Novità Prossime Venture 29. Gentle Giant – Unburied Treasure: Un Cofanetto Limitato “Gigantesco” Per Uno Dei Gruppi Più Sottovalutati Ma Di Culto Della Storia Del Rock, In Uscita Il 6 Dicembre

gentle giant unburied treasure frontGentle-Giant-box-photo-square-1500 box

Gentle Giant – Unburied Treasure – Box 29 CD + 1 Blu-ray Audio Alucard – 6-12-2019

Come lascia intuire l’etichetta che lo pubblica, che è quella personale del gruppo, il cofanetto pantagruelico (per rimanere all’interno della iconografia dei Gentle Giant) non sarà indubbiamente facile da reperire, considerando pure che si tratterà di una edizione “limitata” a 2.000 copie per tutto il mondo (che non sono poi così poche considerando che il manufatto dovrebbe avere, a seconda dei paesi, un prezzo molto indicativo tra i 300 e i 400 euro). In ogni caso per gli appassionati della band si tratta, per chi se la può permettere, di un’opera imperdibile: contiene i 12 album originali pubblicati tra il 1970 e il 1980 (compreso il live Playing The Fool), 15 CD di materiale dal vivo, di cui 7 mai pubblicati prima, 7 che hanno circolato solo a livello non ufficiale, e uno mai prima disponibile in CD, inoltre due album postumi, uno dal vivo del 1971 Winchester e uno di outtakes del 1977 intitolato Pinewood Rehearsal. Oltre al Blu-ray audio del primo disco omonimo, remixato da Steven Wilson in 96/24 Stereo LPCM, 96/24 5.1 surround LPCM e DTS-HD 5.1 surround, per ciò che riguarda i contenuti musicali. Poi, come vedete dall’immagine sopra, ci sono anche due libri, uno rilegato da 136 pagine che racconta la storia dei Gentle Giant, e ancora foto rare,un puzzle, pass di concerti e memorabilia varia, tra cui una foto autografata da Derek Shulman, Ray Shulman, Gary Green, Kerry Minnear e John Weathers, ovvero alcuni dei componenti originari del gruppo, escluso il batterista Weathers subentrato nel 1972. Dimenticavo il secondo libretto di 96 pagine che traccia la storia concertistica della band.

La grafica della copertina del cofanetto rielabora il disegno quella del primo album del 1970: i 15 concerti inediti sono questi riportati qui sotto.

• Essen 1972 *
• New Orleans 1972 (feat. three previously unreleased BBC recordings)
• Hollywood Bowl 1972 *
• Vicenza 1973 *
• Torino 1973
• Munster 1974 *
• St Gallen 1974 *
• Cleveland Agora 1975
• Basel 1975 *
• Dusseldorf 1976 Part 1 †
• Dusseldorf & Brussels 1976 Part 2 †
• Munich 1976 †
• Paris 1976 †
• Chester 1977
• Roxy 1980

* Audience recording remastered for the highest possible quality, che tradotto vuol dire che quelli con l’asterisco sono vecchi bootleg registrati tra il pubblico.

In ogni caso, per chi ha la pazienza di leggersi tutto, ecco la lista completa e dettagliata dei contenuti dei dischetti inclusi nel box.

CD 1 – Gentle Giant

1. Giant [06:22]
2. Funny Ways [04:27]
3. Alucard [06:01]
4. Isn’t It Quiet And Cold? [03:46]
5. Nothing At All [09:07]
6. Why Not? [05:31]
7. The Queen [01:40]

CD 2 – Acquiring The Taste

1. Pantagruel’s Nativity [06:49]
2. Edge Of Twilight [03:48]
3. The House, The Street, The Room [06:04]
4. Acquiring The Taste [01:36]
5. Wreck [04:37]
6. The Moon Is Down [04:45]
7. Black Cat [03:53]
8. Plain Truth [07:42]

CD 3 – Three Friends

1. Prologue [06:11]
2. Schooldays [07:33]
3. Working All Day [05:08]
4. Peel The Paint [07:27]
5. Mister Class And Quality? [05:51]
6. Three Friends [03:02]

CD 4 – Octopus

1. The Advent Of Panurge [04:40]
2. Raconteur, Troubadour [04:01]
3. A Cry For Everyone [04:01]
4. Knots [04:08]
5. The Boys In The Band [04:32]
6. Dog’s Life [03:10]
7. Think Of Me With Kindness [03:32]
8. River [05:52]

CD 5 – In A Glass House

1. The Runaway [07:24]
2. An Inmate’s Lullaby [04:30]
3. Way Of Life [07:53]
4. Experience [07:50]
5. A Reunion [02:11]
6. In A Glass House [08:08]

CD 6 – The Power And The Glory

1. Proclamation [06:47]
2. So Sincere[03:48]
3. Aspirations [04:38]
4. Playing The Game [06:43]
5. Cogs In Cogs [03:07]
6. No God’s A Man [04:28]
7. The Face [04:11]
8. Valedictory [03:17]

Bonus Track

9. The Power And The Glory – single [02:52]

CD 7 – Free Hand

1. Just The Same [05:34]
2. On Reflection [05:43]
3. Free Hand [06:15]
4. Time To Kill [06:06]
5. His Last Voyage [06:27]
6. Talybont [02:40]
7. Mobile [05:03]

CD 8 – Interview

1. Interview [06:51]
2. Give It Back [05:09]
3. Design [05:02]
4. Another Show[03:31]
5. Empty City (Interview) [04:39]
6. Timing [04:34]
7. I Lost My Head [06:59]

CD 9 – Playing The Fool – live

1. Just The Same/Proclamation [11:13]
2. On Reflection [06:21]
3. Excerpts From Octopus [15:36]
4. Funny Ways [08:28]
5. The Runaway/Experience [09:29]
6. So Sincere [10:19]
7. Free Hand [07:37]
8. Sweet Georgia Brown [01:18]
9. Peel The Paint/I Lost My Head [07:32]

CD 10 – The Missing Piece

1. Two Weeks In Spain [03:06]
2. I’m Turning Around [03:59]
3. Betcha Thought We Couldn’t Do It [02:21]
4. Who Do You Think You Are? [03:32]
5. Mountain Time [03:23]
6. As Old As You’re Young [04:21]
7. Memories Of Old Days [07:19]
8. Winning [04:14]
9. For Nobody [04:04]

CD 11 – Giant For A Day

1. Words From The Wise [04:12]
2. Thank You [04:47]
3. Giant For A Day [03:47]
4. Spookie Boogie [02:52]
5. Take Me [03:34]
6. Little Brown Bag [03:24]
7. Friends [01:58]
8. No Stranger [02:28]
9. It’s Only Goodbye [04:15]
10. Rock Climber [03:51]

CD 12 – Civilian

1. Convenience (Clean And Easy)[03:13]
2. All Through The Night [04:23]
3. Shadows On The Street [03:16]
4. Number One [04:44]
5. Underground [03:49]
6. I Am Camera [03:32]
7. Inside Out [05:52]
8. It’s Not Imagination [03:58]

Bonus Track

9. Heroes [04:47]

CD 13

1. Giant (Winchester 1971) [05:31]
2. Hometown Special (Winchester 1971) [05:24]
3. City Hermit (Winchester 1971) [05:56]
4. Funny Ways (Winchester 1971) [08:42]
5. Plain Truth (Winchester 1971) [10:46]
6. Alucard (Winchester 1971) [08:47]
7. Isn’t It Quiet And Cold? (Winchester 1971) [02:30]
8. Why Not? (Winchester 1971) [04:59]
9. The Queen (Winchester 1971) [02:58]
10. Peel Off The Paint (Winchester 1971) [08:51]

CD 14

1. Alucard (Essen 1972) [07:44]
2. Funny Ways (Essen 1972) [10:32]
3. Nothing At All (with Malcolm Mortimore drum solo) (Essen 1972) [12:55]
4. Plain Truth (Essen 1972) [09:21]
5. The Queen (Essen 1972) [02:10]

CD 15

1. Prologue (New Orleans 1972) [06:04]
2. Alucard (New Orleans 1972) [06:23]
3. Funny Ways (New Orleans 1972) [07:32]
4. Nothing At All (New Orleans 1972) [02:23]
5. Funny Ways (BBC Session 1972) [07:15]
6. Plain Truth (BBC Session 1972) [06:42]
7. The Advent Of Panurge (BBC Session 1972) [04:47]

CD 16

1. Prologue (Hollywood Bowl 1972) [08:16]
2. Alucard (Hollywood Bowl 1972) [08:00]
3. Funny Ways (Hollywood Bowl 1972) [08:24]
4. Nothing At All/Plain Truth (Hollywood Bowl 1972) [23:56]

CD 17

1. Prologue (Vicenza 1973) [06:12]
2. Alucard (Vicenza 1973) [08:05]
3. Funny Ways (Vicenza 1973) [09:42]
4. The Advent Of Panurge (Vicenza 1973) [07:08]
5. Nothing At All (Vicenza 1973) [13:49]
6. Plain Truth (Vicenza 1973) [14:21]

CD 18

1. The Runaway (Torino 1973) [05:42]
2. Way Of Life (Torino 1973) [07:10]
3. Funny Ways (Torino 1973) [08:50]
4. Excerpts From Octopus (Torino 1973) [12:46]
5. Nothing At All (Torino 1973) [15:27]
6. Plain Truth (Torino 1973) [07:16]

CD 19

1. The Runaway (Munster 1974) [10:04]
2. Prologue (Munster 1974) [06:13]
3. Funny Ways (Munster 1974) [09:22]
4. Excerpts From Octopus (Munster 1974) [13:14]
5. Nothing At All (Munster 1974) [15:53]
6. Plain Truth (Munster 1974) [13:53]
7. In A Glass House (Munster 1974) [09:26]

CD 20

1. Cogs In Cogs (St Gallen 1974) [04:20]
2. Proclamation (St Gallen 1974) [05:14]
3. Funny Ways (St Gallen 1974) [09:26]
4. The Runaway (St Gallen 1974) [03:41]
5. Experience (St Gallen 1974) [07:08]
6. Excerpts From Octopus (St Gallen 1974) [14:35]
7. Nothing At All (St Gallen 1974) [16:42]
8. Plain Truth (St Gallen 1974) [13:19]

CD 21

1. Cogs In Cogs (Cleveland 1975) [03:12]
2. Proclamation (Cleveland 1975) [05:02]
3. Funny Ways (Cleveland 1975) [08:48]
4. The Runaway (Cleveland 1975) [03:54]
5. Experience (Cleveland 1975) [05:59]
6. Excerpts From Octopus (Cleveland 1975) [13:27]
7. So Sincere (Cleveland 1975) [09:21]
8. Mister Class And Quality? (Cleveland 1975) [05:08]

CD 22

1. Cogs In Cogs (Basel 1975) [05:51]
2. Proclamation (Basel 1975) [05:03]
3. Funny Ways (Basel 1975) [08:29]
4. The Runaway (Basel 1975) [03:56]
5. Experience (Basel 1975) [03:52]
6. Excerpts From Octopus (Basel 1975) [15:36]
7. So Sincere (Basel 1975) [10:44]
8. Plain Truth (Basel 1975) [09:04]
9. Free Hand (Basel 1975) [08:38]
10. Just The Same (Basel 1975) [06:10]

CD 23

1. Just The Same/Proclamation (Dusseldorf 1976) [13:04]
2. On Reflection (Dusseldorf 1976) [06:10]
3. Interview (Dusseldorf 1976) [06:58]
4. The Runaway/Experience (Dusseldorf 1976) [10:41]
5. So Sincere (Dusseldorf 1976) [10:03]
6. Excerpts From Octopus (Dusseldorf 1976) [17:16]
7. Funny Ways – snippet (Dusseldorf 1976) [00:43]

CD 24

1. Timing/Violin Solo (Dusseldorf 1976) [10:45]
2. Free Hand (Dusseldorf 1976) [08:47]
3. Peel The Paint/I Lost My Head (Dusseldorf 1976) [07:24]
4. Timing/Violin Solo (Brussels 1976) [11:22]
5. Free Hand (Brussels 1976) [09:42]
6. Peel The Paint/I Lost My Head (Brussels 1976) [07:21]

CD 25

1. Just The Same/Proclamation (Munich 1976) [12:19]
2. On Reflection (Munich 1976) [06:18]
3. Interview (Munich 1976) [07:26]
4. Excerpts From Octopus (Munich 1976) [17:22]
5. Funny Ways (Munich 1976) [08:45]

CD 26

1. The Runaway/Experience (Paris 1976) [10:13]
2. So Sincere (Paris 1976) [10:49]
3. Excerpts From Octopus (Paris 1976) [18:02]
4. Funny Ways (Paris 1976) [08:34]
5. Timing/Violin Solo (Paris 1976) [11:21]
6. Free Hand (Paris 1976) [08:59]
7. Peel The Paint/I Lost My Head (Paris 1976) [07:23]

CD 27

1. The Runaway/Experience (Pinewood Rehearsal 1977) [09:52]
2. As Old As You’re Young (Pinewood Rehearsal 1977) [05:18]
3. On Reflection (Pinewood Rehearsal 1977) [06:35]
4. Just The Same/Playing The Game (Pinewood Rehearsal 1977) [10:00]
5. Memories Of Old Days (Pinewood Rehearsal 1977) [06:58]
6. Winning (Pinewood Rehearsal 1977) [07:47]
7. For Nobody – part (Pinewood Rehearsal 1977) [02:52]
8. Funny Ways (Pinewood Rehearsal 1977) [07:47]
9. The Face/Plain Truth (Pinewood Rehearsal 1977) [04:17]
10. So Sincere (Pinewood Rehearsal 1977) [09:17]
11. Free Hand (Pinewood Rehearsal 1977) [02:34]

CD 28

1. Two Weeks In Spain (Chester 1977) [03:00]
2. Free Hand (Chester 1977) [08:10]
3. On Reflection (Chester 1977) [05:59]
4. I’m Turning Around (Chester 1977) [04:07]
5. Just The Same/Playing The Game (Chester 1977) [09:51]
6. Memories Of Old Days (Chester 1977) [07:45]
7. Betcha Thought We Couldn’t Do It (Chester 1977) [04:20]
8. The Face (Chester 1977) [14:25]
9. For Nobody (Chester 1977) [04:28]
10. Excerpts From Octopus – part 1 (Chester 1977) [06:05]
11. Excerpts From Octopus – part 2 (Chester 1977) [09:56]

CD 29

1. Convenience (Clean And Easy) (The Roxy 1980) [03:21]
2. All Through The Night (The Roxy 1980) [04:12]
3. Free Hand (The Roxy 1980) [08:28]
4. Knots (The Roxy 1980) [02:41]
5. Playing The Game (The Roxy 1980) [06:05]
6. Memories Of Old Days (The Roxy 1980) [08:13]
7. Giant For A Day (The Roxy 1980) [05:19]
8. Inside Out (The Roxy 1980) [06:03]
9. It`s Not Imagination (The Roxy 1980) [03:52]
10. Underground (The Roxy 1980) [03:40]
11. 5 Man Drum Solo (The Roxy 1980) [06:47]
12. Band Member Introductions (The Roxy 1980) [02:09]
13. For Nobody (The Roxy 1980) [04:51]
14. The Advent Of Panurge (The Roxy 1980) [07:14]
15. Number One (The Roxy 1980) [06:29]

Blu-Ray

1. Giant (Gentle Giant) [06:22]
2. Funny Ways (Gentle Giant) [04:27]
3. Alucard (Gentle Giant) [06:01]
4. Isn’t It Quiet And Cold? (Gentle Giant) [03:46]
5. Nothing At All (Gentle Giant) [09:07]
6. Why Not? (Gentle Giant) [05:31]
7. The Queen (Gentle Giant) [01:40]

Per il sottoscritto i primi quattro album dei Gentle Giant sono dei capolavori assoluti del prog rock britannico, i dischi dal quinto all’ottavo più il Live sono dei dischi comunque ottimi e gli ultimi tre non sono comunque disprezzabili e ci permettono di ascoltare una delle formazioni più formidabili a livello tecnico, sia strumentale che vocale, della storia del rock tout court, in grado di intrecci sonori veramente superbi. Li ho visti dal vivo e vi posso assicurare che erano fenomenali, e negli anni ’70 erano molto popolari in Italia, se la battevano come fama con Genesis e Van Der Graaf Generator, come testimonia uno dei CD dal vivo, registrato a Torino. All’interno del post trovate alcuni video per confermare questa affermazione: veramente un tesoro dissepolto!

Esce come detto il 6 dicembre.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 28. Frank Zappa – The Hot Rats Sessions: In Attesa Di Halloween, Uscita A Sorpresa “Natalizia” Il 20 Dicembre Per Un Cofanetto Molto Interessante.

frank zappa hot rats sessions

Frank Zappa – The Hot Rats Sessions – 6 CD Box FZ Records/Universal – 20-12-2019

Ormai le grandi manovre per le uscite del periodo natalizio sembrano essersi completate, ma qualche annuncio a sorpresa di pubblicazioni sfiziose arriva ancora. Per esempio quello di questo interessantissimo cofanetto dedicato a quello che è considerato quasi all’unanimità il miglior disco di Frank Zappa Hot Rats, che stranamente fino ad ora non è stato oggetto di quelle “ristampe” potenziate che negli ultimi anni hanno riguardato la discografia del baffuto chitarrista. Domani, giorno di Halloween, troverete sul Blog la recensione di Marco dedicata al box del concerto del 1973, ma oggi ci occupiamo dell’anteprima relativa a quest’altro, al solito costosissimo manufatto (si parla in Europa di un prezzo, al solito molto indicativo, intorno ai 120-130 euro), dedicato a questo album epocale, previsto in uscita per il giorno 20 dicembre p.v. L’immagine del cofanetto non è ancora disponibile (o almeno io non l’ho ancora trovata), ma immagino che visto il prezzo sarà particolarmente sfiziosa, a livello dei contenuti musicali che sono fantastici: si parla di un gioco da tavolo nella confezione, oltre a un libro con immagini rare ed inedite e diversi saggi, uno di Ian Underwood.

In totale tutte le 65 tracce registrate di cui 59 inedite e sei, il disco originale, nel mix curato dallo stesso Zappa nel 1987, che erano fuori catalogo dal 2012. Per il resto c’è una vera cornucopia di brani appunto tratti dalle sessioni tenute nel corso del luglio 1969 ai TTG Studios di Hollywood, California.

Visto che i contenuti sono colossali fate prima a leggervi qui sotto la descrizione dettagliata dei contenuti del cofanetto, disco per disco.

Disc 1
Basic Track Recording Sessions TTG Studios, Hollywood, CA 7-18-69
Piano: Ian Underwood
Piano Music (Section 1) 2:13
This is Take 8, an alternate performance of what became known as “Piano Intro to Little House I Used To Live In” found on “Burnt Weeny Sandwich”. (c)1969
Piano Music (Section 3) 5:42
Contains the theme from “Peaches En Regalia” (c)1969, and the Master Take of “Aybe Sea” (c)1969 (Burnt Weeny Sandwich)
7-28-69
Guitar: FZ
Piano: Ian Underwood
Bass: John Balkin
Drums: Art Tripp III
Trumpet: Buzz Gardner
Sax: Bunk Gardner
Peaches En Regalia (Prototype) (c)1969 (p)2019 5:57
7-28-69
Piano: Ian Underwood
Bass: Shuggy Otis
Drums: Ron Selico
Peaches En Regalia (Section 1, In Session) (c)1969 (p)2019 10:49
Peaches En Regalia (Section 1, Master Take) (c)1969 (p)2019 2:05
Peaches Jam – Part 1 6:28
Peaches Jam – Part 2 10:30
Violin: Don “Sugarcane” Harris
Tack Piano: Johnny Otis
Peaches En Regalia (Section 3, In Session) (c)1969 (p)2019 6:57
Peaches En Regalia (Section 3, Master Take) (c)1969 (p)2019 2:07
Arabesque (In Session) 7:01
Arabesque (Master Take) 6:57
Released in edited form as “Toads Of The Short Forest” on “Weasels Ripped My Flesh” in 1970 (c)1970
Dame Margret’s Son To Be A Bride (In Session) 4:30
This song was re-recorded on 7-30-69 and eventually repurposed as “Lemme Take You To The Beach” first issued on “Studio Tan” in 1978 (c)(p)1978

Disc 2
7-29-69
Basic Track Sessions
Guitar: FZ
Violin: Don “Sugarcane” Harris
Piano, Tack Piano: Ian Underwood
Bass: Max Bennett
Drums: John Guerin
It Must Be A Camel (Part 1, In Session) (c)1969 (p)2019 8:22
It Must Be a Camel (Part 1, Master Take) 2:17
It Must Be a Camel (Intercut, In Session) 3:53
It Must Be a Camel (Intercut, Master Take) 4:02
Natasha (In Session) 4:04
Natasha (Master Take) 3:12
Released as “Little Umbrellas” on “Hot Rats” in 1969. (c)1969
Bognor Regis (Unedited Master) 10:59
Unreleased Track. Frank re-worked this track over the years, using it as the basics for an early version of “Conehead”. In the process, he erased original source material. This mix reflects what survived along with some crafty insertion from a vintage 2-track mix for completion.
Willie The Pimp (In Session) (c)1969 (p)2019 2:20
Willie The Pimp (Unedited Master Take) 15:14
10.Willie The Pimp (Guitar OD 1) 14:46
Labeled “Scrambler & Wah-Wah”
11.Willie The Pimp (Guitar OD 2) 6:18
Guitar: FZ
Violin: Don “Sugarcane” Harris

Disc 3
Basic Track Sessions
7-29-69
Piano: Ian Underwood
Bass: Max Bennett
Drums: John Guerin
Transition (Section 1 – In Session) 6:17
Transition (Section 1 – Master Take) 2:25
Transition (Section 2 – Intercut – In Session) 1:50
Transition (Section 2 – Intercut – Master Take) 2:43
Transition (Section 3 – Intercut – In Session) 2:29
Transition (Section 3 – Intercut – Master Take) 2:13
Released in edited form as “Twenty Small Cigars” on “Chunga’s Revenge” in 1970. (c)1970
Lil’ Clanton Shuffle (Unedited Master) 12:46
Re-mixed and released in edited form on “The Lost Episodes” in 1998 (c)1998
7-30-69
Basic Track Sessions
Guitar: FZ
Violin, Vocal: Don “Sugarcane” Harris
Piano, Organ: Don Preston
Bass: Roy Estrada
Drums: Jimmy Carl Black
Directly From My Heart To You (Unedited Master) 10:18
Released in edited form on “Weasels Ripped My Flesh” in 1970 (c)1970
Another Waltz (Unedited Master) 27:56
Portions released in edited form as “Little House I Used To Live In” on “Burnt Weeny Sandwich” in 1970. (c)1969

Disc 4
Basic Track Sessions
7-30-69
Guitar: FZ
Piano, Tack Piano, Organ, Sax: Ian Underwood
Bass: Max Bennett
Drums: Paul Humphrey
Dame Margret’s Son To Be A Bride (Remake) 3:54
Eventually utilized for “Lemme Take You To The Beach” on “Studio Tan” in 1978 (c)1978
Because of this song getting repurposed later, original tracks were wiped by FZ in favor of new ones. All that’s left is the original bass & drums.
Son Of Mr. Green Genes (Take 1) (c)1969 (p)2019 8:16
Son Of Mr. Green Genes (Master Take) 10:47
Big Legs (Unedited Master Take) 32:42
Released in edited form as “The Gumbo Variations” on “Hot Rats” in 1969 (c)1969
55:38
It Must Be a Camel (Percussion Tracks) 1:48
Percussion overdubs recorded at Sunset Sound Studios, August 1969
Arabesque (Guitar OD Mix) 6:57
Guitar Overdubs recorded at Sunset Sound Studios, August 1969
Released in edited form as “Toads Of The Short Forest” on “Weasels Ripped My Flesh” in 1970 (c)1970
Transition (Full Version) 6:22
Guitar Overdubs recorded at Sunset Sound Studios, August 1969
Released in edited form as “Twenty Small Cigars” on “Chunga’s Revenge” in 1970. (c)1970
Piano Music (Section 3 – OD Version) 5:41
Overdubs recorded at TTG Studios, 7-21-69
Contains the theme from “Peaches En Regalia” (c)1969, and the Master Take of “Aybe Sea” released on “Burnt Weeny Sandwich” in 1969. (c)1969

Disc 5
From The Vault – Part 1
Hot Rats
1987 Digital Re-Mix (c)(p)1987
Re-Mixed from the original multi-track masters with added material from the original sessions
Engineer: Bob Stone
Facility: Utillity Muffin Research Kitchen
Peaches En Regalia 3:39
Willie The Pimp 9:17
Son Of Mr. Green Genes 9:00
Little Umbrellas 3:04
The Gumbo Variations 16:57
It Must Be A Camel 5:15
The Origin Of Hot Rats :35
1987- FZ with Peter Occhiogrosso
Source: Cassette
Hot Rats Vintage Promotion Ad #1 1:02
Source: Vinyl
Peaches En Regalia (Mono Single Master) 3:32
1969 Mono Mix
Source: 1/4″ Analog Tape
Hot Rats Vintage Promotion Ad #2 1:01
Source: Vinyl
Little Umbrellas (1969 Mono Single Master) 3:05
Source: 1/4″ Analog Tape
55:52
Lil’ Clanton Shuffle (1972 Whitney Studios Mix) 12:42
Studio: Whitney Studios
Mixed by FZ with Barry Keene
Source: 1/4″ Analog Tape

Disc 6
From The Vault – Part 2
Little Umbrellas (Cucamonga Version) 2:00
Source: Acetate
Recorded at Studio Z; Cucamonga, CA circa 1961-1964
FZ: Guitar
Musicians: Undocumented
Little Umbrellas (1969 Mix Outtake) 3:10
Source: 1/4″ Analog Tape
It Must Be A Camel (1969 Mix Outtake) 5:23
Source: 1/4″ Analog Tape
Son Of Mr. Green Genes (1969 Mix Outtake) 10:39
Source: 1/4″ Analog Tape
More Of The Story Of Willie The Pimp 1:24
Voices: FZ, Annie Zannus & Cynthia Dobson
Source: 1/4″ Analog Tape
Willie The Pimp (Vocal Tracks) 2:07
Voice: Captain Beefheart
7-29-69 TTG Studios; Hollywood, CA
Willie The Pimp (1969 Quick Mix) 14:29
Studio: T.T.G. Studios, Hollywood, CA
Source: 1/4″ Analog Tape
Dame Margret’s Son To Be A Bride (1969 Quick Mix) 3:46
Studio: T.T.G. Studios, Hollywood, CA
Source: 1/4″ Analog Tape
Hot Rats Vintage Promotion Ad #3 :52
Source: Vinyl
Bognor Regis (1970 Record Plant Mix) 8:11
Studio: Record Plant, Los Angeles CA 1970
Engineers: FZ, Stan Agol
Source: 1/4″ Analog Tape
Peaches En Regalia (1969 Rhythm Track Mix) 4:24
Source: 1/4″ Analog Tape
Son Of Mr. Green Genes (1969 Rhythm Track Mix) 10:40
Source: 1/4″ Analog Tape
Little Umbrellas (1969 Rhythm Track Mix) 3:11
Source: 1/4″ Analog Tape
Arabesque (Guitar Tracks) 6:57
Recorded at Sunset Sound Studios, August 1969
Hot Rats Vintage Promotion Ad #4 :59
Source: Vinyl

frank zappa peaches en regalia picture disc

Niente male direi. Come vedete dall’immagine qui sopra, il 29 novembre per il Black Friday Record Store Day verrà pubblicato un EP picture 10″ a tiratura limitata del singolo dell’epoca Peaches En Regalia e il 20 dicembre, insieme al cofanetto, uscirà anche una versione in vinile colorato rosa dell’album completo.

Quindi ci sentiamo a Natale, più o meno, per la recensione del box, ma prima ci sarà nei prossimi giorni, un ulteriore Post per un’altra uscita a sorpresa, un megabox dedicato all’integrale dei Gentle Giant.

Bruno Conti

Sia Pure “In Ritardo”, Ma Non Poteva Mancare Un Suo Nuovo Album Nel 2019! Joe Bonamassa – Live At The Sydney Opera House

joe bonamassa live at sydney opera house

Joe Bonamassa – Live At The Sydney Opera HouseMascot/Provogue

Immagino che tutti, come me, foste in trepida attesa di notizie di Joe Bonamassa: scherzo, ma non troppo, stiamo arrivando alla fine del 2019 ed il chitarrista newyorchese al momento non aveva ancora annunciato nessuna pubblicazione discografica per l’anno in corso, dopo che nel 2018, il linea con la sua cospicua discografia, erano usciti ben tre album, l’ultimo Redemption, pubblicato a ottobre https://discoclub.myblog.it/2018/09/17/ormai-e-una-garanzia-prolifico-ma-sempre-valido-ha-fatto-tredici-joe-bonamassa-redemption/ . Persino la sua casa discografica, nell’annunciare il nuovo disco di Joe (perché sta per uscire, ebbene sì, il prossimo 25 ottobre), ci ha scherzato sopra: anche se si tratta di una uscita “strana”, un disco dal vivo, e fin lì niente di inusuale, però registrato ben tre anni fa, nel settembre del 2016, quindi nel tour di Blues Of Desperation, pochi mesi prima del concerto londinese per British Blues Explosion Live. E la cosa più strana è che non si tratta del concerto completo alla Sydney Opera House del 30 settembre del 2016, non ne esistono versioni Deluxe (se non consideriamo il vinile che ha un brano in più) e neppure edizioni in DVD, anche se cercando in rete risulta sia stato filmato.

Peccato perché la location è suggestiva, si tratta di una sala da concerto eletta dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità, dove spesso si svolgono concerti epocali per la musica down under: ho investigato ulteriormente e ho visto che oltre a Livin’ Easy, che è la bonus del doppio vinile, Bonamassa nella parte finale del concerto, non documentata nel CD, ha eseguito una serie di cover rare e sfiziose, Little Girl di John Mayall, Angel Of Mercy di Albert King, If I’m in Luck I Might Get Picked Up, una cover di Betty Davis cantata da Mahalia Barnes, Boogie Woogie Woman di B.B. King, How Many More Times dei Led Zappelin e Hummingbrid di Leon Russell. Sarebbe stato un concerto sontuoso, così è “solo” un bel concerto, perché comunque dal vivo il nostro è sempre una vera forza della natura, ed è accompagnato dalla sue eccellente band, con Reese Wynans alle tastiere, Michael Rhodes  la basso, Anton Fig alla batteria, le sezione fiati con Paulie Cerra e Lee Thornburg, e i vocalist di supporto Juanita Tippins, Gary Pinto e la citata Barnes.

Nove brani con una durata media tra i sette e gli otto minuti, oltre a Love Ain’t A Love Song che supera i dieci, quindi ampio spazio per l’improvvisazione e per le scorribande chitarristiche di un Bonamassa in grande serata, che comunque difficilmente, se non mai, dal vivo delude: sono ben sette brani (più la bonus track) gli estratti da Blues Of Desperation, più il lungo brano ricordato, che viene da Different Shade Of Blue, ed una bellissima cover di Florida Mainiline da 461 Ocean Boulevard di Eric Clapton, fiatistica e gagliarda, dal periodo rock’n’soul di Manolenta, con grande assolo di Wynans all’organo e uno fantastico lunghissimo e fluido di un Joe straripante, degno epigono claptoniano. Per il resto l’iniziale This Train cita nel prologo strumentale Locomotive Breath dei Jethro Tull, poi la band inizia a macinare musica alla grande e il nostro rilascia un altro assolo formidabile, Mountain Of Climbing, anche se non ha la doppia batteria della versione in studio, è comunque rocciosa e riffata, molto alla Led Zeppelin, anche Drive ha questo afflato zeppeliniano, inizio lento e guardingo, poi un crescendo tipo Houses Of The Holy, ma con i fiati e le tastiere quasi jazzate e liquide, prima del solito solo tiratissimo.

La citata  Love Ain’t A Love Song è il tour de force del concerto, una esplosione di energia e forza dirompente, con le coriste impegnatissime come pure i fiati sincopati e il piano elettrico, fino ad un assolo che parte lento e poi prende energia nella parte finale, How Deep This River Runs, più lenta e scandita è un’altra piece de resistance con la chitarra che imperversa. Della cover di Clapton abbiamo detto, The Valley Runs Low con Joe al bottleneck è una bella soul ballad malinconica ed avvolgente, con Blues Of Desperation siamo di nuovo dalle parti degli Zeppelin, direi periodo Kashmir, anche se l’uso dei fiati lo diversifica da quel sound, benché l’assolo, ancora con uso slide, è molto Jimmy Page. A chiudere un altro ottimo disco dal vivo No Place For Lonely, una lirica hard blues ballad che rende omaggio allo stile di Gary Moore, con un assolo finale da urlo.

Bruno Conti

Ottimo Rock Sudista Con Forti Venature Country, In Europa Esce Il 18 Ottobre. Whiskey Myers – Whiskey Myers

whiskey myers whiskey myers

Whiskey Myers – Whiskey Myers – Wiggy Thump/Spinefarm/Universal

Sono in sei, a seconda delle biografie il nucleo iniziale della band, formato da Cody Cannon, Cody Tate e John Jeffers viene della piccola cittadina di Elkhart, Texas, ma secondo altre bio nascono a Palestine, prima si facevano chiamare Lucky Southern, nome presto cambiato in Whiskey Myers: barbe e capelli lunghi, ma non per tutti, idem per i cappelloni tipicamente sudisti, sono in pista con questa denominazione dal 2007, il primo album è del 2008, ma il successo e la “fama” sono arrivati con i tre successivi, gli ottimi Firewater, Early Morning Shales e Mud, gli ultimi due entrambi prodotti da Dave Cobb https://discoclub.myblog.it/2014/02/18/vero-southern-rock-whiskey-myers-early-morning-shakes/ . Per l’occasione di questo quinto omonimo disco hanno deciso di fare in proprio e si sono ritirati per una ventina di giorni al Sonic Ranch Studio di El Paso, dove autoproducendosi hanno registrato le 14 nuove canzoni , firmate da loro stessi, ma con aiuti qui e là, tra gli altri, da parte di Ray Wylie Hubbard, Adam Hood e Brent Cobb. Nel frattempo, nel 2018, hanno partecipato anche a quattro episodi della serie televisiva di Kevin Costner Yellowstone,cosa che ha fatto sì che tutti i loro quattro album siano arrivati nella Top 10 delle classifiche country di iTunes https://www.youtube.com/watch?v=fVKIe9hodr4 . Quindi, per chi non li conoscesse, fanno country?

Non proprio, o non solo, direi che sono tra i migliori rappresentanti del nuovo southern rock, insieme ai più “raffinati” (si fa per dire) Blackberry Smoke. Non a caso il loro brano più celebre, e forse migliore, si chiama Ballad Of A Southern Man https://www.youtube.com/watch?v=Gj7Zft8aiRc , un pezzo che ha più di un rimando a Simple Man dei Lynryrd Skynyrd, ma tra le altre influenze, citate più volte, a fianco di Hank Williams Jr. e Waylorn Jennings,  ci sono anche Led Zeppelin e Allman Brothers, e probabilmente Neil Young, visto che negli encore dei loro infuocati concerti spesso suonano una gagliarda Rockin’ In The Free World. La formula è quella classica: due chitarre, Jeffers, con maggiori tocchi blues e Tate, più duro, dal 2016 anche la doppia batteria, e un buon bassista come Jamey Gleaves, arrivato nel 2017. L’iniziale Die Rockin’, composta dal bravissimo cantante Cody Cannon, dalla voce roca e vissuta,  con l’aiuto di Hubbard, è un tipico esempio del loro stile, un brano rabbioso a tutto riff, dove le chitarre sono taglienti, il ritmo è incalzante, c’è anche qualche elemento gospel  con le voci delle McCrary Sisters, e nel finale le soliste portano a casa il risultato; Mona Lisa del solo Cannon è sempre gagliarda anziché no, molto boogie e poco country, sempre con la chitarra pronte a scattare, anche in modalità slide, insomma si, per ora si fanno pochi prigionieri.

Ma  se serve Jeffers passa alla lap steel, viene aggiunto qualche tocco di chitarra acustica, anche una armonica che porta ricordi dylaniani, e le influenze country della bellissima Rolling Stone, scritta con Adam Hood, sono servite https://www.youtube.com/watch?v=r3uD7OSJkgA , a seguire, di nuovo con bottleneck insinuante e ritmi feroci,  arriva la strana e cadenzata Bitch, scritta da Jeffers che imperversa con la sua chitarra. Gasoline, nuovamente del solo Cannon, ha ancora un suono decisamente duro e dai timbri quasi hard rock, anche se sembra più scontata, però l’assolo di wah-wah è cattivo il giusto, mentre, nella giusta alternanza, Bury My Bones, scritta da Jeffers con il countryman dell’Oklahoma  TJ McFarland è una bella e malinconica hard Ballad alla Lynyrd Skynyrd sul tema “Casa dolce casa”, con uso mandolino e steel https://www.youtube.com/watch?v=ZScyBxjpnzQ . Poi c’è la bluesata e distorta Glitter And Gold del ritmo scandito, Houston Country Boy che sembra un brano uscito da qualche album country-rock dell’era dorata anni ‘70, tutto pedal steel e belle armonie vocali.

Sempre nell’ambito dei brani più raffinati e rifiniti anche l’eccellente mid-tempo della deliziosa Little More Money, cantata con autorevolezza da Cannon, ben sostenuto dalle McCrary e dal lavoro di raccordo delle chitarre e molto bella anche California To Caroline, dall’incedere elegante, Kentucky Gold, più vibrante e tipicamente sudista, ancora con le McCray che ci mettono del loro. Running, scritta con Brent Cobb,  è un altro piccolo gioiellino elettroacustico, lasciando al blues-rock con armonica di Hammer ed alla dolce ed insinuante ballata Bad Weather, un pezzo quasi alla Eagles del primo periodo, avvolgente e squisita nel suo dipanarsi, con grande crescendo chitarristico finale, il compito di chiudere in gloria un album che si lascia soprattutto apprezzare per la varietà dei temi musicali affrontati.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 27. The Band: Quest’Anno Una Ristampa Più Interessante E Sostanziosa Per Il 50° Anniversario Del Secondo Album, Esce il 15 Novembre

The Band The Band 50th anniversary edition

The Band – The Band – 50th Anniversary Super Deluxe Edition) 2xCD/1xBD/2xLP/1×7″ box set – 2 CD – 2 LP Capitol/universal – 15-11-2019

Lo scorso anno era uscita la ristampa del primo album della Band Music From Big Pink, un disco splendido,  ma come potete leggere qui https://discoclub.myblog.it/2018/07/04/grandissimo-disco-ma-questa-edizione-super-deluxe-piu-che-essere-inutile-sfiora-la-truffa-the-band-music-from-big-pink-in-uscita-il-31-agosto/ , si era trattato, per usare un eufemismo, di un cofanetto poco interessante e molto costoso. Quest’anno tocca al secondo album del gruppo di Robbie Robertson Levon Helm (e di Rick Danko, Richard Manuel Garth Hudson), un disco forse ancora più bello del precedente, e anche se non mancherà il solito cofanetto Super Deluxe, che vedete qui sopra, con 2 CD, 2 Vinili, Blu-Ray Audio con versioni Dolby 5.1 surround, un 45 giri, un libro rilegato e alcune stampe, ovviamente molto costoso, incredibilmente, per l’occasione, uscirà anche una versione in 2 CD che raccoglie tutto il materiale audio, che contrariamente allo scorso anno è ricco di materiale inedito.

the band the band 2 CD

Intanto nel primo CD ( o nel doppio vinile) c’è un nuovo mix 2019 dell’album originale, curato da Bob Clearmountain, uno dei grandi specialisti del settore, poi ci sono 6 bonus tracks extra, diverse da quelle della edizione del 2000, che comunque sono riportate tutte otto alla fine del secondo CD, insieme alla esibizione completa della Band al Festival di Woodstock, che se non avete acquistato una delle 1969 copie del recente https://discoclub.myblog.it/2019/09/04/una-splendida-full-immersion-nella-leggenda-3-giorni-di-pace-e-musica-woodstock-back-to-the-garden-the-definitive-50th-anniversary-archive-giorno-3/ , non è disponibile in altro modo. La versione doppia costerà indicativamente intorno ai 20 euro, mentre per il cofanetto credo che ci vorranno un centinaio di euro.In ogni caso ecco il contenuto completo dettagliato delle varie edizioni.

Disc 1 (CD)

The Band new stereo mix

1. Across The Great Divide
2. Rag Mama Rag
3. The Night They Drove Old Dixie Down
4. When You Awake
5. Up On Cripple Creek
6. Whispering Pines
7. Jemima Surrender
8. Rockin’ Chair
9. Look Out Cleveland
10. Jawbone
11. The Unfaithful Servant
12. King Harvest (Has Surely Come)

Bonus tracks

13. Up On Cripple Creek (Earlier Take) *
14. Rag Mama Rag (Alternate Version) *
15. The Unfaithful Servant (Alternate Version) *
16. Look Out Cleveland (Instrumental Mix) *
17. Rockin’ Chair (A Cappella / Stripped Down) *
18. Up On Cripple Creek (Instrumental Mix) *

Disc 2 (CD)

Live At Woodstock (1969)

1. Chest Fever
2. Tears Of Rage
3. We Can Talk
4. Don’t Ya Tell Henry
5. Baby Don’t You Do It
6. Ain’t No More Cane On The Brazos
7. Long Black Veil
8. This Wheel’s On Fire
9. I Shall Be Released
10. The Weight
11. Loving You Is Sweeter Than Ever

Studio Bonus Tracks (from 2000 reissue)

12. Get Up Jake (Outtake – Stereo Mix)
13. Rag Mama Rag (Alternate Vocal Take – Rough Mix)
14. The Night They Drove Old Dixie Down (Alternate Mix)
15. Up On Cripple Creek (Alternate Take)
16. Whispering Pines (Alternate Take)
17. Jemima Surrender (Alternate Take)
18. King Harvest (Has Surely Come) (Alternate Performance)

Disc 3 (Blu-ray audio)

1. Across The Great Divide (Stereo and 5.1 Surround)
2. Rag Mama Rag (Stereo and 5.1 Surround)
3. The Night They Drove Old Dixie Down (Stereo and 5.1 Surround)
4. When You Awake (Stereo and 5.1 Surround)
5. Up On Cripple Creek (Stereo and 5.1 Surround)
6. Whispering Pines (Stereo and 5.1 Surround)
7. Jemima Surrender (Stereo and 5.1 Surround)
8. Rockin’ Chair (Stereo and 5.1 Surround)
9. Look Out Cleveland (Stereo and 5.1 Surround)
10. Jawbone (Stereo and 5.1 Surround)
11. The Unfaithful Servant (Stereo and 5.1 Surround)
12. King Harvest (Has Surely Come) (Stereo and 5.1 Surround)

Bonus Tracks

13. Up On Cripple Creek (Earlier Version) (Stereo and 5.1 Surround)
14. Rag Mama Rag (Alternate Version) (Stereo and 5.1 Surround)
15. The Unfaithful Servant Alternate Version) (Stereo and 5.1 Surround)
16. Look Out Cleveland (Instrumental Mix) (Stereo and 5.1 Surround)
17. Rockin’ Chair (A Cappella / Stripped Down) (Stereo and 5.1 Surround)
18. Up On Cripple Creek (Instrumental Mix) (Stereo and 5.1 Surround)

Disc 4 (The Band vinyl LP) The Band new stereo mix

Side A
1. Across The Great Divide
2. Rag Mama Rag
3. The Night They Drove Old Dixie Down

Side B
4. When You Awake
5. Up On Cripple Creek
6. Whispering Pines

Disc 5 (The Band vinyl LP) The Band new stereo mix

Side A

1. Jemima Surrender
2. Rockin’ Chair
3. Look Out Cleveland [Side A]

Side B

4. Jawbone
5. The Unfaithful Servant
6. King Harvest (Has Surely Come)

Disc: 6 (seven-inch single)

1. Rag Mama Rag (Side A, Original 1969 7″ Capitol Single)
2. The Unfaithful Servant (Side B, Original 1969 7″ Capitol Single)

Assolutamente da non mancare, magari la versione doppia, visto che se non siete accaniti collezionisti oppure molto facoltosi, questa volta si può scegliere.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 26. Altri Due Grandissimi Artisti Con “Nuovi” Album A Novembre: John Fogerty – 50 Year Trip: Live At Red Rocks/Leonard Cohen – Thanks For The Dance

john fogerty 50 year trip live at red rocksleonard cohen thanks for the dance

John Fogerty – 50 Year Trip: Live At Red Rocks – BMG – 08-11-2019

Leonard Cohen – Thanks For The Dance – Sony Legacy – 22-11-2019

Il presente mese di Ottobre ed il prossimo Novembre metteranno (come tutti gli anni) a durissima prova le finanze degli appassionati di musica, dato che oltre alla consueta messe di cofanetti ed edizioni celebrative di dischi del passato (dei quali Bruno vi sta puntualmente tenendo aggiornati), ci sono anche nuove proposte discografiche di veri e propri big del panorama mondiale, alcuni dei quali già annunciati in post precedenti a questo: Van Morrison, Bruce Springsteen, Nick Cave, Ringo Starr, The Who (questi tre ancora da fare) e Neil Young & Crazy Horse. Un’altra uscita a sorpresa da poco annunciata è quella di John Fogerty, che discograficamente è fermo all’album di duetti del 2013 Wrote A Song For Everyone https://discoclub.myblog.it/2013/06/06/sempre-le-stesse-canzoni-ma-che-belle-john-fogerty-wrote-a-s/  ma addirittura a Revival del 2007 se si parla di canzoni nuove.

L’8 Novembre l’ex leader dei Creedence Clearwater Revival tornerà tra noi con un nuovo lavoro, però si tratta “solo” di un altro album dal vivo (ma sembra che stia lavorando anche ad un disco in studio in programma per il 2020), intitolato 50 Year Trip: Live At Red Rocks, registrato il 20 Giugno di quest’anno nella suggestiva location del titolo e nell’ambito del tour che vede John autocelebrare il mezzo secolo di carriera (che in realtà coi Creedence è iniziata nel 1968, mentre se parliamo dei Golliwogs anche prima). Forse avere un nuovo live di Fogerty non è una cosa proprio originalissima, dato che dal 1998 il nostro ne ha pubblicati ben tre (Premonition, The Long Road Home ed il DVD Comin’ Down The Road registrato alla Royal Albert Hall) e che le scalette dei suoi concerti girano intorno un po’ sempre alle stesse canzoni, ma per il sottoscritto ascoltare certi capolavori del rock americano è sempre un’esperienza goduriosa.

Questa comunque la setlist del CD, che dovrebbe uscire pure in versione video (anche se non è ancora certo, ma le immagini ci sono in quanto verrà proiettato sempre a Novembre in poche selezionate sale cinematografiche americane):

Tracklist
1. Born On The Bayou
2. Green River
3. Lookin’ Out My Back Door
4. Susie Q
5. Who’ll Stop the Rain
6. Hey Tonight
7. Up Around The Bend
8. Rock And Roll Girls
9. I Heard It Through The Grapevine
10. Long As I Can See The Light
11. Run Through The Jungle
12. Keep On Chooglin’
13. Have You Ever Seen The Rain
14. Down On The Corner
15. Centerfield
16. The Old Man Down The Road
17. Fortunate Son
18. Bad Moon Rising
19. Proud Mary

Il 22 Novembre uscirà in maniera ancora più sorprendente Thanks For The Dance, album postumo del grande Leonard Cohen, una collezione formata da canzoni alle quali il songwriter canadese stava lavorando negli ultimi mesi della sua vita e che non avevano trovato posto in You Want It Darker https://discoclub.myblog.it/2016/10/20/la-bellezza-le-tenebre-leonard-cohen-you-want-it-darker/ , in alcuni casi per il fatto che erano semplici tracce vocali. Il figlio di Leonard, Adam, ha recentemente assemblato nove di quelle registrazioni e le ha completate con l’aiuto di sessionmen e musicisti della cerchia del padre, tra cui lo spagnolo Javier Mas, e con l’aggiunta di ospiti di fama come Jennifer Warnes (le cui strade si erano già incrociate con Cohen in passato), Damien Rice, il chitarrista Bryce Dessner dei National, Beck, Richard Reed Parry degli Arcade Fire ed addirittura Daniel Lanois che ha curato alcuni arrangiamenti.

Ecco la tracklist di Thanks For The Dance:

  1. Happens to the Heart
    2. Moving On
    3. The Night of Santiago
    4. Thanks for the Dance
    5. It’s Torn
    6. The Goal
    7. Puppets
    8. The Hills
    9. Listen to the Hummingbird

Dovrebbe trattarsi di un dischetto piuttosto corto (*NDB Dura 29 minuti, e il video di The Goal che vedete qui sopra, presentato come un teaser, in effetti è il brano completo 1 minuto e 12 secondi!), ma sarà sicuramente un piacere immenso risentire la voce del grande Leonard come se fosse ancora tra noi.

Alla prossima.

Marco Verdi

Che Natale Sarebbe Senza Un “Nuovo” Jimi Hendrix? Il 22 Novembre Esce Il Box Songs For Groovy Children: The Fillmore East Concerts

jimi hendrix songs for groovy children frontjimi hendrix songs for groovy children box

Jimi Hendrix – Songs For Groovy Children: The Fillmore East Concerts – 5 CD Box Set Sony Legacy – 22-11-2019

Lo scorso anno, naturalmente sempre più o meno nel periodo natalizio, era stato pubblicato https://discoclub.myblog.it/2018/12/03/correva-lanno-1968-2-jimi-hendrix-experience-electric-ladyland-deluxe-edition-50th-anniversary-box/ , l’anno prossimo che cadrà il cinquantesimo anniversario della morte di Jimi Hendrix non oso pensare a cosa penserà la famiglia per l’evento (spero comunque in qualcosa di interessante), ma per il momento occupiamoci di questo cofanetto di 5 CD che raccoglie l’integrale dei quattro concerti che Hendrix tenne con i Band Of Gypsys a cavallo tra il 31 dicembre 1969 e il 1° gennaio del 1970, due set per ogni giorno, per un totale 43 canzoni eseguite, tra cui almeno due dozzine mai pubblicate prima nelle varie edizioni discografiche che si sono succedute nel corso degli anni: leggete che cosa scrivevo nella mia recensione del 2016 a Machine Gun: The Fillmore East First Show 12/31/1969 ” Però quel First Show nel titolo fa presupporre che nel tempo ci saranno sicuramente dei seguiti, prima che fra qualche anno esca un cofanetto The Complete Fillmore Shows che conterrà l’integrale delle due serate, garantito!”. Sono stato quindi facile profeta, ma facciamo una breve cronistoria delle varie edizioni: nel marzo del 1970 esce il vinile di Band Of Gypsys con sole 6 canzoni, poi ampliato a nove per la prima edizione in CD del 1991, nel frattempo nel 1986 era uscito un vinile Band Of Gypsys 2 con altri 6 pezzi, curato da Alan Douglas, nel 1999 viene pubblicato Live At The Fillmore East, un doppio CD con 16 brani, sempre estratti dai quattro concerti e infine nel 2016 quel Machine Gun citato poc’anzi.

Ma la storia di questi concerti leggendari inizia molto prima nel tempo: infatti nel 1965 Hendrix, allora sconosciuto, firma un contratto con la PPX per la pubblicazione di un album di studio e poi per tre anni di esclusiva dei suoi servigi discografici(vicenda che si concluse molti anni dopo, con la pubblicazione di un album di cui vi ho parlato in questo Post https://discoclub.myblog.it/2015/04/04/puoi-usare-il-nome-il-cognome-si-curtis-knight-the-squires-featuring-jimi-hendrix-you-cant-use-my-name/ ), ma nel frattempo si era fatta viva anche la Capitol che avrebbe avuto diritto alla distribuzione di un album (in deroga al contratto con la Polydor/Track in Inghilterra e la Warner negli USA) e per evitare ulteriori beghe legali Jimi decise di consegnare un album dal vivo, forse meno laborioso da essere realizzato di uno di studio. Ma essendo Jimi Hendrix, il più grande chitarrista del mondo, decise di organizzare due serate al Fillmore East di New York per un totale di 4 concerti, tutti registrati con apparecchiature professionali, il massimo che consentiva la tecnica dell’epoca, da cui vennero estratti i miserrimi 6 pezzi che costituirono Band Of Gypsys. La band con Billy Cox al basso e Buddy Miles alla batteria era comunque formidabile e nel corso delle perfromances vennero eseguiti, come detto, ben 43 brani in totale, tra cui cui moltissime chicche, canzoni rare, cover e molto altro.

Vediamo le cose più interessanti che saranno presenti nel box in uscita il prossimo 22 novembre: Intanto Izabella, Ezy Ryder e Burning Desire, erano canzoni ancora inedite; altri brani mai eseguiti prima (credo, controllerò per la recensione al momento dell’uscita) c’erano anche Earth Blues e Stepping Stone. Non mancano versioni straordinarie di Machine Gun, Foxey Lady, Voodoo Child (Slight Return),Wild Thing,Hey Joe e Purple Haze, oltre ad alcune chicche assolute, queste mai uscite, a parte forse nei bootleg, di Stop di Howard Tate Steal Away di Jimmy Hughes, due grandi brani soul, oltre ad una rara Bleeding Heart di Elmore James, in una delle tipiche fiammeggianti versioni del mancino di Seattle. Il tutto sarà corredato da un libretto fotografico con scatti d’epoca di Amalie Rothschild, Jan Blom e Marc Franklin, mentre nelle note ci sarà anche un breve saggio dell’autore e filmmaker Nelson George, oltre alle reminiscenze di Billy Cox.  Per la parte tecnica all’opera Eddie Kramer e John McDermott  Come al solito qui sotto potete leggere la lista completa dei brani contenuti nel cofanetto.

 [CD1]
1. Power of Soul
2. Lover Man
3. Hear My Train a Comin’
4. Changes
5. Izabella
6. Machine Gun
7. Stop
8. Ezy Ryder
9. Bleeding Heart
10. Earth Blues
11. Burning Desire

[CD2]
1. Auld Lang Syne
2. Who Knows
3. Fire
4. Ezy Ryder
5. Machine Gun
6. Stone Free
7. Changes
8. Message to Love
9. Stop
10. Foxey Lady

[CD3]
1. Who Knows
2. Machine Gun
3. Changes
4. Power of Soul
5. Stepping Stone
6. Foxey Lady
7. Stop
8. Earth Blues
9. Burning Desire

[CD4]
1. Stone Free
2. Power of Soul
3. Changes
4. Message To Love
5. Machine Gun
6. Lover Man
7. Steal Away
8. Earth Blues

[CD5]
1. Voodoo Child (Slight Return)
2. We Gotta Live Together
3. Wild Thing
4. Hey Joe
5. Purple Haze

Appuntamento a fine novembre.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 25. Due Uscite A Sorpresa Per il 25 Ottobre: Bruce Springsteen – Western Stars Songs From The Film/Van Morrison Three Chords & The Truth

bruce springsteen western stars songs form the film van morrison three chords & the truth

Bruce Springsteen – Western Stars Songs From The Film – Columbia/Sony Music

Van Morrison – Three Chords & The Truth – Exile/Universal

Due dischi che escono “a sorpresa” entrambi il 25 ottobre:da qualche tempo, dopo l’annunciata uscita del film Western Stars, presentato in anteprima al Toronto Film Festival lo scorso mese e che sarà nelle sale americane a Novembre, e per due giorni, il 2 e 3 dicembre, anche nei cinema italiani, esce abbastanza a sorpresa e velocemente per gli standards di Bruce Springsteen il nuovo CD con la colonna sonora del documentario, il primo che lo vede impegnato come regista (stranamente in uscita per la Warner Bros). Si tratta in pratica di una storia ispirata dai temi delle canzoni dell’album, quindi l’amore, sia per la famiglia che per i viaggi, da sempre presenti nelle canzoni di Springsteen, ma anche i problemi come la solitudine, la perdita del lavoro e delle persone care, il trascorrere del tempo e molte altre situazioni, anche sociali, narrate in prima persona dal cantautore, che ha aggiunto anche filmati d’archivio e, soprattutto, nuove versioni delle canzoni, registrate dal vivo in una fattoria, la Stone Hill Farm a Colts Neck nel New Jersey, davanti ad un pubblico ad inviti, con una band di otto elementi e anche una orchestra di archi e fiati di una ventina di elementi. Canzoni che nel film sono inserite per seguire la narrazione della vicenda, mentre nel disco si possono ascoltare in una unica sequenza. Sono i tredici brani dell’album di studio, più posta in conclusione una cover di Glenn Campbell, una delle influenze dichiarate a livello sonorità di Western Stars.

1. Hitch Hikin’
2. The Wayfarer
3. Tucson Train
4. Western Stars
5. Sleepy Joe’s Café
6. Drive Fast (The Stuntman)
7. Chasin’ Wild Horses
8. Sundown
9. Somewhere North of Nashville
10. Stones
11. There Goes My Miracle
12. Hello Sunshine
13. Moonlight Motel
14. Rhinestone Cowboy

I musicisti che suonano nell’album sono Patti Scialfa, che ha anche curato gli arrangiamenti delle armonie vocali di Soozie Tyrell, Lisa Lowell, Vaneese Thomas, e Surrenity XYZ, sempre dalla E Street Band Charlie Giordano a piano, organo e fisarmonica, i due chitarristi che fiancheggiano Bruce sono Marc Muller Ben Butler, impegnati anche al banjo, il secondo tastierista Rob Mathes, un terzo Henry Hey, Kevin Rastegar al basso e Gunnar Olsen alla batteria. Per la parte filmica Bruce si è avvalso alla regia del suo collaboratore storico Thom Zinny, mentre la parte audio è stata co-prodotta con Ron Aniello, e in fase mixaggio e masterizzazione da Bob Clearmountain Bob Ludwig. Visto che già ci era piaciuta la versione in studio attendiamo fiduciosi anche per la versione live.

Sempre lo stesso giorno esce anche il nuovo album di Van Morrison Three Chords & The Truth (una celebre frase coniata negli anni ’50 da Harlan Howard, per definire la country music): disco che era stato annunciato già da luglio, ma poi pareva scomparso dai radar, per riapparire puntuale nelle uscite di fine ottobre. Dai brani che ho ascoltato, dopo una serie di album, peraltro molto buoni, in cui il suono oscillava tra blues, jazz e R&B, mi sembra che l’irlandese con questo album ritorni al suo stile classico, quel Celtic Soul per l’ultima volta in tempi recenti frequentato nell’ottimo album Keep Me Singing del 2016. Quattordici canzoni nuove tutte scritte da Van (a parte If We Wait For Mountains, scritta insieme a  Don Black), per un totale di circa 70 minuti di musica. Il “solito” Van Morrison, quindi ottimo, particolarmente ispirato in occasione del suo 41° album, il sesto negli ultimi quattro anni, a conferma di un periodo di fervida ispirazione e la voce, manco a dirlo, è sempre splendida, come se per lui il tempo non passasse mai.

Nell’album appaiono Bill Medley dei Righteous Brothers che duetta con Morrison in Fame Will Eat The Soul Jay Berliner, il chitarrista che suonava in Astral Weeks e come al solito ecco la lista completa dei brani.

1. March Winds In Februrary
2. Fame Will Eat The Soul
3. Dark Night Of The Soul
4. In Search Of Grace
5. Nobody In Charge
6. You Don’t Understand
7. Read Between The Lines
8. Does Love Conquer All?
9. Early Days
10. If We Wait For Mountains
11. Up On Broadway
12. Three Chords And The Truth
13. Bags Under My Eyes
14. Days Gone By

Direi che per il momento è tutto, alla prossima.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 24. Non Uno Ma Addirittura Due Tributi A Chuck Berry In Uscita: Il Primo Di Mike Zito & Friends Il 1° Novembre, Quello Dal Vivo Di Ronnie Wood Con I Wild Five Previsto Per Il 15 Novembre

mike zito a tribute to chuck berry ronnie wood mad lad a live tribute to chuck berry

Mike Zito And Friends – A Tribute To Chuck Berry – Ruf Records – 01-11-2019

Ronnie Wood With His Wild Five – Mad Lad: A Live Tribute To Chuck Berry with guest Imelda May – BMG – 15-11-2019

Per scrupolo ho controllato, ma prossimamente non ricorre alcun anniversario di Chuck Berry, né della data di morte e neppure di quella di nascita, evidentemente si tratta di una coincidenza, entrambi i musicisti hanno pensato che fosse giunto il momento di dedicare un tributo al grande musicista di St. Louis, uno degli inventori del Rock And Roll, e quindi a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro pubblicano i loro CD incentrati sullo stesso argomento, le canzoni di Chuck Berry.

In effetti Mike Zito (anche se ha svolto la sua attività tra Tennessee, Louisiana e, negli ultimi anni; Texas) è nato proprio nella città del Missouri che ha dato i natali anche a Berry: chitarrista e cantante (ah già, pure l’altro) è uno dei preferiti del sottoscritto e quindi del Blog, dove le recensioni dei suoi dischi, spesso eccellenti, sono di casa, l’ultimo, lo scorso anno è stato https://discoclub.myblog.it/2018/06/02/blues-rock-veramente-di-prima-classe-mike-zito-first-class-life/ ,, ma se seguite i link all’interno del Post, a ritroso potete andare a rileggervi tutti quelli dedicati a lui..Zito è anche un ottimo produttore e spesso comunque nei suoi dischi si trova la presenza di diversi ospiti, e altri sono quelli a cui ha prestato i suoi servigi, comunque la lista di quelli presenti in questo A Tribute To Chuck Berry, in uscita per la Ruf il 1° novembre è veramente impressionante. Registrate le basi ai Marz Studios di sua proprietà, situati a Nederland (?!?) la piccola cittadina del Texas dove vive Mike, con l’aiuto dell’ingegnere del suono David Farrell, ha poi provveduto ad inoltrarli ai 21 chitarristi, dicasi ventuno, che hanno provveduto ad aggiungere le proprie parti (come si usa quando non ci sono i soldi per trovarsi tutti insieme a registrare nella stessa sala) e rispedirle a Zito, che ha poi provveduto ad assemblarle, ed il risultato finale è quello che ascolteremo tra breve.

A parte un paio di presenze di cui francamente avrei fatto a meno (Testament, Guns N’ Roses? Ma per favore) la lista degli ospiti, come detto, è veramente impressionante. I brani sono 20, perché in uno, oltre allo stesso Mike, i solisti sono due, Josh Smith e Kirk Fletcher: del nipote di Chuck, tale Charlie Berry III, ignoravo l’esistenza, ma evidentemente è un segnale di continuità col passato, però non si possono non citare Walter Trout, Joe Bonamassa, Anders Osborne, Robben Ford, Eric Gales, Luther Dickinson, Sonny Landreth, Tinsley Ellis, Tommy Castro. In ogni caso ecco la lista dei brani e dei rispettivi solisti che appaiono in ciascuna canzone. E dai due brani che potete ascoltare il risultato mi sembra veramente notevole,

1. St. Louis Blues – Charlie Berry III
2. Rock N Roll Music – Joanna Connor
3. Johnny B Goode – Walter Trout
4. Wee Wee Hours – Joe Bonamassa
5. Memphis – Anders Osborne
6. I Want To Be Your Driver – Ryan Perry
7. You Never Can Tell – Robben Ford
8. Back In The USA – Eric Gales
9. No Particular Place To Go – Jeremiah Johnson
10. Too Much Monkey Business – Luther Dickinson
11. Havana Moon – Sonny Landreth
12. Promised Land – Tinsley Ellis
13. Downbound Train – Alex Skolnick
14. Maybelline – Richard Fortus
15. School Days – Ally Venable
16. Brown Eyed Handsome Man – Josh Smith/Kirk Fletcher
17. Reeling And Rocking – Tommy Castro
18. Let It Rock – Jimmy Vivino
19. Thirty Days – Albert Castiglia
20. My Ding A Ling – Kid Andersen

Il 15 novembre invece è prevista l’uscita di Mad Lad: A Live Tribute To Chuck Berry, un album di cui si parlava già da qualche tempo: si tratta di un concerto registrato nel 2018 al Tivoli Theatre di Wimborne, in Inghilterra, e il cui repertorio non consta integralmente di canzoni scritte da Chuck Berry, ma ci sono anche Tribute to Chuck Berry, scritta dallo stesso Ronnie Wood, Worried Life Blues di Maceo Merriweather, che era il lato B di Bye Bye Johnny..Chi cacchio suoni nel gruppo His Wild Five francamente non lo so, e forse, come ha detto qualcuno, se un tributo così lo avesse fatto l’altro gruppo in cui suona Ronnie, tali Rolling Stones, oppure se a cantare avesse chiamato quell’altro suo vecchio amico scozzese Rod Stewart, forse il risultato sarebbe stato ben altro. Comunque saggiamente Wood ha chiamato a cantare in tre bravi la bravissima vocalist irlandese Imelda May (probabilmente conosciuta tramite Jeff Beck), e al piano appare come ospite Ben Waters.

In ogni caso, come si può ascoltare qui sopra il risultato non è per nulla disprezzabile. E volendo, se avete tanti soldi, oltre alle edizioni in CD e vinile, usciranno anche delle versioni per collezionisti, una deluxe CD+LP+una artcard 12×12 dell’artwork della copertina, oppure una super deluxe con CD, LP, Stampa della parte grafica, Set List dei contenuti numerata e firmata e T-Shirt. Ecco la lista completa dei contenuti dell’album.

  1. Tribute to Chuck Berry
  2. Talking About You
  3. Mad Lad
  4. Wee Wee Hours Feat Imelda May
  5. Almost Grown Feat Imelda May
  6. Back In The USA
  7. Blue Feeling
  8. Worried Life Blues
  9. Little Queenie
  10. Rock ‘N’ Roll Music Feat Imelda May
  11. Johnny B Goode

That’s All Folks, alla prossima.

Bruno Conti

Novità Prossime Venture 23. Kinks – Arthur (Or The Decline And Fall Of The British Empire) (50th Anniv. Ed.). Proseguono Le Ristampe Deluxe Della Band Dei Fratelli Davies.

kinks arthur box 50th anniversay

The Kinks – Arthur (Or The Decline And Fall Of The British Empire) (50th Anniv. 2Ed.) – 4 CD + 4 7″ + Libro + Memorabilia varia – 2 LP – 2 CD Sanctuary – 25-10-2019

Circa un anno dopo l’uscita del cofanetto relativo a https://discoclub.myblog.it/2018/11/20/recensioni-cofanetti-autunno-inverno-6-una-sontuosa-riedizione-di-un-capolavoro-minore-the-kinks-are-the-village-green-preservation-society-50th-anniversary/ , tornano le ristampe potenziate del catalogo dei Kinks, questa volta tocca a Arthur (per brevità), che uscì in origine il 10 ottobre del 1969 e che, nonostante le ottime critiche non entrò neppure nelle classifiche inglese e negli USA arrivò solo al 105° posto. Già nel 2004 e poi nel 2011 (in questo caso un doppio CD) erano state pubblicate delle edizioni rimasterizzate con l’aggiunta di svariate bonus, ma questa volta si arriva addirittura a 4 CD (anche ci sarà, come vedete all’inizio del Post, pure nel 2019 una versione doppia.

Al di là delle versioni mono e stereo dell’album, entrambe con bonus, nei primi 2 CD, e il 4° CD con demo, prove, brani presi dalla BBC, molti dei quali sono le stesse delle precedenti edizioni, la chicca del cofanetto dovrebbe essere quello che è stato definito The Great Lost Dave Davies Album Plus], ovvero un album solista del fratello minore Dave previsto per il 1968/1969 ma mai pubblicato, brani che sono usciti comunque a rate in varie antologie e ristampe della band inglese e nella quasi totalità nelle versioni 2004-2011. Per l’occasione ci dovrebbe essere l’album integrale in formato stereo e mono, più qualche versione alternativa. Diciamo materiale interessante soprattutto per i maniaci dei Kinks, anche per la presenza di ben quattro 45 giri. La versione doppia è un riassunto dei brani contenuti nel quadruplo. Comunque qui sotto trovate le tracklist dettagliate di entrambe le edizioni.

Versione quadrupla.

CD1: Original Stereo Album, 2019 Remaster]
1. Victoria (Stereo)
2. Yes Sir, No Sir (Stereo)
3. Some Mother’s Son (Stereo)
4. Drivin’ (Stereo)
5. Brainwashed (Stereo)
6. Australia (Stereo)
7. Shangri-La (Stereo)
8. Mr. Churchill Says (Stereo)
9. She’s Bought A Hat Like Princess Marina (Stereo)
10. Young And Innocent Days (Stereo)
11. Nothing To Say (Stereo)
12. Arthur (Stereo)
Bonus Tracks:
13. Plastic Man (Stereo)
14. Victoria (Alternate Stereo Mix)
15. Yes Sir, No Sir (Alternate Stereo Mix)
16. Drivin’ (Alternate Stereo Mix)
17. Brainwashed (Alternate Stereo Mix)
18. Australia (Alternate Stereo Mix)
19. Shangri-La (Alternate Stereo Mix)

[CD2: Original Mono Album, 2019 Remaster]
1. Victoria (Mono)
2. Yes Sir, No Sir (Mono)
3. Some Mother’s Son (Mono)
4. Drivin’ (Mono)
5. Brainwashed (Mono)
6. Australia (Mono)
7. Shangri-La (Mono)
8. Mr. Churchill Says (Mono)
9. She’s Bought A Hat Like Princess Marina (Mono)
10. Young And Innocent Days (Mono)
11. Nothing To Say (Mono)
12. Arthur (Mono)
Bonus Tracks:
13. Plastic Man (Mono)
14. King Kong (Mono)
15. Victoria (Alternate Mono Mix)
16. Australia (Alternate Mono Acetate Mix)
17. Shangri-La (Alternate Mono Mix)
18. She’s Bought A Hat Like Princess Marina (Alternate Mono Mix)
19. Australia (Australian Mono Single Mix/Edit)

[CD3: The Great Lost Dave Davies Album Plus]
1. This Man He Weeps Tonight (Stereo)
2. Mindless Child Of Motherhood (Stereo)
3. Hold My Hand (Stereo)
4. Do You Wish To Be A Man? (Stereo)
5. Are You Ready? (Stereo)
6. Creeping Jean (Stereo)
7. I’m Crying (Stereo)
8. Lincoln County (Stereo)
9. Mr. Shoemaker’s Daughter (Stereo)
10. Mr. Reporter (Stereo)
11. Groovy Movies (Stereo)
12. There Is No Life Without Love (Stereo)
Bonus Tracks:
13. Lincoln County (Mono Single Mix/Edit)
14. There Is No Life Without Love (Mono)
15. Hold My Hand (Mono)
16. Creeping Jean (Mono Single Mix/Edit)
17. Mindless Child Of Motherhood (Mono)
18. This Man He Weeps Tonight (Mono)
19. Mr. Shoemaker’s Daughter (Alternate Stereo Mix)
20. Mr. Reporter (Alternate Stereo Mix)
21. Groovy Movies (Alternate Stereo Mix)
22. Lincoln County (Acoustic Mix)
23. Hold My Hand (Alternate Take)

[CD4: Demos, Rehearsals, BBC & Remixes]
1. Arthur’s Journey (Introduction)
2. Australia (2019 Mix)
3. Home Demos Medley, 1969: Arthur / Victoria / Some Mother’s Son / Drivin’ / Brainwashed / Mr. Churchill Says (TV Premix)
4. Shangri-La (2019 Mix)
5. My Big Sister (Theatrical Version)
6. Stevenage (Theatrical Version)
7. Space (Theatrical Version) (Full Version)
8. The Future (Doo-Wop Version)
9. Arthur (Doo-Wop Version)
10. The Virgin Soldiers March
11. Soldiers Coming Home (Instrumental)
12. King Kong (BBC Mix)
13. Victoria (Ray Davies & Band With The DR Symphony & Vocal Ensemble) (Stereo)
14. Arthur (BBC Mix)

Versione Doppia.

[CD1]
1. Victoria (Stereo) [2019 – Remaster]
2. Yes Sir, No Sir (Stereo) [2019 – Remaster]
3. Some Mother’s Son (Stereo) [2019 – Remaster]
4. Drivin’ (Stereo) [2019 – Remaster]
5. Brainwashed (Stereo) [2019 – Remaster]
6. Australia (Stereo) [2019 – Remaster]
7. Shangri-La (Stereo) [2019 – Remaster]
8. Mr. Churchill Says (Stereo) [2019 – Remaster]
9. She’s Bought A Hat Like Princess Marina (Stereo) [2019 – Remaster]
10. Young And Innocent Days (Stereo) [2019 – Remaster]
11. Nothing To Say (Stereo) [2019 – Remaster]
12. Arthur (Stereo) [2019 – Remaster]
13. Plastic Man (Stereo) [2019 – Remaster]
14. King Kong (Mono) [2019 – Remaster]
15. Drivin’ (Mono) [2019 – Remaster]
16. Mindless Child Of Motherhood (Mono) [2019 – Remaster]
17. Shangri-La (Mono) [2019 – Remaster]
18. This Man He Weeps Tonight (Mono) [2019 – Remaster]
19. Australia (Australian Mono Single Mix) (Edit) [2019 – Remaster]

[CD2]
1. This Man He Weeps Tonight (Stereo) [2019 – Remaster]
2. Mindless Child Of Motherhood (Stereo) [2019 – Remaster]
3. Hold My Hand (Stereo) [2019 – Remaster]
4. Do You Wish To Be A Man (Stereo) [2019 – Remaster]
5. Are You Ready (Stereo) [2019 – Remaster]
6. Creeping Jean (Stereo) [2019 – Remaster]
7. I’m Crying (Stereo) [2019 – Remaster]
8. Lincoln County (Stereo) [2019 – Remaster]
9. Mr. Shoemaker’s Daughter (Stereo) [2019 – Remaster]
10. Mr. Reporter (Stereo) [2019 – Remaster]
11. Groovy Movies (Stereo) [2019 – Remaster]
12. There Is No Life Without Love (Stereo) [2019 – Remaster]
13. Lincoln County (Mono Single Mix) (Edit) (Stereo) [2019 – Remaster]
14. There Is No Life Without Love (Mono) [2019 – Remaster]
15. Hold My Hand (Mono) [2019 – Remaster]
16. Creeping Jean (Mono Single Mix) [2019 – Remaster]

Considerando che il cofanetto, al solito molto indicativamente dovrebbe costare intorno ai 70 euro e quella doppia invece meno di 20, fate i vostri conti. Esce il 25 ottobre.

Bruno Conti