Il “Solito” Bravo Musicista Texano. Matthew Austin Hunt

matthew austin hunt

Matthew Austin Hunt – Matthew Austin Hunt – Edgewater CD

Uno degli ultimi nomi usciti da quell’inesauribile fucina di talenti che è il Texas è quello di Matthew Austin Hunt, giovane musicista dell’area di Houston che ha appena pubblicato in maniera rigorosamente indipendente il suo album di esordio. Nipote di un musicista di Los Angeles degli anni quaranta, Matthew è cresciuto ascoltando i dischi del nonno (più che altro crooner del calibro di Perry Como, Bing Crosby e Johnny Mathis) e del padre (cose decisamente più texane, come Waylon, Willie e Jerry Jeff Walker) aggiungendo a tutto ciò le sue influenze dirette che vanno da Lyle Lovett a Jackson Browne passando per James Taylor. Il risultato di cotanto bagaglio è appunto l’omonimo Matthew Austin Hunt, un album che non è country come si potrebbe pensare ma una miscela di vari stili che comprendono anche rock, folk e musica cantautorale, il tutto riassumibile con il solito termine “Americana”.

Il country fa certamente parte del suo background, ma Hunt aggiunge spesso e volentieri generose dosi di rock coniugando molto bene un suono forte e chitarristico ad una vena compositiva degna di nota, grazie anche all’apporto di una solida band che va dritta al bersaglio, i cui membri più in vista sono il polistrumentista Derek Hames (che produce anche il disco), il chitarrista John Shelton, l’energica sezione ritmica formata da Mark Riddell al basso e Isaias Gil alla batteria e la violinista Ellen Melissa Story. Puro rock made in Texas quindi, intenso e godibile allo stesso tempo. L’iniziale American Made è un robusto rockin’ country elettrico dal ritmo sostenuto e suono potente, che parte dalla lezione di Waylon per aggiungere ulteriori dosi di rock, con le chitarre in gran spolvero e l’organo a tessere sullo sfondo: un avvio solido e coinvolgente.

Anche Open Book si apre con una bella schitarrata, ma poi il brano si rivela una ballata distesa di pregevole fattura con un motivo che si snoda fluido, anche se il tasso elettrico resta elevato; molto bella Bye London Bye, uno slow elettroacustico dalla melodia toccante ed uno sviluppo strumentale arioso e non privo di pathos, mentre Drip By Drip è una rock song rocciosa con il solito importante apporto di Shelton alla solista ed una sezione ritmica granitica: non solo muscoli però, in quanto anche il songwriting è decisamente valido. Close To Me è gentile, attendista e quasi rarefatta (e spuntano violino e mandolino) a differenza di We Can Dream che è pur sempre una ballata ma parte con un riff molto potente e sanguigno, anche se Matthew conserva quel suo modo gentile di porgere il brano.

The Day I Met You è l’ennesimo pezzo lento, ma il nostro sa scrivere e riesce a trovare la veste sonora adeguata ad ogni canzone senza pertanto risultare noioso: qui il sound è aperto, terso e vibrante, con violino e chitarra elettrica in decisa evidenza. L’incalzante rock ballad Let Me Breathe (ottimo l’uso dell’organo) e la tenue e leggiadra Shade Of Gray portano alla conclusiva My Dear Friend, intensa ed emozionante ballatona tra country e musica d’autore, tra le migliori del CD. Matthew Austin Hunt ha sicuramente grossi margini di miglioramento, ma il suo omonimo debut album rappresenta comunque una base di partenza più che buona.

Marco Verdi

Il “Solito” Bravo Musicista Texano. Matthew Austin Huntultima modifica: 2020-09-16T19:32:11+02:00da bruno_conti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *