Torna David Byrne. Nuovo Album Con Fatboy Slim: Si Chiama Here Lies Love

david byrne.jpgDavid byrne here lies love deluxe.jpg

 

 

 

 

 

 

 

David Byrne & Fatboy Slim – Here Lies Love – Nonesuch 2CD o 2CD+DVD+LIBRO 120 pagine

Esce nei prossimi giorni questa sorta di “Musical da club” come lo ha definito lo stesso Byrne: una concept opera in 22 brani sulla vita della First Lady filippina Imelda Marcos e della sua “Tata” Estrella Cumpas.

Progetto micidiale, in senso positivo, sulla carta: anche l’esecuzione è grandiosa, 22 cantanti compreso lo stesso Byrne, tutte voci femminili, meno Steve Earle e Byrne, molte tra le più brave ed amate attualmente in circolazione. Non mi vedete entusiasta? L’esecuzione mi lascia un po’ perplesso anche se, visto il coinvolgimento di Fatboy Slim, un po’ me lo aspettavo; già la definizione musical da club lasciava capire che la musica sarebbe stata caratterizzata da una forte presenza (per usare un eufemismo) di sonorità fine anni ’70 primi anni ’80, disco, funky, elettronica, la musica che andava appunto nei club in quegli anni e che era molto amata dalla protagonista (che amava due cose, le scarpe e la musica da discoteca, ma raffinata). Lo stesso David Byrne ha contribuito, sia con i Talking Heads che con dischi come My Life In The Bush of Ghosts con Brian Eno alla parte più nobile di questo filone e non dimentichiamo lo spinoff Tom Tom Club.

Quello che caratterizza e, in un certo senso, rende comunque interessante questo progetto è la presenza di tante voci così diverse tra loro; anche se, paradossalmente, per la critica inglese, proprio questo è stato considerato il punto debole del progetto, la mancanza di una unitarietà e quindi l’eccessiva frammentazione rendono il tutto un’insieme di canzoni, più o meno belle, ma slegate fra loro, senza una storia ben definita (anche se a ben guardare non è che il soggetto sia entusiasmante!).

Qundi tutti in pista, se amate dance, beats, funky e disco qui c’è trippa per gatti ma anche chi ama la musica più sostanziosa e le belle voci può trovare molti motivi di godimento. Aggiungerei che l’edizione deluxe con il libro con i testi e il DVD con un estratto di 6 brani dall’opera (anche se le immagini dovrebbero essere più che altro di tipo documentaristico sulle Filippine, con le voci dei cantanti aggiunte in seguito: non essendo ancora uscito non l’ho visto) dovrebbe tentare gli acquirenti visto che non c’è una differenza di prezzo abissale tra le due versioni, direi meno di 10 euro, tra i 20 e i 30 euro, a seconda dell’edizione.

Per chi vuole considerarla, come me,  una raccolta di canzoni, vi segnalo quelle che mi sono sembrate le migliori: tutta la sequenza finale – da American Troglodyte cantata da Byrne, Solano Avenue cantata dalla bravissima Nicole Atkins, Order 1081 cantata da Natalie Merchant (manca solo una settimana al disco nuovo), il delizioso duetto Seven years tra Byrne e Shara Worden (My Brightest Diamond) e l’altrettanto ottima Why Don’t You Love Me cantata in coppia da Cyndi Lauper e Tori Amos watch?v=c4Nt4AdfvQE

Pescando qui è là, mi sono piaciute anche l’iniziale Here Lies Love con la voce di Florence Welch (Florence & The Machine) watch?v=TCG6lzCDn_Y, la sequenza di You’ll Be Taken Care Of con Tori Amos e The Rose Of Tacloban con Martha Wainwright. Strana la presenza, ma non malvagia, di Steve Earle in un ambito più elettronico rispetto al suo repertorio solito.

Per gli amanti di Fatboy Slim (moderato dalla raffinatezza di David Byrne) la sequenza a cavallo dei due dischi quando i ritmi si fanno più serrati e danzerecci con voci all’uopo (Roisin Murphy, Charmaine Clamor, Camille, Theresa Andersson, Sharon Jones, Kate Pierson, Sia e Santigold tra le altre).

In definitiva “the Best of Two worlds”, molto piacevole e raffinato al tempo stesso, tante belle voci, pensavo peggio!

Bruno Conti

Torna David Byrne. Nuovo Album Con Fatboy Slim: Si Chiama Here Lies Loveultima modifica: 2010-03-30T19:35:00+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *