Sempre Buona Musica Dal Texas! Josh Ward – Holding Me Together

josh ward holding me together

Josh Ward – Holding Me Together – Buckshot Records CD

Escluse certe aberrazioni dovute più che altro all’esplosione dei cosiddetti social networks (il cui abuso, più dell’uso, è una delle pratiche più fastidiose legate al modo tecnologico assieme al proliferare dei selfies), l’avvento di internet ha indubbiamente cambiato in meglio le nostre vite, anche se ha creato una dipendenza tale da mandarci nel panico qualora ci troviamo alle prese con connessioni problematiche. Uno dei punti di forza del web è senz’altro YouTube, ormai diventato indispensabile per la promozione di giovani talenti in campo musicale e non: nello specifico, il sito basato sulla pubblicazione di video può essere indiscutibilmente utile per gli appassionati di vera musica country, che ogni mese si trovano a doversi districare tra decine di nuove pubblicazioni e schiere di nomi ben poco noti (dato che non ci si può di certo basare sulle copertine dei dischi, da tempo ormai tutte uguali tra loro).

Se qualcuno navigando si fosse imbattuto nel nome di Josh Ward avrà certamente drizzato le orecchie: a dispetto dell’aspetto fisico piuttosto convenzionale, ci troviamo infatti di fronte ad un talento di spessore di gran lunga maggiore della media del settore; texano di Houston, Josh è infatti un country-rocker vero, dal pelo duro, in possesso di una gran bella voce, forte e maschia, un senso del ritmo non comune ed una capacità innata di coniugare belle melodie ad arrangiamenti giusti, rendendo tutti i pezzi del suo nuovo lavoro Holding Me Together (il suo terzo, anche se i precedenti due erano più che altro un affare locale) fruibili sin dal primo ascolto. Il disco (uscito a fine ottobre 2015) è prodotto molto bene da Greg Hunt (uno che ha lavorato con LeAnn Rimes, Pat Green e Jon Wolfe), che ha dato ai brani un suono forte e preciso, mettendo in risalto le chitarre e il piano e dando chiaramente spazio alla voce potente del nostro: il risultato è un lavoro gradevolissimo di puro country-rock texano, da gustare dall’inizio alla fine magari con l’accompagnamento di birra e tacos.

Il CD si apre con Last Night’s Makeup, un vibrante rockin’ country dai bei riff chitarristici ed una melodia immediata che sfocia in un ottimo refrain, un avvio incoraggiante. Broken Heart, cadenzata, non abbassa la guardia: Josh ha una gran voce ed un notevole senso del ritmo e della melodia e questo brano, giusto a metà tra tradizione e Texas, lo certifica appieno; Highway è un irresistibile rock’n’roll, una perfetta truckin’ song, tutto ritmo e chitarre, forse non originalissima (ma cosa lo è oggi?), ma godibile fino in fondo. Whiskey & Whitley rallenta il mood, ma fa vedere che il nostro sa dire la sua anche nelle ballate: motivo fluido, un bel piano sullo sfondo (Gary Leach, bravo come tutti i musicisti coinvolti, sebbene praticamente degli sconosciuti) e niente zucchero in eccesso; Somewhere Between Right And Wrong ricomincia a roccare, tempo veloce, grande feeling e tracce di Sud: ricorda, anche nella voce, il miglior Travis Tritt.  Molto bella pure What I’m Doin’, introdotta da un riff evocativo e servita da uno dei migliori ritornelli del disco: la bravura di Ward sta proprio qua, nell’unire motivi immediati ad arrangiamenti di sostanza, pur senza scoprire l’acqua calda; Between An Old Memory And Me è lenta, intensa e di base acustica, mentre la limpida e solare Change My Mind è una country ballad perfetta per gli spazi aperti. L’album termina con la potente You Don’t Have To Be Lonely, ancora ritmo e melodia coniugati alla grande (la specialità della casa), e con la languida Together.

Josh Ward è uno giusto, e merita di essere notato.

Marco Verdi

Sempre Buona Musica Dal Texas! Josh Ward – Holding Me Togetherultima modifica: 2016-04-22T09:46:29+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *