance, We Lost It è uno slow sontuoso, figlio delle sonorità degli outlaws degli anni settanta (soprattutto Waylon, ed anche qualcosa di Merle Haggard, che era un fuorilegge onorario), mentre Tried To Quit (But I Just Quit Tryin’) è un trascinante pezzo ad alto tasso elettrico, a metà tra rock’n’roll e honky-tonk texano, davvero irresistibile. L’elettroacustica Charlottesville è invece puro country, ancora dal ritmo elevato ed un sapore quasi bluegrass, anche se suonato alla maniera di un rocker, ed ancora ottimi interventi solisti (qui acustici), Belly Of The Beast rimanda invece a Cash, con tanto di ritmica boom-chicka-boom, mentre Burnin’ concede un momento di relax, un gustoso folk-blues acustico che sa di Mississippi. Il CD si chiude con la limpida Killer On The Lamb, un brano country & western dall’incedere epico e con un motivo di sicuro impatto, uno dei migliori del lavoro.

Sembra che Jesse Dayton sia tornato stabilmente tra noi, e pare con discreti risultati di critica e pubblico, anche perché su quelli artistici non avevo molti dubbi: per gli amanti del country-rock più elettrico, quelli per cui Nashville è soltanto la capitale del Tennessee.

Marco Verdi

Non E’ Nuovo, Ma E’ Comunque Un Recupero Dovuto. Tyler Childers – Live On Red Barn Radio I & II

tyler childers live on red barn radio I & II

Tyler Childers – Live On Red Barn Radio I & II – Hickman Holler/Thirty Tigers CD

Tyler Childers, cantautore del Kentucky consigliato da Colter Wall, e che ci aveva ben impressionato lo scorso anno con il suo secondo lavoro Purgatory https://discoclub.myblog.it/2017/09/04/eccone-un-altro-bravo-questa-volta-dal-kentucky-e-lo-manda-sturgill-simpson-tyler-childers-purgatory/ , ha deciso di battere il ferro finché è caldo, e ha quindi deciso di rendere disponibile su supporto digitale i due live EP che erano usciti solo per il download nel 2013 e 2014, intitolati entrambi Live At Red Barn Radio, dal nome di un programma musicale molto popolare nella sua regione d’origine. A quell’epoca Tyler era ancora praticamente sconosciuto, aveva all’attivo solo un album uscito nel 2011, Bottles And Bibles, passato quasi inosservato, e si dava un gran da fare esibendosi dal vivo, e questi due EP di quattro canzoni ciascuno sono un valido esempio dei primi passi del nostro.

La cosa interessante è che, delle otto canzoni totali, soltanto due provengono dai due album di Childers, ed altre quattro sono totalmente inedite (mentre le restanti due sono cover). I primi quattro pezzi, incisi nel Maggio del 2013, vedono Tyler e la sua chitarra accompagnati da un gruppo ristretto formato da Jesse Wells al violino, Scott Wilmoth al basso, Scott Napier al mandolino e Arthur Hancock al banjo, un combo dal suono molto tradizionale che si adatta benissimo alle canzoni del leader. Apre Shake The Frost, ballata malinconica dominata dal mandolino e dal languido violino di Wells, con la voce di Tyler che qui appare quasi fragile. Più vivace Deadman’s Curve, ancora con un ottimo lavoro strumentale in sottofondo ed un motivo che profuma di tradizione lontano un miglio (ed invece è di Childers, anche se il titolo potrebbe far pensare ad un noto brano di Jan & Dean); in Charleston Girl spunta il banjo, ed il brano è giusto a metà tra folk e country, mentre Whitehouse Road, che finirà quattro anni dopo su Purgatory, è un valido pezzo dal sapore appalachiano, con Childers che canta in maniera forte e convinta.

Il secondo volume, inciso nel Novembre dello stesso anno, vede il nostro in perfetta solitudine, ma la qualità della performance non ne risente: si parte con le due cover, la splendida Rock Salt And Nails (di Bruce “Utah” Phillips, resa nota da Steve Young), che Tyler riesce ad interpretare con la giusta dose di pathos nonostante l’accompagnamento spoglio, e Coming Down, del semisconosciuto cantautore contemporaneo John R. Miller, lenta e malinconica, con il pubblico che segue in rigoroso silenzio. Chiudono il CD (che con la sua mezz’ora scarsa può essere considerato anch’esso un EP) la bella Follow You To Virgie, folk song pura da cantautore classico, e la title track del suo primo album, Bottles And Bibles. Se Purgatory vi è piaciuto, questo piccolo dischetto live può essere una valida aggiunta nella discografia ancora scarna di Tyler Childers, in attesa, speriamo, che confermi con il prossimo full length quanto di buono ci aveva fatto sentire lo scorso anno.

Marco Verdi

Ormai E’ Una Garanzia, Prolifico Ma Sempre Valido: Ha Fatto Tredici! Joe Bonamassa – Redemption

joe bonamassa redemption 21-9

Joe Bonamassa – Redemption – Mascot/Provogue

Sono già passati due anni e mezzo dall’ultimo album di studio di Joe Bonamassa Blues Of Desperation, uscito nel marzo 2016 https://discoclub.myblog.it/2016/03/20/supplemento-della-domenica-anteprima-nuovo-joe-bonamassa-ormai-certezza-blues-of-desperation-uscita-il-25-marzo/ . Calma, vi vedo irrequieti: lo so che in questo periodo  il musicista newyorkese ha pubblicato almeno tre album dal vivo https://discoclub.myblog.it/2018/05/13/uno-strepitoso-omaggio-ai-tre-re-inglesi-della-chitarra-joe-bonamassa-british-blues-explosion-live/ , la reunion dei Black Country Communion, ha partecipato al disco dei Rock Candy Funk Party, e alla fine di gennaio è uscito l’album in coppia con Beth Hart Black Coffee https://discoclub.myblog.it/2018/01/21/supplemento-della-domenica-di-nuovo-insieme-alla-grande-anteprima-nuovo-album-beth-hart-joe-bonamassa-black-coffee/ . Ma stiamo parlando di Bonamassa, “the hardest working man in show business”, uno che i dischi li fa anche quando dorme. E quello che sorprende, a parte per i suoi detrattori, o quelli che non lo amano, è che la qualità dei dischi rimane sempre sorprendentemente alta. Il CD Redemption, disco di studio n* 13, uscirà il 21 settembre, quindi visto che la recensione, come al solito, l’ho scritta qualche tempo prima dell’uscita, non ho tutte le informazioni precise.

Comunque si sa che questa volta il produttore Jerry Shirley, su suggerimento di Bonamassa si presume, ha voluto apportare alcune modifiche al sound: ci sono due chitarristi aggiunti alla formazione abituale, ossia Kenny Greenberg e Doug Lancio, per consentire a Joe di concentrarsi di più sulle parti soliste, un ospite a sorpresa come il cantante country Jamey Johnson, e tra gli autori o co-autori delle canzoni troviamo Dion DiMucci, Tom Hambridge sempre più lanciato, James House, Gary Nicholson e Richard Page. Per il resto la band è quella solita, ormai collaudata: Anton Fig, batteria, Michael Rhodes, basso e Reese Wynans alle tastiere, oltre alla piccola sezione fiati , Lee Thornburg  e Paulie Cerra, usata in alcuni brani, Gary Pinto alle armonie vocali e le coriste Mahalia Barnes, Jade McRae, Juanita Tippins. Il risultato è più variegato del solito, sono stati impiegati diversi stili ed approcci e il menu sonoro è abbastanza diversificato: Evil Mama parte violentissima, con citazione del classico riff di Rock And Roll dei Led Zeppelin, poi diventa un possente rock-blues fiatistico dal solido groove ,con le coriste di supporto al cantato vibrante di Joe, brano che sfocia in uno dei suoi immancabili assoli torcibudella, con finale wah-wah e le altre chitarre che lavorano all’unisono di supporto, notevole. King Bee Shakedown ancora con fiati sincopati vira verso un blues tinto di rockabilly e boogie, mosso e divertente, con la slide che impazza.

Molly O è uno dei suoi tipici brani di hard rock classico che alterna nel repertorio solista e in quello dei Black Country Communion, storia tragica e drammatica, di impianto marinaro, riff gigantesco zeppeliniano e suono veramente poderoso con la ritmica in modalità 70’s, mentre le chitarre mulinano di gusto, Deep In The Blues Again è più agile e scattante, con le chitarre stratificate e un approccio da rock classico americano, molto radiofonica, sempre radio buone comunque e non mancano gli assoli, meno invasivi di altre occasioni. Self-Inflicted Wounds è un brano quasi da cantautore, Bonamassa lo considera una delle sue migliori prove come autore, molto atmosferico nel suo dipanarsi, assolo liberatorio incluso, mentre Pick Up The Pieces, notturna e jazzata, con piano e sax a sottolinearne una certa drammaticità, potrebbe ricordare certe collaborazioni con Beth Hart, più soffusa e felpata grazie ad una National acustica.

A questo punto a sorpresa Bonamassa goes country, magari southern, grazie alla collaborazione in quel di Nashville (dove comunque è stato registrato gran parte del disco, ma anche a Las Vegas, Sydney e Miami) con Jamey Johnson, The Ghost Of Macon Jones è un country-rock and western di ottimo impatto dal ritmo galoppante. Just Cos You Can Don’t Mean You Should sembra un omaggio di Joe al suono e al timbro di Gary Moore, un brano lento e cadenzato con uso di fiati, dove Bonamassa “imita” l’approccio blues-rock del chitarrista irlandese con ottimi risultati, bellissimo l’assolo https://www.youtube.com/watch?v=XbNgt8jh9io . La title track è il pezzo scritto con Dion, un blues elettrocustico di sicuro fascino, con un arrangiamento avvolgente e raccolto, che poi esplode in un assolo crudo e violento fatto di tecnica e feeling https://www.youtube.com/watch?v=wDe-dI3c5d0 ; anche I‘ve Got Some Mind Over What Matters rimane in questo approccio blues molto classico e misurato, senza eccessi particolari, prima di sorprenderci con una quasi spoglia Stronger Now In Broken Places, quasi solo voce e chitarra acustica, intima e malinconica il giusto, con dei tocchi sonori aggiuntivi di Jim Moginie dei Midnight Oil e Kate Stone, per questa traccia registrata in Australia. La chiusura è affidata ancora a un torrido slow blues elettrico, con uso fiati e piano, Love Is A Gamble dove Joe Bonamassa scatena ancora una volta tutta la sua verve chitarristica in un lancinante assolo.

Non si può negare che sia sempre bravo e ancora una volta centra l’obiettivo, come detto esce il 21 settembre.

Bruno Conti

Rolling Stones – Sympathy For The Devil. E Anche Questo Ci Mancava!

rolling stones sympathy fot the devil

Rolling Stones – A Film By Jean-Luc Godard – Sympathy For The Devil – ABKCO -DVD + Blu-ray Combo – 05-10-2018

Era quasi inevitabile che nel 2018, anno in cui si festeggiano i 50 anni di qualsiasi cosa sia successa (a livello musicale e non solo) nel 1968, anche questo film avesse la sua bella versione Deluxe. In origine la pellicola si chiamava One Plus One, ma in alcuni paesi uscì come Sympathy For The Devil, titolo all’inizio non autorizzato dal suo autore Jean-Luc Godard (o forse sì, non sì è mai capito). Nell’Italia di un colpo al cerchio ed uno alla botte, il film che uscì nelle sale venne chiamato, in modo “geniale”, I Rolling Stones Secondo Godard. Poi nel corso degli anni ci sono state diverse revisioni, Directors’c Cut e altro: in Italia le ultime due edizioni sono quelle entrambe doppie, una della Koch Video del 2017 e l’altra della Raro Video/01 del 2006, che vedete qui sotto e sono ancora regolarmente in commercio.

rolling stones one plus one sympathy from the devilrolling stones sympathy fot the devil 2017rolling stones sympathy fot the devil 2017 blu-ray

Nei doppi DVD e anche Blu-ray si trovano le differenti versioni del film di Godard, una di 100 e l’altra di 101 minuti, ma per la nuova edizione, per ora annunciata solo per il mercato americano in un combo DVD + Blu-ray, utilizzando il titolo che si ispira al famoso brano degli Stones, sono state aggiunte alcune altre chicche, in parte inedite. Il film è stato restaurato in formato 4K dal negativo 35mm della pellicola originale uscita nel 1969, anche i colori hanno subito un processo di miglioramento. Tra i tanti extra ovviamente c’è la versione One Plus One, che è il Director’s Cut di Godard, un documentario del 1968 sul Making Of del film, un nuovo documentario del 2018 con interviste al cameraman originale ed a uno dei produttori, c’è anche la possibilità di ascoltare un commento track-by-track di un famoso critico, David Sterritt, che non conosco, ma è considerato una vera autorità su Godard. E nella confezione ci sarà anche un saggio sul film di Danny Goldberg. Comunque dal trailer qualche cosa si intuisce su cosa aspettarsi.

Non ci resta che attendere, o almeno chi è interessato, vedete voi, esce il 5 ottobre negli USA:

Bruno Conti

Più Che Un Cofanetto E’ Un Assemblaggio, Ma La Musica Rimane Eccellente! Chicago – Chicago II Collector’s Edition

chicago II collector's edition

Chicago – Chicago II Collector’s Edition – Rhino/Warner 2CD/2LP/DVD Box Set

A pochi mesi dal bellissimo cofanetto VI Decades Live https://discoclub.myblog.it/2018/05/31/almeno-per-i-primi-dieci-anni-una-grandissima-band-chicago-vi-decades-live-this-is-what-we-do/ , ecco un nuovo box dedicato ai Chicago, storica band dalla lunghissima discografia ed ancora in piena attività. L’occasione è di quella di celebrare il loro disco più famoso ed anche più bello, Chicago II (in realtà il titolo corretto sarebbe semplicemente Chicago, dato che il primo si chiamava Chicago Transit Authority, ma lo sanno in pochi), anche se non si capisce bene quale sia la ricorrenza dato che al cinquantesimo anniversario mancano due anni. Ma la vera “magagna” di questo box sta nel fatto che si tratta di un assemblaggio di materiale già disponibile separatamente: infatti al suo interno è contenuto il disco originale su singolo CD (senza bonus tracks) nella versione remixata e rimasterizzata da Steven Wilson ed uscita nel 2016, la versione dal vivo al programma Soundstage registrata lo scorso anno dalla formazione attuale e pubblicata su CD e DVD (messa in commercio appena pochi mesi fa), ed il doppio vinile sempre della versione del 1970, qui per la prima volta con il trattamento di Wilson (ah beh, allora…).

chicago chicago IIchicago II live on soundstage

Quindi niente inediti, neppure si sono premurati di includere da qualche parte il mix originale, ed in più non ci sono libri o libretti, solo un poster peraltro non indispensabile: come se non bastasse, i CD sono stati messi dentro usando la stessa confezione della pubblicazione originale, con il risultato che ci troviamo con uno in stile “vinyl replica” (l’album originale) ed uno con un comune “jewel box” (il live). Ma la cosa imperdonabile è che il tutto costa sui 70 euro (anche di più), mentre se vi comprate i due dischetti separatamente (lasciamo stare il doppio LP) spendete meno della metà! Quindi un prodotto da consigliare per i collezionisti di manufatti che ancora non possiedono nessuno degli album all’interno del box, ma perfettamente inutile per chi avesse anche solo il disco in studio o il live (con una modica spesa ci si accaparra il pezzo mancante). Meno male che la musica presente in questo cofanetto è davvero bella: Chicago II è infatti il punto più alto della discografia di un gruppo che da troppi anni va avanti per inerzia, ma che fino alla metà degli anni settanta proponeva qualcosa di veramente originale.

Loro stessi si erano autodefiniti una “rock’n’roll band con fiati”, ma il termine è perfino riduttivo, in quanto nei loro album di inizio carriera (ed i primi tre erano tutti doppi, un record per un gruppo rock) potevamo trovare una miscela stimolante e creativa di rock, funky, pop, blues, errebi, jazz ed anche progressive, un genere molto diverso da quello soft rock intrapreso in seguito. La formazione storica, presente anche in Chicago II, era composta da Robert Lamm, voce e tastiere, Terry Kath, voce e chitarra, Peter Cetera, voce e basso, Daniel Seraphine, batteria, più la sezione fiati formata da James Pankow (autore principale nei primi anni insieme a Lamm e Kath), Lee Loughnane e Walter Parazaider.Chicago II inizia in maniera splendida con la calda soul ballad Movin’ In (che a metà si tramuta in un delizioso pezzo jazz, per poi riprendere il tema principale) e prosegue con il pop di classe di The Road e con la creativa Poem For The People, piena di cambi ritmici e melodici, con fiati ed organo sugli scudi. La lunga In The Country è una scintillante rock ballad dai sapori sudisti, piena di idee e con un motivo centrale di grande impatto, mentre la breve Wake Up Sunshine è puro pop, delizioso e solare, che ancora non presenta le derive zuccherose degli anni a venire.

Ma i pezzi centrali del disco sono senza dubbio le due suite Ballet For A Girl In Buchannon e It Better End Soon (sette e quattro movimenti rispettivamente), due pretesti per lasciarsi andare a splendide evoluzioni strumentali, davvero grandissima musica, con i fiati che gareggiano in bravura con la chitarra di Kath e l’organo di Lamm, ed una serie di melodie e canzoni una meglio dell’altra, anche se talvolta appena abbozzate (Make Me Smile e Colour My World nella prima suite o lo strepitoso 1st Movement nella seconda). L’altro classico dell’album è 25 Or 6 To 4, il brano più rock tra quelli presenti, uno straordinario tour de force (Kath qui è formidabile) che dal vivo assumerà minutaggi “importanti”. Da segnalare anche Fancy Colours, altra squisita pop song contraddistinta da magistrali armonie vocali, e la conclusiva Where Do We Go From Here, deliziosa ballata pianistica che è anche l’unica scritta da Cetera.

Il CD (e DVD) Chicago II Live On Soundstage, ripropone come abbiamo detto l’album originale brano per brano con la formazione attuale (nella quale gli unici membri storici rimasti sono Lamm, Pankow e Loughnane) con l’unica assenza dei brani Prelude, A.M. Mourning e P.M. Mourning, che avrebbero necessitato di un’orchestra. L’ordine dei pezzi è stato leggermente cambiato per poter suonare 25 Or 6 To 4 come bis (ottima versione tra l’altro, molto potente), ed il risultato finale è decisamente godibile: non azzeccheranno un disco decente da una vita, ma quando si tratta di suonare il loro repertorio migliore sanno ancora dire la loro (lo si capisce già dal primo pezzo, Movin’ In, rifatto in maniera splendida). Che Chicago II fosse un grandissimo album non lo scopriamo certo oggi, ma l’operazione discografica (tra l’altro da parte della Rhino, di solito esente da questo genere di iniziative) rimane abbastanza inqualificabile.

Marco Verdi

Ancora Meglio Dell’Esordio, Peccato Solo Per La (Scarsa) Durata! Paul Cauthen – Have Mercy EP

paul cauthen have mercy ep

Paul Cauthen – Have Mercy EP – Lightning Rod CD

Paul Cauthen è un texano diverso dal solito. Ex Sons Of Fathers, ha esordito come solista nel 2016 con l’ottimo My Gospel, un album che fin dal titolo lasciava intendere che nel suo background non c’era solo la musica country https://discoclub.myblog.it/2017/01/05/tra-texas-alabama-e-piu-di-uno-sguardo-al-passato-paul-cauthen-my-gospel/ . Infatti My Gospel era una riuscita e stimolante miscela di soul, rock, country e, appunto, gospel, il tutto suonato come se si stesse parlando di un artista proveniente dal Mississippi o dall’Alabama. A meno di due anni di distanza da quel disco, ora Cauthen pubblica questo Have Mercy EP, sette canzoni nuove di zecca che proseguono il discorso musicale intrapreso con My Gospel, direi addirittura migliorandolo. Paul è uno che sa scrivere, ha il senso del ritmo, conosce i classici e si sa circondare di validi musicisti, gente poco nota ma di sostanza, che risponde ai nomi di Beau Patrick Bedford (organo, ed è anche il produttore), Nik Lee (chitarre), Scott Edgar Lee Jr. (basso), Daniel Creamer (piano) e McKenzie Smith (batteria), ed aggiungerei che il nostro è anche in possesso di una bella e profonda voce baritonale.

Have Mercy è quindi un ottimo disco, anche variegato nello stile pur restando molto a Sud della Mason-Dixon Line, e che ha l’unico difetto di durare appena 26 minuti: sarebbe bastato aggiungere tre cover scelte con cura ed avremmo avuto un nuovo album in tutto e per tutto. L’inizio è comunque splendido grazie alla scura ed annerita Everybody Walkin’ This Land, un brano tra gospel e blues nel quale la voce di Paul assomiglia in maniera impressionante a quella di Johnny Cash, ed anche lo stile è assimilabile a quello delle incisioni a sfondo religioso dell’Uomo in Nero, con gli strumenti centellinati e la voce bella forte al centro. Resignation è invece un gustoso brano tra soul e rock, che a differenza della canzone precedente mi ricorda notevolmente l’Elvis Presley dei primi anni settanta, e che voce; Have Mercy è una classica rock song ancora molto seventies, e nuovamente a metà strada tra rock e southern soul, guidata da chitarre, piano ed organo, un suono caldo che profuma di Fame Studios e con un coro femminile che fa tanto Lynyrd Skynyrd.

Lil Son è una splendida ed ariosa western song, quasi da film, ancora con l’influenza di Cash ben presente, anzi credo che sia volutamente citazionista, dal timbro di voce al ritmo (boom-chicka-boom), anche se il songwriting è indubbiamente opera di Paul. Ancora l’Elvis “sudista” con My Cadillac, un rock’n’roll pieno di anima e di ritmo, con un ritornello coinvolgente: il CD sarà anche di corta durata, ma ripeto che la qualità media è superiore al già positivo debutto. Chiudono la fluida Tumbleweed, rock ballad di ampio respiro e cantata al solito in maniera egregia, e la scorrevole In Love With A Fool, uno slow pianistico e romantico, dal delizioso sapore fine anni sessanta ed un raffinato alone pop, che si trova dalle parti dell’ultimo Sturgill Simpson. Sette canzoni scintillanti, che alla fine lasciano un po’ di amaro in bocca in quanto ce ne sarebbe voluta qualcuna in più.

Marco Verdi

Joni Mitchell – Both Sides Now Live At The Isle Of Wight Festival 1970. Questa E’ Veramente Un’Altra Bella Sorpresa: La Recensione.

joni mitchell live at the isle of wight 1970joni mitchell live at the isle of wight 1970 blu-ray

Joni Mitchell – Both Sides Now Live At The Isle Of Wight Festival 1970 – DVD – Blu-ray – Eagle 14-09-2018

All’incirca un paio di mesi fa in un post vi avevo anticipato l’uscita di questo film Both Sides Now Live At The Isle Wight 1970, che narra le vicende, ma soprattutto documenta la partecipazione di Joni Mitchell ad una delle storiche edizione del Festival, quella appunto del 1970. Qui trovate le informazioni generali https://discoclub.myblog.it/2018/07/16/joni-mitchell-both-sides-now-live-at-the-isle-of-wight-festival-1970-questa-e-unaltra-bella-sorpresa-in-uscita-per-il-14-settembre/ , ma ora andiamo nello specifico con la recensione del DVD (o del Blu-ray se preferite).

Il film si apre con le riprese di una folla folla oceanica e poi una giovane signora vestita di giallo, con chitarra al seguito, che si avvicina di corsa al palco scortata dagli uomini della security, scena che come vedremo non è l’inizio ma la fine del set. Dissolvenza e siamo sul palco, enorme per una musicista da sola (ma vedremo che la Mitchell non si farà intimidire durante il concerto). Un piccolo passo indietro prima di tuffarci nel concerto: il DVD riporta due versioni del filmato (da cui la durata riportata nel supporto di 132 minuti), una è quella arricchita da nuove interviste effettuate con la Mitchell per la realizzazione di questo progetto, dove si parla anche diffusamente di quel festival e poi ci sono anche immagini riprese dietro le quinte e inerenti al concerto e alla cantante canadese e alla sua carriera fino ad allora, inserite nella sequenza del concerto, oppure si può guardare la esibizione pura e semplice.

Accordata la chitarra un primo assaggio del concerto con un frammento di That Song About The Midway, canzone tratta da Clouds, l’album del 1969, primissimo piano di questa splendida giovane donna dalla voce angelica, che molti considerano (giustamente) la più grande cantautrice mai espressa dalla musica moderna, versione intensa, riconosciuta da parte del pubblico sin dai primi accordi. A seguire, se state guardando la versione con le interviste, c’è il primo intervento della Mitchell che parla del suo manager dell’epoca Elliot Roberts, lo stesso di Neil Young (subito arrestato peraltro per possesso di marijuana). Nel frattempo la gente arriva sul luogo del concerto e iniziano i primi problemi:tra la folla e gli organizzatori: ma torniamo al concerto che inizia appunto con That Song About The Midway e prosegue con uno dei suoi brani più conosciuti di allora, la mossa Chelsea Morning, sempre estratta dalla stesso disco; For Free viceversa viene da Ladies Of The Canyon, il disco uscito ad aprile del 1970, con Joni che passa al pianoforte dove esegue anche Woodstock, sorta di inno di un Festival al quale per vari motivi non aveva partecipato, bella versione con alcuni arditi vocalizzi nel finale, anche se, come dice lei stessa era difficile concentrarsi di fronte ad una folla immensa ed in molti casi abbastanza rumorosa, riottosa e distratta, per quanto partecipe e pure con qualche problema con il microfono al piano. A questo punto la Mitchell si inc…, pardon, si inquieta, con quella fetta di pubblico, qualcuno si sente male, ma lei procede con grinta e carattere.

Arriva di colpo anche un (piccolo) energumeno baffuto sul palco che richiede Desolation Row (?!?), perché non voleva ascoltare musica commerciale e viene portato penso alla neuro..Sul palco arriva chiunque, anche un prete, la Mitchell che ha parlato anche con il contestatore poi torna al piano per cantare My Old Man, e viene interrotta nuovamente dal pubblico, a questo punto si “incazza davvero” e chiede rispetto, poi tutto si calma come per magia (e interessante è il commento di Joni sui comportamenti anomali del pubblico) e lei può riprendere la sua canzone, un brano che uscirà solo l’anno successivo sull’album Blue, una versione splendida ed intensa, come pure dallo stesso disco viene California, di cui la Mitchell accenna anche gli accordi seduta al piano nell’intervista attuale, prima di tornare al concerto del 1970 dove la cantante canadese con dulcimer in grembo, ne improvvisa un’altra versione deliziosa con quella voce unica e melodiosa, e la gente comincia ad entusiasmarsi, per Joni che torna sul palco per i bis (o è la seconda parte del concerto, chi lo sa?) che si aprono con Il suo più grande successo dei tempi, Big Yellow Taxi, una canzone uscita anche come singolo nel 1970 ed arrivata fino al 24° posto delle classifiche di Billboard, cantata angelicamente dalla Mitchell che comincia a sorridere apertamente godendosi finalmente il concerto (anche noi, oggi).

Anche Both Sides Now, ancora da Clouds, è una delle sue canzoni epocali e prosegue questo momento magico di comunione con la gente. The Gallery (riportata solo come Gallery sulla cover del DVD) non è conosciutissima, ma sulle ali dell’entusiasmo generato ne esce una versione solare e delicata, che viene seguita da Hunter (The Good Samaritan) un brano previsto per Blue, ma mai inciso a livello ufficiale, eseguito nel secondo bis, richiesto a gran voce e con la bionda cantante che torna di corsa sul palcoscenico ed è la scena che vediamo all’inizio del film, splendente e felice per un finale che sui titoli di coda poi culmina in una magnifica versione di A Case Of You, sempre accompagnata dal suono dolcissimo ed “antico” del dulcimer. Mille problemi, ma anche un concerto che è un vero peccato sia rimasto nei cassetti delle case discografiche per tutti questi anni: una piccola meraviglia che esce domani!

Bruno Conti

Prossime Uscite Autunnali 3. Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland: Un Altro Disco “Epocale” Festeggia Il 9 Novembre Il Suo 50° Anniversario

jimi hendrix electric ladyland box

Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland – 3 CD + 1 Blu-ray – Sony Legacy – 09-11-2018

Un altro degli album più importanti della storia della musica rock (secondo chi scrive fra i 10, forse 5, più belli di sempre) giunge al traguardo della edizione Deluxe per il 50° Anniversario dalla sua data di uscita originale, che fu tra settembre e ottobre del 1968, a seconda della edizione inglese (quella con la copertina con le donne nude) o della edizione americana.

Electric_ladyland_nude_front_and_back Jimi_Hendrix_-_Electric_Ladyland

La prima cosa che balza all’occhio della nuova edizione è che non è stata utilizzata nessuna delle due copertine dell’epoca, ma una nuova veste grafica con una fotografia di Linda (McCartney) Eastman del 1968 che ritrae Hendrix e gli Experience con alcuni bambini nei pressi della statua dedicata ad Alice Nel Paese Delle Meraviglie nel Central Park di New York, che era l’idea originale di Jimi per la copertina, considerando anche che si dice non amasse per nulla la foto con le ragazze nude usata per la versione inglese dellìalbum (o forse le ragazze sì, ma non il risultato della sessione fotografica).

Gli altri contenuti del cofanetto quadruplo, oltre ad un libro con fotografie anche inedite,  scattate da Eddie Kramer, l’ingegnere del suono che curò le sessioni originali di Electric Ladyland agli Olympic Studios di Londra e ai Record Plant di New York, liriche dei brani scritte a mano da Jimi e le sue istruzioni per l’etichetta, prevedono un primo CD con una nuova masterizzazione dai nastri analogici originali, curata da Bernie Grundman, un secondo CD, con demo e versioni alternative di 20 pezzi registrati da Hendrix in quel periodo e mai pubblicati prima su dischi ufficiali. E nel terzo CD la registrazione completa di un concerto, Live At the Hollywood Bowl, del 14 settembre 1968, pochi giorni prima della pubblicazione del doppio disco, ancora con la formazione dei Jimi Hendrix Experience. Anche questo inedito a livello ufficiale ma pubblicato nella serie di bootleg della Dagger Records, l’etichetta che vende direttamente i concerti per conto degli eredi della famiglia. Nel Blu-ray la parte video prevede il documentario  At Last… The Beginning: The Making of Electric Ladyland e nella parte audio un nuovo mixaggio in Dolby Surround 5.1 dell’intero album, a cura di Eddie Karmer e altre due versioni ad alta risoluzione.

Al solito comunque ecco la lista completa dei contenuti, brano per brano:

[CD1 – Electric Ladyland: The Original Album (Newly Remastered)]
1. … And the Gods Made Love
2. Have You Ever Been (To Electric Ladyland)
3. Crosstown Traffic
4. Voodoo Chile
5. Little Miss Strange
6. Long Hot Summer Night
7. Come On (Part I)
8. Gypsy Eyes
9. Burning of the Midnight Lamp
10. Rainy Day, Dream Away
11. 1983….(A Merman I Should Turn To Be)
12. Moon, Turn the Tides….Gently Gently Away
13. Still Raining, Still Dreaming
14. House Burning Down
15. All Along the Watchtower
16. Voodoo Child (Slight Return)

[CD2 – Electric Ladyland: The Early Takes]
1. 1983…(A Merman I Should Turn To Be)
2. Voodoo Chile
3. Cherokee Mist
4. Hear My Train A Comin’
5. Angel
6. Gypsy Eyes
7. Somewhere
8. Long Hot Summer Night [Demo 1]
9. Long Hot Summer Night [Demo 3]
10. Long Hot Summer Night [Demo 4]
11. Snowballs At My Window
12. My Friend
13. At Last…The Beginning
14. Angel Caterina (1983)
15. Little Miss Strange
16. Long Hot Summer Night [Take 1]
17. Long Hot Summer Night [Take 14]
18. Rainy Day, Dream Away
19. Rainy Day Shuffle
20. 1983…(A Merman I Should Turn To Be)

[CD3 – Jimi Hendrix Experience: Live At The Hollywood Bowl 9/14/68]
1. Introduction
2. Are You Experienced
3. Voodoo Child (Slight Return)
4. Red House
5. Foxey Lady
6. Fire
7. Hey Joe
8. Sunshine of Your Love
9. I Won’t Live Today
10. Little Wing
11. Star Spangled Banner
12. Purple Haze

[Blu-ray]
1. At Last… The Beginning: The Making of Electric Ladyland documentary
2. Electric Ladyland Uncompressed LPCM Stereo 24b/96k
3. Electric Ladyland Uncompressed LPCM 5.1 Surround 24b/96k
4. Electric Ladyland DTS-HD Master Audio 5.1 Surround 24b/96k

jimi hendrix electric ladyland box 3 lp

E ci sarà anche la versione in sestuplo LP + Blu-ray, con gli stessi contenuti. Come detto all’inizio l’uscita è prevista per il 9 novembre p.v. e ovviamente riceverà il giusto spazio che merita dopo la pubblicazione.

Bruno Conti

.