Un Grande Narratore Alt-Country “Da Salotto”! Otis Gibbs – Mount Renraw

otis gibbs mount renraw

Otis Gibbs – Mount Renraw – Wanamaker Recording Company

Questo signore, Otis Gibbs (cantautore dell’Indiana, ma anche fotografo e pittore), da qualche anno è stato “sponsorizzato, ”sia dal sottoscritto e prima dall’amico Bruno, su queste pagine, con le recensioni dei precedenti lavori Joe Hill’s Ashes (10) http://discoclub.myblog.it/2010/04/06/le-ceneri-di-joe-hill-otis-gbbs/ , Harder Than Hammered Hell (12) http://discoclub.myblog.it/2012/03/21/dopo-joe-hill-s-ashes-il-nuovo-album-di-otis-gibbs-harder-th/ , e il più recente ottimo Souvenirs Of A Misspent Youth (14), trovando una certa “nicchia” di lettori interessati http://discoclub.myblog.it/2014/08/02/ricordi-gioventu-hobo-otis-gibbs-souvenirs-of-misspent-youth/ . Il buon Otis, in occasione del suo 50° compleanno, ha pensato di registrare nel suo salotto di casa questo nuovo lavoro Mount Renraw (dal nome della località dove è avvenuto il tutto), invitando solamente i suoi fidati “pards” Thomm Jutz alle chitarre e Justin Moses al violino, con il tecnico del suono Alex McCollough, e con la presenza rassicurante della compagna Amy Lashley, per un album molto intimo, con la scarna strumentazione (violino e chitarra) appena ricordata, per una musica comunque sempre di qualità e con testi (come di consueto) intelligenti.

I “festeggiamenti” casalinghi si aprono con l’iniziale Ed’s Blues (Survival), dove la voce è quella solita roca e sofferta, accompagnata dal sublime violino di Moses, mentre la seguente Bison (un triste racconto sullo sterminio dei bisonti), sembra rubata dal repertorio del compianto Johnny Cash, passando per la narrazione di una epica Great American Roadside, raccontando storie vere come Sputnik Monroe (mitico lottatore americano di Memphis), un brano che piacerà sicuramente al buon Billy Bragg, e chiudere la prima parte con la bella ballata Empire Hole, dove la voce di Otis scalda cuore e anima.

Dopo una fetta di torta e del buon vino californiano, la combriccola “festaiola” riparte con la dolce melodia di Blues For Diablo, sulle note di uno straziante violino, il folk-blues “dylaniano” di 800 Miles, per poi passare ad una scarna e tenue Copper Colored Fools, scritta con la sua amata compagna di vita Amy Lashley, entrare nuovamente nella sua sfera personale con Kathleen (il suo primo amore di gioventù), per poi passare alle atmosfere “Appalachiane/Irlandesi” di una struggente Lucy Parsons, e chiudere con il bilancio dei suoi primi cinquant’anni con una country-ballad riflessiva come Wide Awake. Seguendo il percorso di “songwriters” come Woody Guthrie, Pete Seeger e Phil Ochs, i testi di Gibbs come sempre sono diretti ed espliciti con sfumature politiche che raccontano di “losers” e disperati, sia in questo Mount Renraw come in tutte le sue precedenti raccolte.

Otis Gibbs (per chi scrive) è un magnifico narratore di storie, un vero “folksinger” (ed è fiero di esserlo) che non vuole innovare, ma solo proporre la sua musica, un personaggio che scrive canzoni meravigliose, cantandole con una voce aspra e vera come poche (a tratti ricorda quella di Steve Earle), perfetta per le sue ballate dal suono “rurale”, su tematiche che si riscontrano attraversando l’America. Questo autentico outsider vive da anni in cima ad una grande collina dalle parti di Nashville, con vicini di casa artisti, scrittori e soprattutto “disadattati”, un “lupo solitario” che se avrete la costanza di cercare e ascoltare i suoi dischi vi incanterà, e mi auguro, anche se ho forti dubbi, che questo ultimo lavoro Mount Renraw, lo possa portare all’attenzione di un pubblico appena più ampio, un giusto riconoscimento che il suo talento merita!

Tino Montanari

Ricordi Di Gioventù Di Un “Hobo”! Otis Gibbs – Souvenirs Of A Misspent Youth

otis gibbs souvenirs

* NDB Un breve “cappello” prima di lasciarvi alla recensione del buon Tino. Ogni tanto mi piace prendermi qualche merito, sia pure marginale e destinato ad una ristretta cerchia di appassionati. Credo di essere stato il primo in Italia ( anche se non ne sono certo al 100%, mi pare) a parlare di Otis Gibbs, o per dirla alla Pippo Baudo “questo l’ho scoperto io, l’ho scoperto io!”, come potete rilevare da questo Post del 2010 http://discoclub.myblog.it/2010/04/06/le-ceneri-di-joe-hill-otis-gbbs/.

Otis Gibbs – Souvenirs Of A Misspent Youth – Wanamaker Recording Company

Purtroppo in pochi conoscono Otis Gibbs, pure se il suo nome si sta facendo strada (anche per merito del titolare di questo blog), tramite il passaparola fra gli appassionati della buona musica https://www.youtube.com/watch?v=TJp8o1Sp4VM . Dopo tre dischi assolutamente indipendenti (e introvabili) 49th And Melancholy (02), Once I Dreamed Of Christmas (03), One Day Our Whispers (04), al quarto tentativo con Grandpa Walked A Picketline (08) il corpulento e buon Otis è riuscito finalmente ad ottenere l’attenzione degli addetti ai lavori, facendo ancora meglio con i successivi Joe Hill’s Ashes (10) e Harder Than Hammered Hell (12) http://discoclub.myblog.it/2012/03/21/dopo-joe-hill-s-ashes-il-nuovo-album-di-otis-gibbs-harder-th/ , per giungere ora a questo settimo album della serie, Souvenirs Of A Misspent Youth,  l’occasione ideale per il musicista, e anche fotografo, di Wanamaker, Indiana (ora residente a Nashville) di far conoscere la sua musica, e uscire finalmente da quella “nicchia” che lo vede in compagnia di tanti altri bravi e sottovalutati “songwriters” americani (per citarne uno per tutti, Chris Kinght).

otis gibbs 1   

Otis Gibbs è un classico esponente dell’America rurale, e le dieci canzoni di questa raccolta sono come sempre storie di vita vissuta, ricordi di famiglia e esperienze di gioventù, raccontate con la sua voce asciutta e profonda, che si ispira musicalmente alla grande tradizione americana dei Guthrie. Ad accompagnarlo in questo viaggio di “ricordi di gioventù sprecati”, oltre a Otis, alla voce e chitarra, troviamo il co-produttore Thomm Jutz alla chitarre, Mark Fain al basso, Justin Moses al banjo e violino, Fats Kaplin (autore di buoni lavori con Kevin Welch e Kieran Kane) alla pedal-steel e violino, Paul Griffith alla batteria, e Amy Lashley, sua compagna e valida autrice in proprio, alle armonie vocali, senza dimenticarsi la parte meritoria dei “fans” che hanno permesso di finanziare una buona fetta di questo progetto.

otis gibbs amy lashley

I ricordi di Otis iniziano con l’intro di ottanta secondi di un violino “appalachiano” in Cuzmina, storia di una tempesta di neve affrontata con i pastori nomadi sui monti Carpazi della Romania, mentre la seguente Ghosts Of Our Fathers è una bellissima “story song” (sulla perdita di un suo vicino di casa nella guerra del Vietnam) sorretta da chitarre e violino https://www.youtube.com/watch?v=Tc4zWf7AnGU , passando per un brano radiofonico come Back In My Day Blues e due storie di “perdenti”,  raccontate con arrangiamento bluegrass in It Was A Train e The Darker Side Of Me, con la pedal-steel di Kaplin (uno dei migliori strumentisti di Nashville) e il banjo di Moses in evidenza https://www.youtube.com/watch?v=sulwOnz8eX4 . Con la “rootsy” No Rust On My Spade, Gibbs si ricorda dei dieci anni trascorsi a piantare alberi (oltre 7.000), mentre la pista seguente Wrong Side Of  Gallatin è un valzer a ritmo di country firmato dalla compagna Amy Lashley, a cui fanno seguito Nancy Barnett che ricorda la Gallo Del Cielo del grande Tom Russell, e il lento country-blues di Kokomo Bar, con il suono di una batteria spazzolata e di una dolce pedal-steel (ricordo di una ragazza seduta al tavolo ad aspettare un uomo, che forse non arriverà mai), andando a chiudere un lavoro affascinante con una sontuosa ballata “noir” come With A Gun In My Hand, cantata con la sua voce intrisa di sigarette e whisky.

otis gibbs 2

Sulla vita di Otis Gibbs si potrebbe tranquillamente scrivere un romanzo, un personaggio unico, la cui storia piuttosto travagliata da anni lo porta instancabilmente in giro per il mondo, suonando dove è possibile, un “vagabondo” con la chitarra acustica in spalla che viaggia tra l’America e l’Europa, e vive alla giornata raccontando la sua vita di“hobo”.  Gibbs pubblica questo nuovo Souvenirs Of A Misspent Youth, che si candida (per chi scrive) ad essere quanto di meglio in circolazione per gli amanti di quel cantautorato americano che ha strette connessioni con il folk: una bella voce che richiama molto un altro grande autore di cui colpevolmente ho perso le tracce (Guthrie Thomas), un autentico “outsider”, praticante l’arte del perdente, che continua a vivere e lottare insieme a noi, che scrive ballate semplici, cantandole con una voce aspra e vera come poche, per un album di grande impatto emotivo, il lavoro di un cantastorie originale che forse renderà il nostro mondo un posto migliore e più giusto in cui vivere, perché l’universo musicale ha dannatamente bisogno di personaggi come Otis Gibbs, da aggiungere nei nostri scaffali vicino alla lista dei nuovi “fuorilegge”.

Tino Montanari  

Dopo Joe Hill’s Ashes Il Nuovo Album Di Otis Gibbs – Harder Than Hammered Hell

otis gibbs harder than hammered hell.jpgotisgibbs_poster_thumb.jpgi-t6CM3X5-S.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Otis Gibbs – Harder Than Hammered Hell – Wanamaker Records 2012

“Quelli” come Otis Gibbs saranno sempre bene accetti in questo Blog: bravi ma conosciuti solo tra i “carbonari” della musica, coloro che oltre ad apprezzare quello che ci propone l’industria discografica ufficiale sono sempre alla ricerca dei cosiddetti “belli ma perdenti” (Oddio, bello…), personaggi minori ma di grande talento che popolano la scena indipendente americana. Credo di essere stato uno dei primi in Italia a parlare di Gibbs e qui potete leggere se volete le-ceneri-di-joe-hill-otis-gbbs.html il piacere per la scoperta di un nuovo talento.

In questi due anni è uscito anche un secondo album solista della sua “fidanzata storica” e collaboratrice musicale Amy Lashley Travels Of A Homebody, del quale Gibbs simpaticamente e onestamente dice (come anche per i propri CD) che i proventi delle vendite verranno utilizzati per “tenerci un tetto sopra la testa”. La coppia, quando non è in tour in giro per l’America e il mondo, vive in quel di Nashville ma nell’ala Est non quella del country tradizionale ma di quello alternativo e dei “talenti veri”. Perchè in fondo, se vogliamo, il nostro amico fa della musica country, sia pure con mille sfumature mai troppo smaccatamente inquadrato nei parametri ma lì siamo. Ci sono poi molte sfaccettature che contribuiscono al complesso della sua musica: la voce grave e “rasposa”, reduce da mille battaglie ma piena di un fascino e una capacità melodica rare anche tra i suoi colleghi migliori, una scrittura semplice ma raffinata che ingloba tra le sue influenze “nascoste” il boom chicka boom di Johnny Cash, lo swamp rock delle paludi dei Creedence, la musica “americana” della Band, le capacità melodiche di Bob Seger, le piccole storie dell’America che non ce la fa mi ci prova di Greg Brown come pure di Steve Earle. Almeno, questo è quello che ci vede e ci sente il sottoscritto, ognuno è libero di inserire le proprie impressioni ma il “cuore” della musica mi sembra definito da questi parametri musicali e poetici.  

Per questo nuovo capitolo della sua saga Otis Gibbs si è affidato come di consueto al suo ristretto circolo di collaboratori: Thomm Jutz, chitarre e tastiere, nonché produttore ed ingegnere del suono, Mark Fain al basso e Paul Griffith alla batteria, oltre alla già citata Amy Lashley, seconda voce e armonie vocali, pochi ma buoni, un manipolo di prodi per regalarci ancora una volta un album dai sapori sapidi e gustosi. Potremmo aggiungere il collega Adam Carroll che ha collaborato alla stesura di un brano come Big Whiskers che è una sorta di brano “apocrifo” di Johnny Cash, una canzone che potrebbe essere stata scrittta dopo la morte e inviata telepaticamente a Gibbs, tanto ricorda il meglio del repertorio dell’Uomo in Nero. Ma ci sono anche le belle melodie di una ballata dolce e malinconica come l’iniziale Never Enough o l’inno ai perdenti ma mai sconfitti di Made To Break, altra perla di alternative country della più bell’acqua e per la quale è stato girato anche un video.

Nei vari brani la chitarra di Jutz è capace di estrarre dal cappello (questa volta niente cilindro, semplice berretto) piccoli interventi solisti, coloriture e arrangiamenti mai scontati e sempre efficaci. Broke And Restless è un brano che non avrebbe sfigurato in qualsiasi album di Seger o Levon Helm o dello Steve Earle più ispirato mentre Don’t Worry Kid è una canzone sui ricordi di un’infanzia, magari non troppo felice, nell’essere “diversi”, non omologati a quanto ti succede intorno, con gusti differenti, nella vita e nella musica, e questo si percepisce anche nell’interplay tra le voci di Otis e Amy con le chitarre e la sezione ritmica molto felpati, in una sorta di quadretto delizioso di un’America che sta scomparendo (forse).

Christ Number Three è un brano dalla struttura musicale molto vicina alla Band dei primi anni, quella per intenderci di canzoni leggendarie come The Weight, lo spirito è quello e il risultato è eccellente. Detroit Steel e la successiva Dear Misery hanno un groove e un suono chitarristico che ricorda il drive da bayou dei brani più “paludosi” dei Creedence. Second Best è country puro alla Willie Nelson cantato però con un vocione glabro e vissuto più tipico di altri Highwaymen, deliziose e misurate come sempre le armonie di Amy Lashley. Finale uptempo con la breve e dylaniana Blues For Mackenzie tra country e canzone d’autore, un po’ come tutto l’album, in fondo. Per chi apprezza i cantautori di “culto”, ricco di talento e povero di mezzi. Vi avviso che si fatica non poco a trovare i suoi album, eventualmente provate sul sito http://otisgibbs.com/

Bruno Conti

Ce La Dà Ancora La Luce! Bruce Springsteen Wrecking Ball Al 1° Posto Nelle Classifiche Di Tutto Il Mondo!

bruce springsteen wrecking ball.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Il 2 Marzo nel mio Post, ma-bruce-ci-dara-ancora-la-luce-bruce-springsteen-wrecking-b.html, dedicato alla recensione del nuovo album di Springsteen Wrecking Ball, un po’ retoricamente nel titolo chiedevo “Ma Bruce ci darà ancora la luce?”. A giudicare dai riscontri critici (e al netto degli “amanti traditi”, che non hanno apprezzato) il disco ha avuto riscontri positivi in tutto il mondo e ha rinverdito la popolarità del Boss ovunque. Quindi la risposta è Sì!

A riprova del fatto in questione, a oggi, il disco nuovo di Bruce è al 1° posto nelle classifiche di 11 paesi: Usa, Inghilterra, Svezia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Germania, Austria, Italia, Svizzera e Irlanda (dove ha resistito anche all’ingresso in classifica dei redivivi Chieftains che con Voice Of Ages si sono dovuti accontentare del 2° posto). Tralasciando il fatto che in alcuni paesi come Australia, Nuova Zelanda, Brasile, Giappone, Spagna e altri è uscito in un secondo momento o le classifiche non sono aggiornate e in altri come Canada o Francia si è “dovuto accontentare” di un rispettabile terzo posto. Secondo in Belgio dove i “locali” Hooverphonics resistono e quarto in Portogallo e Repubblica Ceca. Gli unici paesi che hanno resistito all’attacco globale del CD sono stati la Polonia dove è salito solo al 10° posto e la Grecia, dove evidentemente hanno altri problemi, e il disco si è piazzato al 24° posto.

Come risultato il disco è primo nelle vendite mondiali globali avendo superato anche 21 di Adele (almeno per queste settimane) e mi fa esclamare “Ma allora c’è ancora speranza per la musica di qualità, vai Bruce!”. Senza dimenticare che si tratta del decimo album di Springsteen a raggiungere la posizione numero 1 nelle classifiche USA e ora davanti a lui come recordmen di vendita con il maggior numero di “Numeri UNO” rimangono solo Elvis Presley e i Beatles nella storia della musica rock.

Oggi mi è venuta così, dovete avere pazienza, ma “mi scappava”, da domani proseguiamo con la ricerca dei “Beautiful Losers” (o carbonari se preferite) e tocca o a Otis Gibbs o agli Howlin Rain, devo ancora decidere.

Come al solito, se volete divertirvi, le classifiche di tutto il mondo le trovate qui http://www.lanet.lv/misc/charts/.

Bruno Conti

Dischi Prossimi Venturi E Altre News. Cosa Accadrà Nei Prossimi Mesi Part One

otis gibbs harder than hammered hell.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Il titolo del Post potrebbe far pensare che, improvvisamente, sia assurto a poteri divinatori, ma più prosaicamente si tratta della Rubrica delle Anticipazioni allargata ad un più ampio raggio temporale. Visto che lo fanno molte riviste (cartacee e virtuali) del settore musicale, ogni tanto mi cimento anch’io.

Partiamo con “l’oggetto” che mi ha dato lo spunto per questa carrellata. Il 28 febbraio, sempre per la indipendente Wanamaker Recording (nel senso che li fa proprio lui materialmente), torna l’eccellente Otis Gibbs con questo Harder Than Hammered Hell che fa seguito a Joe Hill’s Ashes che, per chi scrive, era stato uno dei migliori album del 2010 le-ceneri-di-joe-hill-otis-gbbs.html: per chi ama lo Springsteen acustico, Steve Earle, Greg Brown ma anche Dylan e Johnny Cash.

paul weller sonik kicks.jpg








Il nuovo Paul Weller, Sonic Kicks, è in uscita il 20 marzo p.v. per per la Island e la settimana successiva negli States su Yep Rock. Tra gli ospiti Noel Gallagher e Graham Coxon: non mancherà la solita edizione CD+DVD con libro rilegato allegato. Questo è uno dei brani nuovi…

gaz coombes.jpg

 

 

 

 

 

 

Sempre in ambito inglese l’ex leader dei Supergrass (che si sono sciolti) Gaz Coombes pubblicherà il suo esordio solista Here Comes The Bombs il 21 maggio per la Hot Fruit Recordings…

In un giorno e mese non precisati del 2012 tornano anche i P.I.L. di John Lydon. L’album è pronto da tempo ma, a detta di Lydon, a causa di X-Factor non riuscivano ad avere un contratto discografico. Il disco si chiamerà This Is Pil e qui potete ascoltare un brano in anteprima http://www.slicingupeyeballs.com/2012/02/13/public-image-ltd-one-drop-stream/

Il disco da solista di Jack White è annunciato in uscita il 24 aprile per la Third Man Records/Columbia negli Stati Uniti e per la XL Recordings in Europa, si chiamerà Blunderbluss.

wilson phillips.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Il 3 Aprile tornano anche le Wilson Phillips (ma se ne sentiva la mancanza?) con un album intitolato Dedicated per la Sony Masterworks (l’etichetta di classica del gruppo giapponese), sarà perché contiene questi brani?...

1. California Dreamin’
2. Wouldn’t It Be Nice
3. Dedicated To The One I Love
4. Don’t Worry Baby
5. Twelve-Thirty
6. I Can Hear Music
7. Monday Monday
8. Do It Again
9. Got A Feelin’
10. Fun, Fun, Fun
11. God Only Knows
12. Good Vibrations

art garfunkel.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Hanno fatto antologie dedicate a chiunque ma lui, Art Garfunkel, mancava all’appello. Il 3 aprile uscirà questo The Singer un doppio CD pubblicato dalla Columbia/Legacy con questo contenuto:

CD 1
1.Bridge Over Troubled Water (Simon and Garfunkel)
2.All I Know (with Jimmy Webb)
3.Perfect Moment (with Buddy Mondlock and Maia Sharp)
4.Scarborough Fair/Canticle (Simon and Garfunkel)
5.Cryin’ in the Rain (with James Taylor)
6.I Only Have Eyes For You (with Nicky Hopkins)
7.The Boxer (Simon and Garfunkel)
8.Cecilia (Bridge Over Troubled Water)
9.99 Miles From LA
10.Wednesday Morning 3 AM (Simon and Garfunkel)
11.(What A) Wonderful World (with James Taylor and Paul Simon)
12.Bright Eyes
13.Two Sleepy People
14.Skywriter
15.My Little Town (Simon and Garfunkel)
16.For Emily, Wherever I May Find Her (Simon and Garfunkel)
17.Some Enchanted Evening
18.Disney Girls (with Bruce Johnston and Toni Tennille)
19.The Thread (with Maia Sharp and Buddy Mondlock)
20.Barbara Allen

CD 2
1.Kathy’s Song (Simon and Garfunkel)
2.Scissors Cut
3.The Sound of Silence (Simon and Garfunkel)
4.Breakaway (with Graham Nash and David Crosby)
5.So Long, Frank Lloyd Wright (Simon and Garfunkel)
6.Waters of March (with Billy Payne)
7.Old Friends/Bookends (Simon and Garfunkel)
8.The Decree (with Amy Grant)
9.A Hazy Shade of Winter (Simon and Garfunkel)
10.El Condor Pasa (Simon and Garfunkel)
11.I Wonder Why (with Kenny Rankin)
12.The Promise (with Steve Gadd)
13.I’ve Grown Accustomed to Her Face
14.When A Man Loves A Woman (with Michael Brecker)
15.O Come All Ye Faithful (with Eric Weissberg)
16.April Come She Will (Simon and Garfunkel)
17.Mrs. Robinson (Simon and Garfunkel)
18.A Heart in New York (with Michael Brecker)
19.Song for the Asking (Simon and Garfunkel)
20.In Cars

counting crows underwater sunshine.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Il 10 aprile i Counting Crows pubblicheranno il loro primo album indipendente dopo la fine del contratto con la Geffen/Universal, si chiamerà Underwater Sunshine (or what we did on our summer vacation) e si tratterà di un disco tutto di cover, alcune già uscite come b-sides o bonus tracks di alcuni album del passato, ma pare che tutto sia stato registrato per l’occasione, questa la tracklist con a fianco gli artisti orginali:

1. “Untitled (Love Song)” by The Romany Rye
2. “Start Again” by Teenage Fanclub
3. “Hospital” by Coby Brown
4. “Mercy” by Tender Mercies
5. “Meet On The Ledge” by Fairport Convention
6. “Like Teenage Gravity” by Kasey Anderson & The Honkies
7. “Amie” by Pure Prairie League
8. “Coming Around” by Travis
9. “Ooh La La” by The Faces
10. “All My Failures” by Dawes
11. “Return of the Grievous Angel” by Gram Parsons
12. “Four White Stallions” by Tender Mercies
13. “Jumping Jesus” by Sordid Humor
14. “You Ain’t Going Nowhere” by Bob Dylan
15. “The Ballad of El Goodo” by Big Star

Un paio mi sono del tutto ignote, chi cazzo sono i Sordid Humor?

A dimostrazione che non è  uno scherzo, un paio di minuti di Now un brano che farà parte del nuovo album dei Dexy Midnight Runners One Day I’m Going To Soar, il primo da 27 anni a questa parte. Esce il 4 giugno (quindi fanno ancora in tempo a cambiare idea)!

dr-john-dan-auerbach-c2011h.jpg

 

 

 

 

 

Il 3 aprile è in uscita il nuovo album di Dr.John Locked Down, il primo per la Nonesuch, prodotto da e con Dan Auerbach dei Black Keys.

dr-john-locked-down-450-sq.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Questi sono i musicisti:

Dr. John, keyboards, lead vocals
Dan Auerbach, guitar, percussion, background vocals
Max Weissenfeldt, drums, percussion, background vocals
Leon Michels, keyboards, percussion, woodwinds, background vocals
Nick Movshon, electric and upright bass, percussion, background vocals
Brian Olive, guitar, percussion, woodwinds, background vocals
The McCrary Sisters (Regina, Ann & Alfreda), background vocals

E queste le canzoni:

1 Locked Down 4:59
2 Revolution 3:26
3 Big Shot 3:49
4 Ice Age 4:24
5 Getaway 4:35
6 Kingdom of Izzness 3:36
7 You Lie 4:45
8 Eleggua 2:51
9 My Children, My Angels 5:09
10 God’s So Good 4:58

macy gray covered.jpg








Non so se l’avete vista a Sanremo con Gigi D’Alessio (?!?) ma questo album Covered (ebbene sì, si tratta di cover) mi sembra meglio dell’avventura italiana, anche se le collaborazioni con Nicole Scherzinger e Mc Lyte se le poteva risparmiare. Come notizia promettente, la produzione è affidata a Hal Willner. Verrà edito il 27 marzo dalla 429 records e questa è la lista dei brani:

1. Here Comes The Rain Again (Eurythmics 1983)
2. Creep (Radiohead 1992)
3. You Want Them Nervous (skit featuring J.B. Smoove)
4. Smoke Two Joints (The Toyes 1983 / Sublime 1992)
5. La La La (Teaching The Kids) (featuring Layann Al Saud, Avery Albert, Happy Hinds, and Sienna Steiber)
6. Teenagers (My Chemical Romance 2006)
7. The Power Of Love (featuring Hugh Salk)
8. Nothing Else Matters (Metallica 1991)
9. Sail (Awolnation 2010)
10. I Try Is Cool And All, but…(skit featuring Nicole Scherzinger)
11. Maps (Yeah Yeah Yeahs 2003)
12. Lovelockdown/Buck (Kanye West 2008/Nina Simone 1967)
13. Mel Rap (featuring Mel Hinds)
14. Bubbly (featuring Idris Elba) (Colbie Caillat 2007)
15. Wake Up (Arcade Fire 2004)
16. Really? (skit featuring MC Lyte)

d_macygray.asp

Per oggi è tutto.

Bruno Conti

I Migliori Dischi Del 2010! E’ Tempo Di Classifiche.

19517_darkness_springsteen.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Quando arriva la fine dell’anno è il momento delle classifiche. Qualche giorno fa, a bruciapelo come sempre, mi hanno chiesto la lista dei 10 migliori dell’anno per il Buscadero. “Ma subito Bruno mi raccomando perchè poi vanno assemblate in tempo per andare in stampa”. E tu cominci a pensare e i primi che ti vengono in mente sono quelli usciti più recentemente ma ce n’erano altri belli usciti all’inizio dell’anno. Allora che fai, ne mandi 10, meditati ma non troppo e non in rigoroso ordine di preferenza (più o meno) poi cominci a pentirti. Io, la mia l’ho mandata e ora la pubblico anche sul mio Blog poi aggiungerò nei prossimi giorni altri titoli che nel frattempo mi sono venuti in mente.

Se avete tempo e voglia mandate anche la vostra nei commenti, 10, 5, 50, quelli che volete, e senza fretta, meditate, gente, meditate! (Occhio che Bruce vi guarda). Lo scorso anno il Blog esisteva da poco e quindi non ho chiesto nulla adesso che sono arrivato oltre i 400 post, e resisto, non vi preoccupate, uno al giorno leva il medico di torno ed è tutta farina del mio sacco, niente copia e incolla, comunicati stampa camuffati, ricicli da altri siti, poi magari non sarete d’accordo con quello che scrivo ma io ci provo. I contatti e le pagine visitate sono comunque in continua crescita se volete ditelo anche ai vostri amici o a chi condivide la musica di cui si parla in questo Blog, cioé tutta ma quella buona, spero! Comunque ecco la lista.

bruce springsteen darknessdeluxe.jpgbruce springsteen thepromise_426.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruce Springsteen – The Promise: The Darkness On The Edge Of Town Story

hendrix weast coast.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Jimi Hendrix – West Coast Seattle Boy Box Set

richard thompson dream attic.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Richard Thompson – Dream Attic

natalie merchant leave your sleep.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Natalie Merchant – Leave Your Sleep

mary gauthier the foundling.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Mary Gauthier – The Foundling

john hiatt the open road.jpg

 

 

 

 

 

 

 

John Hiatt – The Open Road

tom petty mojo.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Tom Petty & The Heartbreakers – Mojo

rolling stones exile on main street.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Rolling Stones – Exile On Main Street versione 2CD

alejandro escovedo streets.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Alejandro Escovedo – Street Songs Of Love

otis gibbs joe-hills-ashes-72-dpi.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Otis Gibbs – Joe Hill’s Ashes

Questi sono quelli ufficiali, i 10 comunicati poi ce ne sono altri che mi prudono sulla punta del polpastrello e che come vi dicevo, nei prossimi giorni, mi premurerò di comunicarvi, dal Box dell’opera omnia di Sandy Denny (che non ho ancora preso perché costa troppo) a molti nomi oscuri e famosi di cui ho trattato nei mesi scorsi e che andrò a rinfrescarvi in un ipotetico “Consigli per gli acquisti o per i regali” di fine anno.

Questo video lo avevo messo proprio alla fine dello scorso anno (il 30 dicembre) e allora il DVD o il CD del 25th Anniversary della Rock And Roll Hall of Fame non esistevano. Nel frattempo è stato pubblicato (non da molto) e quindi, tratto dal più bel concerto dei Noughties. E’ sempre “lui”…


Bruce Springsteen & Tom Morello -Ghost Of Tom Joad 2009
Caricato da Bitusa. – Guarda altri video musicali in HD!

Bruno Conti

A Volte I “Miracoli Accadono”

otis gibbs grandpa walked.jpgotis gibbs joe-hills-ashes-72-dpi.jpgmary gauthier the foundling.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Oggi non ho avuto tempo di scrivere un post “serio” per cui, tornando sul luogo del delitto, mi limito a segnalarvi due piccoli “miracoli”. Tramite i benefattori dell’Ird, ai quali ho rotto i ministri Maroni, ma per una giusta causa, girando per negozi italiani (non faccio pubblicità visto che il mio vecchio negozio non esiste più, rimane solo il logo che campeggia in alto nel blog), dovreste trovare finalmente disponibili i due ultimi album di Otis Gibbs, Joe Hill’s Ashes e Grandpa Walked a Picketline, sono due piccoli capolavori di cantautorato tout court, puro e semplice. Un particolare ulteriore per stuzzicare la vostra fantasia e che mi ero dimenticato di segnalare nel post dedicato a Gibbs, a riprova della qualità dei prodotti: il penultimo album è prodotto da Chris Stamey ex leader dei Db’s e nel disco suonano, tra gli altri, Don Dixon, grande cantautore e co-produttore dei R.e.m., Al Perkins a pedal steel e dobro, ex dei Manassas, Flying Burrito Brothers, Desert Rose Band, collaboratore degli Stones e mille altre band, Will Rigby, anche lui nei Db’s e Tim Easton, ottimo chitarrista e cantautore pure lui. Per La serie scusate se è poco, e i risultati, come già magnificato, si sentono. Mi ripeto, l’ultimo disco, Joe Hill’s Ashes è anche meglio!

L’altro “piccolo miracolo”, tutto italiano, è che il nuovo disco di Mary Gauthier The Foundling, è uscito con una settimana di anticipo (strano ma vero) è quindi lo trovate già nei migliori negozi (una volta la case discografiche dicevano così).

Settimana ricca con due dei dischi più belli dell’anno e la settimana prossima esce la ristampa dell’anno, Exile on Main Street degli Stones.

Bruno Conti

Adesso Lo Sapete Parte VIII

otisgibbs2.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Tra le cose che ho dimenticato di riferire nel post dedicato a Otis Gibbs una mi sembra importante: Billy Bragg, suo grande ammiratore e, per certi versi, omologo inglese (anche se non a livello musicale certo di contenuti politici e sociali), ha inserito un suo brano The Peoples Day nella lista della 5 Canzoni Più Importanti con “Qualcosa da dire” di tutti i tempi richiestagli dal Wall Street Journal; le altre quattro sono brani di Bob Dylan, Clash, Sam Cooke e Chuck Berry. (Il brano è tratto da One Day Our Whispers album del 2004, in totale ne ha fatti 5, credo!).

Venendo a curiosità più particolari, riferite a Chuck Berry, sapete quale brano del grande rocker americano è stato inserito nel Voyager I come esempio dei ” Più Importanti Risultati Ottenuti dall’Umanità”, in inglese suona meglio Humanity’s greatest achievements! Quale tra i tanti fantastici brani di Berry? Qui in un raro incontro di titani x86cgc_john-lennon-chuck-berry-johnny-b-go_music

Sempre parlando di pionieri del rock sapete chi era chiamato “The Georgia Peach”?

Era questo signore, qui con John Fogerty e Jerry Lee Lewis x4kb81_john-fogerty-jerry-lee-lewis-little_music, per i due che non lo hanno riconosciuto era Little Richard. Notate la differenza di conservazione tra Lewis e Richard considerando che sono più o meno coetanei!

Sempre parlando di pionieri del R&R, sapete quale grande icona degli anni’50 finito il primo periodo di enorme successo ha poi passato gli anni ’60 come chitarrista dell’Uomo In Nero, Johnny Cash?

x3206r_johnny-cash-carl-perkins-eric-clapt_music Esatto è proprio Carl Perkins! Qui come ciliegina sulla torta c’è pure Clapton!

Questa è più difficile lo ammetto. Questi erano i lati B di alcuni singoli “leggendari” ma qual’era il lato A?

1) I Am The Walrus

2) I’m In Love With My Car

3) Ruby Tuesday

4) Jane B

5) Wendy

Risposte con filmato.

1) x1q5qh_beatles-hello-goodbye_music

2) xarur_queen-bohemian-rhapsody_music

3) xblk5e_the-rolling-stones-let-s-spend-the_news

4) xg39c_gainsbourg-birkin-je-t-aime-moi-non

5) xxjqi_the-beach-boys-good-vibrations_music

Vi ho visto che avete sbirciato in basso. Comunque per concludere, visto che il compleanno di Mina dal mollicone in giù l’hanno ricordato tutti, oggi è il 62° compleanno di Nicoletta Strambelli in arte Patty Pravo. Questo brano Qui e là del 1969, in inglese si chiamava Holy Cow, la cantava Lee Dorsey ma l’ha fatta anche la Band.

That’s all folks.

Bruno Conti