Prossime Uscite Autunnali 4. Bob Dylan – More Blood, More Tracks Bootleg Series Vol.14: Album Fantastico, Confezione Strepitosa, Il Contenuto Forse Un Po’ Meno. Esce Il 2 Novembre

bob dylan more blood more tracks

Bob Dylan – Bootleg Series Vol.14: More Blood, More Tracks – Columbia/Legacy Deluxe Edition 6 CD – 2 LP – 1 CD Standard – 02-11-2018

Si avvicina il Natale e si fa dunque quella stagione in cui viene annunciato il nuovo capitolo delle Bootleg Series di Bob Dylan. Siamo arrivati al volume 14 e il disco che viene trattato è uno di quelli epocali del nostro amico, Blood On The Tracks, l’album del 1975 che nel comune sentire rappresentava la fine tormentata della sua storia d’amore con Sara Lownds, attraverso una serie di dieci splendidi acquarelli. Ma essendo Bob anche Dylan, il nostro amico lo ha sempre smentito, anche nella sua autobiografia del 2004 Chronicles – Vol. 1, affermando che i testi dei brani erano stati ispirati dalla lettura dei racconti di Anton Cechov. Sarà, quello che è certo è che si tratta di uno dei dischi più belli in assoluto della sua discografia e quindi era molto atteso il trattamento Deluxe che sarebbe stato riservato a questo caposaldo assoluto della sua opera.

Devo dire che leggendo i contenuti sono rimasto un po’ deluso da come sono stati compilati i 6 CD che comporranno la Deluxe Edition: confezione splendida, come si vede sopra, con il solito mega libro rilegato con le foto dell’epoca e le note curate da Jeff Slate, più la riproduzione di uno dei leggendari taccuini dove Dylan annotava a mano tutti gli sviluppi cronologici dei testi delle sue canzoni. Ovviamente quello da 57 pagine contenuto nella confezione riguarda Blood On The Tracks. Però, visto il prezzo, che dalle prime notizie in arrivo dagli Usa dovrebbe superare i 150 dollari (poi magari scenderà, soprattutto nelle versioni europee quando saranno annunciate, anche se non sembra visto che si parla di “strictly limited edition”, ma per le uscite precedenti della serie è sempre successo), mi pare “deludente”, notasi il virgolettato: un totale di 87 pezzi, di cui 70 mai pubblicati prima, e fin qui ci siamo, ma leggendo bene la tracklist, che trovate subito sotto, non si può fare a meno di notare che, brani “rari” se ne trovano veramente pochi, direi due, per il resto sono decine di takes alternative delle stesse canzoni ripetute più e più volte, anche se il criterio utilizzato è quello di proporre i brani nella sequenza cronologica in cui vennero registrati nelle sessions di New York dal 16 al 19 settembre 1974, outtakes, false partenze e chiacchiere di studio incluse, mentre le ultime cinque canzoni del 6° CD sono quelle rimaste dalle sessions di Minneapolis, registrate tra il 27 e il 30 dicembre 1974 e poi uscite sul disco pubblicato nel 1975, naturalmente e opportunamente rimasterizzate utilizzando, ove disponibili i master originali dell’epoca. Ottimo ed affascinante, per quanto te lo facciano pagare non poco, quindi indicato per “dylaniani” e “dylaniati”, soprattutto facoltosi, oppure disposti al sacrificio finanziario in quanto collezionisti compulsivi, forse meno per gli altri, ma quando uscirà magari ascoltandolo potrei ammettere di essermi sbagliato: la missione come al solito sarà affidata all’amico Marco Verdi, che probabilmente sta leggendo questo Post e sa che gli tocca, anche in qualità di fan. Per il momento.

DISC 1

A & R Studios
New York
September 16, 1974

If You See Her, Say Hello (Take 1) – solo
If You See Her, Say Hello (Take 2) – solo – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 2) – solo
Simple Twist of Fate (Take 1) – solo
Simple Twist of Fate (Take 2) – solo
You’re a Big Girl Now (Take 3) – solo
Up to Me (Rehearsal) – solo
Up to Me (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 1) – solo
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 2) – solo – included on Blood on the Tracks test pressing

Bob Dylan – vocals, guitar, harmonica

DISC 2

A & R Studios
New York
September 16, 1974

Simple Twist of Fate (Take 1A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 2A) – with band
Simple Twist of Fate (Take 3A) – with band
Call Letter Blues (Take 1) – with band
Meet Me in the Morning (Take 1) – with band – edited version included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Blood on the Tracks
Call Letter Blues (Take 2) – with band – previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Idiot Wind (Take 1) – with bass
Idiot Wind (Take 1, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 3 with insert) – with bass
Idiot Wind (Take 5) – with bass
Idiot Wind (Take 6) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Rehearsal and Take 1) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 3) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 4) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 5) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 6, Remake) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 7) – with band
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 8) – with band

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Eric Weissberg, Charles Brown III, Barry Kornfeld: guitars
Thomas McFaul: keyboards
Tony Brown: bass
Richard Crooks: drums
Buddy Cage: steel guitar (5-6)

DISC 3

A & R Studios
New York
September 16, 1974

Tangled Up in Blue (Take 1) – with bass

A & R Studios
New York
September 17, 1974

You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake) – with bass and organ
You’re a Big Girl Now (Take 2, Remake) – with bass, organ, and steel guitar –included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on Biograph
Tangled Up in Blue (Rehearsal) – with bass and organ
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake) – with bass and organ
Spanish is the Loving Tongue (Take 1) – with bass and piano
Call Letter Blues (Rehearsal) – with bass and piano
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake) – with bass and piano
Shelter From The Storm (Take 1) – with bass and piano – previously released on the Jerry McGuire original soundtrack
Buckets of Rain (Take 1) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 2) – with bass
Shelter From The Storm (Take 3) – with bass
Shelter From The Storm (Take 4) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass
Paul Griffin: keyboards (2-9)
Buddy Cage: steel guitar (3)

DISC 4

A & R Studios
New York
September 17, 1974

You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake 2) – with bass
You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 2, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks

A & R Studios
New York
September 18, 1974

Buckets of Rain (Take 1, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 2, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 3, Remake) – solo
Buckets of Rain (Take 4, Remake) – solo

A & R Studios
New York
September 19, 1974

Up to Me (Take 1, Remake) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 1, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 2, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Take 4, Remake 2) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello (Take 1, Remake) – with bass – previously included on Blood on the Tracks test pressing
Up to Me (Take 1, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 2) – with bass
Up to Me (Take 3, Remake 2) – with bass
Buckets of Rain (Rehearsal) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake) – with bass – previously released on the “Duquesne Whistle” 7” single
Meet Me in the Morning (Take 2, Remake) – with bass
Buckets of Rain (Take 5, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass (1-2, 7-20)

DISC 5

A & R Studios
New York
September 19, 1974

Tangled Up in Blue (Rehearsal and Take 1, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 2, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 2) – with bass – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
Simple Twist of Fate (Take 2, Remake) – with bass
Simple Twist of Fate (Take 3, Remake) – with bass – previously released on Blood on the Tracks
Up to Me (Rehearsal and Take 1, Remake 3) – with bass
Up to Me (Take 2, Remake 3) – with bass – previously released on Biograph
Idiot Wind (Rehearsal and Takes 1-3, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with bass
Idiot Wind (Take 4, Remake) – with organ overdub – included on Blood on the Tracks test pressing and previously released on The Bootleg Series, Vols. 1-3: Rare and Unreleased, 1961-1991
You’re a Big Girl Now (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Take 1, Remake 2) – with bass
Meet Me in the Morning (Takes 2-3, Remake 2) – with bass

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica
Tony Brown: bass

DISC 6

A & R Studios
New York
September 19, 1974

You’re a Big Girl Now (Takes 3-6, Remake 2) – with bass
Tangled Up in Blue (Rehearsal and Takes 1-2, Remake 3) – with bass
Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 3) – with bass

Sound 80 Studio
Minneapolis, MN
December 27, 1974

Idiot Wind – with band – previously released on Blood on the Tracks
You’re a Big Girl Now – with band – previously released on Blood on the Tracks

Sound 80 Studio
Minneapolis, MN
December 30, 1974

Tangled Up in Blue – with band – previously released on Blood on the Tracks
Lily, Rosemary and the Jack of Hearts – with band – previously released on Blood on the Tracks
If You See Her, Say Hello – with band – previously released on Blood on the Tracks

Bob Dylan: vocals, guitar, harmonica, organ (4-5), mandolin (8)
Tony Brown: bass (1-3)
Chris Weber: guitar (4-6, 8)
Kevin Odegard: guitar (6)
Peter Ostroushko: mandolin (8)
Gregg Inhofer: keyboards (4-8)
Billy Peterson: bass (4, 6-7)
Bill Berg: drums (4-8)

All songs written by Bob Dylan except Spanish is the Loving Tongue (traditional, arranged by Bob Dylan)

New York sessions originally engineered by Phil Ramone

Minneapolis sessions originally engineered by Paul Martinson

 

bob dylan more blood more tracks 1 cdbob dylan more blood more tracks vinyl

Ci sarà anche la versione per “poveri”, ma questa volta non sarà il solito doppio CD, ma un misero disco singolo con 11 brani, le dieci canzoni dell’album più Up To Me

SINGLE DISC/ 2 LP
1. Tangled Up in Blue (Take 3, Remake 3)
2. Simple Twist of Fate (Take 1)
3. Shelter from the Storm (Take 2)
4. You’re a Big Girl Now (Take 2)
5. Buckets of Rain (Take 2, Remake)
6. If You See Her, Say Hello (Take 1 Edit)
7. Lily, Rosemary and the Jack of Hearts (Take 2)
8. Meet Me in the Morning (Take 1, Remake Edit)
9. Idiot Wind (Take 4, Remake Edit)
10. You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go (Take 1, Remake 2)
11. Up to Me (Take 2, Remake)

Big Brother And The Holding Co. – Sex, Dope And Cheap Thrills. Anche “Questo” Album Compie 50 Anni E Recupera Il Suo Titolo Originale (Oltre A 25 Tracce Inedite): Esce il 30 Novembre.

Big Brother And The Holding Company Sex Dope And Cheap Thrills

Big Brother & The Holding Co. – Sex, Dope And Cheap Thrills – 2 CD Sony Legacy – 30-11-2018

Naturalmente stiamo parlando di quel disco che all’origine si chiamava Cheap Thrills, uscito il 12 agosto del 1968, si trattava del secondo album della band guidata da Janis Joplin (con Sam Andrew, James Gurley, Peter Albin Dave Getz), quello della loro consacrazione, che li porterà al primo posto delle classifiche di vendita americane di Billboard, e segnerà anche l’inizio della fine della loro breve vita come gruppo, in quanto già il 1° Dicembre, dopo un concerto a San Francisco, Janis Joplin lascia la la band, anche se continueranno comunque come Big Brother fino al 1972, ma senza Janis non è più stata la stessa cosa. L’album all’inizio doveva chiamarsi Sex, Dope And Cheap Thrills, abbreviato su richiesta della Columbia, che bocciò anche la foto di copertina che li ritraeva nudi sul letto di una camera di albergo, sostituendolo con il famoso disegno di Robert Crumb, va bene che era la Summer Of Love, ma l’America era ancora molto puritana. Il disco era anche un finto Live, in quanto gli applausi erano stati aggiunti in post produzione e l’unico pezzo veramente dal vivo era la strepitosa versione di Ball And Chain, registrata al San Francisco’s Winterland Ballroom il 12 Aprile del 1968. Ecco qui sotto come doveva essere la copertina originale, che non è stata recuperata, solo il titolo non usato, e quella dell’album dell’epoca.

Big Brother And The Holding Company Sex Dope And Cheap Thrills coverBig Brother And The Holding Company Cheap Thrills

Il fatto interessante è che in questa nuova edizione non appaiono i brani del disco originale, meno uno (quindi un’ottima cosa se lo avete già, in caso contrario è d’uopo provvedere, in quanto si tratta di uno dischi più belli dell’era psichedelica, e per meno di 10 euro fate vostra l’edizione rimasterizzata del 1999, arricchita anche da 4 bonus tracks), a cui aggiungere il CD doppio in cui ci sono trenta pezzi, di cui 25 sono inediti su disco, mentre i restanti cinque era apparsi nei seguenti CD: Summertime (Take 2) (su una compilaton del 1993 della Joplin); Roadblock (Take 1) (era l’unica presente come bonus nella versione 1999 di Cheap Thrills); It’s A Deal (Take 1) e Easy Once You Know How (Take 1) (entrambe erano sul disco Rare Pearls nel Box Pearls); e Magic Of Love (Take 1) (dal disco Columbia/Legacy per il Record Store Day, Move Over!). Tutto il resto è inedito, come potete verificare nella tracklist completa che leggete sotto; in questo caso quelli con l’asterisco sono i pezzi già editi.

[CD1]
1. Combination Of The Two (Take 3)
2. I Need A Man To Love (Take 4)
3. Summertime (Take 2) *
4. Piece Of My Heart (Take 6)
5. Harry (Take 10)
6. Turtle Blues (Take 4)
7. Oh, Sweet Mary
8. Ball And Chain (Live, The Winterland Ballroom, April 12, 1968)
9. Roadblock (Take 1) *
10. Catch Me Daddy (Take 1)
11. It’s A Deal (Take 1) *
12. Easy Once You Know How (Take 1) *
13. How Many Times Blues Jam
14. Farewell Song (Take 7)

[CD2]
1. Flower In The Sun (Take 3)
2. Oh Sweet Mary
3. Summertime (Take 1)
4. Piece Of My Heart (Take 4)
5. Catch Me Daddy (Take 9)
6. Catch Me Daddy (Take 10)
7. I Need A Man To Love (Take 3)
8. Harry (Take 9)
9. Farewell Song (Take 4)
10. Misery’n (Takes 2 & 3)
11. Misery’n (Take 4)
12. Magic Of Love (Take 1) *
13. Turtle Blues (Take 9)
14. Turtle Blues (Last Verse Takes 1-3)
15. Piece Of My Heart (Take 3)
16. Farewell Song (Take 5)

* Previously released

Di Janis Joplin, che, detto per inciso, è una delle mie voci femminili rock preferite in assoluto (probabilmente la numero uno, e un’altra delle grandissime come Grace Slick ha firmato proprio le note del libretto del doppio CD, insieme a Dave Getz) mi è capitato di scrivere in un paio di occasioni sul Blog: trovate i Post qui https://discoclub.myblog.it/2010/10/04/janis-joplin-19-01-1943-04-10-19701/ e qui https://discoclub.myblog.it/2012/04/02/quatto-ragazzi-e-una-ragazza-44-anni-fa-big-brother-the-hold/ . Dopo l’uscita del disco, prevista per il 30 novembre p.v., non mancheremo di tornarci nuovamente con la recensione completa.

Per il momento prendete buona nota.

Bruno Conti

Ormai E’ Una Garanzia, Prolifico Ma Sempre Valido: Ha Fatto Tredici! Joe Bonamassa – Redemption

joe bonamassa redemption 21-9

Joe Bonamassa – Redemption – Mascot/Provogue

Sono già passati due anni e mezzo dall’ultimo album di studio di Joe Bonamassa Blues Of Desperation, uscito nel marzo 2016 https://discoclub.myblog.it/2016/03/20/supplemento-della-domenica-anteprima-nuovo-joe-bonamassa-ormai-certezza-blues-of-desperation-uscita-il-25-marzo/ . Calma, vi vedo irrequieti: lo so che in questo periodo  il musicista newyorkese ha pubblicato almeno tre album dal vivo https://discoclub.myblog.it/2018/05/13/uno-strepitoso-omaggio-ai-tre-re-inglesi-della-chitarra-joe-bonamassa-british-blues-explosion-live/ , la reunion dei Black Country Communion, ha partecipato al disco dei Rock Candy Funk Party, e alla fine di gennaio è uscito l’album in coppia con Beth Hart Black Coffee https://discoclub.myblog.it/2018/01/21/supplemento-della-domenica-di-nuovo-insieme-alla-grande-anteprima-nuovo-album-beth-hart-joe-bonamassa-black-coffee/ . Ma stiamo parlando di Bonamassa, “the hardest working man in show business”, uno che i dischi li fa anche quando dorme. E quello che sorprende, a parte per i suoi detrattori, o quelli che non lo amano, è che la qualità dei dischi rimane sempre sorprendentemente alta. Il CD Redemption, disco di studio n* 13, uscirà il 21 settembre, quindi visto che la recensione, come al solito, l’ho scritta qualche tempo prima dell’uscita, non ho tutte le informazioni precise.

Comunque si sa che questa volta il produttore Jerry Shirley, su suggerimento di Bonamassa si presume, ha voluto apportare alcune modifiche al sound: ci sono due chitarristi aggiunti alla formazione abituale, ossia Kenny Greenberg e Doug Lancio, per consentire a Joe di concentrarsi di più sulle parti soliste, un ospite a sorpresa come il cantante country Jamey Johnson, e tra gli autori o co-autori delle canzoni troviamo Dion DiMucci, Tom Hambridge sempre più lanciato, James House, Gary Nicholson e Richard Page. Per il resto la band è quella solita, ormai collaudata: Anton Fig, batteria, Michael Rhodes, basso e Reese Wynans alle tastiere, oltre alla piccola sezione fiati , Lee Thornburg  e Paulie Cerra, usata in alcuni brani, Gary Pinto alle armonie vocali e le coriste Mahalia Barnes, Jade McRae, Juanita Tippins. Il risultato è più variegato del solito, sono stati impiegati diversi stili ed approcci e il menu sonoro è abbastanza diversificato: Evil Mama parte violentissima, con citazione del classico riff di Rock And Roll dei Led Zeppelin, poi diventa un possente rock-blues fiatistico dal solido groove ,con le coriste di supporto al cantato vibrante di Joe, brano che sfocia in uno dei suoi immancabili assoli torcibudella, con finale wah-wah e le altre chitarre che lavorano all’unisono di supporto, notevole. King Bee Shakedown ancora con fiati sincopati vira verso un blues tinto di rockabilly e boogie, mosso e divertente, con la slide che impazza.

Molly O è uno dei suoi tipici brani di hard rock classico che alterna nel repertorio solista e in quello dei Black Country Communion, storia tragica e drammatica, di impianto marinaro, riff gigantesco zeppeliniano e suono veramente poderoso con la ritmica in modalità 70’s, mentre le chitarre mulinano di gusto, Deep In The Blues Again è più agile e scattante, con le chitarre stratificate e un approccio da rock classico americano, molto radiofonica, sempre radio buone comunque e non mancano gli assoli, meno invasivi di altre occasioni. Self-Inflicted Wounds è un brano quasi da cantautore, Bonamassa lo considera una delle sue migliori prove come autore, molto atmosferico nel suo dipanarsi, assolo liberatorio incluso, mentre Pick Up The Pieces, notturna e jazzata, con piano e sax a sottolinearne una certa drammaticità, potrebbe ricordare certe collaborazioni con Beth Hart, più soffusa e felpata grazie ad una National acustica.

A questo punto a sorpresa Bonamassa goes country, magari southern, grazie alla collaborazione in quel di Nashville (dove comunque è stato registrato gran parte del disco, ma anche a Las Vegas, Sydney e Miami) con Jamey Johnson, The Ghost Of Macon Jones è un country-rock and western di ottimo impatto dal ritmo galoppante. Just Cos You Can Don’t Mean You Should sembra un omaggio di Joe al suono e al timbro di Gary Moore, un brano lento e cadenzato con uso di fiati, dove Bonamassa “imita” l’approccio blues-rock del chitarrista irlandese con ottimi risultati, bellissimo l’assolo https://www.youtube.com/watch?v=XbNgt8jh9io . La title track è il pezzo scritto con Dion, un blues elettrocustico di sicuro fascino, con un arrangiamento avvolgente e raccolto, che poi esplode in un assolo crudo e violento fatto di tecnica e feeling https://www.youtube.com/watch?v=wDe-dI3c5d0 ; anche I‘ve Got Some Mind Over What Matters rimane in questo approccio blues molto classico e misurato, senza eccessi particolari, prima di sorprenderci con una quasi spoglia Stronger Now In Broken Places, quasi solo voce e chitarra acustica, intima e malinconica il giusto, con dei tocchi sonori aggiuntivi di Jim Moginie dei Midnight Oil e Kate Stone, per questa traccia registrata in Australia. La chiusura è affidata ancora a un torrido slow blues elettrico, con uso fiati e piano, Love Is A Gamble dove Joe Bonamassa scatena ancora una volta tutta la sua verve chitarristica in un lancinante assolo.

Non si può negare che sia sempre bravo e ancora una volta centra l’obiettivo, come detto esce il 21 settembre.

Bruno Conti

Rolling Stones – Sympathy For The Devil. E Anche Questo Ci Mancava!

rolling stones sympathy fot the devil

Rolling Stones – A Film By Jean-Luc Godard – Sympathy For The Devil – ABKCO -DVD + Blu-ray Combo – 05-10-2018

Era quasi inevitabile che nel 2018, anno in cui si festeggiano i 50 anni di qualsiasi cosa sia successa (a livello musicale e non solo) nel 1968, anche questo film avesse la sua bella versione Deluxe. In origine la pellicola si chiamava One Plus One, ma in alcuni paesi uscì come Sympathy For The Devil, titolo all’inizio non autorizzato dal suo autore Jean-Luc Godard (o forse sì, non sì è mai capito). Nell’Italia di un colpo al cerchio ed uno alla botte, il film che uscì nelle sale venne chiamato, in modo “geniale”, I Rolling Stones Secondo Godard. Poi nel corso degli anni ci sono state diverse revisioni, Directors’c Cut e altro: in Italia le ultime due edizioni sono quelle entrambe doppie, una della Koch Video del 2017 e l’altra della Raro Video/01 del 2006, che vedete qui sotto e sono ancora regolarmente in commercio.

rolling stones one plus one sympathy from the devilrolling stones sympathy fot the devil 2017rolling stones sympathy fot the devil 2017 blu-ray

Nei doppi DVD e anche Blu-ray si trovano le differenti versioni del film di Godard, una di 100 e l’altra di 101 minuti, ma per la nuova edizione, per ora annunciata solo per il mercato americano in un combo DVD + Blu-ray, utilizzando il titolo che si ispira al famoso brano degli Stones, sono state aggiunte alcune altre chicche, in parte inedite. Il film è stato restaurato in formato 4K dal negativo 35mm della pellicola originale uscita nel 1969, anche i colori hanno subito un processo di miglioramento. Tra i tanti extra ovviamente c’è la versione One Plus One, che è il Director’s Cut di Godard, un documentario del 1968 sul Making Of del film, un nuovo documentario del 2018 con interviste al cameraman originale ed a uno dei produttori, c’è anche la possibilità di ascoltare un commento track-by-track di un famoso critico, David Sterritt, che non conosco, ma è considerato una vera autorità su Godard. E nella confezione ci sarà anche un saggio sul film di Danny Goldberg. Comunque dal trailer qualche cosa si intuisce su cosa aspettarsi.

Non ci resta che attendere, o almeno chi è interessato, vedete voi, esce il 5 ottobre negli USA:

Bruno Conti

Prossime Uscite Autunnali 3. Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland: Un Altro Disco “Epocale” Festeggia Il 9 Novembre Il Suo 50° Anniversario

jimi hendrix electric ladyland box

Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland – 3 CD + 1 Blu-ray – Sony Legacy – 09-11-2018

Un altro degli album più importanti della storia della musica rock (secondo chi scrive fra i 10, forse 5, più belli di sempre) giunge al traguardo della edizione Deluxe per il 50° Anniversario dalla sua data di uscita originale, che fu tra settembre e ottobre del 1968, a seconda della edizione inglese (quella con la copertina con le donne nude) o della edizione americana.

Electric_ladyland_nude_front_and_back Jimi_Hendrix_-_Electric_Ladyland

La prima cosa che balza all’occhio della nuova edizione è che non è stata utilizzata nessuna delle due copertine dell’epoca, ma una nuova veste grafica con una fotografia di Linda (McCartney) Eastman del 1968 che ritrae Hendrix e gli Experience con alcuni bambini nei pressi della statua dedicata ad Alice Nel Paese Delle Meraviglie nel Central Park di New York, che era l’idea originale di Jimi per la copertina, considerando anche che si dice non amasse per nulla la foto con le ragazze nude usata per la versione inglese dellìalbum (o forse le ragazze sì, ma non il risultato della sessione fotografica).

Gli altri contenuti del cofanetto quadruplo, oltre ad un libro con fotografie anche inedite,  scattate da Eddie Kramer, l’ingegnere del suono che curò le sessioni originali di Electric Ladyland agli Olympic Studios di Londra e ai Record Plant di New York, liriche dei brani scritte a mano da Jimi e le sue istruzioni per l’etichetta, prevedono un primo CD con una nuova masterizzazione dai nastri analogici originali, curata da Bernie Grundman, un secondo CD, con demo e versioni alternative di 20 pezzi registrati da Hendrix in quel periodo e mai pubblicati prima su dischi ufficiali. E nel terzo CD la registrazione completa di un concerto, Live At the Hollywood Bowl, del 14 settembre 1968, pochi giorni prima della pubblicazione del doppio disco, ancora con la formazione dei Jimi Hendrix Experience. Anche questo inedito a livello ufficiale ma pubblicato nella serie di bootleg della Dagger Records, l’etichetta che vende direttamente i concerti per conto degli eredi della famiglia. Nel Blu-ray la parte video prevede il documentario  At Last… The Beginning: The Making of Electric Ladyland e nella parte audio un nuovo mixaggio in Dolby Surround 5.1 dell’intero album, a cura di Eddie Karmer e altre due versioni ad alta risoluzione.

Al solito comunque ecco la lista completa dei contenuti, brano per brano:

[CD1 – Electric Ladyland: The Original Album (Newly Remastered)]
1. … And the Gods Made Love
2. Have You Ever Been (To Electric Ladyland)
3. Crosstown Traffic
4. Voodoo Chile
5. Little Miss Strange
6. Long Hot Summer Night
7. Come On (Part I)
8. Gypsy Eyes
9. Burning of the Midnight Lamp
10. Rainy Day, Dream Away
11. 1983….(A Merman I Should Turn To Be)
12. Moon, Turn the Tides….Gently Gently Away
13. Still Raining, Still Dreaming
14. House Burning Down
15. All Along the Watchtower
16. Voodoo Child (Slight Return)

[CD2 – Electric Ladyland: The Early Takes]
1. 1983…(A Merman I Should Turn To Be)
2. Voodoo Chile
3. Cherokee Mist
4. Hear My Train A Comin’
5. Angel
6. Gypsy Eyes
7. Somewhere
8. Long Hot Summer Night [Demo 1]
9. Long Hot Summer Night [Demo 3]
10. Long Hot Summer Night [Demo 4]
11. Snowballs At My Window
12. My Friend
13. At Last…The Beginning
14. Angel Caterina (1983)
15. Little Miss Strange
16. Long Hot Summer Night [Take 1]
17. Long Hot Summer Night [Take 14]
18. Rainy Day, Dream Away
19. Rainy Day Shuffle
20. 1983…(A Merman I Should Turn To Be)

[CD3 – Jimi Hendrix Experience: Live At The Hollywood Bowl 9/14/68]
1. Introduction
2. Are You Experienced
3. Voodoo Child (Slight Return)
4. Red House
5. Foxey Lady
6. Fire
7. Hey Joe
8. Sunshine of Your Love
9. I Won’t Live Today
10. Little Wing
11. Star Spangled Banner
12. Purple Haze

[Blu-ray]
1. At Last… The Beginning: The Making of Electric Ladyland documentary
2. Electric Ladyland Uncompressed LPCM Stereo 24b/96k
3. Electric Ladyland Uncompressed LPCM 5.1 Surround 24b/96k
4. Electric Ladyland DTS-HD Master Audio 5.1 Surround 24b/96k

jimi hendrix electric ladyland box 3 lp

E ci sarà anche la versione in sestuplo LP + Blu-ray, con gli stessi contenuti. Come detto all’inizio l’uscita è prevista per il 9 novembre p.v. e ovviamente riceverà il giusto spazio che merita dopo la pubblicazione.

Bruno Conti

.

Prossime Uscite Autunnali 2. La Saga Dei R.E.M. Non Finisce Mai: Ecco Il Cofanetto At The BBC, In Uscita il 19 Ottobre

Rem At The BBC

R.E.M – R.E.M. At The BBC – Craft/Universal 8 CD + 1 DVD – 19-10-2018

Dopo il Box dello scorso anno dedicato a Automatic For The People, e quello dell’anno precedente incentrato su Out Of Time, anche nel 2018 i R.E.M. (o la loro casa discografica) non ci fanno mancare un bel cofanetto per il periodo natalizio. Anzi, anticipano l’uscita del manufatto già al mese di ottobre, il giorno 19. Ci sarà anche una versione doppia, sia in CD che in LP, con un Best Of estratto dalla edizione più completa.

Best Of Rem At The BBC

Brevemente, per riepilogare i contenuti più interessanti. nella parte audio troviamo una Peel Session del 1998 e un’altra più lunga BBC Session, sempre del 1998, che occupa un dischetto intero. Tra il materiale dal vivo abbiamo un concerto dal vivo a Nottingham del novembre 1984, che occupa sempre un CD. E ancora l’esibizione a Milton Keynes del 30 luglio 1995, addirittura su 2 CD, e sempre su due supporti anche quella completa al Festival di Glastonbury del giugno 1999. Nel DVD ci sono Accelerating Backwards, una trasmissione di un’ora andata in solo sulla BBC  e mai pubblicata prima e anche il numero speciale del 1998 di Later….With Jools Holland dedicato alla esibizione completa dei R.E.M., oltre a tre video di altre esibizioni alla televisione inglese.

Comunque al solito ecco la lista completa dei contenuti.

Disc 1 – Sessions

Into The Night, BBC Radio 1, 13 March 1991

1. “World Leader Pretend”
2. “Fretless”
3. “Half A World Away”
4. “Radio Song”
5. “Losing My Religion”
6. “Love Is All Around”

John Peel Studio Session, 25 October 1998

7. “Walk Unafraid”
8. “Daysleeper”
9. “Lotus”
10. “At My Most Beautiful”

Mark and Lard, BBC Radio 1, 15 October 2003

11. “Bad Day”
12. “Orange Crush”

Drivetime, BBC Radio 2, 15 October 2003

13. “Man On The Moon”
14. “Imitation Of Life”

Radio 1 Live Lounge, 26 March 2008

15. “Supernatural Superserious”
16. “Munich”

Disc 2- Sessions

BBC Radio 1 Session, 25 October 1998

1. “Introduction”
2. “Losing My Religion”
3. “New Test Leper”
4. “Lotus”
5. “Parakeet”
6. “Electrolite”
7. “Perfect Circle”
8. “The Apologist”
9. “Daysleeper”
10. “Country Feedback”
11. “At My Most Beautiful”
12. “Walk Unafraid”
13. “Man On The Moon”

Disc 3 (58:49) – Live Broadcasts

Rock City, Nottingham, 21 November 1984

1. “Second Guessing”
2. “Hyena”
3. “Talk About The Passion”
4. “West Of The Fields”
5. “(Don’t Go Back To) Rockville”
6. “Auctioneer (Another Engine)”
7. “So. Central Rain (I’m Sorry)”
8. “Old Man Kensey”
9. “Gardening At Night”
10. “9-9/Hey Diddle Diddle/Feeling Gravitys Pull”
11. “Windout”
12. “Driver 8 3:25”
13. “Pretty Persuasion”
14. “Radio Free Europe”
15. “Wendell Gee”
16. “Carnival Of Sorts (Boxcars)”

Disc 4 – Live Broadcasts

Milton Keynes, 30 July 1995

1. “What’s The Frequency, Kenneth?”
2. “Crush With Eyeliner”
3. “Drive”
4. “Turn You Inside Out”
5. “Try Not To Breathe”
6. “I Took Your Name”
7. “Undertow”
8. “Bang And Blame”
9. “I Don’t Sleep I Dream”
10. “Strange Currencies”
11. “Revolution”
12. “Tongue”

Disc 5 – Live Broadcasts

Milton Keynes, 30 July 1995

1. “Man On The Moon”
2. “Country Feedback”
3. “Half A World Away”
4. “Losing My Religion”
5. “Pop Song 89”
6. “Finest Worksong”
7. “Get Up”
8. “Star 69”
9. “Let Me In”
10. “Everybody Hurts”
11. “Fall On Me”
12. “Departure”
13. “Its the End Of The World As We Know It (And I Feel Fine)”

Disc 6 – Live Broadcasts

Pyramid Stage Glastonbury Festival, 25 June 1999

1. “Lotus”
2. “What’s The Frequency, Kenneth?”
3. “So Fast, So Numb”
4. “The Apologist”
5. “Fall On Me”
6. “Daysleeper”
7. “The Wake-Up Bomb”
8. “The One I Love”
9. “Sweetness Follows”
10. “At My Most Beautiful”

Disc 7 – Live Broadcasts

Pyramid Stage Glastonbury Festival, 25 June 1999

1. “Losing My Religion”
2. “Everybody Hurts”
3. “Walk Unafraid”
4. “Star 69”
5. “Finest Worksong”
6. “Man On The Moon”
7. “Why Not Smile”
8. “Crush With Eyeliner”
9. “Tongue”
10. “Cuyahoga”
11. “Its the End Of The World As We Know It (And I Feel Fine)”

Disc 8 – Live Broadcasts

St. James’ Church, London Radio 2, 15 September 2004

1. “Intro”
2. “So Fast, So Numb”
3. “Boy In The Well”
4. “I Wanted To Be Wrong”
5. “E-Bow The Letter” (with Thom Yorke)
6. “Around The Sun”
7. “Aftermath”
8. “Losing My Religion”
9. “Walk Unafraid”
10. “Leaving New York”
11. “Imitation Of Life”
12. “Man On The Moon”

Disc 9 (DVD) – Television Broadcasts

Accelerating Backwards

“Moon River”
“Pretty Persuasion”
“Pop Song 89”
“Orange Crush”
“Losing My Religion”
“Half A World Away”
“Crush With Eyeliner”
“Man On The Moon”
“Daysleeper”
“Imitation Of Life”
“So. Central Rain (I’m Sorry)”
“All The Way To Reno (You’re Gonna Be A Star)”
“Leaving New York”

Later… with Jools Holland Presents R.E.M.

“Intro”
“Losing My Religion”
“Lotus”
“New Test Leper”
“Daysleeper”
“Electrolite”
“At My Most Beautiful”
“The Apologist”
“Country Feedback”
“Parakeet”
“So. Central Rain (I’m Sorry)”
“Walk Unafraid”
“Man On The Moon”
“The Passenger”

Bonus Videos

“I’ve Been High”
“Nightswimming”
“Bad Day”

E anche il contenuto della versione doppia.

Disc 1 – Sessions

  1. World Leader Pretend 4:36
  2. Half A World Away 3:33
  3. Radio Song 4:05
  4. Losing My Religion 4:42. Recorded for Nicky Campbell Session Into The Night on BBC Radio 1 First broadcast on 13 March 1991
  5. Lotus 4:13
  6. At My Most Beautiful 3:16. Recorded for John Peel Session on BBC Radio 1 First broadcast on 25 October 1998
  7. Electrolite 4:23
  8. Perfect Circle 4:39
  9. Daysleeper 4:44. Recorded for John Peel Session on BBC Radio 1 First broadcast 25 October 1998
  10. Country Feedback. Recorded for Later… with Jools Holland on BBC1 First broadcast on 27 October 1998
  11. Bad Day 4:03
  12. Orange Crush 3:55. Recorded for Mark and Lard on BBC Radio 1 First broadcast on 15 October 2003
  13. Nightswimming. Recorded for Later… with Jools Holland on BBC1 First broadcast on 14 October 2003
  14. Man On The Moon 4:59
  15. Imitation Of Life 3:41. Recorded for Drivetime on BBC Radio 2 First broadcast 15 October 2003
  16. Supernatural Superserious 3:23. Recorded for Radio 1 Live Lounge on BBC Radio 1 First broadcast 26 March 2008

Disc 2 – Broadcasts

  1. (Don’t Go Back To) Rockville 4:29
  2. So. Central Rain (I’m Sorry) 4:51
  3. Gardening At Night 3:26
  4. Driver 8 3:25
  5. Radio Free Europe 3:49. First broadcast on 21 November 1984 from Rock City, Nottingham
  6. What’s The Frequency, Kenneth? 3:54
  7. Crush With Eyeliner 4:42
  8. Drive 3:51
  9. Half A World Away 4:04
  10. Pop Song 89 3:27
  11. Finest Worksong 3:48. First broadcast on 30 July 1995 from Milton Keynes
  12. Fall On Me 3:26
  13. The One I Love 3:27
  14. Everybody Hurts 6:47
  15. Its the End Of The World As We Know It (And I Feel Fine) 6:58. First broadcast on 25 June 1999 from Pyramid Stage Glastonbury Festival
  16. E-Bow The Letter (with Thom Yorke) 5:09
  17. Losing My Religion 4:47
  18. Man On The Moon 5:34. First broadcast on 15 September 2004 from St. James’s Church, London

Alla prossima uscita.

Bruno Conti

Prossime Uscite Autunnali 1. Cofanetto Mott The Hoople “Mental Train: The Island Years 1969-1971 In Uscita Al 26 Ottobre

Mott The Hoople Mental Train box

Mott The Hoople – Mental Train: The Island Years 1969-1971 – 6 CD – libretto di 50 pagine- Island/Universal 26-10-2018

In effetti questo sarebbe il secondo cofanetto annunciato per le uscite del prossimo autunno, visto che qualche giorno fa si è già parlato di John Lennon Imagine The Ultimate Collection, ma qui siamo in pieno periodo autunnale. Dopo lo splendido box del 2016 dedicato all’opera omnia solista di Ian Hunter https://discoclub.myblog.it/2016/11/12/ecco-piccolo-cofanetto-fatto-si-deve-ian-hunter-stranded-reality-parte-i/prosegue il doveroso lavoro di rivalutazione del lavoro del cantante inglese, con questa ristampa che copre il primo periodo della discografia dei Mott The Hoople, di cui era già uscito nel 1998 un triplo retrospettivo, edito dalla Columbia, che se intitolava All The Young Dudes The Anthology, che copriva anche il periodo Island, e che è quello che vedete qui sotto.

mott the hoople all the young dudes

Non solo, come dimenticare anche l’edizione potenziata del Live del 1974, uscita nel 2004 come doppio CD, e le ristampe di tutti i singoli album del periodo Island a cura della Angel Air negli anni 2000, ciascuna con un paio di bonus tracks aggiunte alle edizioni originali, dischi bellissimi a mio parere. Per l’occasione la Universal ha affidato allo specialista Andy Pearce (quello che ha curato ottimamente anche gli album di Free, Taste Rory Gallagher) la rimasterizzazione dei quattro dischi del periodo album, a cui sono stati aggiunti altri 2 CD, per un totale di 6 dischetti, ognuno ricco di materiale inedito e live, realizzato dalla formazione originale dell’epoca.

LINE UP

  • Ian Hunter – Guitar, Keyboards, Vocals
  • Mick Ralphs – Lead guitar, Vocals
  • Pete Watts – Bass, Vocals
  • Verden Allen – Keyboards, Vocals
  • Dale “Buffin” Griffin – Drums, Vocals

CD1: Mott The Hoople plus bonus tracks
CD2: Mad Shadows plus bonus tracks
CD3: Wildlife plus bonus tracks
CD4: Brain Capers plus bonus tracks
CD5: The Ballads of Mott The Hoople
CD6: It’s Live and Live Only

Spesso i brani inediti sono anche diversi da quelli che erano apparsi nelle versioni Angel Air. Per cui, ecco la lista completa dei contenuti del cofanetto.

[CD1: Mott The Hoople – Originally released November 22 1969 (UK), 1970 (US)]
1. You Really Got Me
2. At the Crossroads
3. Laugh at Me
4. Backsliding Fearlessly
5. Rock and Roll Queen
6. Rabbit Foot and Toby Time
7. Half Moon Bay
8. Wrath and Wroll
Bonus Tracks:
9. If Your Heart Lay with the Rebel (Would You Cheer the Underdog?) (Instrumental Take 2)
10. Rock and Roll Queen (Single A side)
11. Road to Birmingham (Single B side)
12. Road to Birmingham (Guy Steven’s Mix)
13. You Really Got Me (Complete take)
14. You Really Got Me (Vocal mix)
15. Rock and Roll Queen (Guy Steven’s Mono Mix)
16. Rock and Roll Queen (Kitchen Sink Instrumental)
17. Little Christine (2 Miles)

[CD2: Mad Shadows – Originally released September 1970]
1. Thunderbuck Ram
2. No Wheels to Ride
3. You Are One of Us
4. Walking with a Mountain
5. I Can Feel
6. Threads of Iron
7. When My Mind’s Gone
Bonus Tracks:
8. Thunderbuck Ram (BBC Session)
9. Thunderbuck Ram (Original Take with Organ)
10. No Wheels to Ride (Demo)
11. Moonbus (Baby’s Got a Down on Me)
12. The Hunchback Fish (Vocal Rehearsal)
13. You Are One of Us (Take 9)
14. Going Home (2 Miles)
15. Keep A-Knockin’ (Studio version)

[CD3: Wildlife – Originally released March 1971]
1. Whiskey Women
2. Angel of Eighth Avenue
3. Wrong Side of the River
4. Waterlow
5. Lay Down
6. It Must Be Love
7. The Original Mixed Up Kid
8. Home Is Where I Want to Be
9. Keep A-Knockin’ (Live)
Bonus Tracks:
10. Midnight Lady (Single A side)
11. The Debt (Single B side)
12. Downtown (Single A side)
13. Brain Haulage (Whiskey Woman)
14. Growing Man Blues (Take 10)
15. Long Red (Demo)
16. The Ballad of Billy Joe
17. Lay Down (Take 8)

[CD4: Brain Capers – Originally released December 1971 (UK), 1972 (US)]
1. Death May Be Your Santa Claus
2. Your Own Backyard
3. Darkness, Darkness
4. The Journey
5. Sweet Angeline
6. Second Love
7 The Moon Upstairs
8. The Wheel of the Quivering Meat Conception
Bonus Tracks:
9. Mental Train (The Moon Upstairs)
10. How Long? (Death May Your Santa Claus)
11. Darkness, Darkness
12. Your Own Backyard (Complete Take)
13. Where Do You All Come From (Backing Track)
14. One of the Boys (Take 2)
15. Movin’ On (2 Miles)
16. Black Scorpio (Mommas Little Jewel)

[CD5: The Ballads of Mott The Hoople – Unheard and previously unreleased music from the Island archive]
1. Like a Rolling Stone (Fragment)
2. No Wheels to Ride (1st House)
3. Angel Of 8th Avenue (Tape 816)
4. The Journey
5. Blue Broken Tears (Tape 816)
6. Black Hills (Full Ralph’s Version)
7. Can You Sing the Song That I Sing (Full Take)
8. Till I’m Gone (2 Miles)
9. The Original Mixed Up Kid (BBC Session)
10. Ill Wind Blowing (2 Miles)
11. I’m A River (Vocal Rehearsal)
12. Ride on The Sun (Sea Diver) (2 Miles)

[CD6: It’s Live And Live Only]
Fairfield Hall, Croydon – September 13, 1970:
1. Rock and Roll Queen
2. Ohio
3. No Wheels to Ride / Hey Jude
4. Thunderbuck Ram
5. Keep A-Knockin’
6. You Really Got Me
7. The Moon Upstairs
Paris Theatre, London (BBC Radio One In Concert Session) – December 30, 1971:
8. Whiskey Women
9. Your Own Backyard
10. Darkness, Darkness
11. The Journey
12. Death May Be Your Santa Claus

Per esempio, nel sesto CD. quello dal vivo alla Fairfield Hall, le bonus tracks aggiunte sono completamente diverse da quelle che si trovavano nella edizione Angel Air, che erano tratte da un concerto a Stoccolma del febbraio 1971, mentre in questo caso provengono da materiale BBC registrato a Londra nel dicembre 1971. Peraltro il materiale BBC, in modo più completo rispetto a quanto apparirà nel box era già uscito con il titolo di Original Mixed Up Kids, edito in Cd dalla Windsong nel 1996 e dalla Strange Fruit nel 1997. Così riferisce il vostro Blogger preferito, cioè il sottoscritto, che ha indagato per voi. In ogni caso rimane molto materiale inedito da gustare, e il prezzo del cofanetto, sempre a titolo indicativo, sarà tra i 50 e i 60 euro.

In anticipazione forse dell’uscita del box, la band ha anche fatto un breve tour europeo durante l’estate con una “strana” formazione dei Mott The Hoople, con qualche membro originale del gruppo.

Per ora è tutto.

Bruno Conti

John Lennon – Imagine The Ultimate Collection. Il 5 Ottobre Esce Un Formidabile Cofanetto Per Celebrare Il Più Famoso Album Dell’Ex Beatle (E Anche Un DVD) .

john lennon imagine box

John Lennon – The Ultimate Collection – 4 CD+2 Blu-ray – 2 CD – 2 LP – 1 CD – Universal Music – 05-10-2018

Forse Imagine non è stato il disco più bello della carriera solista di John Lennon dopo lo scioglimento dei Beatles (molti reputano che sia stato John Lennon/Plastic Ono Band del 1970: ma è comunque una bella lotta con Imagine), benché sia stato sicuramente il più significativo e anche il più popolare e venduto dei suoi dischi. Ora, a 47 anni circa dall’uscita del disco originale (che fu pubblicato il 9 settembre del 1971 negli Stati Uniti e l’8 ottobre dello stesso anno in Inghilterra) e a 78 anni dalla data di nascita di Lennon, quindi senza nessun anniversario particolare da festeggiare, esce questa Ultimate Collection di uno degli album più amati di John, e la versione che è stata preparata per questa occasione è veramente pregevole, forse la migliore e più dettagliata in assoluto finora dedicata a un disco dei quattro Beatles. Anzi, le varie versioni in uscita sono comunque tutte interessanti per diverse ragioni; non solo il disco originale che viene arricchito da moltissimo materiale aggiuntivo, ma anche un libro e un DVD (o Blu-ray) collegati.

john lennon imagine gimme some truth dvdjohn lennon imagine yoko libro

Vediamo prima velocemente i contenuti di DVD e libro, poi passiamo più estesamente alla edizione discografica. Partiamo dal DVD (o Blu-ray) che esce per la Eagle Vision, sempre il 5 ottobre: contiene 2 diversi film, entrambi restaurati in HD per la parte video e dolby surround 5.1 per la parte audio, la stessa utilizzata per l’album. Il primo dei due Imagine, uscirà brevemente il 18 settembre anche nelle sale cinematografiche: si tratta proprio del vecchio film, destinato alla televisione, girato nel 1971 a Tittenhurst Park, la magione di John e Yoko ad Ascot e poi pubblicato in Vhs nel 1985 e in seguito in DVD, con i vari promo delle canzoni del disco, il più famoso ovviamente quello del brano Imagine.

Mentre Gimme Some Truth, la cui colonna sonora è sempre stata rimixata in 5.1 dolby surround, è un documentario del 1997 sempre incentrato sul Making Of del disco del 1971. Nella nuova edizione che raccoglie entrambi i film in unico supporto è stato anche aggiunto del materiale esclusivo, mai visto prima che aumenta l’interesse dei fans.

Anche il libro Imagine John Yoko sarà disponibile in diverse edizioni: quella standard, da 320 pagine, che verrà anche tradotta in diverse lingue, italiano compreso, un’altra Collector’s Edition con 176 pagine in più, che costerà intorno ai 200 euro ed infine la edizione per collezionisti autografata, che costerà intorno e oltre i 400 euro. Questo non è il libro contenuto nel cofanetto sestuplo, che comunque, come si rileva dalla immagine ad inizio Post, sarà in ogni caso ricco di informazioni sui contenuti del box, che ora andiamo a vedere.

Prima di tutto un riepilogo a grandi linee dei contenuti, poi alla fine trovate la tracklist con tutti brani presenti nei vari formati, a seconda delle fonti si parla di 140 o 135 pezzi in tutto. Il primo CD contiene l’album regolare con un nuovo mix stereo più i 6 brani tratti dai singoli e alcune tracce extra. Il secondo CD, che è lo stesso della versione doppia che vedete qui sotto, contiene 4 pezzi definiti Elements Mixes, ovvero, solo archi, solo, piano, basso e batteria, e solo voce; poi ci sono 12 outtakes nella forma di demo e versioni alternative varie, oltre a 4 outtakes dai singoli.

john lennon imagine 2 cd

Il terzo CD, presente solo nel box, riporta anche altre versioni inedite recuperate dai nastri originali. Mentre il quarto CD Evolution, sottotitolo From Demo To Mix, contiene l’evoluzione dei brani dalla prima bozza alla versione completa. Infine, per gli audiofili, ma non solo, ci sono una valanga di tracce audio presenti nei due Blu-ray audio, che riportano la bellezza di 89 tracce con moltissime altre chicche in hi-res, dolby surround, versioni quadrafoniche ed altro non presente nei primi 4 dischetti, che sono comunque riportati anche nei due Blu-ray. Quindi, tra le varie opportunità del box, in molti casi sarà possibile anche riascoltare i brani nella loro versione basica (definiti Raw Studio Mix), senza le aggiunte degli archi e altri complementi sonori in post-produzione effettuati da Phil Spector, che era accreditato all’epoca come co-produttore del disco originale del 1971. Come promesso ecco la lista completa dei contenuti del box.

[CD1]
1. Imagine
2. Crippled Inside
3. Jealous Guy
4. It’s So Hard
5. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die
6. Gimme Some Truth
7. Oh My Love
8. How Do You Sleep?
9. How?
10. Oh Yoko!
11. Power To The People
12. Well… (Baby Please Don’t Go)
13. God Save Us
14. Do The Oz
15. God Save Oz
16. Happy Xmas (War Is Over)

[CD2]
1. Imagine (Elements Mix)
2. Jealous Guy (Elements Mix)
3. Oh My Love (Elements Mix)
4. How? (Elements Mix)
5. Imagine (demo)
6. Imagine (take 1)
7. Crippled Inside (take 3)
8. Crippled Inside (take 6 alt guitar solo)
9. Jealous Guy (take 9)
10. It’s So Hard (take 6)
11. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 11)
12. Gimme Some Truth (take 4)
13. Oh My Love (take 6)
14. How Do You Sleep? (takes 1 & 2)
15. How? (take 31)
16. Oh Yoko! (Bahamas 1969)
17. Power To The People (take 7)
18. God Save Us (demo)
19. Do The Oz (take 3)
20. Happy Xmas (War Is Over) (alt mix)

[CD3]
1. Imagine (take 10) (Raw Studio Mix)
2. Crippled Inside (take 6) (Raw Studio Mix)
3. Jealous Guy (take 29) (Raw Studio Mix)
4. It’s So Hard (take 11) (Raw Studio Mix)
5. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 4 – extended) (Raw Studio Mix)
6. Gimme Some Truth (take 4 – extended) (Raw Studio Mix)
7. Oh My Love (take 20) (Raw Studio Mix)
8. How Do You Sleep? (take 11 – extended) (Raw Studio Mix)
9. How? (take 40) (Raw Studio Mix)
10. Oh Yoko! (take 1 – extended) (Raw Studio Mix)
11. Imagine (take 1) (Raw Studio Mix)
12. Jealous Guy (take 11) (Raw Studio Mix)
13. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 21) (Raw Studio Mix)
14. How Do You Sleep? (take 1) (Raw Studio Mix)
15. How Do You Sleep? (takes 5 & 6) (Raw Studio Mix)

[CD4]
1. Imagine (Evolution)
2. Crippled Inside (Evolution)
3. Jealous Guy (Evolution)
4. It’s So Hard (Evolution)
5. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (Evolution)
6. Gimme Some Truth (Evolution)
7. Oh My Love (Evolution)
8. How Do You Sleep? (Evolution)
9. How? (Evolution)
10. Oh Yoko! (Evolution)

[BD5]
1. Imagine
2. Crippled Inside
3. Jealous Guy
4. It’s So Hard
5. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die
6. Gimme Some Truth
7. Oh My Love
8. How Do You Sleep?
9. How?
10. Oh Yoko!
11. Power To The People
12. Well… (Baby Please Don’t Go)
13. God Save Us
14. Do The Oz
15. God Save Oz
16. Happy Xmas (War Is Over)
17. Imagine (Quadrasonic Mix)
18. Crippled Inside (Quadrasonic Mix)
19. Jealous Guy (Quadrasonic Mix)
20. It’s So Hard (Quadrasonic Mix)
21. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (Quadrasonic Mix)
22. Gimme Some Truth (Quadrasonic Mix)
23. Oh My Love (Quadrasonic Mix)
24. How Do You Sleep? (Quadrasonic Mix)
25. How? (Quadrasonic Mix)
26. Oh Yoko! (Quadrasonic Mix)
27. Imagine (demo)
28. Imagine (take 1)
29. Crippled Inside (take 3)
30. Crippled Inside (take 6 alt guitar solo)
31. Jealous Guy (take 9)
32. It’s So Hard (take 6)
33. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 11)
34. Gimme Some Truth (take 4)
35. Oh My Love (take 6)
36. How Do You Sleep? (takes 1 & 2)
37. How? (take 31)
38. Oh Yoko! (Bahamas 1969)
39. Power To The People (take 7)
40. God Save Us (demo)
41. Do The Oz (take 3)
42. Happy Xmas (War Is Over) (alt mix)

[BD2]
1. Imagine (take 10) (Raw Studio Mix)
2. Crippled Inside (take 6) (Raw Studio Mix)
3. Jealous Guy (take 29) (Raw Studio Mix)
4. It’s So Hard (take 11) (Raw Studio Mix)
5. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 4 extended) (Raw Studio Mix)
6. Gimme Some Truth (take 4 extended) (Raw Studio Mix)
7. Oh My Love (take 20) (Raw Studio Mix)
8. How Do You Sleep? (take 11 extended) (Raw Studio Mix)
9. How? (take 40) (Raw Studio Mix)
10. Oh Yoko! (take 1 extended) (Raw Studio Mix)
11. Imagine (take 1) (Raw Studio Mix)
12. Crippled Inside (take 2) (Raw Studio Mix)
13. Crippled Inside (take 6 alt guitar solo) (Raw Studio Mix)
14. Jealous Guy (take 11) (Raw Studio Mix)
15. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (take 21) (Raw Studio Mix)
16. How Do You Sleep? (take 1) (Raw Studio Mix)
17. How Do You Sleep? (takes 5 & 6) (Raw Studio Mix)
18. How? (takes 7 – 10) (Raw Studio Mix)
19. How? (take 40 alt vocal) (Raw Studio Mix)
20. Oh Yoko! (take 1 tracking vocal) (Raw Studio Mix)
21. Imagine (Elements Mix)
22. Crippled Inside (Elements Mix)
23. Jealous Guy (Elements Mix)
24. It’s So Hard (Elements Mix)
25. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (Elements Mix)
26. Gimme Some Truth (Elements Mix)
27. Oh My Love (Elements Mix)
28. How Do You Sleep? (Elements Mix)
29. How? (Elements Mix)
30. Oh Yoko! (Elements Mix)
31. Imagine (Evolution)
32. Crippled Inside (Evolution)
33. Jealous Guy (Evolution)
34. It’s So Hard (Evolution)
35. I Don’t Wanna Be A Soldier Mama I Don’t Wanna Die (Evolution)
36. Gimme Some Truth (Evolution)
37. Oh My Love (Evolution)
38. How Do You Sleep? (Evolution)
39. How? (Evolution)
40. Oh Yoko! (Evolution)
41. Power To The People (Evolution)
42. Well… (Baby Please Don’t Go) (Evolution)
43. God Save Us/God Save Oz (Evolution)
44. Do The Oz (Evolution)
45. Happy Xmas (War Is Over) (Evolution)
46. Tittenhurst Park (Evolution)
47. Imagine John & Yoko – The Elliot Mintz interviews

Il costo indicativo del cofanetto, se verrà confermato, dovrebbe essere sotto i 100 euro, intorno ai 90 si pensa, ma vedremo.

Direi che è tutto.

Bruno Conti

Anticipazioni Della Settimana (Ferr)Agostana, Prossime Uscite Di Settembre: Parte V. Rod Stewart, Ian Gillan, Amy Helm, Tony Joe White, Muscle Shoals, Linda Thompson, Joe Strummer, Chuck Leavell.

rod stewart blood red roses 28-9

Quinta ed ultima parte dedicata alle novità di settembre, queste sono le uscite previste per il 28. Iniziamo con Rod Stewart che dopo il discreto https://discoclub.myblog.it/2015/11/02/tutta-la-buona-volonta-riesco-stroncarlo-rod-stewart-another-country/, pubblica il 30° album della sua carriera, ovvero Blood Red Roses, etichetta Republic/Decca, quindi sempre gruppo Universal, come il precedente che però era su Capitol. Il nostro amico Rod The Mod lo presenta come uno dei più caldi ed intimi della sua carriera (e ci mancherebbe): l’album contiene 13 nuove composizioni dell’artista nativo di Londra ma scozzese per elezione, nella versione standard, mentre nell’edizione Deluxe, singola (benché costerà come un doppio) altre 3 bonus tracks, tutte cover, per un totale di 16 brani. Si sa che il disco è stato co-prodotto dallo stesso Stewart e dal suo vecchio amico e collaboratore Kevin Savigar, con lui, sia pure non continuativamente, dalla fine degli anni ’70.

Non azzardo previsioni sulla qualità dei brani dell’album, mi limito a pubblicare la lista completa dei pezzi e il primo singolo estratto dal disco, Didn’t I, che trovate qui sopra, testo interessante ed intenso, canzone piacevole, ma niente per cui strapparsi i capelli e in cui la voce duettante è di tale Bridget Cady, di cui ignoravo l’esistenza. Delle tre cover presenti come bonus nella Deluxe edition, una, Who Designed The Snowflake è firmata da Paddy McAloon dei Prefab Sprout, It Was A Very Good Year è uno standard americano reso celebre da Frank Sinatra negli anni ’60 e I Don’t Want To Get Married dovrebbe sempre venire da quel periodo, ma ne esiste anche una scritta da Irving Berling, al momento non so dirvi di quale si tratti .

1. Look In Her Eyes
2. Hole In My Heart
3. Farewell
4. Didn’t I
5. Blood Red Roses
6. Grace
7. Give Me Love
8. Rest Of My Life
9. Rollin’ & Tumblin’
10. Julia
11. Honey Gold
12. Vegas Shuffle
13. Cold Old London
Deluxe Edition Bonus Tracks:
14. Who Designed The Snowflake (Paddy McAloon penned)
15. It Was A Very Good Year
16. I Don’t Want To Get Married

ian gillan and the javelins 28-9 ian gillan and the javelins open cd 28-9

Per quanto possa sembrare incredibile questa è la stessa band con cui Ian Gillan suonava e cantava cover più di 50 anni fa, agli inizi degli anni ’60, prima degli Epsode Six e ovviamente dei Deep Purple: si trattava di una band semiprofessionale, i Javelins (e tale sarebbe rimasta anche oggi, nelle parole dello stesso Gillan) che suonava nei locali nei dintorni di Londra e chi è sciolta già nel 1964. Il repertorio è quello pop, blues, soul e R&R dell’epoca, come si evince dal primo video che farebbe la gioia di Springsteen.

E dalla tracklist del CD, che verrà pubblicato dalla EarMusic il 28 settembre.

 1. Do You Love Me
2. Dream Baby (How Long Must I Dream)
3. Memphis, Tennessee
4. Little Egypt (Ying-Yang)
5. High School Confidential
6. It’s So Easy!
7. Save The Last Dance For Me
8. Rock and Roll Music
9. Chains
10. Another Saturday Night
11. You’re Gonna Ruin Me Baby
12. Smokestack Lightnin’
13. Hallelujah I Love Her So
14. Heartbeat
15. What I’d Say
16. Mona (I Need You Baby)

amy helm this too shall light 28-9

Al sottoscritto il precedente disco di Amy Helm era piaciuto moltissimo https://discoclub.myblog.it/2015/08/02/degna-figlia-tanto-padre-amy-helm-didnt-it-rain/. Questo nuovo si annuncia addirittura superiore dalla prime notizie che filtrano sul CD: d’altronde dalla figlia di Levon Helm e componente degli Ollabelle non mi aspetterei di meno. Registrato agli United Recording Studios di Los Angeles, quello dove i Beach Boys hanno registrato Pet Sounds, con la produzione di Joe Henry, che ha firmato anche alcuni nuovi brani con la stessa Amy, il disco pesca anche dal repertorio di Rod Stewart, T. Bone Burnett, Allen Toussaint, Robbie Robertson e dei Milk Carton Kids, ma contiene anche composizioni di MC Taylor ovvero Hiss Golden Messenger, Ted Pecchio dei Chris Robinson Brotherhood e della Tedeschi Trucks Band, oltre ad una rilettura del traditional Gloryland che il babbo Levon Helm aveva insegnato alla figlia.

La nuova etichetta per questo secondo disco solista della Helm This Too Shall Light è la Yep Rock, mentre la lista completa dei brani la trovate sotto, insieme ad un paio di estratti che confermano la bontà del disco.

1. This Too Shall Light
2. Odetta
3. Michigan
4. Freedom For The Stallion
5. Mandolin Wind
6. Long Daddy Green
7. The Stones I Throw
8. Heaven’s Holding Me
9. River Of Love
10. Gloryland

muscle shoals small town big sound 28-9

A proposito di studi di registrazione storici, sempre a fine settembre, su etichetta BMG, è in uscita anche questo Muscle Shoals Small Town Big Sound, che non è una compilation ma un nuovo disco tributo a quegli studios, ai grande musicisti che vi suonarono e ad alcune delle grandi canzoni che ne hanno fatto la storia.

Tutte nuove registrazioni, anche se non è ancora disponibile la lista completa dei musicisti che partecipano, tra quelli già noti alcuni sono interessanti, altri decisamente meno: Chris Stapleton, Willie Nelson, Lee Ann Womack, Jamey Johnson, Steven Tyler, Keb’ Mo’, Grace Potter, ma anche Demi Lovato e Aloe Blacc. Vedremo e soprattutto sentiremo.

1. Road of Love
2. I’d Rather Go Blind
3. Brown Sugar
4. Gotta Serve Somebody
5. I Never Loved A Man (The Way I Love You)
6. Snatching It Back
7. I’ll Take You There
8. Cry Like A Rainy Day
9. True Love
10. Come And Go Blues
11. Respect Yourself
12. Wild Horses
13. Mustang Sally
14. We’ve Got Tonight
15. Givin’ It Up For Your Love

tony joe white bad mouthin' 28-9

Sempre dal profondo Sud degli States, lui è della Louisiana, anche se tutti pensano venga dalla Georgia, arriva un nuovo album anche per Tony Joe White. Il nuovo disco, puree questo pubblicato dalla Yep Rock, è un misto di brani originali di White, cinque, che erano rimasti a lungo nel cassetto e da una serie di cover di blues dal repertorio di grandi artisti, tra gli altri Lightnin’ Hopkins, Muddy Waters, John Lee Hooker; quindi per l’occasione il classico swamp-rock del nostro si immerge profondamente nel blues. Voce sempre più vissuta e il classico sound indolente e pungente della chitarra di TJW, con qualche tocco aggiunto di armonica.

1. Bad Mouthin’
2. Baby Please Don’t Go
3. Cool Town Woman
4. Boom Boom
5. Big Boss Man
6. Sundown Blues
7. Rich Woman Blues
8. Bad Dreams
9. Awful Dreams
10. Down the Dirt Road Blues
11. Stockholm Blues
12. Heartbreak Hotel

linda thompson my mother doesn't know 28-9

Questo, come lascia intendere il titolo, non è un disco nuovo della ex moglie di Richard, nonché una delle più belle voci della scena musicale britannica: Linda Thompson Presents My Mother Doesn’t Know I’m On The Stage è un album che celebra il music hall inglese, attraverso una serie di registrazioni che verranno pubblicate dalla Omnivore Records, etichetta specializzata abitualmente soprattutto in ristampe. Quindi si tratta di brani che ruotano attraverso questo stile particolare che la Thompson ha sempre molto amato: Materiale registrato con famiglia e ospiti al seguito nel maggio del 2005 al Lyric Hammersmith di Londra, dove la nostra amica appare solo in due brani e quindi indirizzato a collezionisti incalliti o amanti del genere, per cui occhio. Interessante, ma molto di nicchia, anche se alcuni dei nomi presenti sono legati alla tradizione del folk britannico: da Bob Davenport Cara Dillon, Sam Lakeman e Jools Holland, anche James Walbourne, marito di Kami Thompson, la figlia più giovane di Richard e Linda, con cui milita nei Rails e anche l’altro fratello Teddy Thompson appare nel CD, come pure Martha Wainwright e il grande attore Colin Firth.

Ecco la lista completa delle canzoni e relativi interpreti:

1. I Might Learn To Love Him Later On (Tra-La-La-La) featuring Linda Thompson
2. Beautiful Dreamer featuring Martha Wainwright
3. My Mother Doesn’t Know I’m On The Stage featuring Colin Firth
4. London Heart featuring James Walbourne
5. Good-Bye Dolly Gray featuring Linda Thompson
6. I Wish You Were Here Again featuring Bob Davenport
7. A Good Man Is Hard To Find featuring Justin Vivian Bond
8. Here Am I Broken Hearted featuring Teddy Thompson
9. If It Wasn’t For The ‘ouses In Between (or The Cockney’s Garden) featuring John Foreman
10. Burlington Bertie From Bow featuring Teddy Thompson
11. The Lark In The Clear Air featuring Cara Dillon
12. Wotcher! (Knocked ‘Em In The Old Kent Road) featuring Roy Hudd
13. Brother, Can You Spare A Dime? featuring Teddy Thompson
14. Show Me The Way To Go Home Ensemble

joe strummer 001 28-9 joe strummer 001 deluxe 28-9

A dicembre saranno passati 16 anni dalla morte di Joe Strummer, quindi l’uscita di questo Joe Strummer 001 non pare commemorare nessun evento particolare, semplicemente sarà pubblicato il 28 settembre per la Ignition Records e raccoglierà, nelle intenzioni della etichetta, materiale estratto dalla carriera di Joe al di fuori dei Clash; quindi brani dei 101ers, dei Mescaleros, dagli album solisti, dalle colonne sonore e un album di materiale inedito. Ovviamente ci saranno vari formati: quella in doppio CD standard, che comunque conterrà tutte le canzoni, quella in 2 CD Deluxe, (molto) più costosa per via della confezione, con lo stesso libro formato A4 della Super Deluxe, ma con solo una piccola parte dei memorabilia della versione da ricchi, che costerà indicativamente oltre i 100 euro, e al cui interno troveranno posto anche un libro rilegato, 3 album in vinile, un singolo 7 pollici con 2 demo inediti e una musicassetta contenente l’U.S. North” – Basement Demo, due lyric sheets, la riproduzione della patente di guida californiana di Strummer e altre chicche varie.

Comunque ecco la lista completa dei brani delle varie edizioni, che nel doppio CD raccolgono in ogni caso le stesse canzoni.

[CD1]
1. Letsagetabitarockin (2005 Remastered Version) – The 101ers
2. Keys To Your Heart (Version 2) [2005 Remastered Version] – The 101ers
3. Love Kills – Joe Strummer
4. Tennessee Rain – Joe Strummer
5. Trash City – Joe Strummer & The Latino Rockabilly War
6. 15th Brigade – Joe Strummer
7. Ride Your Donkey – Joe Strummer
8. Burning Lights – Joe Strummer
9. Afro-Cuban Be-Bop – The Astro-Physicians
10. Sandpaper Blues – Radar
11. Generations – Electric Dog House
12. It’s A Rockin’ World – Joe Strummer
13. Yalla Yalla – Joe Strummer & The Mescaleros
14. X-Ray Style – Joe Strummer & The Mescaleros
15. Johnny Appleseed – Joe Strummer & The Mescaleros
16. Minstrel Boy – Joe Strummer & The Mescaleros
17. Redemption Song – Johnny Cash & Joe Strummer
18. Over The Border – Jimmy Cliff & Joe Strummer
19. Coma Girl – Joe Strummer & The Mescaleros
20. Silver & Gold / Before I Grow Too Old – Joe Strummer & The Mescaleros

[CD2]
1. Letsagetabitarockin’ – Joe Strummer
2. Czechoslovak Song / Where is England – Strummer, Simonon & Howard
3. Pouring Rain (1984) – Strummer, Simonon & Howard
4. Blues On The River – Joe Strummer
5. Crying On 23rd – The Soothsayers
6. 2 Bullets – Pearl Harbour
7. When Pigs Fly – Joe Strummer
8. Pouring Rain (1993) – Joe Strummer
9. Rose Of Erin – Joe Strummer
10. The Cool Impossible – Joe Strummer
11. London Is Burning – Joe Strummer & The Mescaleros
12. U.S.North – Joe Strummer & Mick Jones

[Seven-Inch Single]
1. This is England – 1984 July Demo – Previously Unreleased
2. Before We Go Forward – 1984 July Demo – Previously Unreleased

[Cassette: U.S. North Basement Demo]
1. Unreleased. Recorded 1986. Discovered in Joe’s cast cupboard.
2. Joe Strummer & Mick Jones: Vocals, Guitar, Drum Machine

chuck leavell chuck gets big 28-9

Ultima segnalazione scelta tra le tante uscite del mese di settembre (almeno quelle annunciate finora) è per il CD di Chuck Leavell With The Frankfurt Radio Big Band, già disponibile per il download digitale da giugno, verrò pubblicato su CD dalla BMG sempre il 28 settembre. Si tratta della registrazione di un concerto del 2011 tenuto in Germania, con una orchestra fiati, chitarra e sezione ritmica per un totale di 17 elementi sul palco: Chuck Gest Big rivisita il passato del grande tastierista americano andando a pescare nel repertorio di Allman Brothers, Sea Level Rolling Stones, oltre che dai suoi dischi solisti.

1. Route 66
2. King Grand
3. Losing Hand
4. Honky Tonk Woman
5. Living In A Dream
6. Blue Rose
7. Southbound
8. Tumbling Dice
9. Ashley
10. Statesboro Blues
11. Georgia On My Mind
12. Compared To What
Bonus Track:
13. Tomato Jam

Con questo è tutto, alla prossima.

Bruno Conti

Anticipazioni Della Settimana (Ferr)Agostana, Prossime Uscite Di Settembre: Parte IV. Billy Gibbons, Graham Parker, Textones, Villagers, Joe Bonamassa

billy gibbons the big bad blues 21-9

Ed eccoci arrivati alle uscite di venerdì 21 settembre. Iniziamo con il secondo album solista di Billy F. Gibbons, il leader degli ZZ Top. Si intitola The Big Bad Blues e segnala un ritorno deciso al blues-rock dopo il non del tutto convincente (almeno per chi scrive, a cui non era piaciuto molto) Perfectamundo, il disco dal gusto Afro-cubano del 2015. Questa volta il nostro amico fa molto meglio, pur utilizzando più o meno gli stessi musicisti del disco precedente: l’ottimo Mike Flanigin all’organo e al piano, Joe Hardy al basso, Greg Morrow alla batteria, più i “nuovi” Austin Hanks alla seconda chitarra, Matt Sorum anche lui alla batteria, oltre a James Harman, per esempio presente all’armonica in Missin’ Yo’  Kissin’ (brano firmato dalla moglie Gilligan, come Gilly Stillwater, e che ignoravo scrivesse canzoni).

Proprio questo pezzo, con un riff robusto di chitarra che rimanda sia agli ZZ Top, come pure al boogie blues dei primi Canned Heat, per la presenza dell’armonica, è un efficace esempio del sound che sembra bello tosto, come ai bei tempi andati, cosa che non capitava da tempo negli album di studio della sua band di origine (lo dico con cognizione di causa perché mi è già capitato di ascoltare buona parte del disco). Dove brillano anche non una ma ben due cover dal repertorio di  Bo Diddley Bring It to Jerome  e Crackin’ Up, e due pure di Muddy Waters, una poderosa Rollin’ & Tumblin’ che sembra uscire dai solchi di un vecchio disco di Johnny Winter, e una solida rilettura di Standin’ Around Crying, sempre con Harman all’armonica, che brilla pure in Let The Left Hand Know. Ma visto che questa non è una recensione mi limito a ribadire che questo The Big Bad Blues tiene fede al titolo e segnala un gradito ritorno al suono dei primi ZZ Top https://www.youtube.com/watch?v=Hxq5LciIeW4ma anche alle radici della passione del buon Billy per le 12 battute, con la solista spesso in bella evidenza. Il CD uscirà per la Concord/Universal e contiene le seguenti tracce.

 1. Missin’ Yo’ Kissin’ (Gilly Stillwater)
2. My Baby She Rocks
3. Second Line
4. Standing Around Crying (Muddy Waters)
5. Let The Left Hand Know…
6. Bring It To Jerome (Jerome Green)
7. That’s What She Said
8. Mo’ Slower Blues
9. Hollywood 151
10. Rollin’ And Tumblin’ (Muddy Waters)
11. Crackin’ Up (Bo Diddley)

graham parker cloud symbols 21-9

Nuovo disco anche per Graham Parker, Cloud Symbols dopo il recente ritorno al passato ed ai suoi migliori suoni, grazie alla presenza dei Rumour https://discoclub.myblog.it/2015/05/19/il-disco-del-giorno-forse-del-mese-graham-parker-the-rumour-mystery-glue/che questa volta non ci sono, sostituiti da una nuova band The Goldtops, dove comunque rimane Martin Belmont alla chitarra.

Nuova anche l’etichetta 100% UK, ma non la classe che rimane limpida  e lo stile inimitabile, come dimostra l’estratto dall’album che potete ascoltare sopra. Ecco comunque la lista completa dei brani:

1. Girl In Need
2. Ancient Past
3. Brushes
4. Dreamin’
5. Is The Sun Out Anywhere
6. Every Saturday Nite
7. Maida Hill
8. Bathtub Gin
9. Nothin’ From You
10. What Happens When Her Beauty Fades?
11. Love Comes

textones old stone gang 21-9

Per la serie a volte ritornano, a più di 30 anni dall’ultimo album di studio Cedar Creek tornano i Textones. Carla Olson, che era l’anima e la mente del gruppo, oltre che la voce solista e la principale autrice, racconta che quando venne pubblicato l’album nel 1987, poco dopo si accorse di essere malata e le venne diagnosticata una forma di diabete mellito, cosa che la costrinse a ritirarsi dalle scene, decretando la fine del suo gruppo. Comunque la Olson poi è tornata, con una serie di ottimi dischi, soprattutto quelli in coppia con Gene Clark Mick Taylor, e nel corso degli anni è diventata anche una affermata produttrice, ma evidentemente quel finale brusco le deve essere rimasto sul gozzo. Ed ecco quindi che vengono riannodate le fila del discorso con i vecchi componenti della band: George Callins, alla chitarra e seconda voce, oltre che coautore di alcuni brani.  Rick Hemmert, Tom Jr. Morgan al sax, e Joe Read. Come ospiti appaiono anche gli altri vecchi membri originali del gruppo, Markus Cuff, David Provost, Phil Seymour, Kathy Valentine, nonché Barry Goldberg Rusty Young dei Poco, alla pedal steel, mandolino e banjo.

villagers the art of pretending to swim 21-9

Quarto album di studio per i Villagers, la band dell’irlandese Conor O’Brien, gruppo che mi aveva colpito per il primo album https://discoclub.myblog.it/2010/06/18/anche-lui-di-nome-fa-conor-the-villagers-becoming-a-jackal/ , ma anche gli altri usciti in seguito erano ottimi. Il nuovo The Art Of Pretending To Swim, come di consueto pubblicato dalla Domino Records, conferma il talento di questo piccolo genio della pop music più raffinata e di squisita fattura (e non solo), musica di grande qualità e varietà. Sotto trovate una anticipazione del disco e la lista completa dei brani.

1. Again
2. A Trick Of The Light
3. Sweet Saviour
4. Long Time Waiting
5. Fool
6. Love Came With All That It Brings
7. Real Go-Getter
8. Hold Me Down
9. Ada

joe bonamassa redemption 21-9

Questa è solo una segnalazione, la recensione completa del nuovo album di Joe Bonamassa Redemption, in uscita il 21 settembre su Mascot/Provogue, l’ho già scritta e la leggerete in anteprima sul numero del Buscadero di settembre. Comunque ecco una piccola anticipazione della recensione: il produttore Jerry Shirley, su suggerimento di Bonamassa si presume, ha voluto apportare alcune modifiche al sound: ci sono due chitarristi aggiunti alla formazione abituale, ossia Kenny Greenberg e Doug Lancio, per consentire a Joe di concentrarsi di più sulle parti soliste, un ospite a sorpresa come il cantante country Jamey Johnson, e tra gli autori o co-autori delle canzoni Dion DiMucci, Tom Hambridge sempre più lanciato, James House, Gary Nicholson e Richard Page. Per il resto la band è quella solita, ormai collaudata: Anton Fig, batteria, Michael Rhodes, basso e Reese Wynans alle tastiere, oltre alla piccola sezione fiati , Lee Thornburg  e Paulie Cerra, usata in alcuni brani, Gary Pinto alle armonie vocali e le coriste Mahalia Barnes, Jade McRae, Juanita Tippins.

Ecco i titoli delle canzoni e qui sopra un assaggio video.

1. Evil Mama
2. King Bee Shakedown
3. Molly O’
4. Deep In The Blues Again
5. Self-Inflicted Wounds
6. Pick Up The Pieces
7. The Ghost Of Macon Jones
8. Just ‘Cos You Can Don’t Mean You Should
9. Redemption
10. I’ve Got Some Mind Over What Matters
11. Stronger Now In Broken Places
12. Love Is A Gamble

Alla prossima.

Bruno Conti