Jackie Leven Words And Music, Fine Della “Strada Gotica”. Wayside Shrines And The Code Of The Travelling Man

jackie leven michael cosgrave.jpg

 

 

 

 

 

 

Jackie Leven and Michael Cosgrave – Wayside Shrines and The Code of Travelling Man
Cooking Vinyl  Records 2011

Purtroppo quello che mi accingo a recensire è il testamento musicale del “Grande Scozzese” Jackie Leven, scomparso Lunedì 14 Novembre per un male incurabile. Due brevi note sul personaggio serviranno a delineare meglio la personalità: nato a Fife in Scozia nel 1950 da una famiglia rom, Jackie fin da ragazzo fu attratto dalla musica e dopo aver militato in band locali, raggiunse il successo verso la fine degli anni Settanta con i Doll By Doll.

Dopo lo scioglimento del gruppo di cui era il “leader” indiscusso, segue un lungo e travagliato percorso, costeggiato da tragedie sentimentali e fisiche (grossi problemi con le droghe) che lo hanno allontanato dal mondo musicale e da quello reale. Il “nostro” abbandonando la tentacolare Londra, si è ritirato nel Nord dell’Inghilterra in un piccolo paese di pescatori Argyll e aiutato dalla saggezza della comunità locale nell’affrontare la vita, con la calda umanità che vi gravitava attorno, Jackie ha ripreso il suo percorso umano.

In una carriera che si estende oltre i quarant’anni, partendo dall’esordio Control del 1971 (ma pubblicato nel 1975 con lo preudonimo di John St. Field),disseminando capolavori assoluti quali Mystery of Love Is Greater than the Mystery of Death(classificato dalla rivista “Q” come uno dei 100 migliori album di tutti i tempi), Leven sforna una immensa discografia, registrando sempre sotto il marchio della storica e fidata Cooking Vinyl inglese, ma indulge anche in autoproduzioni messe in vendita ai concerti o via Internet.

Se le vendite non sempre hanno rispecchiato l’accoglienza positiva della critica, Jackie è comunque stato un autore superbo dalla vena epica e romantica, nei suoi brani ci sono echi del folklore “anglosassone”, l’uso delle campane in sottofondo, i recitativi dosati con cura su un tappeto sonoro ricco e artigianale che accomuna musica e poesia, e il suo ultimo lavoro fatto con il multi-strumentista Michael Cosgrave, è l’ennesima prova del talento di Leven e della  sua inesauribile creatività.

L’apertura del disco Swine Flu Fever Blues h462yQ8oCBw mette subito in risalto  uno dei suoi punti di forza, la voce dalla timbrica particolare, ammaliante come nella seguente To Live and Die in Levenland, una filastrocca dai sapori antichi, con un organo da chiesa a chiudere il brano. Deep Purple Cloak e Beware Soul Brother sono magnifiche ballate cantate con la voce calda e intensa del protagonista. Un arpeggio delicato di chitarra introduce Spooky Berlin Hotel Song,  cui fa seguito una Townes at The Borderline dove la bravura di Cosgrave dà alla canzone una meritata annotazione intimistica. The Kirkcaldy Book of the Dead tipica ballata “leveniana”,  dove la voce accompagna delicatamente un armonia che rende piacevole e coinvolgente l’ascolto. Con la breve ma splendida Dagenham Dream in cui Jackie con la sola chitarra fa vibrare i cuori si raggiunge il livello “poetico” più alto del lavoro, seguito da un brano “recitato” (non poteva mancare) A Kiss on The Cheek in perfetto stile John Trudell. Un rumore di onde introduce una Backstage, Chelsea Club, Vienna, ballata pianistica, che chiude un CD toccante e di rara bellezza.

Tra i fattori positivi per i quali vi consiglio l’acquisto di questo “compact”, segnalerei senza  dubbio la grande tonalità vocale di Leven che i suoi “fans” conoscono perfettamente, unita certamente ai testi, un altro fattore fondamentale della bellezza delle sue composizioni. Artista di culto che avrebbe meritato maggior fortuna, che lascia una sterminata produzione discografica con più di 400 canzoni, e il rimpianto di chi lo ha veramente amato. Due birre Jackie, offro io. Riposa in pace.!

Tino Montanari

P.S.

Una piccola aggiunta. Il “nostro” Andrea Parodi aveva cantato la sua versione di Single Father, questo è il brano:

E qui trovate il suo ultimo “bootleg” gEd-t7jrJJU.

Bruno Conti

Jackie Leven Words And Music, Fine Della “Strada Gotica”. Wayside Shrines And The Code Of The Travelling Manultima modifica: 2011-11-22T15:14:00+01:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *