Un Buon “Debutto” Per Un Nuovo Duo! Shawn Colvin & Steve Earle – Colvin & Earle

shawn colvin & steve earle deluxe

Shawn Colvin & Steve Earle – Colvin & Earle – Fantasy/Universal CD

Nella sua ormai trentennale carriera Steve Earle ha sempre fatto quello che voleva senza perdere mai il bandolo, dal country-rock degli esordi, poi solo rock, reinventandosi folksinger dopo la parentesi in galera (lo splendido Train A-Comin’), cantante di protesta (The Revolution Starts Now), incidendo anche un disco di puro bluegrass (The Mountain, con la Del McCoury Band), un album tributo alla sua massima fonte d’ispirazione (Townes, dedicato a Van Zandt) ed anche blues (Terraplane), ma un CD di duetti non lo aveva mai fatto, neppure nel periodo in cui era sposato con la brava Allison Moorer. C’è voluta Shawn Colvin, cantautrice ed interprete raffinatissima, una che nella sua carriera ha sempre centellinato le uscite discografiche (solo nove album in 27 anni, con l’unico grande successo di A Few Small Repairs del 1996, che conteneva l’hit single Sunny Came Home, ed ancora “fresca di stampa” del bellissimo Uncovered dello scorso anno) per convincere Steve a riempire una delle poche caselle vuote del suo percorso di musicista: non so come sia nata questa collaborazione, ed ignoro se ci sia o meno del tenero tra i due (e visti i sette divorzi di Steve consiglierei a Shawn, che pure ha due matrimoni falliti alle spalle, di usare prudenza), ma dopo un attento ascolto devo dire che la strana coppia funziona, e Colvin & Earle è un disco piacevole e ben fatto (e ve lo dice uno che non impazzisce per gli album di duetti), una gradita divagazione alle rispettive carriere, un CD inciso probabilmente just for fun ma concepito in maniera assolutamente professionale. Dieci canzoni, delle quali sei sono originali scritti dai due leader (ma la mano di Steve è quella che si sente di più) e quattro sono cover scelte in maniera piuttosto eterogenea; la produzione è nelle mani di Buddy Miller, una garanzia dunque, il quale dona al disco un suono molto roots, in alcuni momenti quasi country, facendo risaltare il mood rilassato nel quale si sono svolte le sessions: oltre a Earle, Colvin e Miller, che si occupano delle chitarre, mandolini, bouzuki, ecc., abbiamo, sempre alle chitarre, Richard Bennett, già partner di Steve ma anche, fra gli altri, di Mark Knopfler e Neil Diamond, Fred Eltringham (ex Wallflowers) alla batteria e Chris Wood al basso.

Il sound del disco è elettroacustico, ed i brani sono tutti molto diretti e godibili, quasi una parentesi “leggera” nelle carriere dei due artisti, anche se i risultati più che buoni potrebbero far sperare in un seguito: il CD inizia con la gioiosa Come What May, dal ritmo saltellante, scritta a quattro mani ma direi tipicamente earliana, le due voci si trovano alla perfezione ed il brano è davvero gradevole, e ci riporta lo Steve country-rock degli esordi, solo un filo meno elettrico. Tell Moses è una canzone originale ma sembra un vecchio traditional, ed anche l’arrangiamento spoglio e rurale rimanda alle sonorità dei pionieri, se non fosse per la chitarrina di Miller che ogni tanto fa capolino: comunque i due sono sul pezzo, e sembra che non abbiano fatto altro che scrivere e cantare insieme negli anni precedenti. La prima cover del CD è Tobacco Road di John D. Loudermilk, una versione di grande forza ed impeto, con un mood country-blues ed una strumentazione molto asciutta e diretta, con Bennett e Miller che forniscono la parte rock arrotando le chitarre. Sapevo che Earle era un grande fan dei Rolling Stones, ma fra tutte le loro canzoni non avrei pensato un giorno di trovarmi davanti a Ruby Tuesday: Steve e Shawn attaccano subito la notissima melodia accompagnandosi solo con chitarra e contrabbasso, per poi essere raggiunti dal resto della band nel ritornello, una versione quindi molto simile all’originale (solo più roots), anche se si mantiene qualche gradino sotto a Jagger e soci.

The Way That We Do è una tenue e fluida ballata, nella quale i due per la prima volta si alternano alla voce solista invece di cantare all’unisono, uno di quegli slow che Steve infila sempre nei suoi dischi, mentre la breve Happy And Free è un brano countreggiante fresco e spedito, uno dei più immediati del lavoro. You Were On My Mind la conoscono tutti, è una popolarissima canzone scritta da Sylvia Fricker, la metà di Ian Tyson nel duo Ian & Sylvia (particolare curioso, il brano è stato scritto in una camera dell’Hotel Earle di New York, sarà per questo che Steve ha voluto farla?) ed incisa, oltre che dall’autrice col marito, da Barry McGuire, i We Five, Susanna Hoffs e, in Italia, dall’Equipe 84 (Io Ho In Mente Te): la rilettura qui presente è molto più folk-rock delle altre conosciute, anche se la melodia resta intatta ed i due cantano che è una meraviglia, una delle migliori del disco. La cadenzata You’re Right (I’m Wrong), dall’incedere leggermente minaccioso, è un’altra tipica Earle song, ed anche qui l’impasto strumentale elettroacustico è di prima qualità. Emmylou Harris non ha scritto moltissime canzoni nel corso della sua carriera, ma Raise The Dead è una di quelle (ed è pure bella), ed i nostri omaggiano la cantante dai capelli argento con una guizzante versione tutta da godere, con la voce di Steve un po’ nelle retrovie; il CD si chiude con You’re Still Gone, scritta a sei mani dai due con Julie Miller (brava cantautrice e moglie di Buddy), uno slow decisamente intenso e toccante, che dimostra che anche con solo due voci, magari nemmeno perfette, e pochi strumenti si possono regalare emozioni.

Poteva forse mancare la versione deluxe del disco? Assolutamente no, ed ecco quindi tre brani extra che partono con una versione a due voci del classico di Steve Someday (pubblicato anche dalla Colvin in passato su Cover Girl), toccante rilettura di una canzone sempre splendida, con solo la chitarra acustica all’inizio ed il resto del gruppo che entra piano piano; That Don’t Worry Me Now è invece un vecchio pezzo di Shawn, un brano delicato e folkie, puro esempio di songwriting di classe, mentre la parte deluxe è chiusa da una riproposizione di Baby’s In Black dei Beatles (d’altronde abbiamo avuto gli Stones), che ricalca molto l’originale, con Earle che fa Lennon e la Colvin nella parte di McCartney, e la steel a dare un tocco country.

Un bel dischetto, per certi versi anche sorprendente: la coppia Earle-Colvin funziona, e prossimamente non mi dispiacerebbe vederli alla prova con un album dal vivo.

Marco Verdi

Un Buon “Debutto” Per Un Nuovo Duo! Shawn Colvin & Steve Earle – Colvin & Earleultima modifica: 2016-06-21T00:02:57+00:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*