L’Ultimo Botto Di Fine Anno ! Leonard Cohen – Live In Dublin

leonard cohen live in dublin cd+dvd frontleonard cohen live in dublin cd+dvd box

Leonard Cohen – Live In Dublin – Sony Music – 3CD – 3CD/DVD –  3CD/Blu-Ray

Dopo Live In London (09) e Songs From The Road (10), questo Live In Dublin  è il terzo concerto dal vivo che il grande cantautore-poeta canadese estrae dai suoi numerosi tour Europei: sono tre ore di grande musica (e per la prima volta un concerto completo dalla prima all’ultima canzone, per i suoi numerosi “fans” (ai quali sono fiero di appartenere). Il concerto è stato registrato nel Settembre del 2013 all’Arena 02 della splendida capitale Irlandese, con Cohen che come sempre si avvale di musicisti di fama mondiale (probabilmente la sua migliore band di sempre a parte l’assenza di Dino Soldo al sax), con al basso Roscoe Beck, Neil Larsen alla fisarmonica e tastiere, Rafael Gayol alla batteria e percussioni, il virtuoso Javier Mas a suonare tutti gli strumenti a corda, Mitch Watkins alle chitarre, il violino moldavo di Alex Bublitchi , e alle armonie vocali la sua “partner” di lunga data Sharon Robinson, e le sempre soavi Webb Sisters, ancora presenti nel gruppo lo scorso anno, per una “performance” magnifica dove in un mix unico si combinano elementi blues, jazz e pop, con frammenti di stili europei e zingareschi https://www.youtube.com/watch?v=n2GAYDYGddk .

leonard-cohen-live-in-dublin leonard-cohen-live-in-dublin 2

Il primo set inizia con la consueta, scura e profonda, Dance Me To The End Of Love, a cui fanno seguito la “biblica” The Future, la sempre carismatica Bird On The Wire, qui arrangiata in versione soul-jazz, mentre la chitarra del barcellonese Javier Mas incanta in Everybody Knows (dove si nota ancora una volta la bravura delle coriste) https://www.youtube.com/watch?v=8IfmiKnZi3E , e anche nel lungo intro spagnoleggiante di una struggente Who By Fire. Con The Gypsy’s Wife la band recupera il suono tzigano dei tempi di Recent Songs (79) , a cui Cohen fa seguire un trittico di brani tratto dal recente Old Ideas (12) Darkness, Amen e la dolce e meravigliosa Come Healing, accompagnata dalle voci angeliche delle Webb Sisters https://www.youtube.com/watch?v=MUB1O2cT2gM , canzoni che reggono lo show con la stessa forza dei classici di sempre, andando a chiudere la prima parte con Lover Lover Lover dal classico New Skin For The Old Ceremony (74), e la spirituale Anthem.

leonardcohen_nenadgeorgeivski leonard-cohen-live-in-dublin 3

La seconda parte del set riparte con le tastiere della celebre Tower Of Song, seguita poi da una dolcissima Suzanne, trascinata dal violino e dai cori, dagli accordi acustici di Chelsea Hotel #2, il lento incedere di Waiting For Miracle, per poi approdare al momento migliore della serata con la bilingue, sofferente ed emotiva, The Partisan, in una versione da brivido, impreziosita dagli accordi di Mas durante i versi in francese, brano che si merita l’ovazione del pubblico in sala. Dopo un inchino e un saluto al pubblico, il “maestro” riparte con le note avvolgenti di In My Secret Life, lasciando il palco alla Robinson per la ballata pianistica Alexandra Leaving, e poi ritornare con la sua voce baritonale alle atmosfere retrò della nota I’m Your Man https://www.youtube.com/watch?v=YuCpTi0EtbU , che fa da preludio alla famosissima e “coverizzata” da quasi tutti Hallelujah (forse l’unica canzone di Cohen conosciuta a livello universale), recitandola come solo il suo “creatore” potrebbe fare, un brano che non ha bisogno di presentazione, il secondo set termina con la poesia di Garcia Lorca, il fascinoso valzer Take This Waltz. Sulle note finali di questa canzone la band se ne va dal palco, per poi tornare ovviamente per una serie di “encores” che iniziano con la spettacolare versione “tzigana” della bellissima So Long, Marianne https://www.youtube.com/watch?v=DgEiDc1aXr0 , seguita dai sussurri di Going Home con il violino moldavo che colpisce direttamente al cuore, il basso pulsante che introduce First We Take Manhattan, dove la voce di Leonard e l’apporto delle coriste danno al brano un tono inaspettato, mentre la dolente Famous Blue Raincoat entra nell’anima, con uno dei testi più commoventi di sempre https://www.youtube.com/watch?v=DHqqlm9yf7M . Le bellissime voci delle sorelle Webb danno corpo alla melodia sognante di If It Be Your Will, avviandosi poi al gra finale con la solita coinvolgente Closing Time, rispolverando anche il blues vellutato di I Tried To Leave You e andando a chiudere un concerto magnifico con una inaspettata cover di Save The Last Dance For Me (con un’introduzione quasi “caraibica”) dei Drifters. Applausi!

dublin1979-5x leonard cohen live 60's

leonard cohen live1989leonard cohen in dublin 4

Sono quasi cinquant’anni ormai che Leonard Cohen porta avanti la missione di poeta, romanziere e cantautore, e chi lo segue dall’inizio della sua carriera sa cosa aspettarsi da questo vecchio signore, un gentiluomo che quando sale sul palco è rispettoso del pubblico e dei suoi superbi musicisti, che ringrazia col gesto del cappello e presenta con un rispettoso inchino. Anche in questo concerto (come negli altri), il suono è perfetto, non assordante, governato dall’equilibrio e dalla misura, distribuito su canzoni immortali, riconosciute ed apprezzate, cantate con il senso della misura, che con Cohen diventa perfezione. All’inizio della carriera, il grande canadese amava dire “di voler essere solo un poeta minore”, ora (per chi scrive) rimane senza ombra di dubbio il massimo poeta che la canzone d’autore abbia saputo esprimere, non male per uno che ha intrapreso di nuovo la carriera di cantante e ricominciato a fare concerti per le note necessità economiche.

NDT: Nel DVD oltre al concerto completo, vengono proposti come bonus i video delle canzoni Show Me The Place, Anyhow e Different Sides, estratti da Old Ideas e registrati in Canada nel 2013.

Tino Montanari

L’Ultimo Botto Di Fine Anno ! Leonard Cohen – Live In Dublinultima modifica: 2014-12-30T13:37:38+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *